I PIU' LETTI
LA FAUSTO COPPI, UN'EDIZIONE SPETTACOLO
dalla Redazione | 19/09/2018 | 07:57

Record di iscritti per l'edizione 2018 della Granfondo Internazionale La Fausto Coppi Le Officine Mattio che ha raggiunto settimane di anticipo il numero chiuso dei 2600 atleti. Il lungo serpentone ha preso il via questa mattina alle 7 da Piazza Galimberti a Cuneo. Vittoria nel percorso lungo per Paolo Castelnovo mentre Davide Busuito ha vinto la gara corta. Prima delle donne è Ilaria Veronesi; nella medio-fondo la vincitrice è stata Annalisa Prato.
La 31^ Edizione della granfondo internazionale La Fausto Coppi Officine Mattio è partita questa mattina da Cuneo.
2600 gli atleti partecipanti: numero chiuso fissato quest’anno dall’organizzazione è raggiunto con ampio anticipo sulla data dell’evento.
Numerosi gli ospiti che hanno preso il via alla corsa questa mattina alle 7 da Piazza Galimberti; fra questi l'ambasciatore olandese in Italia dottor Joep Wijnands che si è cimentato nel percorso medio.
37 le nazioni rappresentate in questa edizione numero 31: la Francia, ovviamente dopo l'Italia, quella con il maggior numero di corridori iscritti.
Due i percorsi a disposizione dei corridori: una Granfondo di 177km e 4125m di dislivello e una Medio-fondo di 111km con 2500m di dislivello. La divisione del percorso era fissata al fondo del viadotto Soleri di Cuneo per poi immergersi a pieno nella gara attraversando le Valli Varaita, Grana, Maira, Gesso e Stura.
A fare da re in entrambe le gare è stato il maestoso e durissimo Colle Fauniera, con una salita di 22,3km per arrivare ai 2481 e passare davanti al monumento omaggio a Marco Pantani.
La granfondo, che per il primo anno vedeva legato allo storico nome il marchio di bici made in Granda Officine Mattio, è stata vinta dal milanese Paolo Castelnovo del team Asd Mp Filtri che ha concluso la gara in 5h51'18'', (già vincitore nell'edizione 2017); secondo posto per Riccardo Pichetta del Vigor Cycling team che ha tagliato il traguardo con 7' di ritardo sul primo. Terza piazza del podio per Guido Dracone (Scott team granfondo).

Anche per le donne è stato un arrivo in solitaria a Cuneo, con Ilaria Veronese del Team De Rosa Santini che ha anticipato di oltre 5 minuti la sua compagna di squadra Chiara Costamagna e la portacolori del team Fausto Coppi Fermignano Barbara Genga.
Nella medio-fondo vittoria per Davide Busuito (As Ciclismo) davanti a Pietro Dutto (Vigor Cycling Team) e a Mattia Magnaldi (Team De Rosa Santini).
La giovanissima Annalisa Prato (Team De Rosa Santini) è stata la vincitrice della gara femminile fermando il cronometro in 3h57'48'' davanti a Elisa Parracone (Asd Gs Passatore) e a Monica Bonfanti (Rodman Azimut Squadra Corse).

La granfondo
Dopo il via da Piazza Galimberti e la scenografica divisione del percorso alla rotonda al fondo del viadotto Soleri chi ha scelto il percorso ha preso in direzione Busca per poi immettersi nella Valle Varaita. Qui si forma un gruppetto di quattro corridori e da questi esce Emanuele Motta che rimane da solo per molti chilometri nella prima fase di gara. Alle sue spalle nella prima salita di giornata (Santuario di Valmala) cinque corridori si lanciano all’inseguimento; fra questi c’è anche il vincitore dell'edizione 2017 Paolo Castelnovo.
È proprio Castelnovo, poco dopo che il gruppo si è ricompattato andando a riprendere il fuggitivo di giornata, a scatenare la gara con un attacco in zona Campo Molino. L'unico che riesce a tenergli gamba è il piemontese Ricardo Pichetta (Vigor Cycling Team) che però, dopo un lungo tira e molla, è costretto ad arrendersi e quando mancano 3km alla cima del Fauniera. Scollinerà in quarta posizione.
Dal Fauniera è quindi una corsa in solitaria per Castelnovo che pennella ogni curva e poi completa l'impresa aumentando ancora il ritmo nell'ultima salita di giornata, quella di Madonna del Colletto, scollinando in cima con oltre cinque minuti da Pichetta che nel frattempo ha intrapreso una bagarre con il britannico Grant Ruari lungo la discesa del Fauniera.
Sulle rampe verso Madonna del Colletto il piemontese riesce a lasciarsi alle spalle l'atleta di oltre manica e nel finale quest'ultimo viene anche raggiunto e superato da Guido Dracone (Scott Team Granfondo)
Paolo Castelnovo taglia il traguardo fermando il cronometro in 5h54'18'' con oltre 7 minuti e mezzo su Pichetta e 10 su Guido Dracone.
Arrivo in solitaria anche nella gara femminile con Ilaria Veronese, portacolori del team De Rosa Santini che è stata accolta in piazza Galimberti da due ali di folla dopo quasi 7 ore di gara (6h54'33'') e dopo aver corso gran parte della gara come unica donna in mezzo ad un gruppetto di uomini. Dopo 5 minuti e 7 secondi è arrivata la sua compagna di squadra Chiara Costamagna. Terza Barbara Genga del team Fausto Coppi Fermignano.

La medio-fondo, 111km con 2500m di dislivello è stata vinta da Davide Busito (As Ciclismo) davanti a Pietro Dutto (Vigor Cycling Team) e a Mattia Magnaldi (Team Santini de Rosa).
Una medio-fondo a gran velocità fin dalle prime pedalate con una ventina di corridori che riescono a guadagnare subito terreno su tutti gli altri e a darsi cambi regolari fino alla base della salita verso il Fauniera. Qui Stefano Scaliti (Team Marchisio Bici) ha tenta l'attacco e l'unico in grado di seguirlo è Davide Busito che a pochi chilometri dalla cima se ne va in solitaria. Si avvia così verso la seconda parte di gara che a questo punto è stata tutta in discesa, per lui, malgrado le rampe della Madonna del Colletto.
Situazione analoga anche nella medio-fondo femminile dove la diciannovenne Annalisa Prato (team de Rosa Santini) è riuscita a riprendere e poi a staccare Monica Bonfanti (Rodman Azimut Squadra Corse) e ad andare in solitaria verso la vittoria più bella della sua giovane carriera.
La Prato sul traguardo ha preceduto di 5'44'' Elisa Parracone (As Gs Passatore) e la stessa Bonfanti, giunte separate da pochi secondi.
“Sono tanti anni che corro e ho fatto più volte la Fausto Coppi – ha dichiarato il vincitore Paolo Castelnovo subito dopo l'arrivo – e conosco bene il percorso ma prima ancora conosco me stesso, so gestirmi bene e conosco il passo da tenere in gara così una volta che sono rimasto da solo, poco prima della cima del Fauniera, sono stato in grado di non mollare”.
“Inutile nascondere che oggi sia stata una giornata dura – ha commentato la vincitrice della Granfondo femminile – il tratto in cui ho faticato di più è stato il tratto che dalla fine della discesa di Madonna del Colletto portava a Cuneo. Per quanto riguarda invece il Fauniera ho sofferto molto nella prima parte ma poi sono riuscita a godermi anche un po' di Paesaggio.”
“Una volta che mi sono riportato sul primo – ha commentato Davide Busuito – ho provato ad andare avanti con il mio passo senza forzare e sono così riuscito a guadagnare un buon margine, che mi ha permesso di scollinare con un buon vantaggio e di arrivare a Cuneo da solo”.

“La gara si è decisa poco prima del Santuario di Castelmagno dove ho capito che potevo farcela a superare Monica Bonfanti e sono andata da sola” questo il commento di Annalisa Prato, vincitrice della medio-fondo femminile.

Copyright © TBW
TUTTE LE NEWS
Il percorso di Selle Italia a fianco dei principali eventi ciclistici internazionali porta questa volta l’azienda “fuori strada”. Quest’anno il brand di Asolo sarà infatti, per la prima volta, fornitore...

Tornare per vedere cosa è cambiato, ma soprattutto per valorizzare ancora una volta un territorio in via di ricostruzione: a distanza di un anno, Bosch ha deciso di organizzare un...

La H4F Sport è pronta per l’ultima fatica organizzativa della stagione 2018: la Randonèe Cammino di Francesco è una pedalata non competitiva aperta davvero a tutti, in quanto saranno messi...

Arrivano novità importanti per tutti coloro che domenica 23 settembre decideranno di prendere parte alla Granfondo di Casteggio. Dopo gli ultimi sopralluoghi effettuati dagli organizzatori, è stato deciso di introdurre...

Il classico circuito che da anni sancisce l’inizio della stagione agonistica, giunge alla 11° edizione con novità interessanti, date rinnovate e una tappa sostituita. Era l’inverno del 2009 quando il...

Prima tappa veneziana per il 31° Trofeo d'Autunno e ultima per la Veneto Cup domenica 16 settembre a Torre di Mosto. La competizione, preparata dal Team Velociraptors, nonostante la concomitanza...

Il 38enne campano Luigi Ferritto è il vincitore della  Castel di Sangro, a cura della SSD Corona d'Abruzzo di Chieti. Presso la rinomata località sangrina si sono dati appuntamento una...

  Homo Faber è una esposizione in cui competenze, artigianalità, raffinatezza e ingegno viaggiano sullo stesso binario per stupire e far innamorare i visitatori. Non si tratta di una semplice...

Per il terzo anno consecutivo è una giovane promessa della mountain bike ad aggiudicarsi l'ormai tradizionale trofeo che da undici edizioni accompagna l'attività di promozione del Circuito Bresciacup.   L'11º...

Jena è la nuova bici in carbonio per il gravel, nata per darti la più ampia libertà di scelta nelle tue uscite. Che sia pura performance su strade bianche e...

VIDEO TEST
ALTRI VIDEO DI TEST




di Giorgio Perugini
Riciclare è la parola d’ordine quando si pensa all’ambiente e all’inutile spreco di materie prima una volta utilizzate per realizzare...
di Giorgio Perugini
Avete presente quelle nuvole gonfie di pioggia, pronte ad esplodere in un fragoroso temporale da un istante all’altro?...
di Giorgio Perugini
Sicurezza, ventilazione e aerodinamicità sono solo alcune delle voci che descrivono al meglio il casco Ventus, un progetto...
di Giorgio Perugini
Gran Turismo in ambito automobilistico va ad indicare una auto con prestazioni elevate, ma anche confortevole e incline...
di Giorgio Perugini
Le ruote Aelous XXX nascono per stupire e catturare gli sguardi. Scure, cattive e leggere divorano l’asfalto con...
di Giorgio Perugini
Siamo quasi alla fine di stagione e si avvicinano gli ultimi due appuntamenti targati Eroica, Eroica Dolomiti e...
di Giorgio Perugini
II mese di settembre è un mese bugiardo, permettetemi lo sfogo, almeno dal punto di vista climatico. Basta...
di Giorgio Perugini
  Il dilemma è sempre lo stesso, ventilato o aerodinamico? Oggi scegliere il casco giusto, tralasciando i fenomeni di costume...
di Giorgio Perugini
  Bike Inside è un marchio di abbigliamento ciclistico giovane e reattivo e negli ultimi anni ha avviato tantissime collaborazioni...
di Giorgio Perugini
  Pedaled è un marchio che mi stupisce sempre ed il merito di queste piacevoli sensazioni è da attribuire alla...
di Giorgio Perugini
  Sono passati circa quattro mesi da quando sono tornato a pedalare su un pedale Shimano, li alterno in particolare...
di Giorgio Perugini
  Lo ammetto e non ne faccio un mistero, sono stato tra i primi in Italia ad utilizzare i prodotti...
di Giorgio Perugini
  Questo marchio non è certo ai suoi primi giorni di vita, infatti, è ben dagli anni ’80 che Titici...
di Giorgio Perugini
  Che il ciclismo di oggi sia fortemente contaminato dalla moda non è certo una scoperta ma è proprio questa...
di Giorgio Perugini
Le nuove Infinito R1 Knit nascono per offrire al ciclista una nuova esperienza in termini di calzata, sia in termini...
di Giorgio Perugini
L’edizione 2018 dell’Eroica (qui il Link dell’Eroica Gaiole) si sta avvicinando ed una cosa è certa, è decisamente...
di Giorgio Perugini
Nella mia esperienza da ciclista ho imparato che le vecchie regole valgono per tutti e una delle più note in...
di Giorgio Perugini
Che tipo di ciclista sei? Sei ossessionato dalla velocità o ti piace stare sempre a ruota? Se ti piace prendere...
© 2018 | Prima Pagina Edizioni Srl | P.IVA 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy