I PIU' LETTI
ÖTZTALER RADMARATHON: 2654 CICLISTI AL VIA, 365 GLI ITALIANI
dalla Redazione | 30/08/2021 | 07:27

Una gara davvero tosta che quest’anno è stata resa ancor più dura dalle temperature davvero fredde con 5° gradi alla partenza alle 6.30, anticipata di 15 minuti per un’altra variabile. Una caduta massi su un tratto del percorso ha infatti costretto l’organizzazione ad allungare di 10 km il percorso, che da 238 km è diventato di 248 km con un dislivello di 250 m. La scongiurata pioggia non c’è stata fino al tardo pomeriggio, evitando così di compromettere la performance dei 2754 partecipanti. Molti di meno in questa edizione con un calo contrassegnato dalla rinuncia di molti iscritti che erano infatti oltre 3.600. Composti, scaglionati e stoici, i ciclisti hanno iniziato la più temuta granfondo ciclistica d’Europa alla volta delle cime alpine con 5500 m di dislivello. Concorrenti provenienti da 32 nazioni, i tedeschi i più numerosi seguiti da austriaci e italiani (365).  

Una competizione internazionale giunta alla 40. edizione, che ha debuttato nel 1982 con 115 partecipanti. E anche oggi nonostante il tempo e la contingente situazione post pandemica, molti ciclisti hanno esaudito il desiderio di partecipazione superando il sorteggio tra 15.000 richieste e il numero chiuso. Il percorso è unico per tutti e lungo 238 km, (quest’anno 248 km) con 5.500 m di dislivello, chiuso in gran parte al traffico veicolare.  La partenza alle ore 6.30 da Sölden nella valle tirolese dell’Ötztal, ha visto il cordolo di sportivi dirigersi verso il fondovalle dell’Ötztal per poi affrontare il Kühtai (2.020 m), il primo passo dopo una discesa di circa 20 km. Il percorso, in direzione Brennero (1.377 m), ha sconfinato in Italia a Vipiteno, scalando successivamente i passi Giovo (2.090) e il temutissimo Rombo (2.509 m), per poi fare ritorno a Sölden in Tirolo. Gli abituali 5.500 m di dislivello, ricordiamo che questa edizione ne avrà 5750 m per la variante suddetta, sono suddivisi su 40,5 km di percorso pianeggiante, 95,7 km di salita e 101,9 km di discesa. I partecipanti di questa edizione della „Ötztaler“, provenienti da 32 nazioni, sono prevalentemente di sesso maschile 2620, mentre le donne 134.

 Un’edizione difficile ma che l’organizzazione ha voluto con caparbietà, mettendo in campo o meglio in pista, risorse e protocolli per consentirne lo svolgimento. Il livello di difficoltà di questa gara è stato incrementato dalle condizioni metereologiche, che si sono aggiunte alle già rigide caratteristiche. Una sfida che i ciclisti, amatori ed ex professionisti, affrontano dopo mesi di preparazione e molti km nelle gambe per misurarsi con se stessi ma anche con le Alpi e i suoi temutissimi passi. Le avversità legate al freddo non hanno favorito i tempi della gara che erano stati da record nella scorsa edizione.

Il commento alla gara - Dopo gruppi con tutti i favoriti formatisi più volte durante la gara, i due ex professionisti Mattia De Marchi (ITA) e il belga Frederic Glorieux hanno fatto il primo decisivo passo avanti sul Brennero. Hanno rapidamente ampliato il loro vantaggio a circa cinque minuti fino in Italia. Ma tutto si è svolto intorno al Passo Giovo. La vincitrice Christina Rausch dalla Germania ha dominato le donne per tutta la gara. Al Kühtai si è allontanata e ha aumentato il suo vantaggio di oltre un quarto d'ora fino al Passo Giovo. Nella gara maschile, il belga Glorieux ha le gambe pesanti sui 15,5 chilometri del Passo Giovo e ha dovuto lasciare andare De Marchi. Dietro di loro, Johnny Hoogerland e Jack Burke del Vorarlberg formavano l'inseguimento. Hoogerland dà tutto gas. De Marchi è stato anche il primo a completare San Leonardo in terra italiana, dove ha avuto inizio la salita di 28,7 chilometri al Passo Rombo. Mentre alle loro spalle si formava un nuovo trio di inseguitori con Hoogerland, Burke e l'italiano Fabio Cini, il passo diventava sempre più difficile per il leader. Hoogerland attacca e colma il gap con l'italiano nel giro di pochi chilometri. Raggiunge De Marchi e lo ha letteralmente lasciato lì. Il vincitore si mette in luce nel 2011 e successivamente ha disputato il suo primo Tour de France e vinto la maglia della montagna cinque volte! Con il suo stile inimitabile, ha dominato gli ultimi tornanti sul Passo Rombo e finalmente ha celebrato la più grande vittoria alla maratona della sua carriera a Sölden!

Mattia De Marchi (Noale-Ve) 7.28.27 6.48.25 una gara che ha condotto fino al passo Rombo per poi cedere e venire letteralmente risucchiato dall’austriaco Hoogerland “ L’assenza di pioggia è stata la cosa positiva mentre il freddo ha condizionato la gara. Non sentivo più le gambe e sul Rombo ho ceduto, sono felice del mio 3° posto in questa competizione che è la seconda gara più difficile al mondo “.

Tra le donne la competizione si è conclusa con il trionfo della tedesca Christina Rausch con 8.15.20 davanti alla connazionale Weiss Veronika 8.50.29 mentre al terzo posto l’austriaca Somavilla Bianca 8.52.03.

Le altitudini del percorso:

Partenza a Sölden – Ötz  800m – Kühtai 2020m – Innsbruck 600m – Brennero 1377m – Vipiteno 960m – Passo Giovo 2090m – San Leonardo in Passiria 700m – Passo Rombo 2509m – Sölden 1377m.

Prossima edizione domenica 28 agosto 2022.

I risultati dei singoli partecipanti sono scaricabili da https://services.datasport.com/2019/velo/oetztaler/

Copyright © TBW
TUTTE LE NEWS
La provincia di Rovigo continua a regalare vittorie e soddisfazioni alla coppia composta dall'Elite vicentino Nicholas Pettina (Carabinieri) e dalla Master padovana Cinzia Sartori (San Bortolo) che domenica 17 ottobre...

Shortfit 2.0 è la naturale evoluzione della Shortfit lanciata ormai nel 2017 da Selle San Marco ed è una sella che sfrutta oggi ancor più l’ampio scarico centrale. Cambiano anche...

E’ stata la salita di Caprauna a operare la prima selezione di giornata portando in testa al gruppo un drappello di undici elementi. Non sono state da meno la salite...

Nova Ride, azienda nata in Francia a Clermont-Ferrand nel 2016 e costituita inizialmente da un manipolo di esperti triatleti, ha progettato e realizzato una gabbia per il cambio con pulegge...

Gli elettrostimolatori sono da anni uno strumento importante per chi pratica attività fisica: la scienza ha dimostrato come l’elettrostimolazione aiuti a migliorare le performance sportive tanto di atleti professionisti quanto...

Non  prendete la scorciatoia, chiamarla giacca antipioggia potrebbe essere davvero troppo banale. Idro 3 Jacket di Castelli protegge sì dalla pioggia, ma anche dal vento e dal freddo e si...

Ha riscosso un successo che è andato al di là di ogni più rosea previsione la gara denominata "E Ben Sa Ghè Enduro" che ha assegnato i titoli regionali del...

Arriva il momento dell’anno più duro per le nostre bici, infatti, l’umidità, lo sporco delle strade e fra poco il sale utilizzato per evitare le gelate sul manto stradale andranno...

Sarà il moderno impianto del Music Media Dome diMosca (Russia) ad ospitare l’edizione 2021 dei Campionati Europei BMX Freestyle Park che si terranno dal 12 al 14 Novembre.L ’evento fortemente...

Al contrario di quello che sostiene il noto detto, perseverare non è diabolico: è umano. Diabolico è rinunciare a impegnarsi, rimanere immobili, mettersi ad aspettare che la motivazione arrivi dall’esterno,...

Cicli MBM ha pensato bene di presentare a Napoli la Gamma 2022 in occasione del torneo internazionale Tennis Napoli CUP di cui l’azienda di Cesena è Partner e Sponsor. Così,...

Si è svolta ad Anghiari la conferenza stampa di presentazione della 9ª edizione de L’Intrepida. Le novità e il programma della ciclo-turistica non agonistica su bici d’epoca che si svolgerà...

Bellissima giornata di sport a Trevignano Romano per la storica ventesima edizione della Granfondo del Lago di Bracciano. In versione autunnale, la grande classica del ciclismo fuoristrada laziale non ha...

Negli ultimi due anni è cresciuto a dismisura il numero di ciclisti che pratica regolarmente allenamenti intensi in casa su rulli di ultima generazione ed è una vera esigenza avere...

Le rinomate barrette Energy, perfette per ottenere energia grazie a carboidrati ad assorbimento modulato e alla pasta di mandorla, ora sono presenti con 4  gusti per accontentare anche i palati...

'Elite vicentino Nicholas Pettinà (Centro Sportivo Carabinieri) e la Master padovana Cinzia Sartori (San Bortolo), rispettivamente con il tempo di 1 ora 37'39"264 e di 1 ora 58'49"834 sono stati...

E’ stata davvero l’edizione della ripartenza quella della 24ª edizione della Gran Fondo Via del Sale - Fantini Club. I continui cambi di programma legati al covid non hanno...

E’ partito il conto alla rovescia per la Gran Fondo di Alassio che celebrerà la sua ottava edizione il prossimo 24 ottobre. Si tratta dell’ultima manifestazione organizzata in questo 2021...

Si parla spesso di attriti, ma la cosa migliore è eliminarli, no? Ci pensa SRAM con i nuovi movimenti centrali DUB nella nuova opzione con cuscinetti ceramici, la vera frontiera...

Che il nostro pianeta abbia bisogno di cure è ormai sotto gli occhi di tutti, e che ognuno debba farsi carico (per...

Se dici Tremalzo dici sfida. Dici impresa. Coraggio. Emozioni. Natura. Sport. Se dici Tremalzo dici, più di ogni altra cosa, mountain bike. Oggi l'impresa l'hanno fatta a centinaia ma a...

EKOÏ è lieta di annunciare che da questo autunno i suoi caschi saranno equipaggiati con il sensore di caduta e di chiamata di emergenza TOCSEN, un dispositivo che ha conquistato...

È insolito trovare in autunno la granfondo più ambita e partecipata da tutto il Centro Italia, fulcro di tutte le corse granfondistiche di primavera: sicuramente quella del 2021 sarà l’edizione...

Chi ha tempo …non aspetti tempo. E così gli organizzatori della 100 Km dei Forti di Lavarone (TN) si sono messi al lavoro per imbastire l’iter di quella che sarà...

VIDEO TEST
ALTRI VIDEO DI TEST




di Giorgio Perugini
Il passaggio è davvero semplice, del resto il vento sa essere anche veloce, no? Salice ha preso la via più...
di Giorgio Perugini
Durante la scorsa stagione ho utilizzato prevalentemente le ruote URSUS Miura TC37 disc su strada, elemento naturale di questo meraviglioso...
di Giorgio Perugini
Gli occhiali KOO Demos sono tra gli occhiali preferiti del team Eolo-Kometa ed offrono un’ottima protezione grazie ad un design...
di Giorgio Perugini
Iconici, essenziali e apprezzatissimi da un esercito di appassionati che rivedono in questi occhiali il mito, il ciclismo dei campioni...
di Giorgio Perugini
Il calzino è un capo che spesso può fare una grande differenza, soprattutto  se indossiamo scarpe con suola in carbonio....
di Giorgio Perugini
Per ottimizzare un capo occorre togliere? Per rendere migliore lo stesso capo potrebbe essere utile semplificare e ridurre al minimo...
di Giorgio Perugini
L’alluminio non passa mai di moda e la riprova sono le ruote Miche Graff SP destinate alle gravel, un set...
di Giorgio Perugini
Leggerezza, ventilazione e aerodinamicità, come fare a trovare il giusto equilibrio in un completo da bici? Non è una cosa...
di Giorgio Perugini
Alé è un brand italiano che non ha bisogno di molte presentazioni, del resto si tratta di un marchio che...
di Giorgio Perugini
In questo ultimo anno abbiamo potuto tutti constatare quanto sia cresciuto il fenomeno gravel, un nuovo trend che ha confermato...
di Giorgio Perugini
La rivoluzione OCLV 800 Series abbraccia anche la gamma Madone esaltandone reattività e leggerezza, una dieta dimagrante per questo telaio...
di Giorgio Perugini
Il mercato delle e-bike corre veloce, un incremento davvero positivo che ha dimostrato quanto i nostri consumatori fossero in realtà...
di Giorgio Perugini
Finisseur, marchio prodotto da Deporvillage, azienda leader della vendita online per articoli sportivi, ha recentemente lanciato la propria collezione primavera-estate,...
di Giorgio Perugini
Si fa presto a dire pronto gara, infatti, questo è uno spot troppo spesso abusato. In casa Assos non si...
di Giorgio Perugini
Il casco Helios™ Spherical MIPS® è stato una delle ultime novità di Giro ed è un modello leggero e incredibilmente...
di Giorgio Perugini
Selle Italia ha pensato bene di proporre il nuovissimo modello Flite anche in versione Gravel e vi dirò, operazione riuscita...
di Giorgio Perugini
È davvero difficile raccontarvi se un gruppo è migliore di un altro, del resto, comprenderete quante siano le differenze tra...
di Giorgio Perugini
I generi esistono ancora? Si direbbe di sì per quanto riguarda la tipologia di telaio, in effetti, esiste quello aero,...
© 2018 | Prima Pagina Edizioni Srl | P.IVA 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy