I PIU' LETTI
MONDIALE MEZZO IRONMAN, VI RACCONTO LA MIA AVVENTURA
di Alessandro Turci | 11/09/2018 | 07:51

Port Elizabeth, in Sudafrica, è una splendida città sul mare che ha ospitato sabato e domenica 1 e 2 settembre gli ultimi mondiali di triathlon su distanza di mezzo Ironman, vale a dire 1,9 km di nuoto, 90 km di ciclismo e infine la mezza maratona, 21 chilometri di corsa a piedi.

Triatleti professionisti e amatori, i migliori selezionati dal circuito di gare che si svolgono in tutto il mondo, si sono sfidati in quello scenario mozzafiato che è la Nelson Mandela Bay. Nuoto nell’oceano, ciclismo su un percorso molto tecnico (con circa 900 metri di dislivello) reso ancora più impegnativo dall’asfalto rugoso e ondulato, tutt’altro che perfettamente piatto, infine la corsa a piedi tutta in città con una cornice di pubblico incredibile. Stimate circa 250mila presenze.

Personalmente ho guadagnato la mia qualifica a Zell, in Austria, nell’agosto 2017 ottenendo il quarto posto di categoria con successiva slot (la qualifica) tra le sei disponibili per il mio gruppo di età. Da quel momento è iniziato il lungo cammino che mi ha portato alla prova clou dell’anno. Ci vuole circa un giorno di viaggio per raggiungere Port Elizabeth, tre voli con scali a Dubai e Cape Town e un ultimo volo interno per raggiungere la “friendly city”, come dicono i locali, che si adagia sulla baia dedicata al premio Nobel e storico leader per la lotta all’apartheid.

Grande fortuna, non c’è fuso orario da smaltire, stessa ora di casa, quindi dopo un giorno il viaggio è più o meno smaltito se si riesce a riposare sull’aereo. Io sono arrivato il lunedì precedente l’evento, cosa che mi ha consentito di sfruttare tutti i vantaggi del programma tecnico messo a disposizione degli atleti dall’organizzazione, impeccabile anche in questo. Nuoto nella baia su un percorso a due boe  di circa 600 metri protetti dalle moto d’acqua e dalle canoe (il pericolo squali esiste) e ciclismo scortati dalla polizia per uscire dalla città e affrontare una parte del percorso, circa 45 chilometri, insieme agli altri triatleti (ogni volta circa 3-400 presenze). Organizzazione, come detto, di altissimo livello sia nella parte puramente tecnica (consegna numeri e dotazione per la gara, briefing e allestimento zone cambio) sia in quella relativa alla sicurezza con percorsi di ciclismo e corsa a piedi interamente chiusi al traffico per tutti e due i giorni di gara.

Sabato 1 settembre la prova femminile, il giorno successivo, domenica 2 settembre, quella maschile. Ad aprire le prove i professionisti, primi a partire alle 7.30, e a seguire tutti gli altri suddivisi negli age group, le categorie di età con sistema rolling start, dieci concorrenti ogni dieci secondi per non creare gruppi folti in acqua e prevenire in un certo senso anche i gruppi in bici, dove la scia tra atleti non è consentita (si deve stare ad almeno sei biciclette di distanza dal ciclista che precede). Sono regolate anche le operazioni di sorpasso, massimo 25 secondi per passare altrimenti si deve stare dietro.

La mia gara è andata bene, come da programma. Un buon nuoto nell’oceano, per me che non nuoto mai in acque libere è stato fondamentale. La frazione di ciclismo è stata più che soddisfacente, con un percorso molto più difficile di quello rilevato sulla carta. Continui saliscendi, asfalto rugoso e irregolare, in più pioggia dall’inizio alla fine a rendere il tutto ancora più impegnativo e pericoloso. La mezza maratona cittadina ha risolto i problemi di scoramento che ad un certo della gara arrivano per tutti, campioni compresi. Il folto pubblico presente su tutto il percorso ha dato quella spinta necessaria a completare gli ultimi chilometri, quelli più difficili per l’esaurimento fisico e psicologico. Per me un 21mo posto finale di categoria (50-54 anni) come giusto premio per una preparazione lunga e meticolosa. 

Tra i professionisti vittoria di Jan Frodeno in campo maschile su Alistar Brownlee (tre medaglie d’oro olimpiche in due) davanti allo spagnolo Javier Gomez, campione uscente. Una gara stratosferica corsa a ritmi folli, mezza maratona in 1h06’ per il campione tedesco. Tra le donne si è confermata la svizzera Daniela Ryf, quarto titolo consecutivo e record, che ha preceduto la britannica Lucy Charles, terza la tedesca Anne Haug. Da segnalare (purtroppo) la totale assenza di atleti italiani, sia uomini sia donne tra i professionisti. Il miglioramento dovrebbe passare da questo tipo di gare, anche a costo di prendere sonori schiaffoni da questi incredibili campioni. Folta, invece, la pattuglia degli age group con ben 121 presenze.     

Copyright © TBW
TUTTE LE NEWS
Vittoria!!! Vittoria per il mondo delle scorte tecniche e dei volontari della sicurezza nel ciclismo. Oggi, alle ore 10, 00, la scorta tecnica Maurizio Morelli, ingiustamente condannata 4 anni fa...

Il brand di abbigliamento tecnico UYN co-sponsor dela Valle Camonica Bike Enjoy,  vuole premiare tutti gli all-finisher con un prodotto altamente tecnico. Un motivo per non “mollare” e portare a termine questa...

Un appuntamento ciclistico atteso da oltre tremila ciclisti che registra partecipazioni da tutto il mondo, questa è la Granfondo Stelvio Santini. E pensando alla prossima edizione gli organizzatori comunicano due...

Medaglia di bronzo per il Team Mortirolo Lanzarote che nel week end è stato impegnato nei campionati italiani crono e strada di ciclismo paralimpico. In un fine settimana infuocato dal...

Grande vittoria per Sidi con Egan Bernal al Tour de Suisse. Un successo cercato e fortemente voluto quello del giovane talento colombiano, costruito con la vittoria nel tappone con arrivo...

Aielli si sta preparando ad accogliere centinaia e centinaia di bikers pronti all’appuntamento di grande prestigio a caratura nazionale con la terza edizione della Sirente Bike Marathon in programma domenica...

Combattere i furti di biciclette e favorire la mobilità nelle città italiane, grazie ad una piattaforma online che unisce i ciclisti, le Amministrazioni locali e diverse soluzioni...

Continuerà anche nel 2019 l’abbinamento tra la GimondiBike Internazionale e l’arte. Come accade ormai da diverso tempo, anche quest’anno, la manifestazione di mountain bike iseana abbina...

Anche la Granfondo Sestriere Colle delle Finestre sposa il motto “Be Green” a ruota della Nove Colli, la Regina della Granfondo Italiane, e per l’edizione 2019 ha deciso di moltiplicare...

Tra le novità delle manifestazioni cicloturistiche del 2019, ai confini tra Lazio ed Umbria, l’Asd Turbolenti Rivodutri sta per mettere in cantiere un’inedita edizione della Cicloturistica Via dei Laghi in...

Due marchi che hanno fatto la storia nei loro ambiti. Colnago capace di promuovere il ciclismo del nuovo millennio con le sue invenzioni, i fratelli Fox, di Wellington nel Somerset...

Quella appena trascorsa è stata una bella domenica di sport a Lugano, dove si è svolto il TriStar 5.55 che ha regalato una grande soddisfazione a Matteo Fontana e al Team...

È ormai tradizione che in coda ai cicloamatori più “agguerriti” della Gran Fondo Nel Parco Sarto si sistemi un nutrito gruppo di cicloturisti, altrettanto “affamati” ma solo di bellezza e...

Quando tradizione ed esperienza di oltre 130 anni incontrano l’innovazione nel segno dell’ispirazione, l’esito è sempre emozionante. Bianchi è orgogliosa di presentare Lif-E, il nuovo programma di mobilità elettrica intelligente....

Fausto Masnada è stato una delle grandi rivelazioni del Giro d’Italia 2019. Selle San Marco, partner del Team Androni Giocattoli Sidermec, ha deciso di celebrare le imprese di Fausto Masnada...

Wilier negli ultimi anni ci ha deliziato con modelli entusiasmanti e raffinati, impreziositi con colorazioni uniche come il leggendario Ramato, ma ora con Zero SLR la stessa azienda...

Ieri in Val di Pejo la Scuderia Fontana è salita per la prima volta sul podio alla e-Enduro. Marco Aurelio Fontana ha concluso 2° assoluto alle spalle di Davide Sottocornola la quarta prova del circuito ed è...

Se siete affascinati dai colori Astana e avete invidiato in lungo e in largo le Northwave Extreme Pro Astana indossate dai vari Lopez, Fuglsang e compagnia, sappiate che...

Ultima appassionante giornata di gare ai “Campionati Italiani Assoluti di Paraciclismo 2019”, andati in scena sulle strade vicentine. Dopo i titoli contro il tempo, assegnati nella giornata di sabato 22...

Le notti d’estate sono fatte per pedalare: torna il tour delle Bike Night, le pedalate notturne di Witoor che ogni anno portano sulle più belle ciclabili d’Italia migliaia di ciclisti....

Lungo gli stessi tornanti in cui Richard Carapaz, ecuadoriano della Movistar ha sferrato l’attacco decisivo che gli ha permesso di conquistare la maglia rosa e scrivere il primo entusiasmante capitolo...

Merak rappresenta l’anima racing, competitiva e vincente di De Rosa. Merak fu il modello che nel 2000 vinse il mondiale di Plouay e che nel 2020, a distanza di 20...

Gli zaini Camelback sono delle vere garanzie, del resto, questa azienda ha in listino prodotti davvero ben realizzati sia che si tratti di semplici borracce o di zaini...

  Quella 2019 è stata un’edizione di Internazionali d’Italia Series fra le più belle e combattute degli ultimi anni. Lo dimostra la...

VIDEO TEST
ALTRI VIDEO DI TEST




Wilier negli ultimi anni ci ha deliziato con modelli entusiasmanti e raffinati, impreziositi con colorazioni uniche come il...
di Giorgio Perugini
La ricerca spinge sempre verso l’ottimizzazione delle performance e visto che si tratta di un pneumatico, la scorrevolezza,...
di Giulia De Maio
In occasione della 24H di mountain bike più famosa e partecipata al mondo abbiamo testato la Gomma Vittoria Mezcal Graphene...
di Giorgio Perugini
Settimana scorsa sembrava di essere tornati indietro nel tempo, più precisamente a novembre 2018 mentre oggi è arrivata...
di Giorgio Perugini
Optare per una Aero-Bike significa scendere a compromessi, quindi veloce sì ma il comfort resta un miraggio. Questo...
di Giorgio Perugini
Il ciclismo ha incontrato negli anni diversi step evolutivi, basti guardare le vecchie bici in acciaio, ora soppiantate...
di Giorgio Perugini
Le KR1 sono diventate famose ai piedi di Elia Viviani e hanno scortato il campione in carica italiano...
di Giorgio Perugini
Dove sta scritto che una sella da gara e leggera debba offrire una seduta da fachiro? Vecchie regole,...
di Giorgio Perugini
Si parla sempre più di assistenza elettrica e di mobilità sostenibile, due concetti che abbiamo imparato a trovare...
di Giorgio Perugini
Probabilmente queste scarpe sono nate con la camicia, del resto, sono salite sui gradini più alti del podio...
di Giorgio Perugini
Forse in questi giorni resta davvero difficile parlare di bella stagione ma alla fine siamo a maggio, stanno...
di Giorgio Perugini
La primavera è arrivata ma dopo una timida presentazione, la nostra penisola è stata avvolta da un clima...
di Giorgio Perugini
Vi eravate già innamorati della sella Dimension ma aspettavate la versione CPC? Eccola qui, semplicemente pazzesca! Il progetto...
di Giorgio Perugini
Molti di voi conosceranno il marchio SCICON per via delle ottime borse da viaggio utili per trasportare le...
di Giorgio Perugini
Ho ancora nelle gambe la grande sensazione di libertà trasmessa dalla Look Huez RS, un vera bomba da...
di Giorgio Perugini
Aerodinamica e veloce, affilata come un rasoio e ora decisamente più comoda che in passato grazie ad un...
di Giorgio Perugini
Sono passati solo due anni dal lancio delle Extreme RR e dell’innovativa tecnologia brevettata XFrame® e oggi, con...
di Giorgio Perugini
Le ruote Shimano WH-RS770 hanno carattere da vendere e non sono da considerarsi assolutamente un ripiego rispetto al...
© 2018 | Prima Pagina Edizioni Srl | P.IVA 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy