I PIU' LETTI
IL GIORNO DELLA SCORTA. SAPER FARE SQUADRA
di Pier Augusto Stagi | 15/11/2018 | 07:51

Non ne ha fatto una tragedia, anche se la sua caduta sportivamente parlando è stata davvero una jattura. Vincenzo Nibali è stato, senza ombra di dubbio, simbolo e manifesto di come uno sportivo si dovrebbe comportare anche nella malasorte: accettando anche il destino baro e beffardo. Ma il Tour, quel giorno, ha certamente subito un duro colpo alla propria credibilità ultracentenaria. 

I fatti. Si corre la tappa numero 12. È il 19 luglio, siamo ormai a 4 km dal leggendario traguardo posto in cima all’Alpe d’Huez, Vincenzo si trova ad essere in compagnia della nobiltà del Tour, con la maglia gialla Geraint Thomas, Chris Froome, Romain Bardet e Tom Dumoulin. La situazione è incandescente e non solo per il gran caldo di fine luglio. Spettatori scatenati, fumogeni e trombe bitonali, bottiglie di birra e fumo rendono la strada verso l’infinito cielo della gloria una bolgia infernale. Il problema è che di lì a poco il siciliano finisce per le terre.

Il motivo della caduta sembra inizialmente essere una moto della polizia, in realtà lo Squalo finisce per agganciare con il manubrio la tracolla di una macchina fotografica, appartenente a un tifoso. Vincenzo picchia pesantemente la schiena. Risale in bici e medica la situazione contenendo il distacco in soli 13”: capolavoro. Il problema non è però nell’immediato, ma dopo. Quando la fatica scompare, il dolore toglie il respiro al siciliano. Il responso è spietato: frattura della decima costola toracica. Fine del Tour, inizio di un calvario fatto tutto in rincorsa. Un inseguimento folle ed estenuante per provare a non mandare a monte tutta una stagione e, soprattutto, provare a correre quel mondiale che al siciliano piace un sacco.

Questa la cronaca di una corsa, di un incidente e della conseguente rincorsa. Una sfida contro il fato e il destino, spesso beffardo e cieco. Poi però c’è il Tour, il massimo evento ciclistico sul globo, uno dei più importanti eventi sportivi del mondo, messo brutalmente in crisi e a più riprese da falle grossolane e superficialità.

In verità il Tour avrebbe un grande vantaggio a differenza del nostro beneamato Giro. Per i francesi la Grande Boucle è un evento di Stato, una manifestazione che è in sostanza diretta espressione di una nazione. Il Giro è invece questione privata, della Rcs Sport, che spesso si trova a dover fare gran parte del lavoro tutto da sola. Questo, chiaramente, è considerato spesso un handicap, ma anche stimolo a prestare grandi attenzioni a tutta la macchina organizzativa. Il Tour ha il Ministero degli Interni che gli dà una mano, che supporta e come accaduto quest’anno, complica però le cose. Il Giro può contare su volontari preparatissimi e l’insostituibile prezioso lavoro e contributo degli uomini della Polstrada, che da anni seguono la corsa rosa e tutte le manifestazioni targate Rcs Sport garantendo un elevato livello qualitativo che si traduce poi in sicurezza.

La Gendarmerie, quest’anno, non ha certamente fornito al Tour e al mondo una buona immagine di sé. Ne abbiamo avuto chiara visione in più di una circostanza. Uno dei momenti più ridicoli e imbarazzanti, che ha davvero messo a nudo la corsa francese, è stato in occasione della sedicesima tappa, quando alle porte di Carcassonne la corsa è stata fermata e sospesa dopo nemmeno 30 chilometri dal via. Il motivo? Un gruppo di contadini francesi (non più di quindici) ha provato a bloccare la strada con trattori e balle di fieno per manifestare contro il governo Macron, reo di voler togliere delle agevolazioni fiscali regionali. La polizia, per disperderli, fa ricorso a spray al peperoncino e a gas lacrimogeni, il tutto all’oscuro del direttore di corsa Christian Prudhomme il quale viene a conoscenza del problema solo pochi minuti prima del passaggio del gruppo nella zona “contaminata”: si finisce con i corridori fermi con le lacrime agli occhi e i polmoni intasati.  Insomma, una situazione che la Gendarmerie non ha saputo gestire con lucidità, come se fosse comandata da quell’impiastro dell’ispettore Clouseau (vedi Pantera Rosa). 

Sia ben chiaro, non è il caso di fare troppo i tronfi o i fenomeni: i contrattempi sono all’ordine del giorno e soprattutto si celano dietro l’angolo e possono accadere a chiunque e a qualsiasi latitudine. Il problema è che all’ultimo Tour ne sono successi un po’ troppi, a dimostrazione che è certamente suggestivo essere nazione, ma forse in certi casi è molto più importante fare squadra.

dalla brochure de Il Giorno della Scorta


Copyright © TBW
TUTTE LE NEWS
Se siete affascinati dai colori Astana e avete invidiato in lungo e in largo le Northwave Extreme Pro Astana indossate dai vari Lopez, Fuglsang e compagnia, sappiate che...

Ultima appassionante giornata di gare ai “Campionati Italiani Assoluti di Paraciclismo 2019”, andati in scena sulle strade vicentine. Dopo i titoli contro il tempo, assegnati nella giornata di sabato 22...

Le notti d’estate sono fatte per pedalare: torna il tour delle Bike Night, le pedalate notturne di Witoor che ogni anno portano sulle più belle ciclabili d’Italia migliaia di ciclisti....

Lungo gli stessi tornanti in cui Richard Carapaz, ecuadoriano della Movistar ha sferrato l’attacco decisivo che gli ha permesso di conquistare la maglia rosa e scrivere il primo entusiasmante capitolo...

Merak rappresenta l’anima racing, competitiva e vincente di De Rosa. Merak fu il modello che nel 2000 vinse il mondiale di Plouay e che nel 2020, a distanza di 20...

Gli zaini Camelback sono delle vere garanzie, del resto, questa azienda ha in listino prodotti davvero ben realizzati sia che si tratti di semplici borracce o di zaini...

  Quella 2019 è stata un’edizione di Internazionali d’Italia Series fra le più belle e combattute degli ultimi anni. Lo dimostra la...

Dopo l’emozionante cerimonia d’apertura di venerdì sera, in Piazza Libertà a Bassano del Grappa (VI), nella giornata di sabato 22 giugno si sono assegnate le prime maglie tricolori dei “Campionati...

vero, non giriamoci attorno, le Bont sono scarpe molto particolari e la prima impressione dettata dall’estetica spesso può essere fuorviante. Probabilmente all’inizio ho fatto anche io lo stesso...

È una prima edizione carica di aspettative quella che La Thuile MTB si appresta a vivere con le gare delle categorie di Internazionali d’Italia Series – giunto all’ultimo...

Con 4 vittorie su 5 tappe è l’elite Nicolas Samparisi (KTM Alchemist Dama) a conquistare l’8° edizione del Rally di Sardegna International MTB che si è corso da lunedì...

Dopo la suggestiva cerimonia di apertura in Piazza Libertà a Bassano del Grappa (VI), alla presenza di autorità, sponsor, media, stampa e pubblico, scattano oggi i “Campionati Italiani Assoluti di Paraciclismo...

Settimane a dir poco febbrili quelle destinate alle fasi organizzative finali. Il 7 luglio è ormai alle porte e Luigina, Doretta e Pierangelo Liotto stanno coordinando il...

Manca poco più di un mese alla 15/a edizione della Granfondo dell’Est! Est!! Est!!!, ultima tappa del Circuito Mtb Maremma Tosco Laziale che si svolgerà a Montefiascone il 28 luglio....

Domenica 30 Giugno andrà in scena la seconda edizione edizione della Monte Altissimo Sky Bike, la cronoscalata di 13 km che assegnerà le maglie tricolore ACSI di...

La De Rosa si rifà il logo, ma questa sera presso il Cosmo hotel di Cinisello Balsamo (Milano) ha presentato anche i suoi nuovi gioielli. Il più prezioso, neanche a...

Il luogo è un puntino quasi invisibile nell’universo. Si chiama hotel Cosmo: è alle porte di Milano, e qui c’è il nuovo mondo della cicli De Rosa. Che non è...

Da non perdere la nuova puntata del vlog Posh Privateer, la prima in italiano. Marco Aurelio Fontana sul proprio canale Youtube Fontanaprorider ci racconta il suo ingresso nella famiglia Honda partendo a bordo dell'X-ADV. Dal ritiro del mezzo...

Il dilemma per molti è lo stesso: una volta tolti gli occhiali mentre si pedala, dove è possibile alloggiarli in tutta sicurezza? Sono certo che anche a voi...

“A La Thuile vedremo se l’aria di casa mi porterà bene”, queste le parole pronunciate a caldo da Martina Berta dopo aver tagliato il traguardo dell’Aprutium Race a Pineto. Per...

Tante sono le donne che, con impegno, disciplina, energia e dedizione si dedicano a questo tipo di competizione. Atlete complete che si impongono nel panorama nazionale e internazionale come la nostra Martina...

Come ogni anno gli appassionati di ciclismo si preparano ad uno degli appuntamenti più attesi ed amati, la Maratona Dles Dolomites, giunta alla sua 33esima edizione, che il 7 luglio...

  Quarto interessante fine settimana di giugno per gli appassionati del mountain bike e soprattutto delle sfide sulla lunga distanza che avranno l'occasione per cimentarsi nella 5^ edizione di Veneto...

Dopo una battuta d’arresto mercoledì, a causa di una doppia foratura, riprende la marcia indiscussa di Nicolas Samparisi (KTM Alchemist Dama) verso la vittoria finale dell’8° Rally di Sardegna International...

VIDEO TEST
ALTRI VIDEO DI TEST




di Giorgio Perugini
La ricerca spinge sempre verso l’ottimizzazione delle performance e visto che si tratta di un pneumatico, la scorrevolezza,...
di Giulia De Maio
In occasione della 24H di mountain bike più famosa e partecipata al mondo abbiamo testato la Gomma Vittoria Mezcal Graphene...
di Giorgio Perugini
Settimana scorsa sembrava di essere tornati indietro nel tempo, più precisamente a novembre 2018 mentre oggi è arrivata...
di Giorgio Perugini
Optare per una Aero-Bike significa scendere a compromessi, quindi veloce sì ma il comfort resta un miraggio. Questo...
di Giorgio Perugini
Il ciclismo ha incontrato negli anni diversi step evolutivi, basti guardare le vecchie bici in acciaio, ora soppiantate...
di Giorgio Perugini
Le KR1 sono diventate famose ai piedi di Elia Viviani e hanno scortato il campione in carica italiano...
di Giorgio Perugini
Dove sta scritto che una sella da gara e leggera debba offrire una seduta da fachiro? Vecchie regole,...
di Giorgio Perugini
Si parla sempre più di assistenza elettrica e di mobilità sostenibile, due concetti che abbiamo imparato a trovare...
di Giorgio Perugini
Probabilmente queste scarpe sono nate con la camicia, del resto, sono salite sui gradini più alti del podio...
di Giorgio Perugini
Forse in questi giorni resta davvero difficile parlare di bella stagione ma alla fine siamo a maggio, stanno...
di Giorgio Perugini
La primavera è arrivata ma dopo una timida presentazione, la nostra penisola è stata avvolta da un clima...
di Giorgio Perugini
Vi eravate già innamorati della sella Dimension ma aspettavate la versione CPC? Eccola qui, semplicemente pazzesca! Il progetto...
di Giorgio Perugini
Molti di voi conosceranno il marchio SCICON per via delle ottime borse da viaggio utili per trasportare le...
di Giorgio Perugini
Ho ancora nelle gambe la grande sensazione di libertà trasmessa dalla Look Huez RS, un vera bomba da...
di Giorgio Perugini
Aerodinamica e veloce, affilata come un rasoio e ora decisamente più comoda che in passato grazie ad un...
di Giorgio Perugini
Sono passati solo due anni dal lancio delle Extreme RR e dell’innovativa tecnologia brevettata XFrame® e oggi, con...
di Giorgio Perugini
Le ruote Shimano WH-RS770 hanno carattere da vendere e non sono da considerarsi assolutamente un ripiego rispetto al...
di Giorgio Perugini
Le nuove fi’zi:k R5 Powerstrap Tempo riescono a ridare splendore alla cara chiusura a velcro, un sistema che...
© 2018 | Prima Pagina Edizioni Srl | P.IVA 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy