I PIU' LETTI
REPENTE. UN MARCHIO CHE SA COME DISTINGUERSI
di Giorgio Perugini | 18/03/2024 | 08:10

In un mercato in cui è sempre più difficile distinguersi, Repente - giovane marchio italiano che produce selle di grande qualità - ha trovato la propria strada realizzando prodotti esclusivi attraverso lavorazioni accurate che hanno messo in evidenza idee davvero originali, sfruttando materiali eccellenti. Fin dalla sua nascita Repente ha investito molto in termini di ricerca e innovazione, un percorso che ha portato il brand a brevettare il Repente Locking System (RLS), il sistema che permette di sostituire la cover della sella mantenendo lo steso scafo. 

Le innovazioni non si sono fermate qui, infatti, è stata messa a punto la tecnologia LCF (Long Carbon Fiber) in cui un tecnopolimero viene rinforzato con fibre lunghe di carbonio per costituire intrecci ideali per migliorare la leggerezza degli scafi. Per rimanere al passo con i tempi, tutta la filiera produttiva è organizzata per limitare al massimo gli sprechi di materiali e per arrivare a produrre selle sempre più green, un passaggio essenziale oggigiorno. Le selle Repente sono prodotti che si sono distinti per bene anche in ambiente professionistico, basti pensare alla grande soddisfazione con cui queste selle vengono utilizzate dal Team Bingoal WB e da Lejla Tanovich, leader di coppa del mondo nel Marathon. Una cosa è certa, il marchio Repente prosegue un percorso di crescita costante a livello di prodotti, ma a fare da traino è la visione aziendale. Abbiamo fatto una chiacchierata con Massimo Farronato, fondatore di Repente, uno scambio utile per far luce sulle ambizioni future di Repente e su quanto di buono è stato fatto fino ad ora.

Massimo, ci parli di lei e delle sue passioni. Cosa la lega al ciclismo?

«Nel mio percorso professionale ho incontrato il ciclismo nel 2002 quando ho iniziato a lavorare per il Gruppo Selle Royal, ricoprendo l’incarico di purchasing director e occupandomi dello sviluppo di vari prodotti. Da praticante mi sono avvicinato al ciclismo piuttosto tardi, dopo i 40 anni. Nelle gare amatoriali mi sono tolto anche qualche bella soddisfazione». 

Repente… cosa si cela dietro questo nome? Da dove parte l’idea di produrre selle innovative? Quale è l'ambizione che la spinge in questa avventura? 

«Repente è una parola di origine latina, vuoi, dire veloce, improvviso, ma, come accade spesso in questi casi, ci siamo innamorati soprattutto del suono di questa parola. Il nostro progetto imprenditoriale è nato dalla volontà di mettere a frutto competenze ed esperienze di lungo corso in questo settore per creare qualcosa che prima non c’era, scegliendo materiali di prima qualità,  creandone di nuovi se necessario e producendo in Italia. Abbiamo inventato un sistema di sostituibilità delle cover, una sella con scafo e imbottitura in un unico materiale riciclabile, un nuovo sistema di assorbimento delle vibrazioni, e continuiamo a sperimentare». 

Come è organizzata la produzione? 

«Ci occupiamo internamente dell’ideazione, mentre l’ingegnerizzazione avviene in parte con il supporto di studi esterni. I fornitori sono quasi esclusivamente della nostra regione, in qualche caso sconfiniamo in Lombardia. L’assemblaggio e il confezionamento sono svolti internamente». 

In un mondo in cui gli sprechi sono sempre troppi, come si comporta Repente? La sella Nova rappresenta una bella svolta e non solo per voi…

«Sentiamo parlare spesso di prodotti sostenibili, di materiali ecologici, e volevamo proporre al mercato una sella che si meritasse davvero l’appellativo di «green». Per fare a meno di colle e solventi serviva mettere a punto un processo produttivo con un unico passaggio per scafo e imbottitura, e con un materiale totalmente riciclabile, così come lo è il rail. Lo sviluppo è stato laborioso, ma ci siamo riusciti. Quanto al design, data l’esperienza accumulata con gli altri prodotti, partivamo avvantaggiati. Non è una sella per l’agonista esigente, ma credo che sia una sella rivoluzionaria sotto molti aspetti. Il debutto nel mercato è stato molto positivo». 

Quanto di quello che avete messo a punto per Nova ritroveremo nell’alta gamma? 

«Ci stiamo lavorando. Intanto per l’alta gamma abbiamo altra carne al fuoco, con il 3D e non solo». 

Le selle Repente si sono distinte fin da subito per il sistema RLS e per la bellezza delle lavorazioni in carbonio. Quanto di tutto questo definisce l’originalità del prodotto Repente?

«L’RLS è un nostro tratto distintivo, anche se riguarda solo una parte della nostra produzione. Utilizza due scafi sovrapposti, fa risparmiare soldi e riduce i materiali di scarto, sempre più ciclisti lo stanno apprezzando. Quanto al carbonio, lavorarlo al meglio è sempre stata una nostra passione. Per renderlo migliore usiamo l’autoclave, pochi lo fanno». 

La gamma è già molto completa e permette agevolmente di trovare proposte per ogni disciplina. Come prosegue il lavoro con i team professionistici?

«Sponsorizziamo i professionisti da quando esiste il marchio. Da tre anni la Bingoal WB usa le nostre selle. Non c’è miglior tester di una squadra di professionisti che corre la Parigi-Roubaix, il Giro delle Fiandre e tutte le altre classiche del Nord. I feedback sono stati molto positivi, siamo molto contenti che ci abbiano chiesto di continuare la collaborazione».

Il mercato oggi vive un momento di grande saturazione ma, come detto in partenza, l’originalità dei prodotti Repente sembra una buona garanzia per trovare nuovi clienti. Come siete percepiti all’estero, qual è il vostro mercato trainante? 

«In Italia abbiamo cambiato da poco la modalità distributiva, e i primi riscontri del 2024 con i nostri agenti sono molto lusinghieri. All’estero ci vedono come dei produttori originali, molto meticolosi e orientati verso la performance. Sanno che produciamo in Italia e che cerchiamo sempre il miglior rapporto fra qualità e prezzo come modo per differenziarci. Gli Stati Uniti, gran parte dell’Europa, l’Australia e il Giappone sono fra i nostri mercati principali oltre confine». 

Il rapporto qualità/prezzo è diventato oggi molto importante, segno che il cliente sa districarsi tra le varie offerte e ha anche maturato un buona consapevolezza, sfuggendo dai luoghi comuni. Qual è la vostra ricetta per realizzare la sella perfetta?

«Studiamo molto, cerchiamo di capire che cosa vuole il mercato nei vari segmenti di prodotto e quali sono le soluzioni più efficaci nel design, nei materiali e nelle tecnologie. In una nostra sella c’è solo ciò che serve ad aumentare il comfort e la performance, niente orpelli».

L’estetica per voi conta molto, che effetto vi fa sentirle definire oggetti d’arte?

«Ci rende molto orgogliosi. Il nostro primo motto, «Il ciclismo è un’arte», rispecchia il nostro amore per questo sport e l’importanza che diamo all’estetica, che peraltro può andare d’accordissimo con il comfort». 

In che modo la vostra idea di sella diventa realtà e quali sono i test che un prodotto deve superare per proporsi al pubblico?

«Le forme delle nostre selle nascono dalla nostra esperienza e dalla continua ricerca di nuove soluzioni ai problemi che, talvolta, i ciclisti neppure sanno di avere. Collaboriamo moltissimo con i bikefitter e ascoltiamo i corridori, dal professionista al ciclista della domenica. Così è nato l’appoggio posteriore Close Fit, che riduce molto la pressione sull’ischio ed è trasversale a tutte le nostre selle. Inoltre ci siamo accorti che in molte selle larghe presenti nel mercato i bordi ostacolano la muscolatura interna della gamba, ed ecco che è nata la sagomatura Ergo Shape. Lo sviluppo termina quando i test in laboratorio e su strada danno l’ok definitivo». 

Ed ora le chiediamo di svelare qualche carta se possibile, cosa dobbiamo aspettarci per la stagione in corso?

«Dopo Nova, le prossime novità arriveranno nell’alto e medio di gamma. Da molti mesi stiamo lavorando ad una full carbon dalla forma flat e ad una 3D con caratteristiche particolari. Non solo, abbiamo progettato anche un prodotto specifico per il pubblico femminile».

www.sellerepente.com

 

Copyright © TBW
TUTTE LE NEWS
Nascono per le avventure fra i trail  e tutti i percorsi all-mountain che vi vengono in mente. Perfetta per le mtb muscolari e a pedalata assistita, la nuova calzatura Corsair...

In un ciclismo moderno in cui la contaminazione e la multidisciplina è diventata una bellissima realtà, ecco per voi la proposta SRK di Sportful, un cycling kit che fa della...

Officine Mattio S.r.l. (“Officine Mattio”), produttore artigianale italiano di biciclette, ha annunciato oggi un accordo strategico con Officine Mattio Holding Limited (“OMHL”), una società di investimento con sede ad Abu...

La nuova Dogma F conferma quanto nel DNA Pinarello sia di rigore combinare prestazioni incredibili, tecnologia all'avanguardia e bellezza estetica, una via quella scelta dalla celebre azienda italiana percorsa da...

La nuova Colnago V4 è una bicicletta allround che si inserisce nel filone del progetto di sviluppo della V4Rs, la bicicletta costruita per vincere, che accompagna i grandi successi del team UAE...

One-to-One, ovvero unico. Ecco in un brevissimo passaggio quello che vi fornisce Fizik, ovvero una sella su misura stampata in 3D. Il recenti prodotti del marchio di Pozzoleone avevano fatto...

Probabilmente in questi anni abbiamo commesso un errore mettendo nel dimenticatoio l’alluminio e oggi Specialized ci ricorda che questa lega può dare ancora immense soddisfazioni se lavorata in modi nuovi....

Pedalare durante l’estate offre sicuramente ottimi benefici, ma occorre essere ben equipaggiati per farsi amico anche il sole più cocente. Un completo leggero e dall’eccellente traspirabilità è la regola da...

In città le soste brevi sono quelle in cui si rischia maggiormente di vedersi rubare la bici, due fatidici minuti in cui la nostra bella, spesso a pedalata assistita, prende...

Load Modular è la nuova proposta di Briko per il mercato della MTB: un occhiale altamente protettivo caratterizzato da una costruzione modulare in grado di assicurare massima protezione per gli occhi,...

Per tutti gli sciatori, l'allenamento in bicicletta è ormai diventato fondamentale. E i campioni della neve vanno a cercare il meglio del meglio. Gli sciatori azzurri Mattia Casse e Guglielmo...

Svitol Bike, la linea di Svitol dedicata alla manutenzione e alla cura di bici e di e-bike e distribuita in Italia da Ciclo Promo Components, cresce con l’arrivo di Detergente...

Il nuovo progetto Drali riporta in voga l’acciaio e la sua comprovata duttilità nei telai da corsa. È proprio così che il marchio meneghino presenta oggi Trinity, il telaio con...

Si è tenuta ieri, alla presenza del membro del governo Cantonale, Mario Fehr, del Consigliere comunale Filippo Leutenegger e di altre personalità, la conferenza stampa organizzata dal Comitato Organizzatore Locale,...

Le ragioni per cui si desidera una e-road sono tante. C’è chi la sceglie per conquistare salite altrimenti troppo impegnative, chi per esplorare percorsi lontano da casa, o chi per...

Aliante Adaptive si affianca ai modelli Antares ed Argo andando a completare la famiglia di selle con cover stampate in 3D, il celebre sistema Adaptive messo a punto da Fizik...

È l’estate di Parigi 2024, è l’estate delle Olimpiadi. Tra storie, sogni e obiettivi, tutti gli occhi del mondo saranno sulla capitale francese. E ci saranno anche MCipollini e le...

Il modello Egos è uno di quelli utilizzati dal Team Bahrain Victorius, un casco destinato alle massime competizioni in cui gli atleti hanno bisogno di massima ventilazione. In questo progetto...

Grandi novità su Wikiloc: arrivano infatti due nuove funzionalità, vale a dire Route Planner e Mappe 3D. La piattaforma di navigazione outdoor consente ora di pianificare percorsi direttamente da casa...

Core e Concrete College sono le due collezioni pensate da Canyon per chi si ispira alla cultura del ciclismo, capi streetwear ma destinati a chi vive il fascino de ciclismo...

La sella NAGO è uno dei prodotti più iconici di Prologo, un modello che nella sua vita ha affiancato molti campioni in vittorie importantissime nelle classiche di un giorno e...

La maglia Ombra di Santini è stata pensata per essere un capo unisex e viene realizzata con tessuti Polartec®, Power Stretch™ e Delta™. Questo nuovo capo si distingue per il...

La nuova bici da cronometro e da triathlon Supersonica SLR di Wilier rappresenta molto di più di un semplice nuovo modello di altissima gamma, infatti, è la perfetta sintesi di...

Come era prevedibile, il gravel oggi è una specialità con due anime, una che vive di performance e velocità ed una decisamente più orientata all’avventura. Così Bianchi, dopo aver lanciato Impulso, la fast gravel...

VIDEO TEST
ALTRI VIDEO DI TEST




La nuova Dogma F conferma quanto nel DNA Pinarello sia di rigore combinare prestazioni incredibili, tecnologia all'avanguardia e bellezza estetica,...
Il modello Egos è uno di quelli utilizzati dal Team Bahrain Victorius, un casco destinato alle massime competizioni in cui...
La maglia Ombra di Santini è stata pensata per essere un capo unisex e viene realizzata con tessuti Polartec®, Power...
di Giorgio Perugini
Gli zaini idrici di Thule hanno dimostrato negli anni di avere un qualcosa di speciale, merito di una visione aziendale...
di Giorgio Perugini
TPU si o TPU no? Lattice o butile? Possiamo dare più di una buona motivazione per avvalorare la scelta di...
di Giorgio Perugini
Il modello 029 di casa Salice nasce dalla grande esperienza maturata da Salice nelle massime competizioni, un terreno in cui...
di Giorgio Perugini
Sarebbe bello proporre soluzioni avanzate ad un prezzo altamente accessibile, no? È così che prende l’abbrivio la vita di due...
di Giorgio Perugini
Nei mesi passati Trek ha ampliato la propria linea di scarpe ad alte prestazioni per ciclismo su strada inserendo tre...
di Giorgio Perugini
Non molto tempo fa KASK presentò al mondo il casco Utopia, un casco modernissimo che ha stravolto gli schemi ottimizzando...
di Giorgio Perugini
Audace, moderno ma anche incredibilmente protettivo e versatile, ecco in poche parole cosa mi trasmette l’occhiale Kosmos PH di Limar,...
di Giorgio Perugini
I caschi sono tutti uguali? Certo che no e questo è un aspetto su cui più volte abbiamo cercato di...
di Giorgio Perugini
Da sempre in casa Trek la parola Madone ha un solo sinonimo ed è “velocità”. La nuova Madone SL 7...
di Giorgio Perugini
Laddove C sta per Carbonio e congiunzioni (anche se oggi dobbiamo parlare di parti), Colnago, Cambiago e Classe c’è anche...
di Giorgio Perugini
Se siete alla ricerca di un winter kit adeguato per pedalare in questo inverno, le proposte di Q36.5® vi daranno...
di Giorgio Perugini
Temevamo un arrivo repentino del freddo e così è stato, ora fuori le temperature sono scese molto e negli ultimi...
di Giorgio Perugini
Desiderate un’esperienza di ascolto ottima anche mentre correte o pedalate? Niente di più facile con le cuffie a conduzione ossea...
di Giorgio Perugini
Per molti amanti del gravel arriva la parte della stagione che regala emozioni forti, infatti, la natura che si appresta...
di Giorgio Perugini
Siamo a novembre e in alcune regioni d’Italia si registrano ancora temperature superiori ai 25°C, una situazione surreale che però...
© 2018 | Prima Pagina Edizioni Srl | P.IVA 11980460155
Pubblicità | Redazione | Privacy Policy | Cookie Policy | Contattaci

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy