I PIU' LETTI
LOOK 795 BLADE RS, BORN TO SHINE!
di Giorgio Perugini | 06/11/2018 | 09:22

 

Due giorni a Cannes per una presentazione ufficiale Look non sono roba da poco. La casa francese continua ad alzare l’asticella e il livello dei prodotti sfornati è diventato incredibile, merito di 30 e passa anni di storia e di esperienza che consolidano il marchio ai vertici mondiali per l’abilità nella lavorazione del composito.

Dopo aver presentato al mondo la nuova bici da salita lo scorso anno, questo è il turno della nuova aero-bike, una lama affilata che sappia seguire la traccia solcata dai modelli precedenti perfezionando e semplificando il concetto di integrazione tanto caro a Look. Ecco a voi la nuovissima 795 Blade RS, una bici nata per splendere.

Posare gli occhi sulle linee di questa nuova 795 Blade RS è una vera pacchia. Linee nette ma anche armonia e una compattezza davvero unica, infine, due foderi posteriori alti ed affilati come vere lame, ecco spiegato il motivo del « Blade » che segue la classica ed unica numerazione Look.

Mettete da parte i timori e fidatevi, andate oltre la natura congetturale dell’intera conoscenza umana perché una bici aero cosi veloce e comoda è merce rara. Gli ingegneri hanno messo da parte diverse soluzioni passate credendo in soluzioni semplici e raffinate per fornire al mezzo velocità, affidabilità e trazione come raramente accade.

Carbon Core, design e manifattura si completano con un posizionamento di pelli di carbonio tanto misurato da raggiungere un risultato perfetto. L’intero telaio è granitico solo ed esclusivamente dove serve, ad esempio nella zona del movimento centrale (BB386 pressfit con calotte in alluminio), una struttura così robusta (paragonata dai tecnici a quella che si trova sulle bici da pista Look) che potrebbe montare un 80cc modificato dei miei tempi, ma questa è un’altra storia fatta di motori e odore di miscela…

Il lay-up è per natura parte fondamentale del telaio, ancora di più per Look, quindi largo a 4 differenti tipi di carbonio per raggiungere il miglior compromesso tra rigidità e leggerezza.

L’orizzontale è muscoloso e appiattito e si porta in avanti articolandosi con il cockpit semi integrato, una soluzione formata da pipa in alluminio e piega in carbonio davvero lodevole (ottimi sono gli spessori sagomati, ben 5 da un cm l’uno).

I cavi del cambio passano direttamente  attraverso la pipa per entrare nel telaio facendo perdere le loro tracce fino ai deragliatori. Il tubo obliquo ospita un piccolo vano per la centralina del cambio elettronico ed è profondamente aero, proteggendo con la sua forma tutto quello che segue limitando in maniera reale le varie turbolenze.

Il tubo piantone è uno snodo importante per il progetto per un semplice motivo, è molto « in piedi » e grazie a due teste differenti del reggisella, riesce ad essere a suo agio in qualsiasi specialità, sia su strada che a cronometro. Il due reggisella sono di due misure diverse e possono essere montati in due modi facendo variare l’angolo del piantone sella da 71.8° fino a 78.4° con un off seat che varia da 54 a -6mm. Il reggisella in carbonio è prodotto dalla stessa Look e viene regolato da un sistema a morsetto affidabile e semplice. Questa zona è caratteristica poiché il telaio non avvolge il tubo sella orizzontalmente ma lo accompagna verso il basso prolungandosi verso i foderi alti.

Ora torniamo giusto giusto alle queste due lame che caratterizzano il progetto 795. Si tratta di due foderi schiacciati e leggermente arcuati rispetto ad una ipotetica linea verticale. Per questo motivo sono capaci di flettere portandosi verso l’esterno e funzionando quasi come un ammortizzatore per assicurare trazione e aderenza.

I foderi bassi invece sono possenti e resistenti  con il risultato che le flessioni laterali sono nulle e la comodità verticale è da riferimento e non solo per la categoria aero. Queste forme precludono la presenza dell’archetto superiore, del resto il freno posteriore, nel caso della versione con freni tradizionali, è vincolato ad una appendice centrale che scende direttamente dal tubo sella mentre nella versione disc il carro è di quasi un cm più lungo e questo pezzo ovviamente non c’è.

Oltre alle due versioni da strada disc e caliper, i tecnici Look hanno pensato giustamente di sfruttare in pieno il discorso aero e la grandi opportunità di assetto fornite dalle varie angolazioni del piantone sella. Ed ecco così che la nuova 795 Blade RS diventa una bici da crono con freni a disco e manubrio con prolunghe ( il tubo sella ha due fori per il portaborraccia). Pazzesca! La galleria del vento conferma che il telaio consente performance di assoluto valore in tutte le situazioni reali, anche quelle in cui il vento laterale creerebbe problemi.

Il percorso della prova si è snodato verso le alture interne, un percorso collinare perfetto per capire cosa questa bici può offrire. 50 km scarsi per entrare in sintonia con la nuova 795 Blade RS sono stati davvero pochi, ma ne sono bastati appena due nel traffico cittadino per capire che è nato un amore. Salire su una bici aero e sentirsi così a proprio agio è stranissimo.

Questa situazione diventa surreale con le prime asperità, quelle che normalmente ti farebbero saltare anche le otturazioni! I foderi « blade » funzionano e non sono una trovata pubblicitaria. La zona del movimento centrale è in assoluto la più rigida che io abbia mai provato, impressionante. Sterzo e forcella formano un comparto tanto rigido quanto comunicativo.

Bastano due colpi di pedale per farla scappare e lanciarla ad alta velocità mentre ti lascia grande sicurezza anche nelle curve sconosciute della zona. In questa veloce prova ho pedalato principalmente sulla versione con freni tradizionali e per pochissimo con quella disc, trovando quest’ultima ancora più comoda al posteriore.

Verniciatura e qualità delle rifiniture sono in pieno stile Look, rispettando i massimi standard di qualità de marchio francese. In definitiva, i motivi per portarsi a casa questa 795 Blade RS sono molti e tutti validi. Allestimenti e prezzi sono molto competitivi, un valore aggiunto ad un progetto che non mostra neanche un punto debole. La prova integrale? Speriamo di potervela fornire a breve per ora godetevi le foto.

 

www.lookcycle.com/it/velo/795-blade-rs/

 

Video

 

 

Copyright © TBW
TUTTE LE NEWS
Comprarsi una bicicletta nuova è sempre un passo importante ed è, credo in ogni singolo caso, l’avverarsi di un sogno. Rincorrere il modello preferito fino al tanto agognato...

Dopo la sua introduzione su Cento10AIR e Cento10PRO, l'iconica finitura Ramata è ora disponibile su Cento10NDR, il modello di punta per la categoria Endurace. Il Cento10NDR ha ridefinito i limiti...

Prima gara prima vittoria! Ci ha pensato il giovane corridore belga Jasper Philipsen a regalare a Sidi il primo successo nel World Tour della stagione 2019. Philipsen, 20 anni, si...

“Cycling is an art”, recita il claim di Selle Repente, nuovo partner di assoluta qualità della Gran Fondo Tarros Montura a partire dall’edizione 2019. Ed è proprio l’arte del ciclismo...

L’edizione del 2018 (quella dei XX anni dalla storica doppietta Giro - Tour di Pantani, per intenderci) ci ha regalato davvero grandi emozioni. Prima di tutto, la partecipazione di oltre...

MsTina torna online con un’e-shop ricco di capi tecnici per ciclismo di altissima qualità, al giusto prezzo: il brand, che fa capo all’ex campione di Francia Marcel Tinazzi, punta per...

Reduce-IT e Vital, due nuovi studi presentati in occasione del Congresso dell’American Heart Association (AHA) a novembre 2018 e pubblicati sul New England Journal of Medicine, hanno confermato l’utilità degli acidi...

Da gennaio 2019 Cicli Liotto rivoluziona le linee grafiche delle sue biciclette, a partire dal storico logo che mantiene il simbolo dell’aquila, racchiusa ora in una stilizzazione minimal, elegante e...

«Sul fronte del turismo stiamo lavorando bene ma occorre guardare avanti essere lungimiranti. Continuare a pedalare: l'Emilia-Romagna è abituata a pedalare, ad andare avanti». Lo ha detto, il presidente dell'Apt...

Se non amate il freddo o quando uscite dall’ufficio è già buio per andare in bici, l’allenamento indoor fa al caso vostro. Il dilemma di molti ciclisti durante l’inverno...

VIDEO TEST
ALTRI VIDEO DI TEST




di Giorgio Perugini
Air Speed è il casco migliore ad una velocità media di 40km/h e chi lo dice ha fatto...
di Giorgio Perugini
Generalmente in questo periodo dell’anno mi affido a pneumatici invernali, una scelta spesso obbligata per via del pessimo...
di Giorgio Perugini
La giacca Vega Extreme di Santini, posizionata al vertice della nuova linea high performance per fronteggiare le rigide...
di Giorgio Perugini
Chi di voi pensa al marchio Ursus, dovrebbe ricordare che questa azienda, oltre a produrre alcune delle migliori ruote attualmente...
di Giorgio Perugini
Ci sono ciclisti che sono sospinti da un solo desiderio: ottenere e provare sempre qualcosa in più per...
di Giorgio Perugini
Spesso un capo invernale può essere troppo caldo oppure, talvolta, non è abbastanza isolante mentre in altri casi...
di Giorgio Perugini
Ammettiamolo, con i tempi che corrono valutare con attenzione le spese che vorremmo fare non è affatto una...
di Pietro Illarietti
Nasce oggi una nuova rubrica di tuttobicitech dal titolo «Tested4You»: come facile intuire, i nostri tester proveranno per voi capi...
di Giorgio Perugini
  Due giorni a Cannes per una presentazione ufficiale Look non sono roba da poco. La casa francese continua ad...
di Giorgio Perugini
  Ho una personalissima lista di cose che mi fanno girare le scatole e quasi in cima all’elenco si posiziona...
di Giorgio Perugini
La sella perfetta esiste, questo è poco ma sicuro. Sarà l’unica che vi farà pedalare più comodamente rispetto ad altre...
di Giorgio Perugini
  Nella storia recente abbiamo potuto notare come alcuni prodotti abbiano avuto il merito di fare scuola gettando la base...
di Giorgio Perugini
  Ebbene sì, non si tratta di un prodotto nuovissimo, infatti, i Michelin Power Competition sono in vendita da più...
di Giorgio Perugini
Sono passati diversi giorni dall’Eroica e a parte un discreto mal di gambe mi è rimasto addosso un incredibile entusiasmo....
di Giorgio Perugini
La domanda che mi fanno in molti incontrandomi in bici durante il giorno è sempre la stessa: perché lasci le luci...
di Giorgio Perugini
Sono stati la novità dell’anno di Oakley,  i Flight Jacket hanno vinto la partita contro l’appannamento in maniera definitiva, questa...
di Giorgio Perugini
  Tranquilli, i tempi son cambiati e non si cade in contraddizione desiderando un casco ventilato e aerodinamico. Oggi come...
di Giorgio Perugini
  Lo ammetto, era molto tempo che desideravo affrontare una prova Gravel e finalmente l’occasione si è presentata. Jeroboam 300...
© 2018 | Prima Pagina Edizioni Srl | P.IVA 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy