I PIU' LETTI
LA NOVE COLLI CON L'E-BIKE: UN'ESPERIENZA DA RACCONTARE
di Pietro Illarietti | 21/05/2019 | 07:56

Disputare la Novecolli con una bici a pedalata assistita è qualcosa di fattibile? Percorso severo e condizioni potenzialmente pessime non mi hanno impedito di sperimentare questa nuova esperienza.

Mi prospettano un simpatico giro di circa 90 km con un’autonomia energetica che più o meno si aggira su questa distanza. Mi consegna la bici - una mountain bike Scott con batteria da 500 watt - un campione dello sci: Ivano Camozzi, bronzo in Coppa del Mondo a Park City nell’89 e ora responsabile marketing di Scott Italia.

Il fatto è che alla fine di chilometri ne ho disputati 130 tra varie peripezie che vado in breve a raccontare.

Mi schiero al via bello fresco alle 6 come tutti gli altri. Noto che mi guardano con grande attenzione per via del mio pettorale: 000016. Ho capito. Credono che sia uno di quelli che va forte, da prima griglia. Invece sono 000016 percorso E

Lo sdegno sale subito nello sguardo del cicloamatore. Non indosso infatti occhiali fluorescenti e specchiati, ma dei classici Persol. Tra le altre cose mi presento al via con un paio di sneacker e calzettoni di lanetta rimasti in valigia dopo il mio sopralluogo al Gavia.

Partono tutti e noi E-bikers siamo relegati in fondo. Qui ci sono già quelli che la sparano grossa e favoleggiano di motori sbloccati in grado di andare a 60 all’ora. Non dico nulla, in primis perché sono uno stato di dormiveglia. In secondo luogo non mi pare in linea con lo spirito dell’iniziativa.

Verso le 7 partiamo pure noi. Prima scoperta… si va a 40 all’ora e non posso sfruttare la pedalata assistita che a 25 km/h si arresta. Resto in scia. La mia bici ha gomme grosse e c’è da soffrire.

Secondo e decisivo colpo di scena. Dopo un tempo indefinito, visto che mi ero perso nei miei pensieri, foro la gomma posteriore

Aspetto pazientemente un carro scopa e mi faccio portare da un meccanico che mi cambia la camera d’aria senza volere un centesimo (wow!).

Ma qui succede un fatto degno di Ugo Fantozzi. Nel breve tragitto verso il meccanico non notiamo la deviazione  di percorso per le e bike.

Procedo praticamente ultimissimo e mi riperdo nei paesaggi da favola e nei miei pensieri. Ad un certo punto raggiungo uno stremato Stefano Bonati, è il signor Ciöcc, con cui ho fatto conoscenza il giorno prima. Forte della mia E-power gli do un bel passaggio sulla salita. Non lesino tacche di batteria perché sono già passati 60 km e ormai io dovrei girare. Qui scopro un dettaglio non indifferente. Mi spiega che la mia deviazione è già passata da un pezzo e ora ho ancora 70 km da pedalare tra cui il terribile Barbotto.

E’ in questo momento che devo adottare una strategia di emergenza per arrivare vivo al traguardo. Spengo il motore che devo riattivare solo in caso di emergenza. In pratica me la sto facendo sotto per 2 ragioni: Non so dove potrò arrivare con l’autonomia del mezzo (che per la cronaca pesa più di 20 kg) e perché sono partito senza acqua e cibo.

Vista l’autoimposta austerity decido di affrontare anche le salitelle più semplici solo con la forza muscolare. Fortunatamente sono allenato e lo prendo con ironia.

Mi supera uno con un carrettino attaccato e promuove una causa per l’inclusione dei disabili mentali. Vorrei chiedergli qualcosa, mi piace la sua pedalata del 6-7-9 giugno, ma sono in croce. Attivo per un tratto la modalità ECO. Strano sforzo quello con la E-bike, sicuramente sto faticando, ma non saprei dire quanto in una scala da 1 a 10, forse 3. 

Spengo il sistema E, perché mi hanno spiegato che le salite finali sono dure. Nel frattempo trovo dei fantastici ristori, ricchi e con prodotti adeguati al ciclista: crostate, integratori, frutta, sali minerali insomma il paradiso per me che sono senza acqua e cibo.

La salita della Ciola mi regala altre emozioni. Sono costretto a riattivare il sistema assistito, sempre con parsimonia. Mi vergogno di me per questa mia scelta. Supero ciclisti in difficoltà che mi guardano stralunati. Non voglio sembrare irriverente, ma con la leggera spinta Eco vado più forte di loro. Per certi versi è come se non stessi rispettando la loro fatica. Mi tengo sulla sinistra per non infastidirli troppo. Vorrei spiegargli che sono solo un fesso che ha sbagliato percorso, ma meglio stare zitto e procedere.

Una volta scollinato in discesa sono un fenomeno. Freni a disco, peso extra della batteria e ruote generose mi permettono di fare cose che gli altri non si sognano nemmeno. In più mi sento sicuro. 

L’occhio va al mio display. Ho ancora 4 tacche e incrocio le dita sperando che siano indicazioni veritiere. Mancano ancora 50 km e mi dirigo al terribile Barbotto dove, da bravo sciatore, so che si è piazzato pure Camozzi. È lui il vero king of mountain, mica noi ciclisti.

Affrontare i 6 km di salita solo di gambe è un’idea malsana. Attivo ancora l’ECO. Salgo facile facile… le colline sono favolose, la strada è libera. Penso che sarebbe bello tornare qui per una vacanza. Magari lo pensano pure gli altri.

A metà salita una bella sorpresa con una grigliata sotto un gazebo. Scendo. Azzanno e riparto. 

Lo scollinamento non è lontano e arriva la pioggia. Mi hanno assicurato che la E Bike non teme l’acqua e quindi procedo. Dopo un’altra bella discesa arriva la sofferenza. In pianura si va ancora a 40 all’ora e non posso godere dei vantaggi del motore. Sento le gambe che bruciano ma tengo duro fino ai meno 3 km, quando penso di aver sofferto abbastanza. Mi sfilo, accendo il mio display e vedo le mie belle 3 tacche energetiche. Decido di rallentare e farmi portare dal Turbo. Viaggio a 25 all’ora. Non sento nemmeno il vento contrario.. sono su una carrozza che mi porta sereno al traguardo. 

Arrivo e mi applaudono. Onestamente rimango imbarazzato. Non so se mi prendono per un furbetto o applaudono tutti di default. Alla fine sono state 7 ore intense (pause selfie, ristori, disavventure incluse). Ho avanzato almeno il 30% della batteria. 130 i km fatti. E-Bike, e Novecolli, bellissima esperienza.

 

Copyright © TBW
TUTTE LE NEWS
In occasione del prossimo appuntamento dedicato al mondo delle due ruote che si svolgerà Giovedì 24 giugno alle ore 19:00 presso Opendream HUB nella Terrazza di Alchèmia Bistrot in Via Noalese a Treviso, si parlerà...

Appuntamento sui trail, ovviamente sui più belli d’Italia: da Livigno a Finale Ligure, passando per le Alpi Marittime sopra Genova. Fizik presenta la prima edizione dei Gravita Camp, quattro giornate...

A pochi giorni dal ciak della Gran Fondo Gavia & Mortirolo, in programma domenica 27 giugno, fervono i preparativi nel quartier generale della corsa. La manifestazione, che porta gli appassionati delle...

Quando pedalate siete stabili in sella o vi muovete parecchio? In genere il popolo dei ciclisti si divide in queste due categorie ed è importante soddisfare entrambe le fazioni con...

Il nuovo rinforzo Gridskin non è solo più leggero e più robusto nei confronti di eventuali forature, ma può essere prodotto riducendo fortemente gli sprechi per un processo produttivo dotato...

Che sia su una strada asfaltata o lungo un sentiero di montagna, il ciclista “moderno” da oltre un decennio vive la propria passione con...

Si torna a pedalare tra La Villa e Corvara. Si torna ad ammirare dal vivo la potente bellezza dei Monti Pallidi. Straordinarie opere d’arte della natura. E proprio l’arte, tra...

C’è il comfort, ci sono gli aspetti più pratici ma c’è anche lo stile quando si monta in bicicletta: DMT Cycling è la sintesi di tutto questo per quello che riguarda le calzature...

Per ottimizzare un capo occorre togliere? Per rendere migliore lo stesso capo potrebbe essere utile semplificare e ridurre al minimo le parti di cui è costituito? Secondo Castelli in parte...

L’idea non è nuova, ma ha solide fondamenta, infatti, creare un fondello giusto per una determinata sella potrebbe offrire sostanziali vantaggi. SHIMANO crede a questo percorso e grazie a test...

Il festival del free ride mtb più pazzo al mondo è tornato e ci ha regalato cinque giorni ricchi di emozione. Il Crankworx World Tour 2021 è scattato da Innsbruck, dove i migliori...

Sei ore e mezza per scalare Cima Campo, Passo Manghen, Passo Rolle e Passo Croce d’Aune: 204km e quasi 5.000mt di dislivello per portare a casa il trofeo più importante...

Gara effervescente e piena di colpi di scena quella della '100 Km dei Forti', che ha preso il via questa mattina per l'atto finale del weekend sull'Alpe Cimbra, evento organizzato...

Una giornata indimenticabile quella della Ganten La MontBlanc Granfondo 2021. La gara che fa ripartire gli eventi sul campo del circuito FollowYourPassion regala emozioni e ricordi indelebili che rimarranno impressi nella...

L'edizione celebrativa della sella Prologo Scratch M5 per il Tour de France segue a ruota quella che ha celebrato il campione  Tadej Pogacar. In questo caso i dettagli grafici rimandano...

Finalmente è alle porte l’appuntamento con il Trofeo Città di Fermo di mountain bike cross country, un valore aggiunto all’immagine della città di Fermo che ritrova sabato 26 giugno lo...

Mi ritornano spesso in mente le immagini di chi viaggia in bici, lungo le colline marchigiane, umbre e toscane e quasi mai vedo ai loro piedi scarpe con tacchette. Il...

Ci sono auto che guidano da sole, ma anche treni, autobus e muletti industriali completamente autonomi. E le biciclette? Per colmare il gap, il creativo ingegnere cinese Zhi Hui Jun...

Con l’apertura del Bike Park Val di Sole di Commezzadura, gli amanti del gravity sono tornati in sella, per riprendere confidenza con le loro biciclette dopo i lunghi mesi invernali. ...

Dopo avervi racontato i nuovi Mille GT Summer Bib Short GTS, pantaloncini davvero innovativi e performanti, è arrivato il momento di presentarvi la maglia della stessa linea, la Mille GT...

Repower, gruppo svizzero del settore energy e leader nella mobilità sostenibile, entra con decisione nel mondo della bicicletta e del cicloturismo con il lancio del progetto DINAclub: un nuovo modello nel...

Ormai ci siamo! La due giorni sull’Alpe Cimbra dedicata alle ruote grasse sta per cominciare, con la 25.a edizione della ‘100 Km dei Forti’ che scalda i motori per quello...

Partita la corsa al pettorale per la manifestazione di Gabicce Mare del 4-5 settembre 2021. E chi prima si iscrive più risparmia. Sono aperte ufficialmente dal 01 giugno le iscrizioni...

L’alluminio non passa mai di moda e la riprova sono le ruote Miche Graff SP destinate alle gravel, un set affidabile e versatile dotato di un prezzo molto interessante. Il...

VIDEO TEST
ALTRI VIDEO DI TEST




Per ottimizzare un capo occorre togliere? Per rendere migliore lo stesso capo potrebbe essere utile semplificare e ridurre al minimo...
L’alluminio non passa mai di moda e la riprova sono le ruote Miche Graff SP destinate alle gravel, un set...
di Giorgio Perugini
Leggerezza, ventilazione e aerodinamicità, come fare a trovare il giusto equilibrio in un completo da bici? Non è una cosa...
di Giorgio Perugini
Alé è un brand italiano che non ha bisogno di molte presentazioni, del resto si tratta di un marchio che...
di Giorgio Perugini
In questo ultimo anno abbiamo potuto tutti constatare quanto sia cresciuto il fenomeno gravel, un nuovo trend che ha confermato...
di Giorgio Perugini
La rivoluzione OCLV 800 Series abbraccia anche la gamma Madone esaltandone reattività e leggerezza, una dieta dimagrante per questo telaio...
di Giorgio Perugini
Il mercato delle e-bike corre veloce, un incremento davvero positivo che ha dimostrato quanto i nostri consumatori fossero in realtà...
di Giorgio Perugini
Finisseur, marchio prodotto da Deporvillage, azienda leader della vendita online per articoli sportivi, ha recentemente lanciato la propria collezione primavera-estate,...
di Giorgio Perugini
Si fa presto a dire pronto gara, infatti, questo è uno spot troppo spesso abusato. In casa Assos non si...
di Giorgio Perugini
Il casco Helios™ Spherical MIPS® è stato una delle ultime novità di Giro ed è un modello leggero e incredibilmente...
di Giorgio Perugini
Selle Italia ha pensato bene di proporre il nuovissimo modello Flite anche in versione Gravel e vi dirò, operazione riuscita...
di Giorgio Perugini
È davvero difficile raccontarvi se un gruppo è migliore di un altro, del resto, comprenderete quante siano le differenze tra...
di Giorgio Perugini
I generi esistono ancora? Si direbbe di sì per quanto riguarda la tipologia di telaio, in effetti, esiste quello aero,...
di Giorgio Perugini
23 grammi vi sembrano tanti? Io sono certo che siano pochissimi e racchiudere tanta tecnologia in un peso così contenuto...
di Pietro Illarietti
Si chiama Revolution e suona tanto di reazionario, ma in realtà si tratta di una bicicletta che va addomesticata e...
di Pietro illarietti
Si chiama Eclipse, un nome suggestivo, che significa eclisse. Una novità di casa Somec, azienda italianissima di Lugo di...
di Giorgio Perugini
È veramente difficile trovare ultimamente un marchio oltre a POC che si sia distinto di più per il design dei...
di Pietro Illarietti
Si chiama Aqua Pro Jacket, by Sportful, e nel nome c'è molta dell'essenza di questo capo che si propone...
© 2018 | Prima Pagina Edizioni Srl | P.IVA 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy