I PIU' LETTI
DE ROSA. NUOVO LOGO, UNA SCELTA DI CUORE
di Pier Augusto Stagi | 21/06/2019 | 16:40

Il luogo è un puntino quasi invisibile nell’universo. Si chiama hotel Cosmo: è alle porte di Milano, e qui c’è il nuovo mondo della cicli De Rosa. Che non è un puntino, ma semmai un punto esclamativo, che lascia senza parole, anche se poi ne occorrono un po’ per spiegare tutto quello che è stato pensato e presentato in questo tardo pomeriggio del 21 giugno: primo giorno d’estate.

E-state pronti. È un invito, un consiglio, una promessa.  Questo cuore grande, che ha scritto pagine importanti della storia della bicicletta, se lo merita. Un cuore carico di passione, che oggi è anche un po’ cambiato. Difatti, dalla storia di De Rosa e dalla mano sapiente dei designer di Pininfarina, è nato il nuovo logo delle bici del cuore col cuore di Cusano Milanino. Una nuova identità, che accompagnerà De Rosa e tutti i suoi prodotti nei prossimi anni.

Il nuovo logo.

Il marchio rappresenta la sintesi perfetta tra il glorioso passato che l’azienda milanese creata da Ugo De Rosa e oggi guidata con passione e sapienza da Cristiano e Danilo, si è conquistata in più di 60 anni di attività, segnati da ricerca, innovazione e scenari visionari. Stilisticamente il marchio mantiene il carattere incisivo proprio della De Rosa, ma le forme vengono reinterpretate con un design più accattivante e moderno.

«Quello che abbiamo deciso di utilizzare è un tipo di carattere accelerato – ci ha spiegato Cristiano De Rosa -, le forme distese suggeriscono un rapido movimento orizzontale. Lo stile del logo è la chiave di lettura di un percorso che si esprime nella solidità di un lettering che man mano diventa sempre più dinamico, veloce, aperto al futuro. L’innovazione principale è, però, la nuova forma del cuore, anima centrale del brand De Rosa, che viene quasi “ingegnerizzato” sfruttando la proporzione tra gli elementi circolari presenti sulla bici, per diventare elemento pulsante di assoluta perfezione stilistica e tecnologica».

«Lavorare sul brand per noi significa operare sull’anima di un’azienda – ha spiegato Paolo Pininfarina, Presidente del Gruppo -. In De Rosa abbiamo trovato una tale comunanza di valori e di visione – concretizzatesi nel grande successo di SK – che siamo lieti di consolidare la nostra partnership con questo nuovo modello ed iniziare ad immaginare insieme scenari di sviluppo futuri».

Cristiano De Rosa, ha poi aggiunto: «Quella presentata è una crescita forte, epocale per il nostro brand, nato dalla volontà di portare sullo stesso binario la visione futurista delle nostre biciclette con il logo che ci rappresenta. Ci siamo trovati di fronte ad una realtà molto importante: realizziamo dei prodotti molto contemporanei, leggeri, performanti, aerodinamici, evoluti, ma che non erano più supportati da un logo innovativo. Allo stesso tempo siamo consapevoli della storia e della tradizione che il nostro logo e il nostro cuore rappresentano nella tradizione del ciclismo italiano. Questo ci ha spinto come famiglia De Rosa a fare una scelta di cuore e studiare un nuovo logo, insieme ai designer di Pininfarina, che rispecchiasse la visione che hanno i nostri prodotti, ma nel pieno rispetto della nostra storia che ci identifica. Per questo ringrazio Paolo Pininfarina e tutto il centro stile Pininfarina per aver compreso appieno e valorizzato al meglio la tradizione De Rosa proiettandola nel futuro».

E sul questo concetto di futuro che non dimentica il proprio passato, Cristiano è ancora più preciso. «Il retro futurism è il concetto che ci ha ispirato e che abbiamo espresso nel nuovo logo – ha aggiunto -. Mi permette oggi di dire cosa ha fatto De Rosa nei suoi primi 66 anni e cosa vorrebbe fare nei prossimi 66 anni. Heritage e dinamicità. Sono infatti questi i valori a cui ci siamo ispirati nella realizzazione del nuovo logo De Rosa, che ha l’obiettivo di esprimere il futuro del brand senza abbandonare mai il passato e la sua storia. Tutto quello che è legato al passato ha per me il massimo rispetto e rappresenta un vero valore culturale per l’azienda, ma è la base per lo sviluppo del futuro di De Rosa, un futuro in cui prodotto e brand, inteso come logo, parlano la stessa lingua».

CHI È LA CICLI DE ROSA.

L’azienda De Rosa nasce nel 1953, in una Milano energica, ricca di idee e con la volontà di riscatto dal dopoguerra. Il suo fondatore Ugo De Rosa inizia la propria carriera nel mondo del ciclismo professionistico come meccanico, per spostarsi presto verso la produzione telaistica. Le sue biciclette sono “geometricamente innovative” e i corridori vogliono correre su bici marchiate De Rosa. Da Cusano Milanino (che tutt'ora rappresenta la casa del brand) i telai De Rosa varcano i confini nazionali prima e quelli europei poi. Tra gli anni 60 e 80 sono molti i professionisti che pretendono di correre le proprie gare sui telai marchiati Cuore Rosso. È il 1973 quando De Rosa diventa il fornitore di bici ufficiale del team Molteni, squadra in cui milita il leggendario Eddy Merckx che sceglie in prima persona Ugo De Rosa come proprio meccanico personale. Il rapporto professionale con Eddy Merckx sarà di fondamentale importanza per Ugo e per il futuro del brand De Rosa, in quanto lo studio delle performance e la precisione di entrambi, porteranno a miglioramenti al tempo inesplorati nel mondo delle 2 ruote. Qualche anno più tardi Ugo costruisce le bici per Francesco Moser (che con quelle biciclette vince tre Parigi-Roubaix). Lo studio continuo dei materiali, la passione per le biciclette e l'amore per il ciclismo di Ugo vengono tramandati ai figli, che continuano nell'attività intrapresa dal padre puntando sempre alla ricerca dell'eccellenza. All'acciaio si aggiunge presto la produzione in Titanio, che rappresenta ancora oggi il metallo più nobile della lavorazione telaistica di De Rosa. La cura dei dettagli e la ricerca della perfezione vengono impreziosite negli anni 90 con la ricerca della performance e della leggerezza. L'alluminio fa il suo ingresso nella produzione De Rosa seguito presto dal nuovo materiale che segnerà il cambio epocale nella produzione: il carbonio. È proprio all'interno di questo materiale che De Rosa sperimenta maggiormente e dalla quale saranno realizzate le principali top di gamma del brand. Dalla King alla SK, nata dall'incontro con Pininfarina, sino all'ultimo modello Protos, queste bici rappresentano il meglio che De Rosa riesce ad offrire ai professionisti dei team che decidono di legarsi al Cuore Rosso. 4 materiali, 3 team professionistici e una ricerca dell'assoluto, sono queste le chiavi che guidano il brand nato oltre 66 anni fa.

 

 

Copyright © TBW
TUTTE LE NEWS
Nel nome dell’ex professionista Claudio Chiappucci, aprile si sta avvicinando e a Porto Sant’Elpidio fervono i preparativi verso El Diablo Cycling Festival che vuole porsi all’attenzione del panorama ciclistico amatoriale...

La nuova Gaerne G.STL stabilisce il nuovo punto di riferimento per l'innovazione, le performance e il comfort nelle calzature da ciclismo. La tomaia, dal design pulito è realizzata in un...

Generalmente in questo periodo dell’anno ci si può rimettere sua strada, ma le nostre strade nella migliore delle ipotesi sono sporche e conciano le nostre bici da buttar via. Niente...

Da gennaio 2021 Santini si affida a TIPA, azienda internazionale che produce imballaggi compostabili, per il confezionamento dei propri capi tecnici da ciclismo. Una...

Dopo una serie sbalorditiva di risultati nel corso del 2020, tra cui un trio di classiche (Strada Bianche, Milano-San Remo, Liegi-Bastogne-Liegi), più le vittorie di tappa al Tour de France...

Topeak, marchio distribuito in Italia da Ciclo Promo Components, presenta ben 35 inediti prodotti per 2012, articoli che a breve potrete trovare presso i vari rivenditori. Tra questi è impossibile...

Trek ha presentato ufficialmente il nuovo abbigliamento dei Team Trek-Segafredo, della Trek Factory Racing XC e della Trek Factory Racing CX. Si tratta di una collezione completa di inediti ed...

Dopo diverse riunioni, confronti e dibattiti tra lo staff del Comitato Organizzatore della Granfondo Castello di Monteriggioni e dopo aver sentito il parere delle istituzioni e le autorità locali, siamo...

Ci sono capi che richiamano il mito e la tradizione, due aspetti che in casa Look si trovano praticamente allo stesso livello. Nasce così la Giacca Essential Vision, un capo...

Il 2020 ha dato una vera e propria scossa al mercato delle due ruote elettriche. Malgrado l’emergenza sanitaria e le difficoltà congiunturali, l’anno ha infatti chiuso con un incremento molto...

Da piccoli, abbiamo giocato tutti con l’automobilina a pedali. Vuoi vedere che adesso ci tocca ricominciare a farlo in concreto e non solo nel senso figurato del classico «pedala!»? L’idea...

A meno di quattro mesi dall’appuntamento fissato per domenica 9 maggio 2021 a Bergamo, gli organizzatori della Granfondo Internazionale Felice Gimondi Bianchi hanno fissato l’apertura delle iscrizioni: dalle ore 9:00 di lunedì 18 gennaio gli appassionati granfondisti...

La P lunga si è calata nel ciclismo con molta qualità, c’era da aspettarselo francamente, e in breve tempo ha posizionato i suoi prodotti ai vertici di ogni specialità. È...

Fra una prova e l’altra di Coppa del Mondo, la partnership fra Repente e il team UCI Nesta Skoda prosegue con importanti conferme ai vertici del panorama crossistico spagnolo.  ...

Si sa che, a qualsiasi livello si pratichi attività sportiva, prima di un allenamento o di una gara è importante riscaldare muscoli e articolazioni e, una volta terminata l’attività sportiva,...

Come già anticipato, la BERGHEM#molamia tornerà anche nel 2021. L’evento cicloturistico è stato messo in calendario per domenica 13 giugno 2021, sempre a Gazzaniga, in Valle Seriana, e rispetto alla...

ANBI-Associazione Nazionale degli Enti di Bonifica e Irrigazione, FIAB-Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta, CIREM-Centro Interuniversitario di Ricerche Economiche e di Mobilità dell'Università di Cagliari e Politecnico di Torino - Dipartimento...

Vaimoo, la soluzione di e-bike sharing connesso progettata da Mermec, multinazionale italiana attiva nei settori delle tecnologie avanzate per il trasporto, vince il CES 2021 Innovation Awards Honoree, nella categoria...

Il nuovo anno per Garmin Italia si apre con alcune novità sul fronte dell’organizzazione interna. Con decorrenza gennaio 2021, infatti, l’organigramma aziendale della subsidiary italiana vedrà alcuni cambiamenti nella divisione marine,...

Sicuramente qualcuno di voi ha già adocchiato la Flandrien Challenge, una occasione stra­ordinaria e praticamente unica per entrare direttamente nel­la storia del ciclismo di tutti i tempi. Ma una cosa...

Se siete anche voi irriducibili e non smettete mai di pedalare durante l’inverno, allora avrete adottato sicuramente qualche trucco per stare al caldo durante le uscite più gelide. Il completo...

A cinque mesi dal via, l'Asd Romagna Bike Grandi Eventi - il sodalizio che da oltre dieci anni organizza a Riolo Terme il Rally di Romagna Mtb - ha decretato...

Si parla solo di tubeless e di nuovi cerchi hookless, ma una cosa è certa, per seppellire la cara vecchia camera d’aria ci vorrà molto tempo ancora, soprattutto visti gli...

Sono oramai anni che si parla di biotecnologie al servizio dello sport, una forma di innovazione che è già presente nei nostri mezzi come ad esempio telai e copertoni, ma...

VIDEO TEST
ALTRI VIDEO DI TEST




di Pietro Illarietti
Si chiama Revolution e suona tanto di reazionario, ma in realtà si tratta di una bicicletta che va addomesticata e...
di Pietro illarietti
Si chiama Eclipse, un nome suggestivo, che significa eclisse. Una novità di casa Somec, azienda italianissima di Lugo di...
di Giorgio Perugini
È veramente difficile trovare ultimamente un marchio oltre a POC che si sia distinto di più per il design dei...
di Pietro Illarietti
Si chiama Aqua Pro Jacket, by Sportful, e nel nome c'è molta dell'essenza di questo capo che si propone...
di Giorgio Perugini
Le abbiamo già conosciute, infatti ve ne ho parlato in occasione della loro presentazione, del resto la speciale edizione Les...
di Giorgio Perugini
Un casco oggi deve rispondere davvero a molti requisiti, inoltre, per molti è diventato un capo/accessorio da abbinare speso a...
di Giorgio Perugini
Se vi piacciono i telai classici e avete il pallino per i prodotti leggeri, con la nuova Pedemonte Aurata RS...
di Giorgio Perugini
È passato un mese abbondante dal lancio della nuova gamma di tubeless prodotti da Pirelli e non ci sono dubbi,...
di Giorgio Perugini
Le Bont Vaypor S sono scarpe dalle altissime prestazioni ed è il motivo principale che le fa preferire da molti...
di Giorgio Perugini
Il casco Ventus 2.0 e gli occhiali Supernova formano un’accoppiata appagante dal punto estetico e interessantissima dal punto di vista...
di Giorgio Perugini
Che Trenta 3K Carbon sia un casco vincente, comodo e sicuro lo dimostrano in ogni occasione gli atleti del UAE...
di Giorgio Perugini
Sutro è un modello iconico e ha dalla sua molte caratteristiche tecniche oltre ad un design che ha spopolato nell’ultimo...
di Giorgio Perugini
Qualità e tecnicità sono due voci che precedono da sempre il marchio Assos e nessun appassionato ne fa mistero, posizionando...
di Giorgio Perugini
Nel momento più caldo dell’anno non si deve rinunciare al casco ma puntare su un prodotto leggero, sicuro e molto...
di Giorgio Perugini
Non tutti gli amatori desiderano suole rigide e tomaie iper contenitive ed il motivo è semplice, la ricerca delle massime...
di Giorgio Perugini
Il nostro Vincenzo Nibali è senza dubbio un immenso campione, un atleta geniale e moderno in grado di vincere su...
di Giorgio Perugini
In casa Veloflex non ne hanno mai fatto mistero, infatti, chiamano i loro copertoncini direttamente tubolari aperti, giusto per far...
di Giorgio Perugini
Ci sono prodotti che hanno fatto la storia del ciclismo, rivoluzionando completamente ogni concetto di vestibilità e sostegno offerto all’atleta....
© 2018 | Prima Pagina Edizioni Srl | P.IVA 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy