I PIU' LETTI
LE STORIE DEL FIGIO. IVAN PAROLIN, PROFESSIONISTA COMUNQUE
di Giuseppe Figini | 04/08/2020 | 07:45

 

Per gli addetti ai lavori del ciclismo, a tutti i livelli, e anche dello sci, soprattutto quello nordico, è un nome e un volto conosciuto quello di Ivan Parolin, veneto purosangue, come rivela chiaramente il cognome troncato, nato il 9 ottobre 1964 a Bassano del Grappa per ragioni d’ospedale.

Fin da giovanissimo Ivan Parolin è particolarmente attratto dalle corse in bici e già, all’età di nove anni, inizia a gareggiare subito dopo un rientro da una vacanza marina. E con dedizione e pazienza, grazie alla sempre più viva passione per le due ruote, percorre con buoni successi la lunga trafila nelle categorie d’avvicinamento.

L’esordio fu con la maglia del G.S. Cusignana, frazione di Giavera del Montello, poi – a seguire – quella del S. Maria di Rovere, del Cav. Lodi, dell’UCT Montebelluna, UC Riese, La Tiesse-Spinazzé, la Mainetti, la Opel-Vighini, la Euromobil Candy, MG Boy’s, Iranian Loom e Ecoidrojet. Sono nomi di formazioni note, alcune notissime, del ciclismo veneto, pure con specifica rilevanza nazionale per alcune di queste squadre e ha così l’occasione d’incrociare più volte i pedali con protagonisti delle differenti categorie che avrebbero poi conosciuto anche la ribalta del professionismo nazionale.

Quando militava nella categoria dilettanti Ivan Parolin, fisicamente non un gigante ma piuttosto scattante e pure resistente, trova le sue belle soddisfazioni, soprattutto nelle gare a tappe. Ha, infatti, vinto il Giro del Friuli 1987, l’importante gara spagnola Volta de Castellon nel 1989, il Giro del Veneto 1990.

Non sono certo da dimenticare due vittorie di tappa nel Giro d’Italia Baby che, al tempo, anticipava di qualche ora la corsa rosa per professionisti terminando le tappe sul medesimo traguardo. Nel 1986 è stato profeta in patria vincendo a Vittorio Veneto la tappa n. 11, quella conclusiva, anticipando in volata due che, nella specialità, non erano certamente “fermi”, Maximilian Sciandri e Dmitri Konyshev, come avrebbero poi dimostrato nella categoria maggiore. Il bis vittorioso fu l’anno successivo, il 1987, sul traguardo della 5^ tappa, la Corvara Trento imponendosi su Teteriuk e Citterio. Ha indossato anche la maglia rosa e quella ciclamino nel Giro baby.

Di recente, sui “social” è comparso un ricordo di queste affermazioni cui ha fatto seguito un “post” di un suo ex collega di lavoro alla Rudy Project e pure ex dilettante di buon livello che, forse mosso da “amichevole invidia”” – i due sono amici – ha cercato di ridimensionare, con bonaria ironia, la valenza di tali successi ottenendo in risposta una puntualizzazione precisa, non piccata, da parte di Ivan.

A quanto precede, in tema di successi fra i dilettanti di Ivan Parolin che assommano a una quarantina – non proprio pochi volendo -, si possono ricordare anche le vittorie della nota Popolarissima di Treviso nel 1986 e quello, nel 1990, del Trofeo Santa Rita a Castelfidardo, in terra marchigiana.

Ivan Parolin non nasconde ancora adesso un certo rammarico per non avere mai ricevuto proposte per passare al professionismo, un suo grande e costante sogno.

Così, a trent’anni, attacca simbolicamente la bicicletta al fatidico chiodo ma non lascia il ciclismo agonistico e, ottenuto il patentino, passa subito in ammiraglia nel 1995 con l’Ecoidrojet, l’ultima società che l’ha visto in sella. Si trova bene nella nuova funzione e di grande soddisfazione sono la medaglia d’argento ai mondiali juniores Under 23 di Daniele Sgnaolin, corridore di San Donà di Piave, secondo anche nella classifica generale del Giro baby che ha poi corso fra i professionisti, per due anni, con la Roslotto-ZG.

E’ in questa formazione con matrice italo-russa che Ivan Parolin opera, quale meccanico, negli anni 1996 e 1997 prima d’avviare la sua collaborazione con Rudy Project, notissima azienda di Treviso fondata nel 1985 da Rudy Barbazza, personaggio creativo nel settore dell’occhialeria e dei caschi, d’anticipatrice visione colorata, con grafica accattivante basata sulla sostanza tecnica per articoli fruibili da diversi sport, ora condotta dai figli Cristiano e Simone, marchio noto a livello mondiale.

Sempre, nella sua carriera, Ivan Parolin ha utilizzato prodotti Rudy Project e ha colto al volo, con gratitudine, l’offerta di collaborazione prospettatagli dagli amici della famiglia Barbazza per la gestione del parco atleti

Non abbandona però il ciclismo e, sempre quale direttore sportivo, talvolta a tempo limitato, ma sempre con peculiare passione, accompagna la carriera del brasiliano Murilo Fischer, ottimo velocista, campione del mondo nella categoria “Paesi emergenti” poi valido professionista in diverse squadre, un altro brasiliano, d’origine italiana, Luciano Pagliarini, pure lui passato al professionismo e Alessandro Bertuola, nativo di Montebelluna, secondo nella generale del Giro d’Italia baby 2004 e poi professionista dal 2005 al 2010. Anche Matteo Trentin, titolare di un’eccellente carriera anche fra i dilettanti con il G.P. Liberazione, il Trofeo De Gasperi e il Campionato Italiano al suo attivo, è stato seguito da Ivan Parolin prima del passaggio nella massima categoria.

Sono oramai quasi ventidue anni che Ivan segue ed è la cinghia di trasmissione fra gli atleti sui campi di gara e i responsabili tecnici e di produzione dell’azienda che raccolgono ed elaborano le indicazioni provenienti dai “testimonial” ad altissimo livello per un costante miglioramento del prodotto su indicazione dei tanti atleti, di vertice ma anche di base, delle molteplici discipline, che sono sponsorizzati e utilizzano prodotti Rudy Project. Oltre al ciclismo il campo d’azione prevede lo sci nordico, il biathlon, l’atletica, il pattinaggio e altro con una vastissima galleria di campioni a livello internazionale di varie epoche che non sono racchiudibili in poche righe.

E così, oltre al proprio palmarès ciclistico, Ivan Parolin ne ha messo insieme un altro, di tipo professionale, legato a Rudy Project, dove conta 22 Giri d’Italia, 23 Tour de France, tutti i “monumenti” e le classiche delle due ruote e 4 Olimpiadi invernali e una estiva.

Ricorda con piacere le 42 medaglie conquistate da atleti della scuderia “Rudy Project”” alle Olimpiadi invernali di Torino 2006.

Dopo questa strana e disgraziata prima parte d’annata anche Ivan Parolin è pronto a ripartire e riprendere la sua fitta rete d’impegni e i tanti, ma proprio tanti chilometri, che la specificità del suo lavoro richiede.

Sempre con entusiasmo laborioso e discreto come nel suo carattere. E pazienza se nel suo palmarès ciclistico non è comparsa la tanto agognata e sognata etichetta di “professionista”. Lo è, in compenso, nel suo lavoro che lo motiva sempre quale affermato e apprezzato professionista.

 

Copyright © TBW
TUTTE LE NEWS
Quando nel 1965 il bergamasco Pietro Santini fondava il maglificio che porta il suo nome, di certo non pensava che quell’idea imprenditoriale potesse un giorno conquistare le vette del ciclismo...

Il copertoncino tubeless CST Tirent è l’ideale per il Gravel ed è nato per affrontare i  più svariati terreni tipici della specialità. Grazie alla larghezza di 42mm e alla mescola...

Cambiare, senza perdere la propria identità e porsi come elemento aggregante per tornare a pedalare in gruppo, affrontando insieme il particolare periodo pandemico, come già fatto con successo in questo...

Il Comitato Organizzatore della Granfondo Terre dei Varano rende pubblico quanto e come sta adoperandosi nei confronti del doping, piaga della vita e della passione per lo sport. In data...

Canyon ne è certa, la nuova Torque non ha confini e può accontentare qualsiasi rider nei bike park di tutto il mondo o competere all’Enduro World Series. Vi sembra poco?...

Dal catalogo Vodafone per il vostro Natale a due ruote potete pescare l’innovativo Curve, un dispositivo tracker GPS che incorpora una luce posteriore. Si tratta del classico dispositivo all-in-one che...

Sarà sabato 15 ottobre 2022 il giorno della tredicesima edizione della Capoliveri Legend Cup, dopo tante richieste non potevamo deludervi! Tu sei pronto a metterti in gioco per “ENTRARE NELLA...

Le borse da bikepacking della collezione Scape di Brooks England oltre a ricalcare le linee guida aziendali da sempre orientate verso la qualità assoluta, offrono funzionalità totale e sicurezza  per...

La nuova collezione Adidas Eyewear abbraccia anche il mondo del ciclismo e lo fa con alcuni modelli decisamente performanti. Tra questi ho avuto il piacere di provare a lungo il...

La gamma di pedali KEO 2 Max porta avanti nel miglior modo una serie di concetti cari a LOOK ed esprime con grande chiarezza quanto i 35 anni di esperienza...

La Granfondo Stelvio Santini nel 2022 compie 10 anni ed è pronta a festeggiare il suo compleanno con i ciclisti italiani e stranieri che, a ogni edizione, partecipano numerosi per...

L’inverno non è amico della bici, questo è poco ma sicuro. Il freddo, lo sporco, la pioggia, il gelo e il sale distribuito sulle strade sono da sempre fattori che...

Il titolo italiano, quello europeo e poi la vittoria alla regina delle Classiche, la Parigi-Roubaix: Sonny Colbrelli è stato protagonista di una stagione davvero indimenticabile. Sidi ha deciso di concentrare...

Dopo gli ultimi mesi costellati di importanti successi messi a segno dai pistard italiani, è lecito aspettarsi un grande ritorno alla specialità dagli amanti del grande ovale. Miche con la...

"La pedalate gravel sono uno strumento di allenamento, ma anche uno modo per staccare la spina, per allontanarmi dalle auto, per immergermi nella natura... mi aiuta a rilassarmi", afferma un...

Il 2020 e il 2021 sono stati due anni molto difficili ed impegnativi a tutti i livelli per il ciclismo italiano ma, sotto gli aspetti legati all'attività sociale, hanno dato...

X-Bow nasce per soddisfare le richieste di chi cerca comfort e stabilità in tutti gli ambienti off-road e si presenta sia in versione tradizionale che Superflow con rail in TI316...

Tranquilli, nel nuovo e-shop di Veloplus le offerte del Black Friday non terminano ogGi ma a fine mese: un’occasione in più per scegliere bene il pezzo pregiato e portarlo a...

Una cosa è certa, il giovane marchio MB Wear ha la grande capacità di coprire bene diverse discipline come il ciclismo, il running  e lo sci. La nuova maglia invernale...

Il marchio di biciclette Cybro Industries è nato con l'idea di soddisfare qualsivoglia tipo di cliente, dagli amanti della velocità a chi preferisce il fuoristrada, passando per chi la bicicletta...

NOKO ELECTRIC POWER BIKE: nasce un nuovo progetto e-bike tutto italiano che ha voluto al fortemente al proprio fianco FSA e Vision per configurare tre mezzi esclusivi e ambiziosi. ...

Una splendida bici De Rosa è esposta alla Fiera Eicma in corso di svolgimento al polo di Rho-Pero. La De Rosa color giallo punta oro è allo stand Bafang, nell’affollatissimo  padiglione 22....

Presentato ad EICMA (Esposizione Internazionale delle Due Ruote) uno studio sulla contraffazione online promosso da Confindustria ANCMA e INDICAM: l’indagine, realizzata da FUB (Fondazione Ugo Bordoni) e DCP (Digital Content...

In diverse parti di Italia pare che l’inverno abbia già bussato a casa dei ciclisti, quindi che lo vogliate o no, probabilmente è arrivato il momento di fare il cambio...

VIDEO TEST
ALTRI VIDEO DI TEST




di Giorgio Perugini
Ingegnerizzata da Dallara, leggerissima e affascinante nelle sue linee sinuose, la nuova SLR Boost Tekno Superflow si presenta così nei...
di Giorgio Perugini
Spesso si ricade nella frase fatta «sono bastati pochi metri» per raccontare quanto un prodotto abbia la capacita positiva di...
di Giorgio Perugini
Nella nuova maglia Gravel Jersey 3/4 Isadore concentra tutta il proprio know-how e prende decisioni che si rivelano vincenti, fin...
di Giorgio Perugini
Il passaggio è davvero semplice, del resto il vento sa essere anche veloce, no? Salice ha preso la via più...
di Giorgio Perugini
Durante la scorsa stagione ho utilizzato prevalentemente le ruote URSUS Miura TC37 disc su strada, elemento naturale di questo meraviglioso...
di Giorgio Perugini
Gli occhiali KOO Demos sono tra gli occhiali preferiti del team Eolo-Kometa ed offrono un’ottima protezione grazie ad un design...
di Giorgio Perugini
Iconici, essenziali e apprezzatissimi da un esercito di appassionati che rivedono in questi occhiali il mito, il ciclismo dei campioni...
di Giorgio Perugini
Il calzino è un capo che spesso può fare una grande differenza, soprattutto  se indossiamo scarpe con suola in carbonio....
di Giorgio Perugini
Per ottimizzare un capo occorre togliere? Per rendere migliore lo stesso capo potrebbe essere utile semplificare e ridurre al minimo...
di Giorgio Perugini
L’alluminio non passa mai di moda e la riprova sono le ruote Miche Graff SP destinate alle gravel, un set...
di Giorgio Perugini
Leggerezza, ventilazione e aerodinamicità, come fare a trovare il giusto equilibrio in un completo da bici? Non è una cosa...
di Giorgio Perugini
Alé è un brand italiano che non ha bisogno di molte presentazioni, del resto si tratta di un marchio che...
di Giorgio Perugini
In questo ultimo anno abbiamo potuto tutti constatare quanto sia cresciuto il fenomeno gravel, un nuovo trend che ha confermato...
di Giorgio Perugini
La rivoluzione OCLV 800 Series abbraccia anche la gamma Madone esaltandone reattività e leggerezza, una dieta dimagrante per questo telaio...
di Giorgio Perugini
Il mercato delle e-bike corre veloce, un incremento davvero positivo che ha dimostrato quanto i nostri consumatori fossero in realtà...
di Giorgio Perugini
Finisseur, marchio prodotto da Deporvillage, azienda leader della vendita online per articoli sportivi, ha recentemente lanciato la propria collezione primavera-estate,...
di Giorgio Perugini
Si fa presto a dire pronto gara, infatti, questo è uno spot troppo spesso abusato. In casa Assos non si...
di Giorgio Perugini
Il casco Helios™ Spherical MIPS® è stato una delle ultime novità di Giro ed è un modello leggero e incredibilmente...
© 2018 | Prima Pagina Edizioni Srl | P.IVA 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy