I PIU' LETTI
Alla scoperta della Antropologia di una cultura ciclistica
dalla Redazione | 27/12/2014 | 10:31

“TRA PASSIONE E REALTA’ – Antropologia di una cultura ciclistica” è il titolo del secondo libro scritto da Gian Carlo Ceruti, già presidente nazionale Federazione Ciclistica Italiana dal 1997 al 2005. Segue quello pubblicato nel 2013 con il titolo “Il ciclismo dalla Sicilia alla Toscana – antropologia di una migrazione”.
Il “lancio” della nuova pubblicazione era apparso in questo sito all’inizio dello scorso agosto. Il termine “antropologia” che appare in entrambi i sottotitoli è chiaramente l’indicatore del tipo d’approccio con cui l’autore intende trattare i temi. Un approccio che deriva e discende dagli interessi culturali e professionali che lo muovono (è laureato in scienze antropologiche ed etnologiche, in filosofia e scienze politiche) e lo spingono a considerare e vedere, da tali ottiche, molteplici aspetti del movimento ciclistico partendo da episodi di un passato – più o meno recente – fino a situazioni attuali.
Non è un libro “leggero”, un soft drink, ma piuttosto un libro da meditazione, come si usa dire per i vini più robusti e corposi, da leggere lentamente e gradualmente e, magari, se del caso, da rileggere.
La partenza, per usare una terminologia ciclistica, è datata 1975, conclusione del Giro d’Italia, al passo dello Stelvio, duello Galdos-Bertoglio con il corridore bresciano che riesce a difendersi sulle rampe del versante alto-atesino dagli attacchi dello spagnolo e iscrivere il suo nome nell’albo d’oro della corsa rosa. Racconta della passione e dei sacrifici di un gruppetto d’amici, fra i quali l’autore, tifosi come tanti e tanti (allora molti più di ora) per vivere l’avvenimento, l’ultimo raccontato attraverso la sorella cieca della televisione, la radio, il solo mezzo che trasmetteva in diretta in quanto, per l’austerity del tempo, la trasmissione tv, pur con grandi ascolti, era in differita, registrata e diffusa dopo le diciannove. E’ stata la voce di Claudio Ferretti, in motocicletta, figlio d’arte, a raccontare in diretta, a una grande platea, con particolare pathos, le fasi d’attacco e difesa dei due duellanti per la vittoria finale ai 2757 metri di “re” Stelvio.
Da qui parte un ampio giro d’orizzonte che spazia attraverso l’esperienza – non sempre felice, anzi… - di giovani corridori dell’Est nella bassa lombarda negli anni dopo il 1980, ancora prima della caduta del muro di Berlino del 1989. Passa quindi all'esame di differenti correnti migratorie sia italiane, sia estere, dirette soprattutto in Toscana, Lombardia e Veneto, il corrosivo, devastante, effetto delle pratiche chimiche che si sono rivelate un boomerang sia in prospettiva di etica, sia in quella di credibilità e appeal di tutto il movimento.
Il sommario con i titoli rende, in sintesi estrema, la trattazione della materia. Si parte con “Dalla passione alla realtà” per proseguire con “Lo sport e il ciclismo”, “La storia e la passione per il ciclismo”, “Il ciclismo e la tradizione”, “Antropologia dell’emigrazione ciclistica”, “Il credo ciclistico” per terminare con “Riflessioni sulla fragilità del credo ciclistico”.
L’autore corrobora riflessioni, fatti e opinioni con l’ausilio di un’articolata bibliografia, ricca anche di nomi illustri in assoluto in differenti settori letterari e scientifici, a livello mondiale e, nella narrazione, si è affidato pure a varie “fonti” che cita con il solo nome di battesimo, la località e la data dell’incontro. Sono le testimonianze di protagonisti che, individuando con buona presunzione di certezza, i loro cognomi fra le righe, sono sicuramente appassionati di ciclismo, in vari ruoli e funzioni anche di prima importanza. Sono portatori d’esperienze, considerazioni, previsioni frutto del loro impegno nel mondo delle due ruote che, come dice l’autore, soprattutto nei paesi di lunga tradizione ciclistica come il nostro “da solido si è scoperto liquido nel contesto dei processi di globalizzazione. Il suo futuro è affidato a nuove forme di umanizzazione che si costruiscono anche in sella alla bicicletta, nel pedalare, in un mondo ecologico, solidale e meno competitivo”.
A proposito di nomi e cognomi: il libro è dedicato a Luigi e Gianna, marito e moglie, due veri e conosciutissimi innamorati del ciclismo, di tutte le categorie, onnipresenti e discreti. Purtroppo Luigi è scomparso nel 2013. Il cognome, non scritto, è quello di Gazzini con Gianna che continua la tradizione e la passione di famiglia, nonostante tutto.
E, nonostante tutto, pur prendendo atto – amaramente – delle molteplici situazioni di crisi endemiche, addirittura epocali,  rappresentate con lucida e documentata analisi dall’autore, da studioso ma con non nascosta passione. Questo termine, passione, non deve fare comunque velo o schermo a realtà, spesso amare, con le quali confrontarsi.
Il ripetere peana e ritornelli del tipo “tutto va ben madama la marchesa” non aiutano certamente.
Speriamo, speriamo…….
Il libro è edito da FUTURA – via S. Penna 89 – Perugia – tel. 0755 280146 – www.futuralibri.com

g.f.

Copyright © TBW
TUTTE LE NEWS
Lo ripetiamo spesso per ricordare quanto sia difficile rinnovare prodotti che si avvicinano alla perfezione, ma il nuovo KASK Mojito³, basandosi sul successo del famoso Mojito X, alza ulteriormente l’asticella...

La nuova linea AGX di Prologo nasce per soddisfare tutto il bisogno di avventura e libertà che ognuno di noi vive, soprattutto dopo averne compreso l’importanza in seguito all’arrivo del...

Immaginatevi di abitare in mezzo alle Dolomiti venete, di svegliarvi una mattina, prendere la bicicletta e andare in Sicilia. È quello che ha fatto Giovanna Costa, 32enne insegnante di sostegno...

Nel 2019 non era stato possibile portare in strada la Gran Fondo Andora, dopo la gradita edizione del 2018 e così il GS Loabikers, ci ha riprovato nel 2020, ottenendo...

Non chiamiamoli saldi, ma promozioni sì. Da lunedì 3 agosto sulla piattaforma canyon.com sarà possibile approfittare di 48 di forti promozioni su tutte le E-Bike e gli accessori. Questo sì...

Alessandro Del Gallo e Daniele Silvestri ce l'hanno fatta: hanno scalato il loro Everest, anzi il loro personalissimo altimetro che misurava il dislivello affrontato è stato anche più “generoso”, evidenziando...

Con due nuove opzioni e una colorazione completamente nera, le nuove selle Antares Versus Evo R1 e R3 sono ancora più eleganti e offrono una seduta davvero innovativa, completamente stampata...

In casa Mtb Puglia si sta infatti lavorando per ultimare i dettagli della prima edizione della cross country XC del Poggio, datata domenica 2 agosto a San Giovanni Rotondo. La...

L’orizzonte è delineato: perduta giocoforza l’edizione 2020, la Granfondo Gimondi Bianchi è già pronta per maggio del prossimo anno a Bergamo, con 2700 partecipanti abili e arruolati e...

Probabilmente già molti di voi si sono innamorati delle RX8, scarpe gravel targate Shimano davvero strepitose. Grazie a contenuti tecnici di primissimo livello e materiali di alta qualità, le RX8...

Farina e biciclette non hanno mai avuto nulla in comune. Fino a qualche mese fa, quando sono diventati il simbolo della pandemia globale, nati dal desiderio di riscoprire l’autenticità e...

Pedalare alla scoperta del territorio in tutta sicurezza e nel rispetto dell'ambiente, per una vacanza piacevole e sostenibile. Questa è la proposta di E.ON, tra i principali operatori energetici del...

Sarà l’incantevole location del Monte Tamaro nel comune di Monteceneri (Svizzera) ad ospitare, dal 15 al 18 ottobre 2020, i Campionati Europei Mountain Bike 2020 per le categorie Junior, Under...

Giorni di frenetica attività per la SpoletoNorcia: se la settimana è iniziata con l’annuncio degli SpoletoNorcia BikeDays, con relativi annessi e connessi, si terminerà da tifosi sfegatati, per sostenere l’impresa...

Dopo lo straordinario debutto nel 2019 della 1° edizione della competizione su distanza 70.3, il 10 e l’11 ottobre 2020 Borgo Egnazia è pronta ad ospitare nuovamente tutte le emozioni...

Presentato come world news a EUROBIKE 2019, arriva oggi sul mercato la nuova, innovativa, EIT Palm Technology. Elastic Interface®, global leader nella produzione di fondelli di altissima qualità per pantaloncini...

Briko è e resta un marchio che si è legato a doppio nodo al ciclismo, un legame che corre indietro nel tempo e ritrova oggi vigore nella nuova collezione ed...

Quello della tecnologia, per sua natura, è un mondo in continua evoluzione. Ogni giorno è alla ricerca di soluzioni innovative che rispondano a...

La 25 edizione della classica di MTB “100 Km dei Forti” si farà il 3 e 4 ottobre prossimo. Sugli altipiani trentini di Fogaria, Lavarone e Luserna, tra paesaggi spettacolari...

Nel momento più caldo dell’anno non si deve rinunciare al casco ma puntare su un prodotto leggero, sicuro e molto ventilato. Lazer Genesis, l’ultimo nato dalla più antica azienda produttrice...

Il giorno più atteso dagli amanti del Downhill in Val di Sole sta per arrivare. Sabato 1° agosto riapre infatti il BikePark Val di Sole a Daolasa di Commezzadura, sede...

Una situazione eccezionale doveva, per forza, essere affrontata in modo eccezionale. E, eccezionale, per il Comitato Organizzatore de La SpoletoNorcia in MTB non l’ha inteso come vestire i panni di...

Era il 1990 e la Sella Flite era un prodotto innovativo in cui si concentravano alcuni nuovi concetti che avrebbero fatto storia, infatti, a trent’anni di distanza si parla di...

Siamo esperti che lavorano per esperti, con esperti. Il nuovo casco Volante è il casco più veloce della gamma di prodotti veloci di Lazer. È stato sviluppato con atleti di...

VIDEO TEST
ALTRI VIDEO DI TEST




Nel momento più caldo dell’anno non si deve rinunciare al casco ma puntare su un prodotto leggero, sicuro e molto...
di Giorgio Perugini
Non tutti gli amatori desiderano suole rigide e tomaie iper contenitive ed il motivo è semplice, la ricerca delle massime...
di Giorgio Perugini
Il nostro Vincenzo Nibali è senza dubbio un immenso campione, un atleta geniale e moderno in grado di vincere su...
di Giorgio Perugini
In casa Veloflex non ne hanno mai fatto mistero, infatti, chiamano i loro copertoncini direttamente tubolari aperti, giusto per far...
di Giorgio Perugini
Ci sono prodotti che hanno fatto la storia del ciclismo, rivoluzionando completamente ogni concetto di vestibilità e sostegno offerto all’atleta....
di Giorgio Perugini
La e-bike è il futuro ed è l’emblema della nuova mobilità, per intenderci, quella sostenibile che promette di cambiare il...
di Giorgio Perugini
Il casco Giro Manifest Sferical è l’ultima novità destinata al mondo off-road che sfrutta la Spherical™ Technology creata in partnership...
di Giorgio Perugini
I gusti cambiano e cambiano soprattutto le esigenze di chi pedala, oggi più che mai. L’amatore evoluto passa molte ore...
di Giorgio Perugini
Dopo aver apprezzato in lungo e in largo la nuova chiusura powerstrap elaborata da fi’zi:k è arrivato il momento di...
di Giorgio Perugini
Per molti versi, cercando tra le bici più performanti e veloci in circolazione è difficile trovarne una comoda e accogliente...
di Giorgio Perugini
L'edizione speciale a tiratura limitata di un capo, di un accessorio o di una bici è una di quelle cose...
di Giorgio Perugini
Spesso con gli amici se ne discute a lungo ma non si arriva mai ad un punto. Chiacchiere da bar...
di Giorgio Perugini
Abbiamo imparato a conoscere Tubolito per via delle sue camere d’aria arancioni realizzate con uno speciale elastomero termoplastico. Detto così...
di Giorgio Perugini
Starvos WaveCel, il nuovo casco Bontrager, ha il grande merito di proporre la tecnologia WaveCel ad un pubblico più ampio,...
di Giorgio Perugini
Dopo aver calato una scala reale con la gamma Velo Road Racing, Pirelli ha messo le mani sul gravel con...
di Giorgio Perugini
Questa sella è dedicata agli scettici, soprattutto a quelli che guardano con diffidenza la stampa 3D, ritenendola valida solo per...
di Giorgio Perugini
Mi ero fatto altri programmi, ebbene sì, ma credo che lo steso valga per tutti voi. Non era ancora finito...
di Giorgio Perugini
Ci sono ritorni e ritorni, questo è vero, concordate? Talvolta un ritorno può essere un flop e altre meno e...
© 2018 | Prima Pagina Edizioni Srl | P.IVA 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy