I PIU' LETTI
RIDE RICCIONE, VI ASPETTA UNA GRANFONDO TUTTA NUOVA
dalla Redazione | 21/03/2021 | 07:50

Cinque giorni di grande ciclismo. La Ride Riccione Week che scatterà il 2 giugno avrà il suo culmine nella giornata conclusiva, quando andrà in scena la Granfondo. La storia della prova romagnola è piuttosto antica - prese il via nel 1999 - ma quella che andrà in scena nella prima domenica di giugno sarà una gara completamente nuova, nel percorso ma soprattutto nel concetto, in quanto l’edizione del 2019 può essere considerata un preambolo, un antipasto soprattutto visto che poi tutto si è giocoforza fermato, a Riccione come nel resto del mondo.

«Mi sono avvicinato al mondo delle GF proprio con la gara di Riccione - confessa Gianfranco Sanchi, il project manager della Ride Riccione e colui che ha rinnovato completamente l’evento ridisegnandolo da ogni punto di vista - poi nel 2019 siamo partiti, ma è da questa edizione che ci attendiamo il vero salto di qualità. Abbiamo rifatto completamente i percorsi, rendendoli più belli paesaggisticamente e al contempo più performanti, abbiamo confermato il Cippo Pantani inserito due anni fa perché ci sembrava doveroso non solo nei confronti del campione, ma anche per il suo valore tecnico e storico, abbiamo soprattutto cercato di esaltare la bellezza del territorio e poi abbiamo voluto dare un’immagine a questa gara, un’immagine alla quale contribuiranno tutti i partecipanti indossando la stessa maglia prodotta da Castelli presente in tutti i pacchi gara dei partecipanti»

Entrando nello specifico tecnico dell’evento, come sarà la Granfondo del 6 giugno?

«Proporremo tre percorsi: il lungo misura 146,9 km per un dislivello di 3.370 metri. E’ un tracciato completamente nuovo all’interno del quale sono state inserite tre cronoscalate: Il Monte Carpegna fino alla Cima Coppi della corsa con i suoi 1.377 metri di altitudine attraverso 5,3 km di ascesa; Montegiardino della lunghezza di 5,1 km e la scalata da Soanne a Villaggio del Lago di 4,8 km. Il percorso medio non è per così dire tenero, con i suoi 105,6 km per 1.950 metri: si affronta il Cippo Pantani e si arriva a Villagrande, dove ci si separerà dal percorso lungo per tornare verso Riccione. Poi, novità di quest’anno, ci sarà la prova E-ride di 70 km da Riccione passando attraverso la Repubblica di San Marino».

Come mai avete pensato al coinvolgimento della Repubblica del Titano?

«Rientra in un concetto più generale, che riguarda una sorta di comunione d’intenti: i paesi attraversati devono sentirsi parte integrante della manifestazione e del progetto, per questo abbiamo fortemente voluto che l’attraversamento fosse totale, ossia si passasse per il centro storico dei vari paesi e borghi. Sarà un’avventura da vivere in piena sintonia».

Un tracciato rivolto più agli agonisti o ai veri cicloamatori?

«Abbiamo cercato di accontentare appieno entrambi i palati: chi pensa alla classifica avrà pane per i suoi denti, chi invece pedala per divertirsi resterà davvero stupito dal territorio. Un’altra novità alla quale stiamo lavorando è la possibilità di affrontare la Granfondo su un percorso completamente chiuso al traffico: fin qui solamente la Maratona dles Dolomites ha potuto godere di questo vantaggio, speriamo che il nostro proposito possa concretizzarsi, insieme alle autorità competenti con le quali stiamo in costante contatto. La possibilità naturalmente è subordinata ai protocolli sanitari che saranno in vigore al momento: ci tengo comunque a dire che ad oggi la Ride Riccione si farà».

C’è ancora possibilità d’iscriversi?

«Sì, le iscrizioni vanno avanti attraverso il portale www.endu.net al costo di 59 euro, 69 per i non tesserati, ma stiamo considerando, data la situazione di porre un tetto massimo di adesioni. A proposito di ENDU che curerà le classifiche (che non verranno esposte ma saranno immediatamente visibili sul sito) stiamo pensando a graduatorie più goliardiche, come il primo straniero o i primi arrivati padre+figlio».

E’ previsto il pacco gara?

«Certamente, ci sarà una sacca comprendente una borraccia speciale, la maglia personalizzata Castelli disegnata da Aldo Drudi, più molti altri prodotti offerti dagli sponsor e che saranno annunciati nella conferenza stampa del 9 aprile. Nel frattempo non resta che allenarsi... e noi siamo già pronti».

DAVIDE CASSANI: IL PAESAGGIO VI LASCERA' DI SASSO

Nel corso della sua carriera, prima come corridore, e poi come addetto ai lavori fino a diventare CT della Nazionale, Davide Cassani ha potuto girare il mondo in lungo e in largo, ma il cuore è rimasto sempre nella sua Romagna e nessuno più di lui può descrivere quello che gli appassionati si ritroveranno davanti nei magici giorni d’inizio giugno.

«E’ un paesaggio meraviglioso, ideale per le due ruote, capace di offrirti il mare e le altezze dell’Appennino marchigiano-romagnolo nello spazio di pochi km. Luoghi che vanno gustati con calma e la bicicletta è ideale per questo».

Il percorso della Granfondo, con i suoi quasi 147 km e i suoi 3.370 metri di dislivello non è certamente per principianti…

«Decisamente no, siamo già in presenza di un’altimetria più che rispettabile, è davvero tanta roba… Serve avere un discreto fondo, essersi allenati per bene, essere già abbastanza avvezzi a dislivelli di 2.500 metri complessivi per affrontare la gara senza problemi. Diciamo che per avvicinarsi alla gara, bisogna avere nelle gambe distanze di almeno 120-130 km, ma non sono tanto quelli che contano. Mi spiego meglio: bisogna considerare che chi andrà senza pensare alla classifica pedalerà a una media di 23-24 km l’ora, quindi dovrà stare in sella un bel po’ e per questo serve abitudine, quindi bisogna mettere in programma uscite di almeno 6 ore, magari nel fine settimana».

Che tipo di clima potrebbero trovarsi di fronte i partecipanti e quindi che tipo di vestiario devono avere con sé?

«A giugno potrebbe ancora fare freschino, quindi è sempre consigliabile avere con sé una mantellina parapioggia, un capo leggero ma che mantenga coperti. Fortunatamente oggi siamo bombardati di informazioni sul meteo anche giorni prima della manifestazione, ma una mantellina la porterei con me anche in caso di sole».

Per quanto riguarda l’alimentazione come gestirsi?

«Considerando gli abbondanti ristori, è bene avere con sé sempre malto destrine nella borraccia e qualche barretta proteica e gel, proprio perché distanza e dislivello non sono trascurabili e non bisogna rischiare di andare in debito di energie. Inoltre mai dimenticare d’idratarsi bene, soprattutto con le alte temperature».

E il CT della Nazionale quali rapporti consiglia di utilizzare per la Ride Riccione?

«Io da un po’ vado con il 36-32 e non ho paura di niente, mi ha salvato anche da qualche situazione  molto critica…».

ALLE RADICI DELLA RIDE RICCIONE: ERA IL SECOLO SCORSO…

Valeriano Pesaresi è la memoria storica della Granfondo di Riccione, presente ai vertici dello staff organizzativo sin dalla sua prima edizione del 1999, una Granfondo profondamente diversa da quella di oggi.

«Ricordo ancora la data: 21 febbraio, era in pratica l’apertura della stagione. L’idea nacque dalla catena dei Bike Hotels che volevano un evento sortivo di riferimento. Iniziammo con la prova di Fondo, 120 km e per alcuni anni si andò avanti con un unico percorso agonistico, ma la manifestazione ottenne subito un buon riscontro di partecipazione con 300 adesioni il primo anno e una crescita costante fino a superare i 1.000 quando già avevamo introdotto la doppia scelta. Il picco è stato nel 2016, con 1.350 presenze”.

All’inizio la gara si svolgeva a inizio stagione, poi ha trovato la sua collocazione a inizio giugno...

«Dovevamo venire incontro alle esigenze degli hotel, in quel periodo è bassa stagione, ci sono maggiori spazi ma le strutture hanno anche bisogno di trovare motivi di attrazione. In quel periodo poi per qualche anno arrivava la tappa del Giro d’Italia Under 23, quindi c’era già un mix di eventi a due ruote”.

E il tempo è sempre stato favorevole...

«Mai brutto tempo, neanche a febbraio, al massimo qualche goccia di pioggia. La gara poi è profondamente mutata anche nelle sue sedi: le prime due edizioni avevano come epicentro gli impianti sportivi, poi ci siamo spostati al Castello degli Agolanti e infatti la gara per qualche anno si è chiamata Fondo degli Agolanti. Vista la crescita numerica, però, eravamo troppo stretti e siamo tornati in città, prima alle Terme con il Palaterme messo a disposizione dal Comune per i servizi del post gara, poi tornando agli impianti sportivi. Quest’anno, con l’arrivo a Via Monte Bianco, è un vero ritorno alle origini».

Copyright © TBW
TUTTE LE NEWS
E’ di nuovo maggio e la 104esima edizione del Giro d’Italia è alle porte. La corsa rosa partirà oggi con una cronometro nel cuore di Torino, la prima storica capitale...

La nuova “fiamma” da Crono De Rosa, testata sul campo dal profeta Elia Viviani nel recente giro di Romandia, vedrà il suo esordio ufficiale con il Team Cofidis alla prima...

EthicSport si distingue da sempre per prodotti eccellenti e per il profuso impegno in ricerca e sviluppo. Proprio da qui nasce un prodotto innovativo, destinato a rivoluzionare il mercato, ecco...

È l’appuntamento più atteso da tutti gli appassionati di ciclismo su strada, la manifestazione che ogni anno porta sugli schermi di tutto il mondo il nostro “Bel Paese”, e a...

Alla scoperta delle terre d’Arezzo in bicicletta: si chiama “Arezzo Bike Festival” il calendario che dal 18 luglio al 1 agosto 2021 proporrà gare, ciclostoriche, iniziative a tema, offrendo agli...

E-Giro è un evento cicloturistico legittimamente inserito nel calendario della Federazione Ciclistica Italiana e organizzato da RCS Sport durante il Giro d’Italia. Si correrà sulle stesse strade e nelle stesse...

Siamo alla viglia del Giro d'Italia, cresce l'attesa e anche la volontà di "vivere in rosa al 100%". All4cycling, e-commerce di riferimento per gli appassionati di ciclismo, collabora...

L’integrazione è una scienza con la quale i giovani atleti si devono confrontare sulla strada che li porta a diventare corridori completi e magari campioni. Per questo Marco Bettazzi, sales...

La corsa della ripartenza, della resilienza, della convinzione che lo sport e il ciclismo in particolare siano un veicolo di straordinaria efficacia nella promozione del territorio, delle idee, dei prodotti...

Pianure divise simmetricamente e sommerse d'acqua per gran parte dell'anno, che rispecchiano i colori e le tonalità del cielo. Paesaggi multiformi e ricchi di fascino, le risaie ciclabili e la...

Nell’infinita lotta contro il tempo, ogni dettaglio fa la differenza e tutto conta. Una bici da cronometro deve spaccare il capello in quattro, essere ottimizzata dal punto di visto aerodinamico...

Dopo due anni di stop, domenica 16 maggio ritorna la XIX° Marathon Parco dei Monti Aurunci e Fondi (LT) si prepara ad accogliere biker e appassionati nel pieno rispetto delle norme vigenti. Il...

Scatta da Albstadt questo week end la Mercedes-Benz UCI Cross-Country World Cup 2021 e, per la prima volta, Red Bull TV proporrà il commento in lingua italiana con Marco Aurelio...

Prosegue senza pause il grande lavoro dell'A.S.D. Cerrano Outdoor per predisporre nel miglior modo possibile la nuova edizione della “Cerrano Bike Land International”, una tra le più importanti competizioni di...

Considerata la situazione sanitaria ancora incerta, l’organizzazione Velo Etruria Pomarance ha deciso, a malincuore, di rinviare nuovamente la Green Fondo Paolo Bettini. Prossimo appuntamento al 2022.  La Green Fondo Paolo...

“Abbiamo un obbligo nei confronti dei nostri tifosi, di noi stessi ed anche di chi non è, per motivi diversi, più della Nazionale: quello di continuare a vincere, come abbiamo...

Sono stati i portacolori del Team Rudy Project i maggiori protagonisti della 14^ edizione dell'Xc Tra le Torri svoltasi domenica 2 maggio a Farra di Soligo. La compagine trevigiana ha...

“La storia si ripete”! Facile direte voi, ma la citazione di Tucidide, storico e letterario ateniese, non è affatto banale e scontata quanto sembra. La storia si ripete ed è...

Il produttore di pneumatici per biciclette A. Dugast, già fornitore di molti Campioni del Mondo nel recente passato, entra nel Gruppo Vittoria per rinforzare la sua leadership nella produzione di...

Il design e queste macchie di colore hanno una chiara ispirazione, infatti, ogni colore, anzi, ogni macchia di colore racconta quanto fatto dalle pionieri artiste svedesi come Hilma af Klint,...

In un momento del mercato ciclo in cui si ha l’esplosione del fenomeno gravel, Guerciotti rappresenta sicuramente, grazie anche alla sua esperienza nel ciclocross, uno dei marchi di riferimento. Proprio...

Pronto il gadget omaggio per tutti gli abbonati al Marche Marathon - Ciclo Promo Components - Trofeo Namedsport. Si tratta della comoda t-shirt che potrà essere ritirata alla Squali-Trek presso lo stand della Giemme...

Si entra nel vivo della settimana che porta alla 32.a edizione del Triathlon del Lago di Caldaro, con i migliori interpreti della specialità olimpica che prenderanno il via sabato 8...

Alle spalle della Granfondo WHYsport Città di Valdagno, come ben sanno coloro che frequentano il settore delle GF c’è tanta esperienza e una certa capacità di modularsi a seconda della...

VIDEO TEST
ALTRI VIDEO DI TEST




di Giorgio Perugini
Si fa presto a dire pronto gara, infatti, questo è uno spot troppo spesso abusato. In casa Assos non si...
di Giorgio Perugini
Il casco Helios™ Spherical MIPS® è stato una delle ultime novità di Giro ed è un modello leggero e incredibilmente...
di Giorgio Perugini
Selle Italia ha pensato bene di proporre il nuovissimo modello Flite anche in versione Gravel e vi dirò, operazione riuscita...
di Giorgio Perugini
È davvero difficile raccontarvi se un gruppo è migliore di un altro, del resto, comprenderete quante siano le differenze tra...
di Giorgio Perugini
I generi esistono ancora? Si direbbe di sì per quanto riguarda la tipologia di telaio, in effetti, esiste quello aero,...
di Giorgio Perugini
23 grammi vi sembrano tanti? Io sono certo che siano pochissimi e racchiudere tanta tecnologia in un peso così contenuto...
di Pietro Illarietti
Si chiama Revolution e suona tanto di reazionario, ma in realtà si tratta di una bicicletta che va addomesticata e...
di Pietro illarietti
Si chiama Eclipse, un nome suggestivo, che significa eclisse. Una novità di casa Somec, azienda italianissima di Lugo di...
di Giorgio Perugini
È veramente difficile trovare ultimamente un marchio oltre a POC che si sia distinto di più per il design dei...
di Pietro Illarietti
Si chiama Aqua Pro Jacket, by Sportful, e nel nome c'è molta dell'essenza di questo capo che si propone...
di Giorgio Perugini
Le abbiamo già conosciute, infatti ve ne ho parlato in occasione della loro presentazione, del resto la speciale edizione Les...
di Giorgio Perugini
Un casco oggi deve rispondere davvero a molti requisiti, inoltre, per molti è diventato un capo/accessorio da abbinare speso a...
di Giorgio Perugini
Se vi piacciono i telai classici e avete il pallino per i prodotti leggeri, con la nuova Pedemonte Aurata RS...
di Giorgio Perugini
È passato un mese abbondante dal lancio della nuova gamma di tubeless prodotti da Pirelli e non ci sono dubbi,...
di Giorgio Perugini
Le Bont Vaypor S sono scarpe dalle altissime prestazioni ed è il motivo principale che le fa preferire da molti...
di Giorgio Perugini
Il casco Ventus 2.0 e gli occhiali Supernova formano un’accoppiata appagante dal punto estetico e interessantissima dal punto di vista...
di Giorgio Perugini
Che Trenta 3K Carbon sia un casco vincente, comodo e sicuro lo dimostrano in ogni occasione gli atleti del UAE...
di Giorgio Perugini
Sutro è un modello iconico e ha dalla sua molte caratteristiche tecniche oltre ad un design che ha spopolato nell’ultimo...
© 2018 | Prima Pagina Edizioni Srl | P.IVA 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy