I PIU' LETTI
PEDALED. COMPLETO NAGOYA AERO, ALTE PRESTAZIONI CON CLASSE
di Giorgio Perugini | 20/10/2018 | 10:42

 

Pedaled è un marchio che mi stupisce sempre ed il merito di queste piacevoli sensazioni è da attribuire alla grande capacità con cui i suoi capi riescono a mescolare performance e stile. Non basta utilizzare due colori fuori dal coro per creare un prodotto di carattere e purtroppo non sono i soli tessuti a far la differenza. Creare un linea di abbigliamento originale e funzionale è una ricerca complessa ed è un progetto che richiede tempo, dedizione e scelte importanti. Lo sa bene Pedaled e il completo Nagoya Aero ne è un perfetto esempio.

Nagoya Aero Jersey alla bilancia fa solo 100 grammi scarsi in taglia S ed è senza ombra di dubbio un prodotto pronto gara. La storia vuole che sia nato dalla preziosa collaborazione con il Team JLT Condor, questo per fornirvi qualche dettaglio in più. La sua realizzazione vede impiegati tessuti leggerissimo, tra cui uno mesh per fornire una migliore via d’uscita per l’umidità prodotta dal corpo mentre il secondo è un tessuto navetta ad alte prestazioni.

La principale caratteristica di quest’ultimo tessuto è la sua composizione, leggermente più alta rispetto al solito nella componente elastica, una soluzione che lo rende nettamente più elastico e compatto. La costruzione in pannelli fa in modo che il capo vesta attillato come una seconda pelle senza recare compressioni ulteriori dovute alla posizione in sella.

Le cuciture sono piatte e fanno in modo che la maglia vesta alla perfezione scivolando in posizione una volta indossata. Le tasche posteriori hanno un taglio particolare, infatti, viste da sinistra verso destra vanno diminuendo in altezza offrendo l’opportunità di stivare velocemente in esse quello che ritenete più importante.

Vi faccio un esempio: nella tasca a destra, quella più piccola per intenderci, inserisco le barrette e i gel, in quella centrale il cellulare e in quella più capiente e alta metto pompa, Fast etc…

Il taglio di questa jersey è aerodinamico, una destinazione d’uso che emerge osservando il colletto basso, l’elastico posteriore piatto e le maniche leggermente più lunghe e aderenti.

Il Bibshort Nagoya Aero è progettata per assecondare i veloci movimenti fatti nelle competizioni ed è così che alterna lo stesso tessuto navetta utilizzato per la jersey e il leggero tessuto Lycra®. Il primo assicura una costante compressione muscolare ed è altamente resistente agli attriti mentre il secondo, utilizzato nei punti giusti della coscia e del fianco, apporta quel pizzico di elasticità in più per assecondare il lavoro della muscolatura.

Lo schema delle bretelle, piatte e realizzate sempre con tessuto navetta, fanno in modo che la schiena possa contare su zone particolarmente aperte per massimizzare l’allontanammo del sudore dal corpo. Nel pannello posteriore, appena sotto la diramazione delle due bretelle, vengono posizionati due taschini per custodire radiolina o oggetti di valore.

Il fondello di Elastic Interface® è lo stesso che abbiamo utilizzato sulla salopette Daikann Winter (qui il nostro LINK) ed è realizzato in schiuma. È composto da due parti separate (unite da una cucitura centrale) composte da schiuma, da 80kg/m3 per le zone di maggior contatto con il corpo e da schiuma più sottile da 60kg/m3 per le aree in cui serve maggior libertà di movimento. Un bell’elastico gestisce l’aderenza al fondo gamba in modo che nulla si muova neanche durante le situazioni di maggior intensità agonistica.

Il kit convince in ogni contesto anche se è da considerarsi a tutti gli effetti un completo fuori dagli schemi. Il tessuto navetta, alcuni lo amano altri lo soffrono, è molto particolare e ha il difetto di causare una eccessiva sudorazione se indossato a pelle. Questo rovescio della medaglia è dovuto all’alta composizione elastica, la stessa però che favorisce una migliore resa aerodinamica, una spiccata compressione e una rapidissima asciugatura.

I vari inserti in mesh hanno il compito di favorire un più veloce allontanamento dell’umidità prodotta dall’attività, ma la migliore soluzione per evitare un eccessiva sudorazione è vestire anche un intimo estivo. Per il resto, tutto è curato nei minimi dettagli e offre una resa eccellente. Le grafiche e le colorazioni sono un fiore all’occhiello di Pedaled e oltre a questo classico grigio/nero potete puntare su una versione rossa/nera e una azzurra/nera, ovviamente con tre diverse tonalità di colore come nel caso della nostra maglia.

Il bib è proprio quello che ti aspetti da un capo creato per le competizioni, leggero e aderente e dotato di una ottima resistenza. A mio parere qui ci starebbe bene un fondello più performante e privo di cuciture, un dettaglio strutturale che può essere avvertito se siete soliti pedalare su una sella priva di canale centrale.  Detto questo, si tratta forse di pignolerie, il kit merita voti eccellenti sotto ogni aspetto.

Durante il test ho sempre indossato i guanti estivi Lightweight Gloves, eleganti e comodi. Il palmo in pelle offre tip e comfort mentre il dorso è leggero ed elastico. Fortunatamente non ci sono velcri, ma solo una bella fascia elastica interna. L’originalità del marchio Pedaled è riuscita alla perfezione con una collezione che è pura al 100%, tanto che non potrete mai notare similitudini con altri marchi mentre è probabile che avvenga il contrario.

 

pedaled.com

 

★★★★★ stile

★★★★★ aerodinamicità

★★★★★ rapporto qualità/prezzo

★★★★☆comodità complessiva

★★★★★ rifiniture, cuciture

★★★★★ resistenza all’usura e ai lavaggi

★★★★★ leggerezza tessuti

★★★★☆ fondello

 

Equipaggiamento nel servizio fotografico:

 

-Casco Limar Air Master

-Occhiali Limar S9

-Scarpe Fi’zi:k Infinito R1 Knite

-Bici Pedemonte Mutador Campagnolo Disc

-Borraccia Ablocc

-Calze Oxeego Pixel

-Vittoria Fast

Copyright © TBW
TUTTE LE NEWS
La prima domenica di giugno c’è un appuntamento fisso nel calendario delle marathon di ciclismo su strada: la Granfondo Stelvio Santini, la...

Sono già più di ottocento i ciclisti che domenica 21 ottobre parteciperanno alla IV edizione di Pedalando per la Ricerca, l’iniziativa charity a sostegno della ricerca sulla malattia genetica grave...

L’organizzazione tecnica e logistica delle precedenti edizioni ha riscosso sempre un grande successo, ed è per questo che la Fosbike si ripresenta per la sua 28esima edizione con la stessa...

È finita la stagione 2018 ed è già ora di parlare dell’anno che verrà: lo facciamo con tanta carica, di energie e di novità! Molte sono quelle della South Garda...

La "All Terrain Bike" per divertirsi fuoristrada con facilità, senza rinunciare agli accorgimenti tecnici della casata tedesca e all’eleganza dei nuovi modelli e-mtb “Intube”, con batteria integrata. Centurion affina la...

Domenica 28 ottobre 2018 a Dossobuono (VR) si svolgerà “L'Olimpica” strade bianche – colline moreniche, un evento non competitivo riservato agli appassionati del ciclismo vintage. Organizzata dalla Società Ciclistica...

Molti rincorrono questo obbiettivo come il sogno di una vita, un appuntamento annuale in cui ogni ciclista professionista corre con il cuore per portarsi a casa il titolo...

È stato definito il calendario del Jeko Umbria Marathon Mtb 2018, circuito off road che porterà a scoprire alcune delle più belle località dell'Umbria e ad affrontare percorsi davvero affascinanti...

Stretta finale sulla cessione di una minoranza di Manifattura Valcismon, storica società con sede a Fonzaso (Belluno), specializzata nell’abbigliamento tecnico-sportivo. Il fondo Equinox, secondo quanto risulta a Radiocor, è in...

Lo storico marchio padovano Scapin entra a far parte di un nuovo gruppo imprenditoriale. Bettella Srl, con sede a Limena (Padova) ha perfezionato l’acquisizione di Scapin Bicycles dalla Cicli Olympia...

VIDEO TEST
ALTRI VIDEO DI TEST




di Giorgio Perugini
  Nella storia recente abbiamo potuto notare come alcuni prodotti abbiano avuto il merito di fare scuola gettando la base...
di Giorgio Perugini
  Ebbene sì, non si tratta di un prodotto nuovissimo, infatti, i Michelin Power Competition sono in vendita da più...
di Giorgio Perugini
Sono passati diversi giorni dall’Eroica e a parte un discreto mal di gambe mi è rimasto addosso un incredibile entusiasmo....
di Giorgio Perugini
La domanda che mi fanno in molti incontrandomi in bici durante il giorno è sempre la stessa: perché lasci le luci...
di Giorgio Perugini
Sono stati la novità dell’anno di Oakley,  i Flight Jacket hanno vinto la partita contro l’appannamento in maniera definitiva, questa...
di Giorgio Perugini
  Tranquilli, i tempi son cambiati e non si cade in contraddizione desiderando un casco ventilato e aerodinamico. Oggi come...
di Giorgio Perugini
  Lo ammetto, era molto tempo che desideravo affrontare una prova Gravel e finalmente l’occasione si è presentata. Jeroboam 300...
di Giorgio Perugini
  Con questa review si chiude il lungo test svolto con le selle Repente iniziato circa un anno fa, una ...
di Giorgio Perugini
  Da un paio di anni è di gran moda indossare calzini colorati e vivaci mentre si pedala, un capo...
di Giorgio Perugini
Riciclare è la parola d’ordine quando si pensa all’ambiente e all’inutile spreco di materie prima una volta utilizzate per realizzare...
di Giorgio Perugini
Avete presente quelle nuvole gonfie di pioggia, pronte ad esplodere in un fragoroso temporale da un istante all’altro?...
di Giorgio Perugini
Sicurezza, ventilazione e aerodinamicità sono solo alcune delle voci che descrivono al meglio il casco Ventus, un progetto...
di Giorgio Perugini
Gran Turismo in ambito automobilistico va ad indicare una auto con prestazioni elevate, ma anche confortevole e incline...
di Giorgio Perugini
Le ruote Aelous XXX nascono per stupire e catturare gli sguardi. Scure, cattive e leggere divorano l’asfalto con...
di Giorgio Perugini
Siamo quasi alla fine di stagione e si avvicinano gli ultimi due appuntamenti targati Eroica, Eroica Dolomiti e...
di Giorgio Perugini
II mese di settembre è un mese bugiardo, permettetemi lo sfogo, almeno dal punto di vista climatico. Basta...
di Giorgio Perugini
  Il dilemma è sempre lo stesso, ventilato o aerodinamico? Oggi scegliere il casco giusto, tralasciando i fenomeni di costume...
di Giorgio Perugini
  Bike Inside è un marchio di abbigliamento ciclistico giovane e reattivo e negli ultimi anni ha avviato tantissime collaborazioni...
© 2018 | Prima Pagina Edizioni Srl | P.IVA 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy