I PIU' LETTI
LA PROSECCO CYCLING PEDALA NELLA STORIA
dalla Redazione | 30/09/2019 | 07:27

La storia pedala tra le colline dell’Unesco. Prosecco Cycling è un brindisi senza fine, il sedicesimo della serie, ma il primo da quando le colline di Conegliano e Valdobbiadene sono state riconosciute Patrimonio mondiale dell’umanità.

La bandiera dell’Unesco, sventolando idealmente tra i vigneti, ha lanciato la Prosecco Cycling verso nuovi orizzonti. Lo dicono, prima di tutto, i numeri, perché la platea dei partecipanti quest’anno ha raggiunto quota 2.200.  Ventisette le nazioni al via, in rappresentanza di quattro continenti. Un boom di adesioni che, complice il bel tempo, è proseguito sino a poche ore dal via, portando ad una crescita del 10% rispetto agli iscritti del 2018. 

E poi c’è l’entusiasmo dei partecipanti. “Prosecco Cycling è un’emozione sempre nuova”, ha detto, poco prima di salire in bici, il presidente di Villa Sandi, Giancarlo Moretti Polegato, accompagnato sulla linea di partenza dalla moglie Augusta. “Questa sedicesima edizione coniuga il riconoscimento Unesco e i 50 anni della Denominazione. Grazie anche alla Prosecco Cycling, le nostre colline hanno un palcoscenico mondiale”.

“Siamo in un territorio che riunisce tre perle dell’Unesco: Venezia, le colline di Conegliano e Valdobbiadene e le Dolomiti - ha aggiunto l’assessore al Turismo della Regione Veneto, Federico Caner, intervenuto alla Prosecco Cycling insieme ai sindaci di Valdobbiadene, Luciano Fregonese, e di Conegliano, Fabio Chies -. La Prosecco Cycling è il turismo che vogliamo: lento e rispettoso dell’ambiente, perché la bici è il mezzo di trasporto più ecologico che ci sia”.     

Pronti, via. Prosecco Cycling è una pioggia di coriandoli verdi. E’ una grande bicicletta fatta di palloncini. E’ la fantasia di “Grape”, la nuova mascotte a forma di botte, che dà il cinque a tutti, e duetta con “Lex Serafo”, simpatico diavolo sui trampoli. E’ un’emozione che alle 8.30, momento del via in Piazza Marconi a Valdobbiadene, parte dal “Nessun dorma” di Luciano Pavarotti e arriva a “Volare” di Domenico Modugno.

Volare sì, ma senza fretta. Perché alla Prosecco Cycling, dove sono bene accolte anche le bici a pedalata assistita, tutto va assaporato con calma, tra ristori speciali che impediscono di tirare dritto, il sole che rende brillanti le colline ricamate da vigneti e panorami che vanno dritti al cuore. Prosecco Cycling è davvero uno spettacolo Superiore, come sintetizza lo slogan (“Conegliano Valdobbiadene Superior Taste”) coniato per sancire la nuova partnership tra l’evento sportivo e il Consorzio di Tutela del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Docg. 

Prosecco Cycling è anche grandi ospiti: da Claudio “El Diablo” Chiappucci, il re della Milano-Sanremo 1991, che invita Kristian Ghedina, capitano del #teamCortina2021, ad una doppia sfida in bicicletta e con gli sci, all’ex schermitrice Margherita Granbassi, che con Rossano Galtarossa, autentico monumento del canottaggio, forma un’inedita accoppiata a cinque cerchi (sei medaglie olimpiche in due) e poi si diverte ad accogliere i ciclisti sul traguardo. Applauditi pure Marco Saligari, altro ex ciclista professionista, e una schiera di manager e imprenditori. Tutti conquistati dalla fantasiosa rilassatezza della Prosecco Cycling, che quest’anno, oltre ad avere il patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari, Forestali e del Turismo, è anche coincisa con la prova in linea del World Press Cycling Championship, il Campionato Mondiale dei Giornalisti Ciclisti.       

Nel gruppo, festa doppia per 11 atleti, nove uomini e due donne: Giorgia Bandini (Donne A), Michela Bergozza (Donne B), Maurizio Bernardi (Gentleman 2), Alessandro Bianchin (Senior 2), Jacopo Bottarini (Veterani 1), Giulio Carlin (Super Gentleman 1), Giuseppe Corsello (Veterani 2), Andrea Pontalto (Senior 1), Alessandro Sogne (Junior), Fabio Zambon (Gentleman 1) e Sergio Zambon (Super Gentleman 2).  

Sono loro i vincitori di categoria della particolare sfida basata sul tempo di percorrenza di quattro salite cronometrate (Zuel, Ca’ del Poggio, via dei Colli e Collalto) che i partecipanti alla Prosecco Cycling hanno incontrato lungo i 98,4 chilometri di un percorso parzialmente rinnovato, con 1680 metri di dislivello.

In cima al Muro di Ca’ del Poggio, a San Pietro di Feletto, i ciclisti hanno trovato l’ormai abituale ristoro a base di Prosecco e scampi. Poi, poco prima di fare rotta nuovamente su Valdobbiadene, dopo essere transitati per la prima volta anche nel centro storico di Conegliano, nuovo piede a terra nel cuore del Cartizze, dove la dolce ascesa della Rivetta ha accompagnato un ulteriore brindisi, all’insegna questa volta del “grand cru” del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg.   

I padovani del Team Armistizio Zerolite si sono imposti nella speciale classifica a squadre che ha premiato la squadra capace di piazzare sul traguardo più atleti nell’arco di 30”: ben 56 gli atleti del Team Armistizio Zerolite arrivati in gruppo e poi premiati dai grandi campioni della Prosecco Cycling. Alle loro spalle, nell’ordine, il Gs Sportissimo Top Level e il Ciclo Delta 2.0, rispettivamente con 45 e 40 atleti. 

Spezzotto Bike Team si è invece aggiudicato la classifica “Fun Team”, riservata alle squadre più veloci che, nell’arco di 30”, sono riuscite a piazzare sul traguardo almeno cinque ciclisti. La società trevigiana, giunta sulla linea d’arrivo in 2h51’01” (tempo del quinto classificato del team), ha conquistato il gradino più alto del podio con Fabio Casanova, Crescenzo Santelia, Alessandro Bianchin, Andrea Chiminello e Mattia Cionfoli. Argento per l’Unione Ciclistica Limana (2h58’56”),  bronzo per l’Asd Sc Lrtshop (3h08’18”). 

A proposito di squadre, applausi anche per il team Ascom-Confcommercio Treviso e per la neonata squadra di CIA-Agricoltori Italiani, che ha scelto la Prosecco Cycling – di cui l’importante realtà associativa è partner da quest’anno - come appuntamento d’esordio.  

Nel gruppo anche Robin Warrington, simpatico australiano del Queensland, classe 1956, il ciclista arrivato da più lontano. Una domenica indimenticabile per lui, così come per i polacchi Piotr e Joanna Eijsmont, padre e figlia, gli ultimi a giungere sul traguardo dopo poco più di 6 ore di corsa. In Piazza Marconi hanno trovato la banda, una torta gigante, la magnum di Prosecco stappata dal presidente del Consorzio di Tutela del Conegliano Valdobbiadene Docg, Innocente Nardi, e l’applauso dei volontari della Prosecco Cycling. A dimostrazione che a Valdobbiadene si è davvero tutti vincitori.  

 

Chiusura di giornata alla Trattoria Crai “Piaceri Italiani”, l’ormai classico salone delle eccellenze enogastronomiche, sviluppato nella cornice di Villa dei Cedri con la collaborazione della Scuola di Ristorazione Dieffe di Valdobbiadene e dell’Istituto G.B. Cerletti di Conegliano. L’ultimo brindisi di una domenica da ricordare, anche grazie all'impegno di circa 300 volontari che hanno garantito ordine e sicurezza sulle strade.   (foto GettyImages / Donati / Pafdovani)

Copyright © TBW
TUTTE LE NEWS
Il cicloturista italiano ama usare la bicicletta anche per gli spostamenti quotidiani, in particolare nei tragitti casa-lavoro, trascorre vacanze in bici piuttosto lunghe (oltre le 6 notti per il 50%...

Col ritorno della bella stagione e la possibilità di svolgere attività sportive in natura, ritorna Enjoy Stelvio National Park. Le strade dei più famosi passi alpini tornano protagoniste della voglia di libertà di...

I mesi appena trascorsi sono stati molto difficili. I progetti e le “battaglie” ambientali, per via della crisi, sono state poste in secondo piano, rispetto all'immediata emergenza sanitaria.Oliviero Alotto, runner,...

Alessio Berti, l'infaticabile attore, sceneggiatore e scrittore appassionato di sport e in modo particolare di quello della bicicletta, dopo aver concluso il viaggio da Onara di Tombolo-Basilica Sant'Antonio (Padova) a...

Scratch M5 è la sella che sto testando per voi e posso già anticiparvi che si tratta di un prodotto davvero speciale nato dalla collaborazione di Prologo con il Politecnico...

Sabato 18 luglio si comincerà a fare sul serio con una cronoscalata su una delle salite più rappresentative della città scaligera, che dalla mattina al pomeriggio vedrà coinvolte diverse tipologie...

E’ il 1985 quando esce nelle sale cinematografiche il primo episodio della trilogia di “Ritorno al futuro”. Nel film, lo stravagante scienziato “Doc” costruisce una macchina per viaggiare nel tempo,...

Quando le cose stavano al loro posto, insieme alle stagioni, c'era il Giro di Lombardia (e c'è ancora, non vi allarmate, anche se quest'anno non si sa bene): una delle...

“RIPARTIAMO PER BENE” questo il titolo scelto dal team NewsCiclismo per la sua nuova impresa, un ciclopellegrinaggio che li vedrà impegnati in una sfida solidale. 1000 chilometri da Varese aLourdes...

Garmin rivoluziona ancora una volta il nostro modo di praticare sport. Da oggi sono disponibili gli innovativi sportwatch con ricarica solare. Grazie alla luce naturale ora le nostre attività possono...

Pronte per inseguire i traguardi più importanti nel mondo del triathlon. Sono le nuove T-5 Air di Sidi, le scarpe pensate per i campioni della tripla specialità A testarle...

La e-bike è il futuro ed è l’emblema della nuova mobilità, per intenderci, quella sostenibile che promette di cambiare il volto delle nostre città. La e-Road, la sua versione sportiva,...

Il progetto era nato già nei mesi precedenti il lockdown, ma la Sc Gazzanighese ha deciso di non fermarsi, anzi, dopo il periodo cupo che abbiamo vissuto per la pandemia...

Dal 2015, la Terminillo Marathon è la conferma di un successo coltivato e portato avanti con la passione, il massimo dell’impegno e la professionalità nel promuovere l’ormai celebre Montagna di...

Il campione dello SCOTT Racing Team lo scorso weekend ha pedalato per 24 ore ininterrotte salendo per ben 10 volte sul Monte Gölem: per lui un dislivello Totale di 12.738...

Jovanotti è da sempre un grande fan di Zagor. Da questa sua passione nasce un’amicizia con Sergio Bonelli Editore che, dopo aver prodotto nella primavera del 2018 un albo speciale...

  Italiani e francesi: il binomio è spesso associato a rivalità storiche oltre che sportive. Questa storia, tuttavia, ci racconta un punto di vista diverso. Da inizio anno infatti, per...

Il casco Giro Manifest Sferical è l’ultima novità destinata al mondo off-road che sfrutta la Spherical™ Technology creata in partnership con MIPS®, una particolare tecnologia in cui le due calotte...

Dopo la sosta forzata dettata dall’emergenza Covid-19, il mercato delle bici è ripartito con più forza di prima e, grazie anche agli incentivi, sta vivendo un momento straordinario. Le E-BIKE...

Dalla terra al mare, dall’Emilia alla Romagna: con FAR Gravel la bici unisce i territori, ed è uno dei segnali di ripresa del movimento ciclistico dopo i duri mesi della...

Tutto pronto per il prossimo progetto estivo dell’ultracyclist Omar Di Felice. Dopo aver attraversato il Deserto del Gobi in inverno ed essere rimasto bloccato in Mongolia a causa dell’emergenza sanitaria mondiale...

L’Alto Adige ha dimostrato nuovamente di aver voglia di ripartire, con quanta più positività ed energia possibile, dopo settimane di chiusura necessaria...

Domenica 5 luglio 2020 avrebbe dovuto svolgersi la 34° edizione della Maratona dles Dolomites-Enel, annullata a causa della criticità del periodo, causato dal COVID-19. Anche ieri la giornata è iniziata...

Le abbiamo viste i piedi di Gilbert in mezzo alla polvere della Roubaix, ma anche osservate bene indossate da Geraint Thomas e Carapaz, vincitori rispettivamente di Tour de France 2018...

VIDEO TEST
ALTRI VIDEO DI TEST




La e-bike è il futuro ed è l’emblema della nuova mobilità, per intenderci, quella sostenibile che promette di cambiare il...
Il casco Giro Manifest Sferical è l’ultima novità destinata al mondo off-road che sfrutta la Spherical™ Technology creata in partnership...
di Giorgio Perugini
I gusti cambiano e cambiano soprattutto le esigenze di chi pedala, oggi più che mai. L’amatore evoluto passa molte ore...
di Giorgio Perugini
Dopo aver apprezzato in lungo e in largo la nuova chiusura powerstrap elaborata da fi’zi:k è arrivato il momento di...
di Giorgio Perugini
Per molti versi, cercando tra le bici più performanti e veloci in circolazione è difficile trovarne una comoda e accogliente...
di Giorgio Perugini
L'edizione speciale a tiratura limitata di un capo, di un accessorio o di una bici è una di quelle cose...
di Giorgio Perugini
Spesso con gli amici se ne discute a lungo ma non si arriva mai ad un punto. Chiacchiere da bar...
di Giorgio Perugini
Abbiamo imparato a conoscere Tubolito per via delle sue camere d’aria arancioni realizzate con uno speciale elastomero termoplastico. Detto così...
di Giorgio Perugini
Starvos WaveCel, il nuovo casco Bontrager, ha il grande merito di proporre la tecnologia WaveCel ad un pubblico più ampio,...
di Giorgio Perugini
Dopo aver calato una scala reale con la gamma Velo Road Racing, Pirelli ha messo le mani sul gravel con...
di Giorgio Perugini
Questa sella è dedicata agli scettici, soprattutto a quelli che guardano con diffidenza la stampa 3D, ritenendola valida solo per...
di Giorgio Perugini
Mi ero fatto altri programmi, ebbene sì, ma credo che lo steso valga per tutti voi. Non era ancora finito...
di Giorgio Perugini
Ci sono ritorni e ritorni, questo è vero, concordate? Talvolta un ritorno può essere un flop e altre meno e...
di Giorgio Perugini
Con Killer SLR Pittorico 3D la bici diventa come la tela di un pittore e vi riporta direttamente nel momento...
di Giorgio Perugini
Veloflex è uno di quei marchi che non hanno bisogno di tante presentazioni, infatti, sono largamente conosciuti da chi pretende...
di Giorgio Perugini
Ci sono tecnologie che fanno la differenza, una di queste, almeno per quanto riguarda la costruzione bici, è IsoSpeed. Preferite...
di Giorgio Perugini
Lo ammisi subito e senza mai tirarmi indietro, la Grail mi ha fatto impazzire fin dalla sua presentazione....
di Giorgio Perugini
Conoscevo molto bene Olympia Boost, oggetto di una review approfondita esattamente l’anno scorso, quindi, visto l’ottimo feedback avuto...
© 2018 | Prima Pagina Edizioni Srl | P.IVA 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy