I PIU' LETTI
ÖTZTALER RADMARATHON: 2654 CICLISTI AL VIA, 365 GLI ITALIANI
dalla Redazione | 30/08/2021 | 07:27

Una gara davvero tosta che quest’anno è stata resa ancor più dura dalle temperature davvero fredde con 5° gradi alla partenza alle 6.30, anticipata di 15 minuti per un’altra variabile. Una caduta massi su un tratto del percorso ha infatti costretto l’organizzazione ad allungare di 10 km il percorso, che da 238 km è diventato di 248 km con un dislivello di 250 m. La scongiurata pioggia non c’è stata fino al tardo pomeriggio, evitando così di compromettere la performance dei 2754 partecipanti. Molti di meno in questa edizione con un calo contrassegnato dalla rinuncia di molti iscritti che erano infatti oltre 3.600. Composti, scaglionati e stoici, i ciclisti hanno iniziato la più temuta granfondo ciclistica d’Europa alla volta delle cime alpine con 5500 m di dislivello. Concorrenti provenienti da 32 nazioni, i tedeschi i più numerosi seguiti da austriaci e italiani (365).  

Una competizione internazionale giunta alla 40. edizione, che ha debuttato nel 1982 con 115 partecipanti. E anche oggi nonostante il tempo e la contingente situazione post pandemica, molti ciclisti hanno esaudito il desiderio di partecipazione superando il sorteggio tra 15.000 richieste e il numero chiuso. Il percorso è unico per tutti e lungo 238 km, (quest’anno 248 km) con 5.500 m di dislivello, chiuso in gran parte al traffico veicolare.  La partenza alle ore 6.30 da Sölden nella valle tirolese dell’Ötztal, ha visto il cordolo di sportivi dirigersi verso il fondovalle dell’Ötztal per poi affrontare il Kühtai (2.020 m), il primo passo dopo una discesa di circa 20 km. Il percorso, in direzione Brennero (1.377 m), ha sconfinato in Italia a Vipiteno, scalando successivamente i passi Giovo (2.090) e il temutissimo Rombo (2.509 m), per poi fare ritorno a Sölden in Tirolo. Gli abituali 5.500 m di dislivello, ricordiamo che questa edizione ne avrà 5750 m per la variante suddetta, sono suddivisi su 40,5 km di percorso pianeggiante, 95,7 km di salita e 101,9 km di discesa. I partecipanti di questa edizione della „Ötztaler“, provenienti da 32 nazioni, sono prevalentemente di sesso maschile 2620, mentre le donne 134.

 Un’edizione difficile ma che l’organizzazione ha voluto con caparbietà, mettendo in campo o meglio in pista, risorse e protocolli per consentirne lo svolgimento. Il livello di difficoltà di questa gara è stato incrementato dalle condizioni metereologiche, che si sono aggiunte alle già rigide caratteristiche. Una sfida che i ciclisti, amatori ed ex professionisti, affrontano dopo mesi di preparazione e molti km nelle gambe per misurarsi con se stessi ma anche con le Alpi e i suoi temutissimi passi. Le avversità legate al freddo non hanno favorito i tempi della gara che erano stati da record nella scorsa edizione.

Il commento alla gara - Dopo gruppi con tutti i favoriti formatisi più volte durante la gara, i due ex professionisti Mattia De Marchi (ITA) e il belga Frederic Glorieux hanno fatto il primo decisivo passo avanti sul Brennero. Hanno rapidamente ampliato il loro vantaggio a circa cinque minuti fino in Italia. Ma tutto si è svolto intorno al Passo Giovo. La vincitrice Christina Rausch dalla Germania ha dominato le donne per tutta la gara. Al Kühtai si è allontanata e ha aumentato il suo vantaggio di oltre un quarto d'ora fino al Passo Giovo. Nella gara maschile, il belga Glorieux ha le gambe pesanti sui 15,5 chilometri del Passo Giovo e ha dovuto lasciare andare De Marchi. Dietro di loro, Johnny Hoogerland e Jack Burke del Vorarlberg formavano l'inseguimento. Hoogerland dà tutto gas. De Marchi è stato anche il primo a completare San Leonardo in terra italiana, dove ha avuto inizio la salita di 28,7 chilometri al Passo Rombo. Mentre alle loro spalle si formava un nuovo trio di inseguitori con Hoogerland, Burke e l'italiano Fabio Cini, il passo diventava sempre più difficile per il leader. Hoogerland attacca e colma il gap con l'italiano nel giro di pochi chilometri. Raggiunge De Marchi e lo ha letteralmente lasciato lì. Il vincitore si mette in luce nel 2011 e successivamente ha disputato il suo primo Tour de France e vinto la maglia della montagna cinque volte! Con il suo stile inimitabile, ha dominato gli ultimi tornanti sul Passo Rombo e finalmente ha celebrato la più grande vittoria alla maratona della sua carriera a Sölden!

Mattia De Marchi (Noale-Ve) 7.28.27 6.48.25 una gara che ha condotto fino al passo Rombo per poi cedere e venire letteralmente risucchiato dall’austriaco Hoogerland “ L’assenza di pioggia è stata la cosa positiva mentre il freddo ha condizionato la gara. Non sentivo più le gambe e sul Rombo ho ceduto, sono felice del mio 3° posto in questa competizione che è la seconda gara più difficile al mondo “.

Tra le donne la competizione si è conclusa con il trionfo della tedesca Christina Rausch con 8.15.20 davanti alla connazionale Weiss Veronika 8.50.29 mentre al terzo posto l’austriaca Somavilla Bianca 8.52.03.

Le altitudini del percorso:

Partenza a Sölden – Ötz  800m – Kühtai 2020m – Innsbruck 600m – Brennero 1377m – Vipiteno 960m – Passo Giovo 2090m – San Leonardo in Passiria 700m – Passo Rombo 2509m – Sölden 1377m.

Prossima edizione domenica 28 agosto 2022.

I risultati dei singoli partecipanti sono scaricabili da https://services.datasport.com/2019/velo/oetztaler/

Copyright © TBW
TUTTE LE NEWS
Si sta per chiudere il “full circle” ideato da Nathan Haas: cinque biciclette con cinque differenti livree per ritornare sui percorsi sterrati degli albori della sua carriera, seguiti da dieci anni...

Il calzino oramai è un elemento che non si nasconde più, infatti, la moda lo esalta e le aziende più simpatiche ne hanno fatto un emblema colorandoli sempre più. MB...

Le ruote 808 Firecrest e 858 NSW incarnano la alla perfezione lo spirito di Zipp, marchio distribuito da Beltrami, un’azienda innovativa che da sempre cova la stessa ossessione: la velocità!...

Come spesso accade nei lavori sui prodotti, solo il migliore tra i prototipi prende la strada della produzione, discorso che vale anche per TCS Tubeless Dire Sealant di WTB, formula...

Non è assolutamente detto che per portarsi a casa un occhiale top di gamma sia necessario spendere cifre altissime e riprova di quanto scrivo prendo ad esempio il modello 026...

I prodotti di Cascada nascono in Trentino e sono studiati e utilizzati sul campo dalla proprietà nelle mille avventure tra cime, laghi e boschi incantati. Inutile racontavi che la natura...

Nel 2001, sono arrivati sul mercato i primi scarponi da snowboard dotati del BOA® Fit System, rivoluzionandone il fit. Cinque anni dopo, nel 2006, BOA è entrata nel ciclismo con...

Le nuove CX 403 rappresentano l’apice della collezione Lake, una scarpa realizzata in morbidissima pelle di canguro e dotata di tecnologia BOA® Fit System grazie alla doppia rotella Li2 che...

Sono resistenti, sono leggere e, nonostante siano al debutto sul mercato, hanno già vinto molto. Diablo è la ruota da XC e Marathon di Ursus che rappresenta l'evoluzione delle ruote mtb da...

  Quello che non è un mistero è che Look produca dei pedali straordinari per il mondo strada e per la mtb, un lavoro che si espande ulteriormente con i...

La pompa Joeblow™ Booster è il tipico accessorio che vi fa fare il salto di qualità facendo in modo che la vostra piccola officina diventi sempre più professionale. Indispensabile per...

Più che mtb, lotta nel fango. La tappa della Mercedes-Benz UCI Mountain Bike World Cup andata in scena nel week end a Snowshoe, in West Virginia, è stata caratterizzata dal brutto...

Haibike, marchio che con visione pionieristica ha scelto la via delle e-bikes, ha appena presentato la nuova Alltrail 6 29”, una modernissima e-bike pensata per i biker più sportivi. A...

Lapierre, marchio di biciclette ad alte prestazioni di Dijon, avvia una prestigiosa collaborazione con Alpine, la nota casa di automobili sportive basata a Dieppe. Il battesimo di questa notevole unione...

A volte la vita può cambiare in un attimo e prendere il volo, da un anno all’altro. La storia di Jonas Vingegaard ci dice che nulla deve impedirci di sognare...

Ci siamo, il nuovo Cinturato Gravel RC, la versione racing dell’ormai celebre Cinturato Gravel, è pronto per voi e va a completare una gamma di prodotti destinata al gravel a...

  Che i colori segnino positivamente la nostra vita non ci sono dubbi a riguardo ed chiara una cosa in questo 2022, i colori sono tornati di moda anche nel...

Dopo due vittorie italiane, la Mercedes-Benz UCI Mountain Bike World Cup fa tappa in Nord America. Questo fine settimana i migliori riders al mondo sono in gara a Snowshoe in West...

Lo so, voi direte che fuori ci sono 40° C all’ombra ed è un po’ presto per pensare agli allenamenti indoor, giusto? Carissimi, sappiate che c’è sempre modo di fare...

100% presenta e immette sul mercato oggi la Tokyo Night Collection, una collezione di occhiali ad altissimo tasso tecnico dotati di una colorazione unica e spettacolare, occhiali che abbiamo avuto il...

Exept, PMI innovativa italiana del settore ciclo, ha raggiunto il suo obiettivo minimo di raccolta di €200.000 e, dopo nemmeno due settimane dall’inizio della campagna di crowdfunding sulla piattaforma di...

In occasione del primo storico Tour de France Women, Lapierre, sponsor e partner del team FDJ-SUEZ-FUTUROSCOPE dal 2018, ha deciso di organizzare in collaborazione con Zwift un evento per la...

142 mm di pura comodità ed è così che Prime 3.0 vi butta un po’ di fumo negli occhi! La capostipite della collezione messa a punto dall’azienda veneta Repente ha...

L’iconico modello Extreme XC 2 da Cross Country viene per il 2023 completamente rivoluzionato da Northwave e reso ancora più leggero e performante. Ora la collaborazione con Michelin è spinta...

VIDEO TEST
ALTRI VIDEO DI TEST




di Giorgio Perugini
Corsa N.EXT, l’ultimo arrivato nella grande famiglia Corsa di Vittoria, va ad inserirsi all’apice della categoria Competition, categoria compresa tra...
di Giorgio Perugini
Leggerissima, più resistente alle forature e completamente riciclabile. Cosa desiderare di più? Ecco a voi la nuova camera d’aria Ultra...
di Giorgio Perugini
È un vero piacere vedere un marchio italiano produrre la famosa maglia Gialla, l’emblema del Tour de France che rappresenta...
di Giorgio Perugini
Il gravel resta il fenomeno del momento ed chiaro che in breve anche il movimento professionistico scenderà su ghiaia per...
di Giorgio Perugini
Se girate in gravel con un po’ di spirito di avventura, apporta potete capire quanti e quali imprevisti si possano...
di Giorgio Perugini
Abbiamo tutti biciclette molto sofisticate, carbonio ovunque, del resto per ottenere tanta leggerezza occorre spingere con i materiali giusti, no?...
di Giorgio Perugini
I ragazzi di Ruff-Cycles hanno portato tonnellate di Rock’n’Roll nel mondo delle e-bike con prodotti che sembrano usciti direttamente dalle...
di Giorgio Perugini
La nuova C68, l’ultimo gioiello Colnago, proietta la casa di Cambiago nel futuro e lo fa con contenuti tecnici di...
di Giorgio Perugini
Race Special è la magia per il grande giorno, la maglia da indossare durante la gara per cui tanto vi...
di Giorgio Perugini
Nasce la C68, dove la C ricorda e riprende ben quattro parole che distinguono il marchio nel mondo: Colnago, Carbonio, Cambiago, Classe. Il...
di Giorgio Perugini
Equipe RSR S9 Targa è il nuovo bib di punta di Assos, un prodotto che racchiude il massimo del know...
di Giorgio Perugini
I guanti Blend di Prologo sono una delle ultime novità del marchio e sebbene non siano dotati della tecnologia CPC...
di Giorgio Perugini
All’apice della gamma di  caschi di casa Rudy Project troviamo i modelli Nytron e Spectrum, entrambi utilizzati dal Team Bahrain...
di Giorgio Perugini
Stiamo parlando di calzature all’apice della collezione, o quasi, visto che sopra di loro c’è solo un modello molto particolare....
di Giorgio Perugini
Esiste un casco che vada bene per tutte le stagioni? Probabilmente ne esistono diversi ma la maggior parte di questi...
di Giorgio Perugini
Tra i rapporti più travagliati della storia c’è senz’altro quello che lega, direi a doppio nodo, freddo ed estremità del...
di Giorgio Perugini
Abbiamo già provato per voi il nuovo occhiale 022 di Salice, un prodotto di fascia media che non teme affatto...
di Giorgio Perugini
Il nuovissimo occhiale 022 di Salice sfrutta linee più attuali che mai per offrirvi prestazioni di altissimo livello, merito anche...
© 2018 | Prima Pagina Edizioni Srl | P.IVA 11980460155
Pubblicità | Redazione | Privacy Policy | Cookie Policy | Contattaci

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy