I PIU' LETTI
RIDE RICCIONE, VI ASPETTA UNA GRANFONDO TUTTA NUOVA
dalla Redazione | 21/03/2021 | 07:50

Cinque giorni di grande ciclismo. La Ride Riccione Week che scatterà il 2 giugno avrà il suo culmine nella giornata conclusiva, quando andrà in scena la Granfondo. La storia della prova romagnola è piuttosto antica - prese il via nel 1999 - ma quella che andrà in scena nella prima domenica di giugno sarà una gara completamente nuova, nel percorso ma soprattutto nel concetto, in quanto l’edizione del 2019 può essere considerata un preambolo, un antipasto soprattutto visto che poi tutto si è giocoforza fermato, a Riccione come nel resto del mondo.

«Mi sono avvicinato al mondo delle GF proprio con la gara di Riccione - confessa Gianfranco Sanchi, il project manager della Ride Riccione e colui che ha rinnovato completamente l’evento ridisegnandolo da ogni punto di vista - poi nel 2019 siamo partiti, ma è da questa edizione che ci attendiamo il vero salto di qualità. Abbiamo rifatto completamente i percorsi, rendendoli più belli paesaggisticamente e al contempo più performanti, abbiamo confermato il Cippo Pantani inserito due anni fa perché ci sembrava doveroso non solo nei confronti del campione, ma anche per il suo valore tecnico e storico, abbiamo soprattutto cercato di esaltare la bellezza del territorio e poi abbiamo voluto dare un’immagine a questa gara, un’immagine alla quale contribuiranno tutti i partecipanti indossando la stessa maglia prodotta da Castelli presente in tutti i pacchi gara dei partecipanti»

Entrando nello specifico tecnico dell’evento, come sarà la Granfondo del 6 giugno?

«Proporremo tre percorsi: il lungo misura 146,9 km per un dislivello di 3.370 metri. E’ un tracciato completamente nuovo all’interno del quale sono state inserite tre cronoscalate: Il Monte Carpegna fino alla Cima Coppi della corsa con i suoi 1.377 metri di altitudine attraverso 5,3 km di ascesa; Montegiardino della lunghezza di 5,1 km e la scalata da Soanne a Villaggio del Lago di 4,8 km. Il percorso medio non è per così dire tenero, con i suoi 105,6 km per 1.950 metri: si affronta il Cippo Pantani e si arriva a Villagrande, dove ci si separerà dal percorso lungo per tornare verso Riccione. Poi, novità di quest’anno, ci sarà la prova E-ride di 70 km da Riccione passando attraverso la Repubblica di San Marino».

Come mai avete pensato al coinvolgimento della Repubblica del Titano?

«Rientra in un concetto più generale, che riguarda una sorta di comunione d’intenti: i paesi attraversati devono sentirsi parte integrante della manifestazione e del progetto, per questo abbiamo fortemente voluto che l’attraversamento fosse totale, ossia si passasse per il centro storico dei vari paesi e borghi. Sarà un’avventura da vivere in piena sintonia».

Un tracciato rivolto più agli agonisti o ai veri cicloamatori?

«Abbiamo cercato di accontentare appieno entrambi i palati: chi pensa alla classifica avrà pane per i suoi denti, chi invece pedala per divertirsi resterà davvero stupito dal territorio. Un’altra novità alla quale stiamo lavorando è la possibilità di affrontare la Granfondo su un percorso completamente chiuso al traffico: fin qui solamente la Maratona dles Dolomites ha potuto godere di questo vantaggio, speriamo che il nostro proposito possa concretizzarsi, insieme alle autorità competenti con le quali stiamo in costante contatto. La possibilità naturalmente è subordinata ai protocolli sanitari che saranno in vigore al momento: ci tengo comunque a dire che ad oggi la Ride Riccione si farà».

C’è ancora possibilità d’iscriversi?

«Sì, le iscrizioni vanno avanti attraverso il portale www.endu.net al costo di 59 euro, 69 per i non tesserati, ma stiamo considerando, data la situazione di porre un tetto massimo di adesioni. A proposito di ENDU che curerà le classifiche (che non verranno esposte ma saranno immediatamente visibili sul sito) stiamo pensando a graduatorie più goliardiche, come il primo straniero o i primi arrivati padre+figlio».

E’ previsto il pacco gara?

«Certamente, ci sarà una sacca comprendente una borraccia speciale, la maglia personalizzata Castelli disegnata da Aldo Drudi, più molti altri prodotti offerti dagli sponsor e che saranno annunciati nella conferenza stampa del 9 aprile. Nel frattempo non resta che allenarsi... e noi siamo già pronti».

DAVIDE CASSANI: IL PAESAGGIO VI LASCERA' DI SASSO

Nel corso della sua carriera, prima come corridore, e poi come addetto ai lavori fino a diventare CT della Nazionale, Davide Cassani ha potuto girare il mondo in lungo e in largo, ma il cuore è rimasto sempre nella sua Romagna e nessuno più di lui può descrivere quello che gli appassionati si ritroveranno davanti nei magici giorni d’inizio giugno.

«E’ un paesaggio meraviglioso, ideale per le due ruote, capace di offrirti il mare e le altezze dell’Appennino marchigiano-romagnolo nello spazio di pochi km. Luoghi che vanno gustati con calma e la bicicletta è ideale per questo».

Il percorso della Granfondo, con i suoi quasi 147 km e i suoi 3.370 metri di dislivello non è certamente per principianti…

«Decisamente no, siamo già in presenza di un’altimetria più che rispettabile, è davvero tanta roba… Serve avere un discreto fondo, essersi allenati per bene, essere già abbastanza avvezzi a dislivelli di 2.500 metri complessivi per affrontare la gara senza problemi. Diciamo che per avvicinarsi alla gara, bisogna avere nelle gambe distanze di almeno 120-130 km, ma non sono tanto quelli che contano. Mi spiego meglio: bisogna considerare che chi andrà senza pensare alla classifica pedalerà a una media di 23-24 km l’ora, quindi dovrà stare in sella un bel po’ e per questo serve abitudine, quindi bisogna mettere in programma uscite di almeno 6 ore, magari nel fine settimana».

Che tipo di clima potrebbero trovarsi di fronte i partecipanti e quindi che tipo di vestiario devono avere con sé?

«A giugno potrebbe ancora fare freschino, quindi è sempre consigliabile avere con sé una mantellina parapioggia, un capo leggero ma che mantenga coperti. Fortunatamente oggi siamo bombardati di informazioni sul meteo anche giorni prima della manifestazione, ma una mantellina la porterei con me anche in caso di sole».

Per quanto riguarda l’alimentazione come gestirsi?

«Considerando gli abbondanti ristori, è bene avere con sé sempre malto destrine nella borraccia e qualche barretta proteica e gel, proprio perché distanza e dislivello non sono trascurabili e non bisogna rischiare di andare in debito di energie. Inoltre mai dimenticare d’idratarsi bene, soprattutto con le alte temperature».

E il CT della Nazionale quali rapporti consiglia di utilizzare per la Ride Riccione?

«Io da un po’ vado con il 36-32 e non ho paura di niente, mi ha salvato anche da qualche situazione  molto critica…».

ALLE RADICI DELLA RIDE RICCIONE: ERA IL SECOLO SCORSO…

Valeriano Pesaresi è la memoria storica della Granfondo di Riccione, presente ai vertici dello staff organizzativo sin dalla sua prima edizione del 1999, una Granfondo profondamente diversa da quella di oggi.

«Ricordo ancora la data: 21 febbraio, era in pratica l’apertura della stagione. L’idea nacque dalla catena dei Bike Hotels che volevano un evento sortivo di riferimento. Iniziammo con la prova di Fondo, 120 km e per alcuni anni si andò avanti con un unico percorso agonistico, ma la manifestazione ottenne subito un buon riscontro di partecipazione con 300 adesioni il primo anno e una crescita costante fino a superare i 1.000 quando già avevamo introdotto la doppia scelta. Il picco è stato nel 2016, con 1.350 presenze”.

All’inizio la gara si svolgeva a inizio stagione, poi ha trovato la sua collocazione a inizio giugno...

«Dovevamo venire incontro alle esigenze degli hotel, in quel periodo è bassa stagione, ci sono maggiori spazi ma le strutture hanno anche bisogno di trovare motivi di attrazione. In quel periodo poi per qualche anno arrivava la tappa del Giro d’Italia Under 23, quindi c’era già un mix di eventi a due ruote”.

E il tempo è sempre stato favorevole...

«Mai brutto tempo, neanche a febbraio, al massimo qualche goccia di pioggia. La gara poi è profondamente mutata anche nelle sue sedi: le prime due edizioni avevano come epicentro gli impianti sportivi, poi ci siamo spostati al Castello degli Agolanti e infatti la gara per qualche anno si è chiamata Fondo degli Agolanti. Vista la crescita numerica, però, eravamo troppo stretti e siamo tornati in città, prima alle Terme con il Palaterme messo a disposizione dal Comune per i servizi del post gara, poi tornando agli impianti sportivi. Quest’anno, con l’arrivo a Via Monte Bianco, è un vero ritorno alle origini».

Copyright © TBW
TUTTE LE NEWS
Quando nel 1965 il bergamasco Pietro Santini fondava il maglificio che porta il suo nome, di certo non pensava che quell’idea imprenditoriale potesse un giorno conquistare le vette del ciclismo...

Il copertoncino tubeless CST Tirent è l’ideale per il Gravel ed è nato per affrontare i  più svariati terreni tipici della specialità. Grazie alla larghezza di 42mm e alla mescola...

Cambiare, senza perdere la propria identità e porsi come elemento aggregante per tornare a pedalare in gruppo, affrontando insieme il particolare periodo pandemico, come già fatto con successo in questo...

Il Comitato Organizzatore della Granfondo Terre dei Varano rende pubblico quanto e come sta adoperandosi nei confronti del doping, piaga della vita e della passione per lo sport. In data...

Canyon ne è certa, la nuova Torque non ha confini e può accontentare qualsiasi rider nei bike park di tutto il mondo o competere all’Enduro World Series. Vi sembra poco?...

Dal catalogo Vodafone per il vostro Natale a due ruote potete pescare l’innovativo Curve, un dispositivo tracker GPS che incorpora una luce posteriore. Si tratta del classico dispositivo all-in-one che...

Sarà sabato 15 ottobre 2022 il giorno della tredicesima edizione della Capoliveri Legend Cup, dopo tante richieste non potevamo deludervi! Tu sei pronto a metterti in gioco per “ENTRARE NELLA...

Le borse da bikepacking della collezione Scape di Brooks England oltre a ricalcare le linee guida aziendali da sempre orientate verso la qualità assoluta, offrono funzionalità totale e sicurezza  per...

La nuova collezione Adidas Eyewear abbraccia anche il mondo del ciclismo e lo fa con alcuni modelli decisamente performanti. Tra questi ho avuto il piacere di provare a lungo il...

La gamma di pedali KEO 2 Max porta avanti nel miglior modo una serie di concetti cari a LOOK ed esprime con grande chiarezza quanto i 35 anni di esperienza...

La Granfondo Stelvio Santini nel 2022 compie 10 anni ed è pronta a festeggiare il suo compleanno con i ciclisti italiani e stranieri che, a ogni edizione, partecipano numerosi per...

L’inverno non è amico della bici, questo è poco ma sicuro. Il freddo, lo sporco, la pioggia, il gelo e il sale distribuito sulle strade sono da sempre fattori che...

Il titolo italiano, quello europeo e poi la vittoria alla regina delle Classiche, la Parigi-Roubaix: Sonny Colbrelli è stato protagonista di una stagione davvero indimenticabile. Sidi ha deciso di concentrare...

Dopo gli ultimi mesi costellati di importanti successi messi a segno dai pistard italiani, è lecito aspettarsi un grande ritorno alla specialità dagli amanti del grande ovale. Miche con la...

"La pedalate gravel sono uno strumento di allenamento, ma anche uno modo per staccare la spina, per allontanarmi dalle auto, per immergermi nella natura... mi aiuta a rilassarmi", afferma un...

Il 2020 e il 2021 sono stati due anni molto difficili ed impegnativi a tutti i livelli per il ciclismo italiano ma, sotto gli aspetti legati all'attività sociale, hanno dato...

X-Bow nasce per soddisfare le richieste di chi cerca comfort e stabilità in tutti gli ambienti off-road e si presenta sia in versione tradizionale che Superflow con rail in TI316...

Tranquilli, nel nuovo e-shop di Veloplus le offerte del Black Friday non terminano ogGi ma a fine mese: un’occasione in più per scegliere bene il pezzo pregiato e portarlo a...

Una cosa è certa, il giovane marchio MB Wear ha la grande capacità di coprire bene diverse discipline come il ciclismo, il running  e lo sci. La nuova maglia invernale...

Il marchio di biciclette Cybro Industries è nato con l'idea di soddisfare qualsivoglia tipo di cliente, dagli amanti della velocità a chi preferisce il fuoristrada, passando per chi la bicicletta...

NOKO ELECTRIC POWER BIKE: nasce un nuovo progetto e-bike tutto italiano che ha voluto al fortemente al proprio fianco FSA e Vision per configurare tre mezzi esclusivi e ambiziosi. ...

Una splendida bici De Rosa è esposta alla Fiera Eicma in corso di svolgimento al polo di Rho-Pero. La De Rosa color giallo punta oro è allo stand Bafang, nell’affollatissimo  padiglione 22....

Presentato ad EICMA (Esposizione Internazionale delle Due Ruote) uno studio sulla contraffazione online promosso da Confindustria ANCMA e INDICAM: l’indagine, realizzata da FUB (Fondazione Ugo Bordoni) e DCP (Digital Content...

In diverse parti di Italia pare che l’inverno abbia già bussato a casa dei ciclisti, quindi che lo vogliate o no, probabilmente è arrivato il momento di fare il cambio...

VIDEO TEST
ALTRI VIDEO DI TEST




di Giorgio Perugini
Ingegnerizzata da Dallara, leggerissima e affascinante nelle sue linee sinuose, la nuova SLR Boost Tekno Superflow si presenta così nei...
di Giorgio Perugini
Spesso si ricade nella frase fatta «sono bastati pochi metri» per raccontare quanto un prodotto abbia la capacita positiva di...
di Giorgio Perugini
Nella nuova maglia Gravel Jersey 3/4 Isadore concentra tutta il proprio know-how e prende decisioni che si rivelano vincenti, fin...
di Giorgio Perugini
Il passaggio è davvero semplice, del resto il vento sa essere anche veloce, no? Salice ha preso la via più...
di Giorgio Perugini
Durante la scorsa stagione ho utilizzato prevalentemente le ruote URSUS Miura TC37 disc su strada, elemento naturale di questo meraviglioso...
di Giorgio Perugini
Gli occhiali KOO Demos sono tra gli occhiali preferiti del team Eolo-Kometa ed offrono un’ottima protezione grazie ad un design...
di Giorgio Perugini
Iconici, essenziali e apprezzatissimi da un esercito di appassionati che rivedono in questi occhiali il mito, il ciclismo dei campioni...
di Giorgio Perugini
Il calzino è un capo che spesso può fare una grande differenza, soprattutto  se indossiamo scarpe con suola in carbonio....
di Giorgio Perugini
Per ottimizzare un capo occorre togliere? Per rendere migliore lo stesso capo potrebbe essere utile semplificare e ridurre al minimo...
di Giorgio Perugini
L’alluminio non passa mai di moda e la riprova sono le ruote Miche Graff SP destinate alle gravel, un set...
di Giorgio Perugini
Leggerezza, ventilazione e aerodinamicità, come fare a trovare il giusto equilibrio in un completo da bici? Non è una cosa...
di Giorgio Perugini
Alé è un brand italiano che non ha bisogno di molte presentazioni, del resto si tratta di un marchio che...
di Giorgio Perugini
In questo ultimo anno abbiamo potuto tutti constatare quanto sia cresciuto il fenomeno gravel, un nuovo trend che ha confermato...
di Giorgio Perugini
La rivoluzione OCLV 800 Series abbraccia anche la gamma Madone esaltandone reattività e leggerezza, una dieta dimagrante per questo telaio...
di Giorgio Perugini
Il mercato delle e-bike corre veloce, un incremento davvero positivo che ha dimostrato quanto i nostri consumatori fossero in realtà...
di Giorgio Perugini
Finisseur, marchio prodotto da Deporvillage, azienda leader della vendita online per articoli sportivi, ha recentemente lanciato la propria collezione primavera-estate,...
di Giorgio Perugini
Si fa presto a dire pronto gara, infatti, questo è uno spot troppo spesso abusato. In casa Assos non si...
di Giorgio Perugini
Il casco Helios™ Spherical MIPS® è stato una delle ultime novità di Giro ed è un modello leggero e incredibilmente...
© 2018 | Prima Pagina Edizioni Srl | P.IVA 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy