I PIU' LETTI
Massimo Boglia: dailla paura a Bike Channel
dalla Redazione | 19/06/2014 | 01:11

Alla fine la sua zucca l’ha trovata. Non trainata dai topolini ma mossa dalle sue belle leve. Massimo Boglia a suo modo è una Cenerentola del ciclismo. Alto, magro, con una bella faccia pulita e soprattutto una gamba che gli ha permesso di partecipare anche al gran ballo del professionismo. Poi però quando tutto sembrava compiuto o di li a compiersi, qualcosa si è inceppato, ma dalla zucca è saltata fuori una telecamera e ora può dire di aver coronato un sogno: fare il ciclista per divulgare sulle reti di Bike Channel lo sport più bello del mondo.

Sognava di diventare un grande corridore, Massimo Boglia. Giro. Tour, Vuelta… grandi corse per diventare grande. Magari anche popolare. In tivù ci sarebbe potuto andare da corridore vincente, invece si è trovato su un divano, a guardare gli altri. Ora, dopo aver fatto anche il magazziniere per una ditta di divani, in tuù ci è finitp per davvero e sono in molti a seguire lui sulle reti di Bike Channel. Ma andiamo per ordine.
«Lavoro nel negozio di papà, la Cicli Boglia a Corbetta – ci racconta -:tre vetrine in via Simone da Corbetta 16, una ventina di chilometri a ovest di Milano. La mia giornata è ormai scandita da uno spartito prestabilito: in negozio alle otto, aperti fino a mezzogiorno, poi dipende: se non mi guardano, se non mi controllano, prendo la bici da corsa e vado in fuga un paio d'ore. Poi torno, mangio e riapro, fino alle otto di sera». Con tanti ringraziamenti alla mamma Carolina che lo aspetta con i fornelli sempre pronti.

Papà Mario Boglia con la bici ha un coinvolgimento forte. E' stato ottimo pistard sulla fine degli anni Sessanta, imparando il mestiere al Vigorelli da Maspes, Gaiardoni e Pettenella, per poi battere Patrick Sercu - tre ori e un argento ai mondiali su pista - e fare i mondiali in Cecoslovacchia nel 1969, Brno. Poi nel 1995 apre il suo negozio a Bareggio, prima di trasferirsi a Corbetta: meccanico, artigiano, artista delle biciclette e rivenditore di fiducia di Colnago.

«Ernesto Colnago è come Enzo Ferrari: mitologia italiana nel mondo – dice Massimo, che ha anche una sorella, Francesca -. Mio padre mi ha insegnato tutto quello che so in fatto di biciclette: mi diceva in che modo fare una cosa e io la facevo in un altro; sbagliavo e la rifacevo come aveva detto papà e così funzionava».

Massimo è un tipo alla mano e molto easy: jeans e maglietta, pizza e coca-cola. Più semplice non si può. Nato di fianco alla basilica di Sant'Ambrogio a Milano, trentadue anni tra pochi giorni e in bicicletta da sempre. «Da bambino, finito l'anno scolastico, passavo le mattine a girare in bici in cortile con una mountain bike Gaiardoni. Salivo per mangiare e guardare il Giro d'Italia alla tivù, poi scendevo e ricominciavo a girare, più determinato di prima. Un giorno, di quelli vicino a Natale, papà mi chiede di andare fuori sul balcone per prendere una cosa, neanche ricordo cosa. Esco, e appoggiata alla ringhiera mi aspettava una bicicletta: da corsa, gialla e verde, Pep Magni, bellissima».

La bici c'è, adesso bisogna trovare le gare.«Leggo su Topolino che si sta organizzando il Primo Trofeo di ciclismo Topolino. E' aperto a tutti e quella è stata la frase magica. Batterie di 200 metri, tanti bambini per tante batterie. Comincio e vinco, continuo e vinco. Finisce che ho vinto io. Porto a casa il Topolino gigante, un pupazzo che è il primo premio, e la possibilità di partecipare ai Giochi della Gioventù». È il settembre 1993.

Poi la Bareggese, nobile società ciclistica a ovest di Milano, per le categorie giovanili, e la Viris Vigevano subito dopo, come una storia che si intuisce come andrà a finire. «Ero un buon passista e mantenevo un buon passo anche sui percorsi ondulati. Non sono mai stato un vincente, ma ero sempre presente, questo sì: nelle fughe, nei tentativi, nelle varie fasi che animano una corsa . Quattro corse vinte in tre anni».
Che potevano essere anche di più, perché c'è qualcosina che non funziona come dovrebbe. Massimo soffre la competizione, di sicuro ne soffre in corsa. Colite psicosomatica la chiamano quelli che sanno dare il nome alle cose: «Durante gli allenamenti stavo bene, potevo mangiare di tutto – ci spiega oggi -, ma in corsa soffrivo: dolori allo stomaco da stare male, da dovermi fermare. Da quando la corsa si faceva seria e io dovevo essere pronto, da quando la fuga partiva e io ero dentro». E ancora: «Ho provato a mangiare solo riso in bianco la sera prima, a bere solo camomilla durante la gara: niente. Stavo male e dovevo mollare». Un malessere che è un segno, una spia rossa che si accende dentro.

Nel 2004 Massimo diventa comunque professionista. «Alla LPR di Omar Piscina, che nasceva proprio quell'anno; direttore sportivo Orlando Maini. Passare dalla Viris alla LPR è stato come passare dalle elementari all'università. Alla Viris eravamo un bel gruppo che andava alle corse come in gita. Da professionista, invece, non funzionavo: non mi sentivo al mio posto. Era come essere costretto a girare in giacca e cravatta e non veder l'ora di spogliarsi per infilare una tuta».

Il professionismo è il suo sogno ma non il suo mondo. E la spia rossa che si riaccende: «Ero a disagio». Essere a disagio è un modo leggero di spiegare una questione profonda come il mare. Il disagio è un vento contro mentale che non ha nulla di razionale. E' inutile spingere, va accettato. E per accettarlo bisogna essere forti. «Quindi decido di mollare. Deluso io, deluso mio padre. Ma la mia testa funzionava così».

Massimo chiude col professionismo dopo un anno. «Vado alla Divani&Divani a fare il magazziniere. Intorno a me ridono tutti ma quello che ride più di tutti sono proprio io: volto pagina. Discorso chiuso. Finalmente mi trovo ad avere una vita normale, con orari normali. Ero ancora tarato coi tempi impossibili del ciclismo e vivere così mi sembrava giù un sogno. La bicicletta non mi manca».

Dopo un paio di mesi però, riprende quota, all'altezza giusta. «Torno a lavorare in negozio dal papà. Bici da corsa, da strada, mountain bike. Faccio ruote, scelgo i materiali, calibro, misuro e valuto. Parlo di carbonio piuttosto che di allumino, di carri 46  che poi si sono ridotti e adesso si sono ancora allungati». Ma anche di amatori che vanno «consigliati, guidati, perché vedono l'amico, leggono su internet e credono di saperne e invece non sanno». Insomma lavora, parla e mastica di ciclismo da giovane esperto, da professionista di razza, anche senza pedalare.

Poi succede che nel suo negozio entra il Principe Azzurro. Si chiama Marco Musazzi e lavora per la De Agostini. Ha bisogno di informazioni sulle biciclette, sul ciclismo, su un po' di cose. Massimo che è lì a fare la Cenerentola lo riceve, lo ascolta e gli risponde. «Abbiamo cominciato a chiacchierare e abbiamo finito per fare 50 dvd sulle salite più importanti del ciclismo in Italia e all'estero, pedalando di fianco a Davide Cassani».

Nei video Boglia e Cassani spiegano come si pedala in bicicletta in salita; come sarebbe più facile  piuttosto che meno difficile. «Ogni volta ci accompagna un professionista diverso: Ivan Basso per lo Zoncolan, Miguel Indurain per il Tourmalet, per esempio. E' nato tutto  così, da quella chiacchierata. Era il 2006 e siamo andati avanti due anni».

Poi ancora video con Bike Channel, per cui ha fatto The coach: «si può definire un reality sul ciclismo. Con Paolo Savoldelli abbiamo selezionato due cicloamatori, partendo da mille aspiranti, per portarli a competere in una gran fondo di prestigio». The Coach è andato bene, lui si è divertito, i ragazzi anche. Ora gli appassionati lo lo riconoscono e gli chiedono l'autografo.

E ancora: la passione per la chitarra, per la quale ha approcciato Gigi Cifarelli, talentuoso ciclista e chitarrista: «Ho cominciato da solo, poi ho conosciuto il Cifa ad una gara amatoriale; mi sono avvicinato come un fan e mi ha risposto come un fratello maggiore, da subito». Ma anche per le storie da leggere e da vedere, comunque da conoscere. «Sto leggendo Il racconto del Vajont di Marco Paolini. Il film di Renzo Martinelli sullo stesso argomento no, non l'ho visto ma ne ho visti tanti altri, sono pieno di dvd». Poi, anzi soprattutto, il  matrimonio con Francesca, vicino al primo anniversario: «per lei niente bici, nuota e corre. Lei  sì che lavora…», dice.

Massimo adesso se la passa bene: ha interessi e passioni; cose da fare e da sbrigare. E poi va e viene dal negozio: «Sempre per Bike Channel all'inizio di giugno siamo stati sulle salite tra veneto e trentino per testare bici e materiali; invece in questi giorni siamo al Sestriere: mi piace, funziona. Poi torno e rimango un po' in negozio e quando mi chiamano riparto».

Difficile pensare che gli amatori che vanno in negozio, le riprese per Bike Channel o una vita da coppia siano meno stressanti che correre in bici. Ma ognuno di noi sente il suo vento in modo diverso e si mette al riparo come può.

di Alessandro Avalli

Copyright © TBW
TUTTE LE NEWS
Presentate alla affollatissima conferenza stampa del 21 febbraio nella prestigiosa Sala del Tricolore in Reggio Emilia le città tappa protagoniste dell’undicesima edizione del Giro Handbike 2020.«A partire dall’edizione 2020 – annuncia il Presidente...

Pedalare in una grande città non è sicuramente facile al giorno d’oggi, ma il 3 maggio vi sarà per tutti un’occasione incredibile: pedalare nella città di Torino, la prima capitale...

Le strade della 24sima edizione della Granfondo Internazionale Felice Gimondi – Bianchi saranno ancora più sicure. In vista dell’appuntamento speciale del 10 maggio,  GM Sport (la società che organizza l’evento) con il supporto dei...

Tra gara e avventura: questo è il concept che anima gli organizzatori di Appenninica MTB Parmigiano Reggiano Stage Race, che anche quest’anno hanno preparato per i rider un menù fatto...

Giunto alla terza edizione, il Trofeo Eracle si prepara a sfornare emozioni mantenendo fede alla tradizione e alla passione per le ruote grasse nella giornata del 1°marzo ad Alberobello. Il...

Anche quest’anno la Granfondo dei Sibillini - La Cicloturistica del 28 giugno a Caldarola si chiuderà con belle e ricche premiazioni, che sono state definite proprio in questi giorni dalla Nuova Sibillini Asd. Le prime dieci società...

Se stavate aspettando una bella novità per il 2020 per quanto riguarda il gravel da parte di Continental vi è andata bene davvero perché le sorprese sono addirittura...

Associazioni di ciclisti, motociclisti, pedoni, automobilisti, Familiari vittime della strada, cittadini uniti per una manifestazione che ha il fine di sensibilizzare in tutti i fruitori delle strade il rispetto reciproco,...

Arriveranno da Padova, città e provincia, da Vicenza, Venezia, Rovigo e da Cittadella, ma anche da tutto il Veneto e oltre: domenica 23 Eroica Caffè Padova ha invitato i ciclisti...

Sembra di vivere in un’isola circondata da onde di un verde cangiante, pronte a inghiottire il territorio con flutti terrosi. Un "mare" che ha sommerso e conserva gelosamente straordinari reperti...

Si è conclusa la stagione del ciclocross marchigiano in seno all’ente di promozione sportiva del CSI. L’ultimo appuntamento in calendario ha avuto luogo tradizionalmente con l’ospitalità di Mario Traini nei...

A volte ci si distrae, oppure si è indecisi. E così capita che ci si lasci sfuggire una scadenza. Ecco perché, viste alcune richieste pervenute fuori tempo massimo, gli organizzatori...

Lo staff di Crocelle Race Team sta intensamente lavorando per organizzare una rinnovata edizione della Crocelle Race Park nella data di domenica 5 aprile tenuta ufficialmente a battesimo di recente...

Archiviata la stagione agonistica relativa al cross è arrivato il momento per il ciclismo di affrontare l'attività su strada e anche quella del mountain-bike. Per preparare bene la nuova annata...

Passate le festività natalizie il GS Rancilio riparte per affrontare la stagione 2020. Si è svolto in settimana presso “Officina Rancilio 1926”, museo della famiglia Rancilio che ospita anche la sede...

Lo ammisi subito e senza mai tirarmi indietro, la Grail mi ha fatto impazzire fin dalla sua presentazione. Oggi, dopo aver pedalato per l’ultima volta con la SL...

  Si avvicina a grandi passi l’avvio di stagione dell’MTB Latium Legend, circuito regionale laziale di mountain bike. La prima gara è prevista per domenica 22 marzo, quando si svolgerà...

Scalda ufficialmente i motori il Memorial Lello Pasqualini giunto alla sesta edizione e in programma domenica 23 febbraio ad Alba Adriatica per la validità di prova dell’Abruzzo Cycling Challenge. Un’attenta...

10 al 12 luglio fra la città di Trento, la scenografica Valle dei Laghi e la montagna della città tridentina, il Monte Bondone, torna l’appuntamento con la storia e la...

Chris Froome è uno dei personaggi più indecifrabili e affascinanti dei nostri anni. Quattro Tour de France, un Giro d’Italia e una Vuelta di Spagna: vittorie, attacchi epici, scene memorabili...

All’Upcycle Cafè di Milano – e dove, sennò? – è stata oggi presentata ufficialmente la stagione 2020 degli Internazionali d’Italia Series, sponsorizzati da realtà di prim’ordine come Shimano e Northwave....

Si tratta di un modello che è entrato prepotentemente nelle pagine di storia del ciclismo moderno, infatti, l'occhiale Radar EV Path ha accompagnato negli ultimi anni diversi professionisti...

L'Hotel BHR di Quinto di Treviso ospiterà sabato 22 febbraio la presentazione ufficiale della nuova stagione cicloturistica-amatoriale del Veneto. Alla cerimonia interverranno, tra gli altri, il responsabile della Struttura Nazionale,...

La Granfondo di Alassio è ormai conosciuta a tutto il mondo del ciclismo per via della bellezza dei territori attraversati. La presenza del mare e la possibilità di pedalare in...

VIDEO TEST
ALTRI VIDEO DI TEST




Lo ammisi subito e senza mai tirarmi indietro, la Grail mi ha fatto impazzire fin dalla sua presentazione....
di Giorgio Perugini
Conoscevo molto bene Olympia Boost, oggetto di una review approfondita esattamente l’anno scorso, quindi, visto l’ottimo feedback avuto...
di Giorgio Perugini
Chiamatela Killer SLR, anzi Killer SLR ElectroDisko. Non è un semplice bici, ma un pezzo d’arte in movimento....
di Giorgio Perugini
Pensate ancora che la rinomata scorrevolezza dei cuscinetti Campagnolo sia solo una leggenda? Eh no ragazzi, si tratta...
di Giorgio Perugini
Quando si parla di Assos, non a caso si racconta di grande qualità, una percezione che coinvolge la...
di Giorgio Perugini
Design, materiali tecnologicamente all’avanguardia e eccellente abilità manifatturiera, sono in breve i tratti distintivi che descrivono meglio la AHW XWarm...
di Giorgio Perugini
Con lei ho imparato a fare video e foto bellissimi, utili per ricordare le migliori avventure della stagione....
di Giorgio Perugini
Il freddo è arrivato e la pioggia non ci ha risparmiato, ma con gli ultimi prodotti di Santini creati con...
di Giulia De Maio
La scienza Enervit mette a disposizione degli sportivi la gamma più ricca e completa di gel energetici per la performance...
di Giorgio Perugini
L’azienda americana Trek ha da poco creato un nuovo gruppo di prodotti accumunati dalla sigla XXX, un vero...
di Giulia De Maio
La stagione invernale è l’ideale per tirare un po’ il fiato, concentrarci sulla nostra bicicletta e magari concederci qualche sfizio...
di Giorgio Perugini
Agli irriducibili del completo estivo non posso fare altro che suggerire i manicotti e i gambali Storm della...
di Giorgio Perugini
Siamo spesso alla ricerca della bici giusta, quella che possiamo cucirci addosso per passare con disinvoltura dalla gran...
di Giorgio Perugini
Veloce, vincente e versatile. Ecco Utopia descritto con tre semplici parole. Veloce, visto che la stessa Kask assicura...
di Pietro Illarietti
  La Cinelli Superstar è una bicicletta che oserei definire smart. Cosa mi è piacuto di questo prodotto corsaiolo...
di Giorgio Perugini
Gli occhiali prodotti da Limar hanno notoriamente un rapporto qualità/prezzo davvero sorprendente, motivo per cui vi consiglio una...
di Giorgio Perugini
Se c’è un capo che ritengo indispensabile, quello è sicuramente il gilet. Pratico e leggero, trova spazio facilmente...
di Giorgio Perugini
  Superleggera come la luce, bella come poche altre possono esserla. Aurata si presenta così, come un pezzo di rara...
© 2018 | Prima Pagina Edizioni Srl | P.IVA 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy