I PIU' LETTI
CARRERA. AR01 DISC, PIÙ POTENZA E PIÙ CONTROLLO
di Giorgio Perugini | 19/09/2018 | 07:57

 

Siete indecisi se puntare sui dischi o rimanere fedeli al sistema frenante tradizionale? In effetti questo è un bel dubbio, uno di quelli che vi pone davanti ad una scelta importante. La maggior parte dei ciclisti pensa che una bici con freni a disco sia necessariamente più pesante e meno divertente ma credeteci, non è così. La differenza di peso si ritrova spesso solo nella componentistica, anche se gli ultimi gruppi e le ruote destinate ai freni a disco sono già diventati più leggeri rispetto un tempo.

La bici Carrera AR01 che vedete spesso nei nostri redazionali esiste anche in versione Disc, del resto, basta una forcella appositamente studiata per la trasformazione completa mentre il telaio nasce già predisposto per accogliere anche le pinze flat mount. Questa bici aero con il freno a disco diventa ancor più un vero missile da pianura, questo è poco ma sicuro.

Il telaio è uno splendido monoscocca realizzato con carbonio T-8000 che brilla per rigidezza e aerodinamica. La tecnologia utilizzata da Carrera, azienda italiana amatissima anche all’estero, permette un notevole compattamento delle fibre con un processo che elimina tutto materiale superfluo esaltando le doti del carbonio. Il peso della taglia M si assesta sui 1100 grammi mentre ne servono poco più di 360 per la forcella anteriore.

Il centro del progetto AR01 è lo speciale cockpit integrato, una « pipa » aerodinamica, leggera e robusta come poche altre al mondo. Questa particolare struttura ospita il passaggio dei cavi a scomparsa e assicura un totale controllo del mezzo, aggiungendo una precisione sulla guida davvero elevata. È proprio grazie a questa parte oversize che si apprezza ancor di più la forcella con testa conica e si riesce a gestire in maniera sensazionale anche le frenate più violente.

Ad un triangolo anteriore così schiacciato e veloce se ne abbina uno posteriore massiccio, l’ideale per rispondere colpo su colpo alle violente accelerazioni. Il movimento centrale di tipo press fit 86x41 assicura una risposta ai carichi sempre all’altezza.

La bici che vedete nella gallery è da considerarsi come kit telaio, infatti, a parte il gruppo completo Shimano Ultegra Disc R8020, disponibile nei montaggi Carrera, troviamo le ruote Ultegra WH-RS770,  il manubrio FSA K-Force, la sella Stealth PRO  e i copertoncini Vittoria Corsa Competizione da 25mm.

Questa AR01 ha una gran voglia di correre, del resto l’aerodinamica e la guarnitura con corona da 52 rendono facili le alte velocità. Il peso aggiuntivo di questo montaggio si sente sulle lunghe salite, mentre nei percorsi collinari tutto fila sempre liscio. In discesa la stabilità è totale e passare i 90 diventa davvero semplice. Per quanto riguarda le caratteristiche del prodotto, non siamo distanti dalla versione con freni tradizionali, anche se quest’ultima rimane a mio modo di vedere le cose la bici più versatile. La colorazione nera/nera opaca è elegante e sposa qualsiasi tipo di montaggio.

Il terreno ideale di questa configurazione disc potrebbe essere anche quello delle gare in circuito, del resto i rilanci, le variazioni di velocità e le violente volate sono il suo pane. I perni passanti e tutta la stabilità dell’avantreno sono elementi da riferimento su cui impostare anche una guida aggressiva, anche se rimango dell’idea che le bici con i freni a disco permettano ingressi in curva vellutati senza alcun bisogno di tirare la staccata all’ultimo secondo.

Sul passo non c’è storia, le alte velocità regolari diventano una normalità grazie anche ai copertoncini Vittoria, pazzeschi nell’aggiungere confort alla marcia (qui la nostra review ). Altro discorso è una frenata di emergenza, in questo frangente la potenza è nettamente maggiore e i metri per arrestarsi sono ridotti all’osso.

In alternativa, la AR01 Disc potrebbe ricoprire benissimo il ruolo tuttofare di prima bici, ma a questo punto non sarebbe male puntare su componenti più leggeri per arrivare a 7kg scarsi. La scelta dipende nettamente da voi, passare definitivamente al disco non è cosa da poco, ma sono certo che il modo migliore per farlo sia quello di puntare su una bici top di gamma, completa sotto ogni aspetto.

 

www.carrera-podium.it

 

★★★★★ design

★★★★★ finiture

★★★★☆ tecnologia

★★★★★ pianura

★★★☆☆ leggerezza

★★★★☆ montagna

★★★★★ comodità

★★★★☆ versatilità

★★★★★ aerodinamica

 

Equipaggiamento

-casco Briko Aries

-Occhiali Briko SuperleggeroXL

-Completo Pordoi Bicycle Line

-Scarpe Shimano RP9

-Gruppo Shimano Ultegra Disc R8020

-Ruote Ultegra WH-RS770

-Pneumatici Vittoria Corsa Competizione 25mm

 

 

 

 

 

 

 

Copyright © TBW
TUTTE LE NEWS
Il percorso di Selle Italia a fianco dei principali eventi ciclistici internazionali porta questa volta l’azienda “fuori strada”. Quest’anno il brand di Asolo sarà infatti, per la prima volta, fornitore...

Tornare per vedere cosa è cambiato, ma soprattutto per valorizzare ancora una volta un territorio in via di ricostruzione: a distanza di un anno, Bosch ha deciso di organizzare un...

La H4F Sport è pronta per l’ultima fatica organizzativa della stagione 2018: la Randonèe Cammino di Francesco è una pedalata non competitiva aperta davvero a tutti, in quanto saranno messi...

Arrivano novità importanti per tutti coloro che domenica 23 settembre decideranno di prendere parte alla Granfondo di Casteggio. Dopo gli ultimi sopralluoghi effettuati dagli organizzatori, è stato deciso di introdurre...

Il classico circuito che da anni sancisce l’inizio della stagione agonistica, giunge alla 11° edizione con novità interessanti, date rinnovate e una tappa sostituita. Era l’inverno del 2009 quando il...

Prima tappa veneziana per il 31° Trofeo d'Autunno e ultima per la Veneto Cup domenica 16 settembre a Torre di Mosto. La competizione, preparata dal Team Velociraptors, nonostante la concomitanza...

Il 38enne campano Luigi Ferritto è il vincitore della  Castel di Sangro, a cura della SSD Corona d'Abruzzo di Chieti. Presso la rinomata località sangrina si sono dati appuntamento una...

  Homo Faber è una esposizione in cui competenze, artigianalità, raffinatezza e ingegno viaggiano sullo stesso binario per stupire e far innamorare i visitatori. Non si tratta di una semplice...

Per il terzo anno consecutivo è una giovane promessa della mountain bike ad aggiudicarsi l'ormai tradizionale trofeo che da undici edizioni accompagna l'attività di promozione del Circuito Bresciacup.   L'11º...

Jena è la nuova bici in carbonio per il gravel, nata per darti la più ampia libertà di scelta nelle tue uscite. Che sia pura performance su strade bianche e...

VIDEO TEST
ALTRI VIDEO DI TEST




di Giorgio Perugini
Riciclare è la parola d’ordine quando si pensa all’ambiente e all’inutile spreco di materie prima una volta utilizzate per realizzare...
di Giorgio Perugini
Avete presente quelle nuvole gonfie di pioggia, pronte ad esplodere in un fragoroso temporale da un istante all’altro?...
di Giorgio Perugini
Sicurezza, ventilazione e aerodinamicità sono solo alcune delle voci che descrivono al meglio il casco Ventus, un progetto...
di Giorgio Perugini
Gran Turismo in ambito automobilistico va ad indicare una auto con prestazioni elevate, ma anche confortevole e incline...
di Giorgio Perugini
Le ruote Aelous XXX nascono per stupire e catturare gli sguardi. Scure, cattive e leggere divorano l’asfalto con...
di Giorgio Perugini
Siamo quasi alla fine di stagione e si avvicinano gli ultimi due appuntamenti targati Eroica, Eroica Dolomiti e...
di Giorgio Perugini
II mese di settembre è un mese bugiardo, permettetemi lo sfogo, almeno dal punto di vista climatico. Basta...
di Giorgio Perugini
  Il dilemma è sempre lo stesso, ventilato o aerodinamico? Oggi scegliere il casco giusto, tralasciando i fenomeni di costume...
di Giorgio Perugini
  Bike Inside è un marchio di abbigliamento ciclistico giovane e reattivo e negli ultimi anni ha avviato tantissime collaborazioni...
di Giorgio Perugini
  Pedaled è un marchio che mi stupisce sempre ed il merito di queste piacevoli sensazioni è da attribuire alla...
di Giorgio Perugini
  Sono passati circa quattro mesi da quando sono tornato a pedalare su un pedale Shimano, li alterno in particolare...
di Giorgio Perugini
  Lo ammetto e non ne faccio un mistero, sono stato tra i primi in Italia ad utilizzare i prodotti...
di Giorgio Perugini
  Questo marchio non è certo ai suoi primi giorni di vita, infatti, è ben dagli anni ’80 che Titici...
di Giorgio Perugini
  Che il ciclismo di oggi sia fortemente contaminato dalla moda non è certo una scoperta ma è proprio questa...
di Giorgio Perugini
Le nuove Infinito R1 Knit nascono per offrire al ciclista una nuova esperienza in termini di calzata, sia in termini...
di Giorgio Perugini
L’edizione 2018 dell’Eroica (qui il Link dell’Eroica Gaiole) si sta avvicinando ed una cosa è certa, è decisamente...
di Giorgio Perugini
Nella mia esperienza da ciclista ho imparato che le vecchie regole valgono per tutti e una delle più note in...
di Giorgio Perugini
Che tipo di ciclista sei? Sei ossessionato dalla velocità o ti piace stare sempre a ruota? Se ti piace prendere...
© 2018 | Prima Pagina Edizioni Srl | P.IVA 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy