I PIU' LETTI
CAMPAGNOLO BORA ULTRA 35, IL MISTO È IL SUO REGNO
di Giorgio Perugini | 20/11/2018 | 13:12

 

Il mondo delle ruote da bici si divide principalmente in tre gruppi: le ruote da salita, quelle ad alto profilo per correre veloci e quelle a profilo medio che sulla carta dovrebbero andare bene un po’ ovunque, giusto? Progettare una ruota vincente per la salita e per i percorsi misti è impresa difficile e per farlo servono competenze, tecnologie e materiali adeguati. Le Campagnolo Bora 35 sono nate per soddisfare la brama di vincere di Quintana e di altri campioni simili, corridori abituati a battagliare su ogni percorso scattando a ripetizione.

 

 

Le Bora Ultra 35 sono realizzate in carbonio, infatti, si tratta di un cerchio full carbon largo 24.2mm e concepito in maniera tale da essere rigido e reattivo. Vi basterà farle girare un istante per capire che le Bora Ultra 35 sono bilanciate alla perfezione, un dettaglio ottenuto con una attenta stesura delle pelli di carbonio esattamente dove serve.

I raggi, in acciaio e di tipo aerodinamico, sono 18 all’anteriore e 21 al posteriore montati con sistema G3™, una particolare geometria che migliora il trasferimento dell’energia riducendo le sollecitazioni avvertibili in marcia. Così facendo, Campagnolo realizza una rota posteriore leggera e rigida trasversalmente, esattamente come richiesto da chi in salita mena sul serio.

I mozzi in carbonio con flange in alluminio (quella posteriore è oversize) sono raffinati ed esclusivi e ospitano al loro interno probabilmente una delle migliori armi Campagnolo, ovvero i cuscinetti CULT.

Prendete l’acciaio, infaticabile e prezioso materiale e accostatelo alla ceramica, così facendo otterrete la miglior combinazione possibile tra sfere in ceramica e cuscinetti in acciaio. Questa soluzione, coperta da brevetti, riduce gli attriti e dona al set una proverbiale scorrevolezza. I dati prodotti da Campagnolo parlano di guadagni evidenti, ben 3.5 Watt risparmiati ad ogni pedalata per una scorrevolezza superiore di 9 volte rispetto ad un sistema tradizionale.

Ho tenuto per ultimo argomento la pista frenante, in definitiva, il perenne tallone d’Achille di tutti i cerchi in carbonio. Campagnolo stupisce tutti con la tecnologia All Conditions Carbon Control (AC3™), una pista frenante caratterizzata da rilievi disposti in maniera tale da fornire il massimo attrito ai pattini, soprattutto nelle complicate situazioni umide.

Questa nuova tecnologia ha obbligato i progettisti a rinforzare le pareti dl cerchio e utilizzare una nuova ed evoluta resina, perfetta per confrontarsi con temperature elevate. Anche in questo caso i numeri prodotti parlano chiaro, la nuova pista frenante apporta un miglioramento del 43% rispetto ai precedenti modelli Campagnolo, e del 55% rispetto al prodotto concorrente vicino.

Il kit viene fornito con pattini Campagnolo in mescola rossa, borse, bloccaggi rapidi aerodinamici ed è assemblato completamente a mano, esattamente come ci si aspetta da un prodotto eccellente. Una volta tolte dalle borse verrete investiti dal fascino Campagnolo, queste Bora Ultra 35 profumano già di leggenda e sono l’evoluzione di un prodotto ricco di storia e carico di premi. Il profilo da 35mm è vincente su ogni percorso, tagliamo corto. Brillano ovunque per rigidità e scorrevolezza, un pregio assoluto per un set da competizione. Reattive e scattanti, convincono nei rilanci e brillano nella velocità pura, beneficiando soprattutto dei cuscinetti CULT. Le sollecitazioni laterali e gli scatti non affaticano mai la geometria G3™ della raggiatura posteriore. Queste Bora Ultra 35 mi hanno stupito per la resistenza e per la precisione con cui lavorano.

La pista frenante offre prestazioni pure da riferimento, un vantaggio che dovrete barattare con una rumorosità sopra la media. Detto come va detto, se stacco meglio di quanto possa fare con un cerchio in alluminio dovendo mettere sul piatto qualche fischio in più, amen. Ovviamente, la ruvidità della pista consuma i pattini molto velocemente, ma anche questo può passare in secondo piano viste le ottimi prestazioni in frenata. Nel complesso, le ho utilizzate per moltissimi chilometri montandole anche su bici diverse, alcune aero ed altre più votate alla salita, prove in cui le bora Ultra 35 hanno messo sul piatto sempre benefici evidenti per l’intero pacchetto. Qualità, performance e tecnologie evolute, queste Bora non tramonteranno mai.

 

www.campagnolo.com

 

★★★★★ leggereza

★★★★★ eleganza

★★★★☆ prezzo

★★★★★ scorrevolezza

★★★★★ aerodinamica

★★★★★ rigidità verticale

★★★★★ rigidità torsionale

★★★★★ manutenzione

★★★★★ salita

★★★★★ discesa

★★★★☆ pianura

Copyright © TBW
TUTTE LE NEWS
Coppa Piemonte: il circuito che scatena mille emozioni. Paesaggi, incantevoli, bellezze architettoniche, montagne spettacolari, musei, produzioni artigianali tipiche e sapori unici. Cinque prove entusiasmanti, una gara jolly e una grande...

Deporvillage.it, l’e-commerce di articoli sportivi leader nel sud Europa, è pronto al Black Friday e viste le precedenti edizioni prevede un ampliamento del magazzino e del personale per...

Roberto Sgalla, Prefetto, Direttore Centrale delle Specialità della Polizia di Stato e Presidente della Commissione Nazionale Direttori di Corsa e sicurezza della FCI, nonché cicloamatore praticante, alla domanda «quali sono...

Nuovi orizzonti si aprono per Selle San Marco che ha definito una serie di importanti partnership commerciali con alcuni dei più prestigiosi produttori di biciclette.Selle San Marco ha sviluppato una linea...

omenica 14 aprile 2019 il Marche Marathon - Ciclo Promo Components - Trofeo Namedsport farà tappa a Filottrano (An) per la seconda prova del calendario. Si tratta della Granfondo Michele...

Quelli del Colnago Cycling Festival si stanno dimostrando NUMERI DA RECORD e confermano che questa è una manifestazione che sta diventando sempre più forte.   In occasione di entrambe le...

Ci sono marchi storici che il nostro paese non potrà mai smettere di amare ed uno di questi è sicuramente Atala, un brand moderno che ha realizzato già...

Si chiama Elisa Scarlatta, classe 1986, grinta da vendere e sorriso solare e sbarazzino. E’ appassionata delle due ruote da 19 anni e ha corso per parecchi anni su strada...

L'edizione 2018 organizzata dal noto brand di abbigliamento Alé si è celebrata ieri sera presso il Palazzo della Gran Guardia a Verona. Un evento di importanza molto rilevante, con autorità,...

Nel giro di pochi anni, tutte le aziende produttrici di abbigliamento ciclistico hanno fatto enormi passi avanti in termini di sicurezza passiva e di visibilità, un percorso obbligatorio...

VIDEO TEST
ALTRI VIDEO DI TEST




di Pietro Illarietti
Nasce oggi una nuova rubrica di tuttobicitech dal titolo «Tested4You»: come facile intuire, i nostri tester proveranno per voi capi...
di Giorgio Perugini
  Due giorni a Cannes per una presentazione ufficiale Look non sono roba da poco. La casa francese continua ad...
di Giorgio Perugini
  Ho una personalissima lista di cose che mi fanno girare le scatole e quasi in cima all’elenco si posiziona...
di Giorgio Perugini
La sella perfetta esiste, questo è poco ma sicuro. Sarà l’unica che vi farà pedalare più comodamente rispetto ad altre...
di Giorgio Perugini
  Nella storia recente abbiamo potuto notare come alcuni prodotti abbiano avuto il merito di fare scuola gettando la base...
di Giorgio Perugini
  Ebbene sì, non si tratta di un prodotto nuovissimo, infatti, i Michelin Power Competition sono in vendita da più...
di Giorgio Perugini
Sono passati diversi giorni dall’Eroica e a parte un discreto mal di gambe mi è rimasto addosso un incredibile entusiasmo....
di Giorgio Perugini
La domanda che mi fanno in molti incontrandomi in bici durante il giorno è sempre la stessa: perché lasci le luci...
di Giorgio Perugini
Sono stati la novità dell’anno di Oakley,  i Flight Jacket hanno vinto la partita contro l’appannamento in maniera definitiva, questa...
di Giorgio Perugini
  Tranquilli, i tempi son cambiati e non si cade in contraddizione desiderando un casco ventilato e aerodinamico. Oggi come...
di Giorgio Perugini
  Lo ammetto, era molto tempo che desideravo affrontare una prova Gravel e finalmente l’occasione si è presentata. Jeroboam 300...
di Giorgio Perugini
  Con questa review si chiude il lungo test svolto con le selle Repente iniziato circa un anno fa, una ...
di Giorgio Perugini
  Da un paio di anni è di gran moda indossare calzini colorati e vivaci mentre si pedala, un capo...
di Giorgio Perugini
Riciclare è la parola d’ordine quando si pensa all’ambiente e all’inutile spreco di materie prima una volta utilizzate per realizzare...
di Giorgio Perugini
Avete presente quelle nuvole gonfie di pioggia, pronte ad esplodere in un fragoroso temporale da un istante all’altro?...
di Giorgio Perugini
Sicurezza, ventilazione e aerodinamicità sono solo alcune delle voci che descrivono al meglio il casco Ventus, un progetto...
di Giorgio Perugini
Gran Turismo in ambito automobilistico va ad indicare una auto con prestazioni elevate, ma anche confortevole e incline...
di Giorgio Perugini
Le ruote Aelous XXX nascono per stupire e catturare gli sguardi. Scure, cattive e leggere divorano l’asfalto con...
© 2018 | Prima Pagina Edizioni Srl | P.IVA 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy