I PIU' LETTI
SBAGLIARE LA PREPARAZIONE, L'IMPORTANZA DI UN ESPERTO
di Pietro Illarietti | 07/01/2019 | 07:25

Succede nella vita, ma anche nel ciclismo, di non sentirsi più all’altezza della situazione. Quello che fino a poco tempo prima era un metodo che sembrava andar bene, si rivela essere inadeguato, obsoleto. E’ una situazione che vivono anche alcuni cicloamatori abituati all’allenamento fai da te e che improvvisamente vengono surclassati da altri atleti che fino a poco prima erano ritenuti meno competitivi.

A quel punto è spontanea la domanda: Che succede?

E’ il momento in cui si capisce che molti hanno virato su una metodologia di allenamento moderna, magari appoggiandosi ad un preparatore.

Nel concreto cosa è cambiato? Si allenano tutti di più? Questa domanda la giriamo a Giovanni Gilberti, preparatore professionista che ci guida in questa delicata tematica.

Cosa accade quando un cicloamatore si rivolge al preparatore?

«Premesso che abbiamo a che fare con delle persone, dobbiamo riuscire a capire chi abbiamo di fronte. Già dal primo momento possiamo comprendere in quali situazioni si trovi l’atleta. Faccio un esempio: se un soggetto ci racconta che si allena trenta giorni consecutivi ogni mese, dovrebbe scattare un primo campanello d’allarme. In buona sostanza l’atleta ha bisogno di una guida e dovrebbe trovare questo punto di rifermento nel coach. Nella maggior parte dei casi rileviamo che gli amatori si allenano troppo, sfociando in alcuni casi nell’overtraining. Solitamente vanno molto forte in allenamento e non rendono per quanto possono in gara».

Facciamo un passo indietro per capire meglio. Da dove partiamo per una corretta analisi del soggetto e da quali parametri? 

«Primo step. Il medico sportivo prescrive e valuta gli esami del sangue, supportato da un biologo nutrizionista per rilevare eventuali carenze alimentari (vitamina B, D e ferro). Teniamo in considerazione parametri come ematocrito, Cpk (creatine phosphokinase) che segnalano l’affaticamento muscolare. Poi i globuli rossi e quelli bianchi. Pure il colesterolo viene tenuto in grande considerazione. Dopo aver effettuato lo screening attraverso le analisi, procediamo con il test di valutazione fisica attraverso i parametri della frequenza cardiaca e del wattaggio che vanno comparati con test passati».

E ancora: «Se la persona non ha mai svolto dei test, allora si richiede lo storico degli allenamenti precedenti e quindi effettuiamo una valutazione con il software di analisi (quello di Sportplushealth si chiama Training Analysis) in modo da capire se l’atleta ha recuperato la fatica tra una stagione e l’altra, rispettando i riposi settimanali e i microcicli di carico e scarico».

Una volta stabilita l’esatta condizione di forma, come si procede?

«Se l’atleta è già in overtraining, andiamo ad abbassare la quantità di allenamento e l’intensità. Potrebbe essere necessario farlo riposare e ricominciare una preparazione adeguata. La cosa difficile è capire quanto sia cronico l’overtraining. Ci sono casi in cui lo è da stagioni e ci vorrebbero almeno 3 mesi di riposo. Nei casi estremi si potrebbe anche saltare la stagione. Sembra incredibile, però succede a chi non si ferma mai e non inserisce lo scarico tra le sue attività. Tra gli amatori è possibile che tutto ciò accada e non ce se ne si renda nemmeno conto. Ci sono varie motivazioni. Ad esempio un ciclista, in certe fasi di scarsa brillantezza, tende a incolpare la bici di non essere performante, scaricando quindi  la colpa su falsi problemi».

Ci sono altri parametri che ci aiutano in questa valutazione?

«Certo, a livello medico si possono effettuare il test del cortisolo e del testosterone che servono da riprova. Oppure vi sono sintomi come stanchezza cronica, cattivo umore, perdita o aumento di peso inspiegabili, difficoltà nel sonno».

Sono affermazioni piuttosto pesanti. Quali sono le reazione a livello psicologico da parte degli atleti?

«La maggior parte non accetta valutazioni di questo tipo perché l’atleta si sente un supereroe. Si trova a dover affrontare una realtà che è quella delle teorie scientifiche. Non possiamo affidarci a persone e impreparate. E’ fondamentale per il preparatore mettere l’atleta davanti a dati oggettivi sui quali non si possa discutere. È la nuova scuola di preparazione che avanza, quella dei preparatori che prediligono la qualità».

Questo passaggio alle nuove metodologie comporta cambiamenti importanti in termini di approccio. Cosa succede nella testa dell’atleta?

«Il primo pensiero è "mi sto allenando meno quindi andrò più piano". Il secondo e fondamentale passaggio è sentire che si conclude l’allenamento meno affaticati. Questo si traduce in maggior brillantezza che sarà utile in corsa. Diventa fondamentale l’aspetto psicologico legato alla fiducia nel coach, ma il riscontro, soprattutto per chi usa il misuratore, è immediato. Si riescono a spingere wattaggi superiori».

Quanto ci vuole ad apprendere le nuove tecniche?

«Se io sono bravo a far capire queste cose, già in 3 mesi si vedono i primi risultati. Se però l’atleta non segue al 100% il metodo, il risultato tarda ad arrivare. Fare un’ora in più di allenamento spesso non serve a nulla».

Scarica anche tu Sportplushealth e inizia a prepararti in modo scientifico seguito da un virtual coach oppure scegli un real coach come Giovanni.

Copyright © TBW
TUTTE LE NEWS
Comprarsi una bicicletta nuova è sempre un passo importante ed è, credo in ogni singolo caso, l’avverarsi di un sogno. Rincorrere il modello preferito fino al tanto agognato...

Dopo la sua introduzione su Cento10AIR e Cento10PRO, l'iconica finitura Ramata è ora disponibile su Cento10NDR, il modello di punta per la categoria Endurace. Il Cento10NDR ha ridefinito i limiti...

Prima gara prima vittoria! Ci ha pensato il giovane corridore belga Jasper Philipsen a regalare a Sidi il primo successo nel World Tour della stagione 2019. Philipsen, 20 anni, si...

“Cycling is an art”, recita il claim di Selle Repente, nuovo partner di assoluta qualità della Gran Fondo Tarros Montura a partire dall’edizione 2019. Ed è proprio l’arte del ciclismo...

L’edizione del 2018 (quella dei XX anni dalla storica doppietta Giro - Tour di Pantani, per intenderci) ci ha regalato davvero grandi emozioni. Prima di tutto, la partecipazione di oltre...

MsTina torna online con un’e-shop ricco di capi tecnici per ciclismo di altissima qualità, al giusto prezzo: il brand, che fa capo all’ex campione di Francia Marcel Tinazzi, punta per...

Reduce-IT e Vital, due nuovi studi presentati in occasione del Congresso dell’American Heart Association (AHA) a novembre 2018 e pubblicati sul New England Journal of Medicine, hanno confermato l’utilità degli acidi...

Da gennaio 2019 Cicli Liotto rivoluziona le linee grafiche delle sue biciclette, a partire dal storico logo che mantiene il simbolo dell’aquila, racchiusa ora in una stilizzazione minimal, elegante e...

«Sul fronte del turismo stiamo lavorando bene ma occorre guardare avanti essere lungimiranti. Continuare a pedalare: l'Emilia-Romagna è abituata a pedalare, ad andare avanti». Lo ha detto, il presidente dell'Apt...

Se non amate il freddo o quando uscite dall’ufficio è già buio per andare in bici, l’allenamento indoor fa al caso vostro. Il dilemma di molti ciclisti durante l’inverno...

VIDEO TEST
ALTRI VIDEO DI TEST




di Giorgio Perugini
Air Speed è il casco migliore ad una velocità media di 40km/h e chi lo dice ha fatto...
di Giorgio Perugini
Generalmente in questo periodo dell’anno mi affido a pneumatici invernali, una scelta spesso obbligata per via del pessimo...
di Giorgio Perugini
La giacca Vega Extreme di Santini, posizionata al vertice della nuova linea high performance per fronteggiare le rigide...
di Giorgio Perugini
Chi di voi pensa al marchio Ursus, dovrebbe ricordare che questa azienda, oltre a produrre alcune delle migliori ruote attualmente...
di Giorgio Perugini
Ci sono ciclisti che sono sospinti da un solo desiderio: ottenere e provare sempre qualcosa in più per...
di Giorgio Perugini
Spesso un capo invernale può essere troppo caldo oppure, talvolta, non è abbastanza isolante mentre in altri casi...
di Giorgio Perugini
Ammettiamolo, con i tempi che corrono valutare con attenzione le spese che vorremmo fare non è affatto una...
di Pietro Illarietti
Nasce oggi una nuova rubrica di tuttobicitech dal titolo «Tested4You»: come facile intuire, i nostri tester proveranno per voi capi...
di Giorgio Perugini
  Due giorni a Cannes per una presentazione ufficiale Look non sono roba da poco. La casa francese continua ad...
di Giorgio Perugini
  Ho una personalissima lista di cose che mi fanno girare le scatole e quasi in cima all’elenco si posiziona...
di Giorgio Perugini
La sella perfetta esiste, questo è poco ma sicuro. Sarà l’unica che vi farà pedalare più comodamente rispetto ad altre...
di Giorgio Perugini
  Nella storia recente abbiamo potuto notare come alcuni prodotti abbiano avuto il merito di fare scuola gettando la base...
di Giorgio Perugini
  Ebbene sì, non si tratta di un prodotto nuovissimo, infatti, i Michelin Power Competition sono in vendita da più...
di Giorgio Perugini
Sono passati diversi giorni dall’Eroica e a parte un discreto mal di gambe mi è rimasto addosso un incredibile entusiasmo....
di Giorgio Perugini
La domanda che mi fanno in molti incontrandomi in bici durante il giorno è sempre la stessa: perché lasci le luci...
di Giorgio Perugini
Sono stati la novità dell’anno di Oakley,  i Flight Jacket hanno vinto la partita contro l’appannamento in maniera definitiva, questa...
di Giorgio Perugini
  Tranquilli, i tempi son cambiati e non si cade in contraddizione desiderando un casco ventilato e aerodinamico. Oggi come...
di Giorgio Perugini
  Lo ammetto, era molto tempo che desideravo affrontare una prova Gravel e finalmente l’occasione si è presentata. Jeroboam 300...
© 2018 | Prima Pagina Edizioni Srl | P.IVA 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy