I PIU' LETTI
KATE WEATHERLY, LA BIKER TRANSGENDER. «SONO DONNA E COME DONNA CORRO, E SONO FELICE»
di Giulia De Maio | 11/06/2019 | 08:15

Si chiamava Anton ed era un discreto biker di metà classifica, dal 2018 sul suo tesserino c’è scritto il nome Kate e si sta affermando ai vertici della Downhill mondiale. Anche se non seguite assiduamente il fuoristrada, dovreste conoscere la storia di Kate Weatherly. Merita di essere raccontata e non solo perché dal lato agonistico sta facendo discutere. 

Le recenti buone prestazioni di quest’atleta transgender stanno facendo storcere il naso a più di una rivale. Un anno fa vinse il titolo nazionale neozelandese di DH e in questo inizio di stagione sta ottenendo ottimi risultati. Domenica scorsa a Leogang ha chiuso sul terzo gradino del podio la terza prova di Coppa del mondo. «Sono felice di correre nella categoria a cui sento di appartenere e che le persone ora mi guardino per quello che sono. È  comprensibile che la gente sia rimasta scioccata dalla mia transizione, nel giro di un paio di settimane sono passata dal correre con i ragazzi alle ragazze, probabilmente c’è stata una mancanza di informazione al riguardo, ma gli esami dimostrano che sono in regola. Posso correre e quindi lo faccio, cercando di migliorarmi gara dopo gara» raccontava alla tv di stato neozelandese che un anno fa ha dedicato uno speciale al suo ritorno alle corse.

Kate è nata e cresciuta ad Auckland, ha vissuto un’infanzia difficile perchè ha sofferto di bronchiectasia (una malattia in cui si riscontra una dilatazione irreversibile di una porzione dell'albero bronchiale dei polmoni; i sintomi tipicamente includono una tosse cronica, mancanza di respiro, dolore toracico) e da piccola ha provato in ogni modo a sentirsi a suo agio nei panni di un maschio, senza riuscirci. Ha iniziato a pedalare a 15 anni, a 17 le è stata diagnosticata la disforia di genere e ha deciso di intraprendere il difficile percorso per ritrovarsi. «Il mio cervello si è sviluppato da donna e non si riconosceva nel corpo di un uomo. Se non mi fossi ascoltata e non avessi ricevuto il supporto della mia famiglia oggi forse non sarei qui, di sicuro non sarei felice come sono adesso» prosegue Kate, che di recente si è laureata in Product design presso l'Università Tech di Auckland.

Sui banchi di scuola ha conosciuto l’amore: sta con Arin, che era una donna e oggi è un uomo. «Ci siamo dati forza a vicenda per uscire allo scoperto, apprezzarci per quel che siamo ed essere felici» aggiunge la 21enne kiwi, che cerca di non dare troppo peso alle critiche di chi fatica a comprendere il suo essere.

Per poter correre in campo femminile ha dovuto assumere ormoni per bloccare il testosterone per tre anni ed estrogeni per due fino a rientrare nei parametri stabiliti dai regolamenti IOC e UCI. Una sorta di “doping” all’inverso. «L’idea che io abbia affrontato tutto questo per vincere le corse è ridicolo. Nelle scorse stagioni mi allenavo al meglio, ma a causa delle medicine indebolivo il mio corpo. Non essere performante era frustrante. In palestra sollevo meno pesi di prima, ma il mio scopo non era un semplice risultato sportivo». 

Lei che ammira Rachel Atherton e Loic Bruni, per il suo futuro sogna di vincere il titolo mondiale e vestire quella maglia arcobaleno che hanno indosso i suoi idoli. «Sono un’atleta a cui è capitato di essere trans. Non un’atleta trans - ci tiene a precisare. - Voglio essere un modello per i futuri sportivi che potrebbero ritrovarsi nella mia stessa situazione e, come me, vorranno mantenere un focus primario sulle corse al più alto livello possibile».

Dicevamo che qualche rivale di Kate si è già esposta dimostrando perplessità e parlando addirittura di ingiustizia nel dover confrontarsi con un'atleta che fino a poco tempo fa era un uomo. Se continuerà ad inanellare buoni risultati e si affermerà come una rider vincente, probabilmente cresceranno i malumori in gruppo. La sua storia farà discutere come già accaduto nell'atletica con Caster Semenya (che non era e non è un uomo, ma una donna con iperandrogenismo, ndr).

Tornando al mondo delle due ruote, quello di Kate non è il primo caso. Il 17 ottobre 2018, la ciclista canadese Rachel McKinnon ha vinto i Mondiali Master di ciclismo su pista a Los Angeles, diventando la prima atleta donna transgender nella storia dello sport a conquistare un titolo mondiale. La notizia per certi versi è passata inosservata, probabilmente anche a causa della scarsa attenzione mediatica riservata alla competizione in sé, nonostante le polemiche delle battute non siano mancate.

La storia di Kate è utile per sviluppare una riflessione che dominerà il futuro di molti sport: com’è possibile conciliare il diritto di prendere parte a una competizione sportiva senza ledere i diritti di un’atleta – eterosessuale, transenssuale o intersessuale – garantendo una competizione equa ad armi pari?

Copyright © TBW
TUTTE LE NEWS
Specialized, forte della partnership speciale avviata con SRAM, altro titano dell’industria ciclistica mondiale, annuncia oggi l'introduzione dei suoi modelli di punta road equipaggiati con il nuovissimo gruppo SRAM RED AXS....

In un ciclismo in cui la velocità diviene sempre più importante e ricercata Goodyear ha il piacere di presentare tre nuovi prodotti della famiglia Vector, ovvero i modelli Z30 NSW,...

Guerciotti è presente per il secondo anno di fila al Giro-E. Dopo l’esperienza del 2023 al fianco del Team Raspini Salumi, capitanato da Daniele Colli, nel 2024 il noto marchio...

SRAM partiva già da un prodotto eccellente, ma un cosa è chiara, il nuovo RED è stato migliorato in ogni suo dettaglio con un solo fine, ovvero quello di ottimizzare...

ZIPP, azienda che fa parte dell’universo SRAM, presenta oggi la nuova curva manubrio SL80, un prodotto ottimizzato per il nuovo gruppo RED AXS che esalta la ricerca del marchio e...

Pirelli lancia P ZERO RACE TLR RS (Racing Speed), il suo pneumatico cycling da strada più performante. È dedicato alle biciclette da competizione ed a quei ciclisti che chiedono al...

Si è svolto oggi, presso la Sala Marmi del Palazzo Civico di Torino, un incontro tra Stefano Lo Russo, Sindaco della città di Torino, Domenico Carretta, Assessore a sport, grandi...

Le nuove Powerstrap Aeroweave di Fizik non sono semplicemente le scarpe più ventilate che abbia mai indossato, sono anche un prodotto creato per dare il massimo sui pedali, così come...

I pantaloncini Unico,  disponibili solo online nella speciale edizione in tinta unita, sono chiaramente destinati al ciclista esigente che desidera prodotti innovativi sotto ogni punto di vista. Zero cuciture ed un...

Nonostante non siano salite sul primo gradino de podio per la cronometro Foligno-Perugia, le Veloce Extreme di Northwave customizzate per il nostro Ganna meritano comunque voti altissimi. Il rosa in...

Un nuovo atleta di spicco va ad aggiungersi agli ambassadors di Repente. Matteo Zurlo, campione italiano gravel della categoria élite, ha scelto le selle prodotte dall’azienda di Romano d’Ezzelino (Vicenza)...

Può capitare di dimenticarsi il multitool, ma se cercate la soluzione per far in modo che questo non accada più, questa è senza dubbio fornita da Topeak e si chiama...

Il nuovo casco da cronometro Alien si posiziona proprio nel punto esatto in cui l'innovazione aerodinamica incontra l'efficienza umana. È così che Limar progetta come spostare l’aria in maniera chirurgica,...

Il marchio Colnago è rinomato per i suoi prodotti in edizione limitata e per i suoi squisiti design di biciclette. Ogni bicicletta è il risultato di un processo di sviluppo...

È giunta l’ora e dopo averlo visto in una bellissima livrea crono poco tempo fa, oggi il Team Bahrain Victorius il nuovo casco da cronometro Wingdream di Rudy Project. Innovativo?...

Il Consiglio di amministrazione di Miche S.R.L. annuncia l'arrivo di Gregory Girard nel ruolo di Amministratore Delegato, rafforzando così la sua posizione di leadership nel settore della produzione di componenti...

Se la vostra gravel è l’unica bici che usate nel fuoristrada, un reggisella telescopico potrebbe essere  l’unico elemento con cui semplificare le discese ed i passaggi più complicati. KS, marchio...

Ora è ufficiale, il Team Torpado Kenda pedalerà la stagione appena cominciata con i pedali LOOK X-track. I più attenti avevano già notato le bici del team sui campi gara equipaggiate...

Il modello 029 di casa Salice nasce dalla grande esperienza maturata da Salice nelle massime competizioni, un terreno in cui la storica azienda di Gravedona ed Uniti ha sempre detto...

La nuova maglia Race 2.0 di Alé Cycling è il capo giusto per chi ama le sfide e desidera essere veloce in ogni circostanza, merito di tessuti racing e di...

Galfer, marchio rinomato nella produzione di componenti per freni, ha appena effettuato un restyling dell'imballaggio di tutte le sue pastiglie  freno per biciclette, una scelta green che porta a diversi...

«Quando metti la fatica a disposizione degli altri, le cose diventano più semplici e trovi energie che non t’aspetti»: Fabio Celeghin non ha il fisico da ciclista, «semmai quello del...

Se nel 2019 Cervélo ha stupito il mondo con Áspero presentando una bici gravel di nuova concezione, quello che accade oggi è che ci troviamo davanti ad un progetto che...

Lo so, non si tratta della scoperta del secolo, ma è uno degli aspetti che nella nostra vita frenetica tendiamo a non tenere molto in considerazione. Sonno e Sport, o...

VIDEO TEST
ALTRI VIDEO DI TEST




Il modello 029 di casa Salice nasce dalla grande esperienza maturata da Salice nelle massime competizioni, un terreno in cui...
di Giorgio Perugini
Sarebbe bello proporre soluzioni avanzate ad un prezzo altamente accessibile, no? È così che prende l’abbrivio la vita di due...
di Giorgio Perugini
Nei mesi passati Trek ha ampliato la propria linea di scarpe ad alte prestazioni per ciclismo su strada inserendo tre...
di Giorgio Perugini
Non molto tempo fa KASK presentò al mondo il casco Utopia, un casco modernissimo che ha stravolto gli schemi ottimizzando...
di Giorgio Perugini
Audace, moderno ma anche incredibilmente protettivo e versatile, ecco in poche parole cosa mi trasmette l’occhiale Kosmos PH di Limar,...
di Giorgio Perugini
I caschi sono tutti uguali? Certo che no e questo è un aspetto su cui più volte abbiamo cercato di...
di Giorgio Perugini
Da sempre in casa Trek la parola Madone ha un solo sinonimo ed è “velocità”. La nuova Madone SL 7...
di Giorgio Perugini
Laddove C sta per Carbonio e congiunzioni (anche se oggi dobbiamo parlare di parti), Colnago, Cambiago e Classe c’è anche...
di Giorgio Perugini
Se siete alla ricerca di un winter kit adeguato per pedalare in questo inverno, le proposte di Q36.5® vi daranno...
di Giorgio Perugini
Temevamo un arrivo repentino del freddo e così è stato, ora fuori le temperature sono scese molto e negli ultimi...
di Giorgio Perugini
Desiderate un’esperienza di ascolto ottima anche mentre correte o pedalate? Niente di più facile con le cuffie a conduzione ossea...
di Giorgio Perugini
Per molti amanti del gravel arriva la parte della stagione che regala emozioni forti, infatti, la natura che si appresta...
di Giorgio Perugini
Siamo a novembre e in alcune regioni d’Italia si registrano ancora temperature superiori ai 25°C, una situazione surreale che però...
di Giorgio Perugini
Leggerissime e rigide, ma anche veloci e incredibilmente scattanti, insomma, un set di ruote di livello incredibile alla portata di...
di Giorgio Perugini
Al celebre marchio francese Café du Cycliste non mancano certo stile ed inventiva, del resto, basta sfogliare le pagine della...
di Giorgio Perugini
Scegliere la ruota giusta oggi è complicato, soprattutto se siamo soliti affrontare percorsi misti in cui pianura, salita e discesa...
di Giorgio Perugini
Una cosa è certa, oggi grazie a geometrie molto spinte e al sapiente uso della fibra di carbonio le aziende...
di Giorgio Perugini
C-Shifter è l’ultimo nato dalla nobile famiglia Shifter di Bollé, un occhiale ad alte prestazioni dotato di ottiche sopraffine che...
© 2018 | Prima Pagina Edizioni Srl | P.IVA 11980460155
Pubblicità | Redazione | Privacy Policy | Cookie Policy | Contattaci

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy