I PIU' LETTI
RUDY PROJECT. WINGDREAM, IL NUOVO CASCO DA CRONO DEBUTTA AL GIRO CON IL TEAM BAHRAIN VICTORIOUS
di Giorgio Perugini | 10/05/2024 | 08:07

È giunta l’ora e dopo averlo visto in una bellissima livrea crono poco tempo fa, oggi il Team Bahrain Victorius il nuovo casco da cronometro Wingdream di Rudy Project. Innovativo? Veloce? Senza dubbio, infatti l’azienda rivela qualche numero pazzesco!

Un debutto ufficiale, in vendita da ottobre

Oggi al Giro d’Italia durante la prova a cronometro Foligno-Perugia, settima tappa della corsa rosa, si presenterà in tutta la sua bellezza il nuovo Wingdream, il nuovo casco da cronometro di Rudy Project. Il casco, per la prima volta nella sua versione finale, porterà i colori del Team Bahrain Victorious. Rudy Project, squadra di cui Rudy Project è partner sin dal 2016, anno di esordio nel circuito World Tour. Dopo due anni di sviluppo e numerosi test sia indoor che outdoor, Wingdream si prefigge di ottimizzare l’aerodinamica applicata ai caschi. L’azienda non ci gira intorno e assicura che questo casco consente un risparmio di 10 watt, ben 4 secondi ogni 10 km!

Vantaggi più che concreti

La gestione delle turbolenze sulla schiena dell’atleta viene decisamente migliorata, così come il suo coefficiente di penetrazione dell’aria, merito di una forma che porta il flusso d’aria verso le spalle dell’atleta a tutto vantaggio dell’aerodinamica. Questi 10 watt guadagnati arrivano se si confronta Wingdream con il precedente modello da crono Wing. Insomma, circa quattro secondi di risparmio ogni 10 chilometri diventano più di un minuto su una distanza Ironman (180 km). Sempre restando fedeli ai calcoli, se comparato con un modello da strada tradizionale, il nuovo Wingdream permette di guadagnare 306 secondi sulla stessa distanza di 180km, tutto calcolato con una potenza costante di 200W. Martin Toft Madsen, Aero & Material Consultant del Team Bahrain Victorious sull’aerodinamica non ha dubbi: “Con il casco Wingdream, abbiamo veramente focalizzato l'attenzione sull'aumentare l'efficienza aerodinamica. Insieme a Rudy Project, abbiamo ampliato la sua struttura per consentire al flusso d'aria di scorrere più fluido dalla testa alle spalle e sulla schiena dell'atleta. La parte posteriore è stata leggermente allargata per una forma complessivamente più aerodinamica e un migliore controllo del flusso d'aria. Consapevoli che la posizione della testa varia, abbiamo ottimizzato il design per la postura più comune, garantendo comunque prestazioni elevate anche in condizioni meno frequenti, come con forti venti trasversali. Il Wingdream incorpora tutto ciò che, con Rudy Project, abbiamo appreso da atleti professionisti e cronometristi, offrendo un prodotto che può fare la differenza in gare come l'Ironman, con un potenziale risparmio di minuti preziosi”.

Sicurezza sempre!

L’importante studio messo a punto per rendere Wingdream così veloce non ha intaccato il ruolo protettivo che ogni casco deve avere. La prima preoccupazione per il dipartimento di Ricerca & Sviluppo di Rudy Project è la sicurezza e su questo non si scende a compromessi. Questo nuovo modello, così come accade per gli altri modelli della casa,  è stato certificato da enti terzi internazionali, risultando sicuro in ogni suo aspetto, a partire dai test di impatto fino a quelli rotazionali. Infine, elemento indispensabile per gareggiare, l’UCI ne consente l’utilizzo in qualsiasi evento ciclistico professionistico ed amatoriale. Come ben ricordate, l’esordio era avvenuto già a febbraio di quest’anno con una prima versione mascherata con grafica camo durante le cronometro alla Tirreno-Adriatico, alla Parigi Nizza e al Giro di Romandia.

Aerodinamici, sicuri e confortevoli. Gia provati in gara

“Nel presentare Wingdream, provo un profondo orgoglio per ciò che abbiamo realizzato con questo casco rivoluzionario. - racconta Simone Barbazza, Marketing Director di Rudy Project - Non si tratta solo di un passo avanti negli studi aerodinamici, ma è anche la testimonianza della dedizione di Rudy Project al raggiungimento dell’eccellenza. Ogni dettaglio di Wingdream  è stato meticolosamente curato, riflettendo la nostra ricerca incessante di unire sicurezza, comfort e prestazioni. Oltre a segnare un progresso significativo nell’equipaggiamento per il ciclismo competitivo, questo casco incarna la nostra filosofia secondo cui la performance parte dalla testa”. Antonio Tiberi, atleta del Team Bahrain Victorious ne è decisamente entusiasta: “L’ho provato per la prima volta alla Tirreno-Adriatico di quest’anno e devo dire che mi sono trovato da subito molto bene. Si sente che il Wingdream è un casco veramente performante. Inoltre, è estremamente confortevole, per nulla ingombrante durante la corsa e offre una visibilità perfetta. Non mi ha dato nessun tipo di problema nemmeno nella posizione che assumo solitamente durante le crono: tendo infatti a stare con il viso molto vicino alle mani ed il casco non mi genera alcun fastidio.”

La ricerca è ampia, come in Formula 1

“Quello dello sviluppo dei caschi è un mondo simile alla Formula Uno: richiede creatività ingegneristica, studi 3D, prototipi, test in gallerie del vento e con gli atleti. - riporta Norberto Fava, responsabile della produzione e industrializzazione dei caschi di Rudy Project - C’è tantissima ricerca, dietro a un prodotto come questo, che viene sottoposto a verifiche continue dall’UCI e da enti di certificazione. E, naturalmente, ci sono grossi investimenti economici. Molti modelli oggi disponibili sul mercato non presentano fori. Sia Wing che Wingdream, invece, presentano dei fori centrali per areare la zona della calotta cranica. La nostra sfida infatti è stata proprio quella di realizzare un casco che consentisse un buon risparmio aerodinamico, ma che allo stesso tempo fosse anche confortevole. La gestione della temperatura della testa è fondamentale: i ciclisti durante una cronometro spingono a velocità superiori ai 45 km/h per 40 minuti, i triatleti ancora più a lungo. I vantaggi della penetrazione aerodinamica vengono, quindi, velocemente annullati se è presente un eccessivo riscaldamento del capo”. 

Ad ottobre sarà pronto per voi

Dalle gare alle vetrine, portate pazienza. Sarò nel mese di ottobre che il casco Wingdream, prodotto destinato a triatleti e a ciclisti impegnati in gare a cronometro, sarà disponibile al pubblico in 2 taglie e 2 colorazioni. 

www.rudyproject.com

Copyright © TBW
TUTTE LE NEWS
Si è tenuta ieri, alla presenza del membro del governo Cantonale, Mario Fehr, del Consigliere comunale Filippo Leutenegger e di altre personalità, la conferenza stampa organizzata dal Comitato Organizzatore Locale,...

Le ragioni per cui si desidera una e-road sono tante. C’è chi la sceglie per conquistare salite altrimenti troppo impegnative, chi per esplorare percorsi lontano da casa, o chi per...

Aliante Adaptive si affianca ai modelli Antares ed Argo andando a completare la famiglia di selle con cover stampate in 3D, il celebre sistema Adaptive messo a punto da Fizik...

È l’estate di Parigi 2024, è l’estate delle Olimpiadi. Tra storie, sogni e obiettivi, tutti gli occhi del mondo saranno sulla capitale francese. E ci saranno anche MCipollini e le...

Il modello Egos è uno di quelli utilizzati dal Team Bahrain Victorius, un casco destinato alle massime competizioni in cui gli atleti hanno bisogno di massima ventilazione. In questo progetto...

Grandi novità su Wikiloc: arrivano infatti due nuove funzionalità, vale a dire Route Planner e Mappe 3D. La piattaforma di navigazione outdoor consente ora di pianificare percorsi direttamente da casa...

Core e Concrete College sono le due collezioni pensate da Canyon per chi si ispira alla cultura del ciclismo, capi streetwear ma destinati a chi vive il fascino de ciclismo...

La sella NAGO è uno dei prodotti più iconici di Prologo, un modello che nella sua vita ha affiancato molti campioni in vittorie importantissime nelle classiche di un giorno e...

La maglia Ombra di Santini è stata pensata per essere un capo unisex e viene realizzata con tessuti Polartec®, Power Stretch™ e Delta™. Questo nuovo capo si distingue per il...

La nuova bici da cronometro e da triathlon Supersonica SLR di Wilier rappresenta molto di più di un semplice nuovo modello di altissima gamma, infatti, è la perfetta sintesi di...

Come era prevedibile, il gravel oggi è una specialità con due anime, una che vive di performance e velocità ed una decisamente più orientata all’avventura. Così Bianchi, dopo aver lanciato Impulso, la fast gravel...

La bicicletta è uno strumento capace di avvicinare persone e generazioni diverse. Che sia usata per la mobilità urbana, per una passione che accompagna sin dalla più tenera età, per...

Per il sesto anno consecutivo, Alé conferma la partnership con il Giro d’Italia dei giovani e firma un accordo con RCS Sport per la fornitura delle maglie dei leader di...

Colnago, bicicletta ufficiale del Tour de France, presenta la Colnago Fleur-de-Lys, un’opera d’arte prodotta in 111 esemplari numerati come omaggio a Firenze, la culla del Rinascimento, che ospiterà le Grand...

Q36.5, leader nell'abbigliamento tecnico per il ciclismo, è partner e fornitore tecnico ufficiale delle maglie di leader del Tour de Suisse 2024. Anche per quest’anno, il brand bolzanino e la...

Con i nuovi pedali Supervillain, Deity desidera alzare al massimo il livello delle prestazioni e lo fa alla grande andando anche oltre. Leggeri e forti, sono realizzati con la giusta...

Il 2024 riporta alla grande attenzione dei praticanti le bici endurance o allora, modelli polivalenti che regalano grande libertà e uscite in cui terreni misti e lunghi chilometraggi diventano la...

Alé è orgogliosa di annunciare la sua partnership con l'edizione 2024 del Lloyds Bank Tour of Britain femminile e maschile. La prestigiosa corsa a tappe di più giorni si svolge sulle...

Pedalare in gravel vuol dire essere pronti più o meno a tutto, un fattore che è da tenere ben presente visto che questa specialità ci espone ad una moltitudine di...

rh+, storico brand italiano specializzato nella creazione di capi ed accessori da sci, outdoor e ciclismo acquisisce Rosti Maglificio Sportivo con l’obiettivo di rafforzare la propria offerta sul mercato.  Rosti,...

Contro il caldo,  SIXS propone tre capi ActiveWear della nuova linea CLIMA II (due Jersey + una salopette corta) dalle grandi qualità che, insieme, grazie a tutta l’esperienza e agli ultimi aggiornamenti della tecnologia racchiusa nei...

Gli zaini idrici di Thule hanno dimostrato negli anni di avere un qualcosa di speciale, merito di una visione aziendale che punta tutto sulla elevata qualità delle lavorazioni e dei...

Niki Terpstra è pronto per affrontare le nuove sfide del mondo Gravel come ambassador caschi ed eyewear per Briko®, una nuova interessante sfida che vedrà l'ex prof olandese ed il...

Le bici da strada nell’ultimo periodo si stanno alleggerendo e non poco, un fattore importante che ci fa capire quanto la tecnologia abbia fatto notevoli passi avanti. “Non torneremo mai...

VIDEO TEST
ALTRI VIDEO DI TEST




Il modello Egos è uno di quelli utilizzati dal Team Bahrain Victorius, un casco destinato alle massime competizioni in cui...
La maglia Ombra di Santini è stata pensata per essere un capo unisex e viene realizzata con tessuti Polartec®, Power...
Gli zaini idrici di Thule hanno dimostrato negli anni di avere un qualcosa di speciale, merito di una visione aziendale...
di Giorgio Perugini
TPU si o TPU no? Lattice o butile? Possiamo dare più di una buona motivazione per avvalorare la scelta di...
di Giorgio Perugini
Il modello 029 di casa Salice nasce dalla grande esperienza maturata da Salice nelle massime competizioni, un terreno in cui...
di Giorgio Perugini
Sarebbe bello proporre soluzioni avanzate ad un prezzo altamente accessibile, no? È così che prende l’abbrivio la vita di due...
di Giorgio Perugini
Nei mesi passati Trek ha ampliato la propria linea di scarpe ad alte prestazioni per ciclismo su strada inserendo tre...
di Giorgio Perugini
Non molto tempo fa KASK presentò al mondo il casco Utopia, un casco modernissimo che ha stravolto gli schemi ottimizzando...
di Giorgio Perugini
Audace, moderno ma anche incredibilmente protettivo e versatile, ecco in poche parole cosa mi trasmette l’occhiale Kosmos PH di Limar,...
di Giorgio Perugini
I caschi sono tutti uguali? Certo che no e questo è un aspetto su cui più volte abbiamo cercato di...
di Giorgio Perugini
Da sempre in casa Trek la parola Madone ha un solo sinonimo ed è “velocità”. La nuova Madone SL 7...
di Giorgio Perugini
Laddove C sta per Carbonio e congiunzioni (anche se oggi dobbiamo parlare di parti), Colnago, Cambiago e Classe c’è anche...
di Giorgio Perugini
Se siete alla ricerca di un winter kit adeguato per pedalare in questo inverno, le proposte di Q36.5® vi daranno...
di Giorgio Perugini
Temevamo un arrivo repentino del freddo e così è stato, ora fuori le temperature sono scese molto e negli ultimi...
di Giorgio Perugini
Desiderate un’esperienza di ascolto ottima anche mentre correte o pedalate? Niente di più facile con le cuffie a conduzione ossea...
di Giorgio Perugini
Per molti amanti del gravel arriva la parte della stagione che regala emozioni forti, infatti, la natura che si appresta...
di Giorgio Perugini
Siamo a novembre e in alcune regioni d’Italia si registrano ancora temperature superiori ai 25°C, una situazione surreale che però...
di Giorgio Perugini
Leggerissime e rigide, ma anche veloci e incredibilmente scattanti, insomma, un set di ruote di livello incredibile alla portata di...
© 2018 | Prima Pagina Edizioni Srl | P.IVA 11980460155
Pubblicità | Redazione | Privacy Policy | Cookie Policy | Contattaci

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy