I PIU' LETTI
MBM, LE SCELTE CORAGGIOSE DI UN'AZIENDA CHE CRESCE
di Giorgio Perugini | 09/05/2022 | 08:04

Erano i primi giorni di pandemia ed è inutile na­scondersi: molte azien­de hanno tremato e si so­no fermate. Abbia­mo ancora tan­ti ricordi freschi nella me­moria, il dolore, la paura e non ultima, una crisi economica che sembrava planare sul nostro Paese. In questo frangente, non tutte le aziende sono rimaste ferme a guardare, alcune hanno buttato il cuore oltre l’ostacolo mettendo sul piatto coraggio e risorse. Questo è il caso di MBM Bike, una splendida realtà italiana che negli ultimi anni si è guadagnata un posto di riferimento nel panorama del ciclo italiano. Era il 2020 e, mentre tutto vacillava, la proprietà e la direzione hanno spinto sull’acceleratore comprando tutto quello che serviva per produrre più bici possibili. Det­to questo, la storia degli ultimi due anni racconta che il marchio ha intrapreso un percorso di crescita costante e per il 2022 prevede la vendita di 100.000 unità tra modelli push-bike ed e-bikes.

Abbiamo la fortuna di poter intervistare Vincenzo Medugno, Direttore Marketing e Responsabile delle Vendite, la figura più adatta per poter spiegare la crescita di MBM Bike attraverso modelli interessantissimi e una visione aziendale agile e incredibilmente concreta. Buongiorno Vincenzo, noi ci conosciamo bene, ma racconta ai nostri lettori da dove arrivi e come ti sei avvicinato al mondo del ciclismo.

«Buongiorno a te e ai lettori. Diciamo che sono da sempre nel mondo del ciclismo, la mia famiglia ha un’attività, la Ciclomoto Imperatore, fondata da mio nonno oramai più di 50 anni fa. Pertanto, direi che sono nato “con la bici”. Ricordo ancora che avevo solo pochi anni e una delle mie più grandi passioni era montare le ruote e aspettare, insieme ai miei zii, i camion pieni di bici da scaricare al mattino presto. Era quasi un rito per me. Vivevo in casa con mia nonna (mio nonno è morto giovanissimo) e uno zio, fratello di mia madre, il quale ha gestito l’azienda sino a farla di­ventare una delle più importanti società italiane di distribuzione. Quando al mattino presto c’era un camion da scaricare, mi alzavo alle 4 insieme a tutti gli altri. I di­pendenti venivano a casa nostra a fare colazione e dopo ci recavamo in uno dei depositi pronti per la “fatica”. Questo, forse, è uno dei ricordi più belli della mia infanzia. Sono cresciuto a pane e biciclette, ho le due ruote nel sangue ed è forse questo il motivo per cui, non appena laureato in Ma­na­gement Aziendale, e dopo una breve parentesi in due multinazionali, il richiamo della passione ha giocato il suo ruolo determinante. Io mi ritengo fortunato, il lavoro non mi pesa, quando fai quello che ami ti sembra davvero di non lavorare. Per essere “schietto”, mi pagano per divertirmi, tutto ciò è semplicemente fantastico ed è per questo che ho sempre una grande euforia che cerco di trasmettere in ogni momento a tutti».

Lavorare con MBM Bike è stata per te una scommessa o hai capito subito che sarebbe stato l’ennesimo punto di crescita per la tua carriera?

«Mi riallaccio a quanto accennato velocemente sopra: la prima scommessa l’ho fatta quando, per usare le parole di mia madre, da pazzo ho lasciato prima una e poi l’altra multinazionale, e anche l’azienda di famiglia, tutte possibili­tà/opportunità che per un genitore, sicuramente, potevano rappresentare un futuro certo e stabile. La seconda scommessa, o forse sarebbe meglio chiamarla follia, l’ho fatta quasi 9 anni fa quando ho lasciato definitivamente Napoli dopo essere rientrato da un’esperienza in Spagna. Tornando a MBM, tengo a dire che Maurizio (Brunelli, ndr) è per me un amico vero. Da quando mi sono trasferito in Romagna, Maurizio è stato sin da subito una delle poche persone con le quali mi vedevo a cena con le fa­miglie o andavo a giocare a tennis, anche se ancora non lavoravamo assieme. Mi ri­cordo che, scherzando, io gli dicevo: ”preparami un ufficio che vengo da te…”, e lui, di tanto in tanto, mi diceva “vedi che l’ufficio è pronto …”, fino a quando un Natale, se non erro del 2017, mi telefonò e, con un tono diverso dal solito, mi chiese: ”quando vieni da me che ti devo parlare?”. In quel momento, capii che qualcosa bolliva in pentola e, al rientro da una serata con le famiglie, arrivò la proposta di lavorare per la sua azienda. Io accettai, ma la condizione per entrambi era che il lavoro non sciupasse la nostra amicizia. Potrei dire, pertanto, che quest’ultima non è stata una scommessa, forse quella l’ha fatta lui con me, io ho solo seguito i miei sentimenti, i miei valori. Il  mio “goal” è stato solo rispettare il piano di crescita triennale che avevo discusso con lui e che, adesso posso dirlo, abbiamo centrato in pieno. Oggi il mio nuovo obiettivo è far diventare MBM Bike un player internazionale nonché una delle aziende italiane di bici più note. È sicuramente il ruolo che ci spetta vedendo quanta passione tutti mettono nel lavoro e quanto sudore c’è dietro una semplice bici. Forse è il caso di chiedere scusa ai lettori, ma amo raccontare questi piccoli aneddoti personali, sono momenti che conservo fra i ricordi più piacevoli».

Era appena scoppiata la pandemia e tutte le aziende avevano paura di muo­vere anche uno solo spillo. MBM ha fatto una grande scommessa: ci racconti cosa avevate in mente e quanto avete rischiato?

«Anche qui mi piace rispondere con un breve racconto. Tutti ricordiamo benissimo che a gennaio del 2020 arrivarono i primi segnali dalla Cina, segnali che ci suggerivano che qualcosa stava per accadere e iniziarono le prime preoccupazioni, ma mai ci saremmo aspettati di restare oltre due mesi in una sorta di “reclusione forzata” senza aver commesso alcun reato. Ero nel giardino di casa tra un allenamento e l’altro e pensavo, mi informavo, leggevo, ascoltavo i miei telegiornali di geopolitica, telegiornali sudamericani, spagnoli, giornalisti indipendenti che vorrei ringraziare pubblicamente per il lavoro egregio che hanno svolto e svolgono: in quel momento raccolsi le mie sensazioni su quello che sarebbe potuto accadere sempre, naturalmente con un filo diretto e costante con Maurizio. Io gli dissi “apriamo il gas” e lui, da folle, ma altrettanto convinto, decise di farlo. Direi non bravo, ma follemente fantastico a incrementare tutti gli acquisti. Rispetto ad altre aziende del settore per noi è stato forse un po’ più semplice in quanto venivamo già da due anni di crescita a doppia cifra che speravamo e avevamo preventivato di confermare anche nell’anno che ha portato la pandemia. Vorrei sintetizzare il tutto in una frase: in quei due mesi siamo passati dalla paura del futuro all‘esplosione di un settore intero. Tutto è stato assolutamente unico, condito da emozioni diametralmente opposte. Abbiamo rischiato tanto, ma il rischio è quello che fa davvero grande un imprenditore».

Il marchio ha una strategia chiave, ovvero puntare fortissimo su prodotti di media gamma che soddisfano al 100% le esigenze di chi pedala per spostarsi in città, ma anche nel tempo libero. Questa è la dimensione in cui MBM desidera muoversi o la nuova e-Gravel è il primo indizio per andare a prendere altre fette di mercato?

«La nostra strategia è incentrata su un fattore chiave, offrire il miglior rapporto “value for money” al consumatore finale. I prodotti elettrici creati finora ne sono l’espressione massima. Noi ci siamo sempre concentrati su prodotti di mobilità urbana molto prima di altri brand dall’anima più racing. Oggi anche loro, sempre di più, stanno strizzando l’occhio a questo segmento di mercato. Sappiamo benissimo che, continuando a offrire prodotti per la mobilità urbana, riusciremo ad avere nu­meri interessanti. Siamo solo all’inizio di questa nuova fase. La e-Gravel è uno “step forward“, seguiteci per capire cosa ci in­venteremo ancora».

Acciaio e alluminio sono i materiali con cui lavorate di più: nel vostro futuro c’è anche il carbonio?

«Vediamo, mai dire mai, sicuramente tutto quello che nasce in MBM non arriva per caso, non vorrei svelare i nostri prossimi passi, qualcuno inizia già a guardare quello che facciamo».

Alla presentazione della gamma 2022 a Napoli sono rimasto colpito dalle tue parole mentre parlavi del modello “La Rue”, una bici semplice ma incredibilmente funzionale che ha dato molto da lavorare al reparto Ricer­ca&Svi­lup­po. Ho colto grande preparazione tecnica e idee chiare anche per lo sviluppo, un atteggiamento decisamente importante per capire anche come po­sizionare un prodotto.

«Io sono solo il front man di MBM, ma dietro ogni progetto esiste un team perfetto: ingegneri, ufficio stile e progettazione, a mio parere, probabilmente, il migliore in Italia. Esiste un imprenditore, in questo momento uno dei più ambiziosi e motivati, tutto questo fa sì che ogni prodotto sia attentamente studiato per il suo posizionamento sul mercato, con lo stesso obiettivo sempre in testa, il “value for money”. Esistono, poi, le persone che trasformano il progetto in realtà, tutte ugualmente determinanti».

Durante la stessa presentazione ci hai par­lato di una e-Full sensazionale che offrirà prestazioni sorprendenti per la fascia di prezzo decisamente abbordabile. Puoi darci qualche altro indizio?

«Ci vediamo al Terzo Meeting Interna­zio­nale a Milano Marittima dal 26 al 29 settembre e allora la potrete toccare con ma­no. Ovviamente, siete già invitati».

Cosa desideri per MBM? I Concept Sto­re sono il futuro o vi orienterete sul commercio online? Il modello di vendita online offre indiscutibili vantaggi ma, come insegna Canyon, per farlo bene serve immensa preparazione sul servizio post-vendita. Pensi che questa strategia possa essere una ipotesi nel vostro futuro?

«Come ho già avuto modo di spiegare, presto molta attenzione alle 4P del marketing - price, product, place e promotion -  tutte le scelte devono essere coordinate. Non desidero nulla di speciale se non posizionare i nostri prodotti sul mercato nel po­sto che spetta loro per tutto quanto sopra citato. La leva del “place” ha portato alla creazione dei Concept Store che rappresentano allo stesso tempo il punto finale di una strategia iniziata 4 anni fa, quando mi ero posto l’obiettivo di migliorare il posizionamento e l’esposizione nei punti vendita del brand MBM, ma - al contempo - sono il punto di inizio di un nuovo modo, oramai ben noto, di fare vendita, quello del b2b2c. Parallelamente a quello sui prodotti, sempre guardando al “place”, abbiamo completamente rinnovato il nostro sito aziendale che adesso ha una nuova veste e un nuovo dominio, oltre ad un respiro de­ci­samente più internazionale. Ma oltre a proporre un cambio di look, il nuovissimo sito è già pronto per diventare lo strumento di collegamento tra il mercato finale, i concept store e l’azienda. Il concept store MBM diventerà il punto di raccolta del prodotto acquistato online. Per tornare alla tua domanda, rispetto al “modello” di lavoro Canyon, non ti nascondo che nell’ultimo mese l’ho analizzato abbastanza bene ed è per questo che abbiamo deciso di lanciare un modello di vendita “direct to consumer”, riservato però al solo mercato americano, in collaborazione con un nostro distributore con il quale lavoriamo ormai già da un anno. È una nuova sfida che ha il sapore della scommessa, ma dalla quale trascende un’azienda dinamica e in continua evoluzione, sempre pronta a mettersi in discussione. La sfida della quale mi parli nella domanda non riguarda, pertanto, il futuro, ma - negli USA - è già il nostro presente. È stata una mia intuizione e spero, anzi sono sicuro, che la fortuna sarà dalla nostra parte».

E ora, ti chiedo di segnalarmi tre mo­del­li che reputi i più innovativi e vin­cen­ti nella gamma MBM Bike e, so­prat­tutto, svelaci: tu hai una bici preferita?

«Domanda difficile, se dovessi proprio farlo direi, al primo posto sicuramente La Rue, poi la e-Primavera e, infine, la nuova e-Gravel (Sonar): ognuna di esse si porta dietro una serie di motivazioni. La Rue è sicuramente il prodotto più innovativo attualmente presente nel mercato dell’urban e qualche concorrente pare abbia già pensato di imitarla. La e-Primavera è la bici elettrica per eccellenza dedicata alle donne: cambio Nexus e il problema di sporcarsi le mani di grasso non ci sarà mai più. Della e-Gravel non posso svelare tanto, ma è stata progettata per diventare una delle regine del settore».

So che nelle collezioni MBM c’è molta fa­rina del tuo sacco, ma se dovessi im­me­desimarti in un ipotetico nuovo cliente, quali sarebbero i punti chiave che ti spingerebbero verso l’acquisto di una bici di questo marchio?

«Credo di aver risposto abbondantemente già sopra, sarei probabilmente solo ripetitivo e fastidioso. Sicuramente comprerei un prodotto di un’azienda italiana, che predilige fornitori italiani, fatta da personale italiano. Dobbiamo preservare le nostre aziende con corporate patronali fatte di persone, dove abbia ancora un grosso valore il capitale umano in modo da poterci allontanare da questa logica maledetta dei mercati».

Siamo ai saluti, un’ultima battuta. Dove vedi MBM nei prossimi anni? Pensi che possa ritagliarsi un ruolo da protagonista nel mercato internazionale?

«È questa la mia vera sfida, il mio obiettivo. Gli “ingredienti” che stiamo utilizzando, le nostre strategie e le scelte aziendali dovrebbero permetterci di rafforzare il no­stro posizionamento. In questi ultimi 4 an­ni, il numero di paesi europei in cui il marchio MBM è presente è cresciuto costantemente e i numeri in ogni singolo Paese crescono ogni anno, frutto a mio avviso di un mix che funziona. In questi ultimi mesi, oltre a Usa e Cile, è partita una prima campionatura per il Vietnam, a ulteriore riprova che il “Made in italy” ha e avrà sempre il suo appeal. Un documento dei neocons americani recita testuali parole “make USA great again”. Io, prendendo ovviamente le distanze dalle politiche espansionistiche portate avanti dagli Stati Uniti, lo ritaglio su di me e su di noi per dire “Fare di MBM un brand globale“». 

Grazie Domenico e buon lavoro.

da tuttoBICI di maggio

Copyright © TBW
TUTTE LE NEWS
La collezione Canyon Ultimate Artist Edition combina la velocità di classe mondiale, lo stile unico e le prestazioni collaudate della Ultimate con le opere d'arte di famosi designer. Oggi Canyon...

Assos in greco vuol dire asso, una parola che possiede una potenza intrinseca mentre la lettera “A” che la rappresenta simboleggia il desiderio di primeggiare. Le lettere dell’alfabeto greco compongono...

Una nuova borraccia. In edizione limitata. È quella che il team Drone Hopper Androni Giocattoli sta utilizzando al Giro d’Italia partito da Budapest il 6 maggio scorso. La borraccia, realizzata...

Race Special è la magia per il grande giorno, la maglia da indossare durante la gara per cui tanto vi siete allenati. Alé concentra in questo capo molto dell’esperienza maturata...

Ok, è arrivata la bella stagione ma chi pratica ciclismo sa bene che questo periodo dell’anno presenta moltissime incognite, soprattutto nei lunghi giri in montagna. Quindi, ok un bel completo...

60-70-89-90, anni di colori e fantasie che oggi vogliono dire molto perché ampiamente ritornati in voga. Da questi colori e da questi stili Limar, marchio leader nella produzione di caschi,...

  A partire dal mese di Giugno la Val Gardena, come ogni anno, si prepara ad accogliere gli appassionati di montagna e tutti coloro che desiderano visitare questa bellissima valle...

La Marcialonga ‘Cycling’ Craft prende forma. Nelle Valli di Fiemme e Fassa domenica 29 maggio i ciclisti della spettacolare granfondo prenderanno d’assalto le strade trentine. Il traguardo bisogna sudarselo fino...

Le due nuove borracce FLY sono pensate per sottolineare la tradizione del Giro d’Italia e del suo colore, un colore magico che ogni annoi unisce tutta la penisola. L’iconico colore...

Doveva essere una promozione a tempo, con i primi 50 atleti che avrebbero beneficiato di uno sconto del 25% sul prezzo pieno. Invece gli organizzatori della Presolana...

Quando arriva il momento di iniziare una salita o di uno sprint a tutto gas, ogni watt conta, ed è per questo che Specialized ha progettato la S-Works Ares, una...

Ci vuole poco ad omologarsi. La via semplice è spesso quella più battuta anche se poi il migliore si afferma lo stesso, questo è un semplice dato di fatto. Discorso...

L’innovazione è da sempre al centro della filosofia Selle Italia, perché innovare significa progredire, e se a tutto ciò aggiungiamo l’attenzione per l’ambiente, ecco spiegata la nascita...

Le guide della Bike Area, i Patrol e tutti i noleggi hanno provato e apprezzato le caratteristiche della rinnovata gamma Scorpion Enduro e E-MTB. Sarà così possibile vedere, toccare con...

La Federazione Ciclistica Italiana (FCI) ha scelto la Granfondo Terre dei Varano, che si terrà a Camerino (MC) il 10 luglio 2022, quale sede unica italiana per l'assegnazione del titolo...

Si entra in piena velocità nel mese di maggio e per gli indomabili ciclisti l’obiettivo è Marcialonga ‘Cycling’ Craft, fra meno di trenta giorni, nelle valli trentine di Fiemme e...

Il prossimo 26 di giugno, prenderà il via a Villetta Barrea, la 7° Edizione del 'Giro Nel Parco'. Contemporaneamente sempre a Villetta Barrea, si inaugurerà la tre giorni (24, 25 e...

di Giorgio Perugini
Erano i primi giorni di pandemia ed è inutile na­scondersi: molte azien­de hanno tremato e si so­no fermate. Abbia­mo ancora tan­ti ricordi freschi nella me­moria, il dolore, la paura e...

Da una parte il fascino della tradizione e la storia irripetibile della famiglia Moser, dall’altra l’apertura al futuro, alle novità e al cambiamento. La Moserissima ha trovato la sua nuova...

Il mare a quadretti e il silenzio che avvolge Pertengo, caratterizzeranno la cronometro individuale che sabato 14 maggio si terrà in questo grazioso paese della bassa vercellese e aprirà il calendario...

Alla Granfondo San Benedetto del Tronto - Ciù Ciù trionfano Luca Chiesa e Michela Giuseppina Bergozza nel lungo di 123 chilometri ed Emanuele Scipione e Chiara Ciuffini nel corto di...

BikeUP, l’evento dedicato alle e-bike e al cicloturismo, dal 10 al 12 giugno, sarà a Bergamo per la sua 8° edizione. La manifestazione ritrova quindi la sua collocazione più adatta,...

Non deve sembrarvi strano, infatti, esistono diversi regolamenti che vanno a disciplinare il posizionamento di sella e manubrio nelle gare contro il tempo. Nel prossimo Giro d’Italia i tecnici dell’UCI...

Ci siamo, la corsa rosa oggi prende il via e le novità sul piatto saranno davvero molte. Per quanto riguarda la UAE Team Emirates ci sarà ampio supporto derivante da...

VIDEO TEST
ALTRI VIDEO DI TEST




Race Special è la magia per il grande giorno, la maglia da indossare durante la gara per cui tanto vi...
di Giorgio Perugini
Nasce la C68, dove la C ricorda e riprende ben quattro parole che distinguono il marchio nel mondo: Colnago, Carbonio, Cambiago, Classe. Il...
di Giorgio Perugini
Equipe RSR S9 Targa è il nuovo bib di punta di Assos, un prodotto che racchiude il massimo del know...
di Giorgio Perugini
I guanti Blend di Prologo sono una delle ultime novità del marchio e sebbene non siano dotati della tecnologia CPC...
di Giorgio Perugini
All’apice della gamma di  caschi di casa Rudy Project troviamo i modelli Nytron e Spectrum, entrambi utilizzati dal Team Bahrain...
di Giorgio Perugini
Stiamo parlando di calzature all’apice della collezione, o quasi, visto che sopra di loro c’è solo un modello molto particolare....
di Giorgio Perugini
Esiste un casco che vada bene per tutte le stagioni? Probabilmente ne esistono diversi ma la maggior parte di questi...
di Giorgio Perugini
Tra i rapporti più travagliati della storia c’è senz’altro quello che lega, direi a doppio nodo, freddo ed estremità del...
di Giorgio Perugini
Abbiamo già provato per voi il nuovo occhiale 022 di Salice, un prodotto di fascia media che non teme affatto...
di Giorgio Perugini
Il nuovissimo occhiale 022 di Salice sfrutta linee più attuali che mai per offrirvi prestazioni di altissimo livello, merito anche...
di Giorgio Perugini
Cercate una ebike che possa sostituire uno scooter per la città? Tranquilli, la Trek Verve+3 è una ebike da città robusta,...
di Giorgio Perugini
Alle due versioni Ventral Spine e Ventral Air Spin va ad aggiungersi Ventral Tempus Spin, un casco aero che offre...
di Giorgio Perugini
Difficilmente un claim potrebbe raccontare più di un prodotto come in questo caso: infatti, la scritta «Lusso Omologato» che campeggia...
di Giorgio Perugini
Ingegnerizzata da Dallara, leggerissima e affascinante nelle sue linee sinuose, la nuova SLR Boost Tekno Superflow si presenta così nei...
di Giorgio Perugini
Spesso si ricade nella frase fatta «sono bastati pochi metri» per raccontare quanto un prodotto abbia la capacita positiva di...
di Giorgio Perugini
Nella nuova maglia Gravel Jersey 3/4 Isadore concentra tutta il proprio know-how e prende decisioni che si rivelano vincenti, fin...
di Giorgio Perugini
Il passaggio è davvero semplice, del resto il vento sa essere anche veloce, no? Salice ha preso la via più...
di Giorgio Perugini
Durante la scorsa stagione ho utilizzato prevalentemente le ruote URSUS Miura TC37 disc su strada, elemento naturale di questo meraviglioso...
© 2018 | Prima Pagina Edizioni Srl | P.IVA 11980460155
Pubblicità | Redazione | Privacy Policy | Cookie Policy | Contattaci

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy