I PIU' LETTI
AGILITA', NON È MAI TROPPO TARDI PER MIGLIORARE LA PEDALATA
di Giorgio Perugini | 10/01/2019 | 08:03

Ci siamo, manca davvero poco alle prime GF dell’anno e siamo certi che molti di voi abbiano spinto sull’acceleratore con lavori specifici sui rulli e in palestra. In questa fase della preparazione serve concentrarsi certamente sulla forza ma non bisogna mai trascurare l’agilità. Una pedalata agile è redditizia in qualsiasi circostanza, quindi non perdete tempo e cercate di inserire qualche esercizio specifico a partire da oggi.

Spingere rapporti molto duri serve a migliorare la forza, questo è sicuro, ma occorre terminare adeguatamente l’esercizio con un bel “frulla-frulla“ per dare sollievo alle gambe. Inserire questi esercizi nella seduta fa sempre la differenza ma esistono metodiche più precise che riescono a dare risultati nettamente più redditizi. Ricordate però che aumentare la pedalata media di 5/7 RPM è già un bel risultato, quindi non sconfortatevi se non otterrete subito un netto miglioramento. Grazie all’esperienza del Dott. Andrea Morelli, metodologo dell'allenamento, responsabile del settore ciclismo e del laboratorio di analisi del movimento del Centro Ricerche Mapei Sport, cerchiamo di far luce su quali siano gli esercizi corretti da fare in strada o sui rulli per migliorare l’agilità.

Alta cadenza è spesso indice di efficienza. Questo “live-motive” non è sempre vero anche se in parte aumentare la cadenza di pedalata può avere la sua effettiva utilità. In pratica la cadenza di pedalata è influenzata dalla potenza a cui si pedala: più la potenza sviluppata è alta più la cadenza ottimale (teorica) si alza. Ma qual è lo svantaggio di pedalare agile? Naturalmente se muovo i miei segmenti corporei (coscia, gamba e piede) ad una velocità maggiore il costo energetico aumenta, la frequenza cardiaca sale e naturalmente vado incontro a fatica prematuramente. Per questo motivo ogni atleta ha una cadenza di pedalata ottimale che dipende dalle sue caratteristiche antropometriche, dalla lunghezza degli arti, dalla distribuzione delle masse muscolari e dal suo sistema nervoso) oltre che dalle caratteristiche del percorso, come salita, pianura o discesa…

L’agilità si può migliorare con delle esercitazioni specifiche che possiamo raggruppare in funzione della tipologia di meccanismo che vanno a stimolare oppure nel tipo di esercitazione in cui vengono inserite. Abbiamo quindi esercitazioni coordinative, o di velocizzazione che stimolano il sistema neuromuscolare oppure esercizi che abbinati al lavoro specifico tendono a stressare in modo diverso i meccanismi energetici coinvolti oppure le diverse fibre muscolari. Possiamo quindi dividere le esercitazioni anche in funzione della durata in brevi oppure prolungate.

Come sempre è importante procedere seguendo una progressione corretta poiché anche lavori in  “iperagilità” a cadenze superiori alle 100-110rpm, se protratte per lunghi periodi, possono essere dannosi, soprattutto a carico di articolazione e tendini.

Un primo esempio di lavoro che è possibile eseguire è quello di effettuare brevi tratti alternando alta cadenza a cadenza normale. Per esempio eseguire in pianura 5 volte  20 secondi a 115-120rpm con 1’40” di recupero a cadenza normale. L’intensità in questo caso non è importante, bisogna utilizzare un rapporto agile, la corona piccola da 39 o 36 denti con un pignone 19-23 per intenderci e far “girare le gambe” cercando di essere i più fluidi e coordinati possibile. Le prime volte è possibile che si inizi a “saltare” sulla sella, oppure che “si perda il controllo” del movimento. Bene, è importante cercare di controllare i movimenti per superare queste fasi e piano piano si riuscirà ad essere più fluidi e precisi.

Gradualmente è possibile aumentare la durata delle esercitazioni, diminuendo per esempio, il tempo del recupero ed allungando il tempo di lavoro. Ricordiamo che l’esercizio va eseguito a bassa intensità, la potenza deve essere mantenuta in Z1 o Z2, la frequenza cardiaca è quella del ritmo lento o del ritmo lungo (<70% della frequenza cardiaca massima).

I lavori prolungati invece consistono in tratti in cui la cadenza deve essere mantenuta sulle 95-100rpm che possono iniziare dalla durata di cinque/otto minuti al ritmo lungo e possono raggiungere la durata di venti o trenta minuti continui.

Questi tipo di esercitazioni, ossia quelle brevi ad alta ed altissima cadenza e quelle prolungate possono essere inserite anche in sedute specifiche sui rulli o su ciclosimulatore.

Un'esercitazione spesso usata, soprattutto dai professionisti è quella del “dietromotore”. Attenzione perché è vietata dal codice della strada quindi sarebbe meglio appoggiarsi a strutture come un velodromo.

Foto Mapei Sport

Copyright © TBW
TUTTE LE NEWS
Inizia a marciare a pieno regime la macchina organizzativa della Granfondo dei Bruzi che si terrà domenica 4 agosto a Laino Borgo inserita nei circuiti Calabria Mtb Challenge e Campionato...

Domenica 14 aprile si festeggia il ritorno della mountain bike cross country nella splendida cornice del Parco Naturale Bosco Crocelle teatro della terza edizione della Crocelle Race Park. Grazie al...

Sabato 23 marzo la Strade Bianche di Romagna ha premiato i migliori talenti italiani del ciclismo Under 23. Domenica 24 marzo l'attenzione invece è stata tutta dedicata ad Amatori...

La Tirreno-Adriatico in Italia e la Paris-Nice in Francia hanno rappresentato due test importanti per i corridori che si candidano a essere protagonisti nei Grandi Giri (Giro d’Italia, Tour de...

Il Crankworx World Tour è partito. Grande festa doveva essere e grande festa è stata questo fine settimana a Rotorua, in Nuova Zelanda. Tre su tre per Brett Rheeder nella...

Sono stati 40, 48 i chilometri percorsi in un'ora dal Tandem composto dal ciclista ipovedente Pierre Amighini e della sua guida Stefano Cecini (Team Mortirolo Lanzarote) che sabato 23 al Velodromo...

Partecipa alla Top Dolomites Granfondo e scopri il fascino senza tempo del grande ciclismo. Il comitato organizzatore dell’evento in programma domenica 8 settembre a Madonna di Campiglio, valido quale prova...

Se, per chi vive la MTB nella sua dimensione agonistica, non c’è quasi mai il tempo del riposo; è proprio l’arrivo della primavera e della bella stagione,...

E' tutto pronto per la 22^ edizione del Grand Prix Giovanile Off Road 2019 che prenderà il via oggi da Cappella di Scorzè, in provincia di Venezia. Il...

Manca poco più di un mese all’appuntamento con la Dieci Colli-GP Assicoop, grande classica del circuito nazionale delle gran fondo cicloamatoriali, da sempre fiore all’occhiello della macchina organizzativa...

Venerdì 22 marzo, nella pittoresca cornice del Salone Gino Benedetti del Castello di Desenzano del Garda, si è tenuta la conferenza stampa per la Presentazione del Colnago Cycling Festival 2019,...

Il Team Novo Nordisk, prima squadra al mondo di ciclisti professionisti con diabete, si prepara per il quinto anno consecutivo a partecipare alla Milano-Sanremo. La formazione, sponsorizzata da GSG Cycling...

Per uscire dalla monotonia dei soliti percorsi con la bici da corsa, cosa c’è di meglio di un bel giro con la gravel? In effetti, il clima mite...

Proprio come a Siena, dopo l'agonismo tocca agli amatori. Oggi si disputa la Strade Bianche di Romagna riservata ai dilettanti e per la giornata seguente gli organizzatori propongono una Granfondo...

La sicurezza non è mai troppa, alla GF Felice Gimondi Bianchi. E, di certo, è fra le priorità del comitato organizzatore che, per il secondo anno consecutivo, ha...

Domenica 24 marzo prenderà il via con la Granfondo dell’Argentario l’undicesima edizione del Circuito Mtb della Maremma Tosco Laziale. Dopo il successo della campagna abbonamenti, il circuito è pronto a...

Un altro anno di gare appassionanti targato Zero Wind Show si apre con un nuovo appuntamento imperdibile per chi ama vivere le forti emozioni in sella, pedalando in un contesto...

Per la 24°volta consecutiva, Alberobello ritorna alla ribalta del ciclismo amatoriale con la Granfondo Alberobello Murge-Memorial Giacinto Dell’Erba, in programma domenica 24 marzo, sotto l’egida della Federciclismo Puglia, occupando un...

Ormai ci siamo. Manca veramente poco al tentativo del ciclista 'ipovedente Pierre Amighini e della sua guida Stefano Cecini tesserati per Tandem Mortirolo Lanzarote.  Subito le novità: la data dell'evento...

Gerry Scotti e la sua nuova Colnago spopolano su Instagram. Cosa succede? Semplice, il presentatore ha ritirato stamane a Cambiago la sua nuova fiammante Colnago e64, ha postato la foto...

Aerodinamica e veloce, affilata come un rasoio e ora decisamente più comoda che in passato grazie ad un Isospeed ancora più evoluto, la nuova Trek Madone è sicuramente...


La stagione Valcar Cylance è cominciata da circa un mese e già sono arrivate le prime soddisfazioni; l’ultima è arrivata con Maria Giulia Confalonieri che è stata la seconda miglior...

I riflettori del Bike World Zerowind Cup 2019, la challenge di mountain bike più frequentata del nord-est, si accenderanno nel weekend del 23 e 24 marzo a Tregnago (VR) e...

VIDEO TEST
ALTRI VIDEO DI TEST




Aerodinamica e veloce, affilata come un rasoio e ora decisamente più comoda che in passato grazie ad un...
di Giorgio Perugini
Sono passati solo due anni dal lancio delle Extreme RR e dell’innovativa tecnologia brevettata XFrame® e oggi, con...
di Giorgio Perugini
Le ruote Shimano WH-RS770 hanno carattere da vendere e non sono da considerarsi assolutamente un ripiego rispetto al...
di Giorgio Perugini
Le nuove fi’zi:k R5 Powerstrap Tempo riescono a ridare splendore alla cara chiusura a velcro, un sistema che...
di Giorgio Perugini
In medio stat virtus, questa probabilmente è la miglior frase per spiegarvi lo stato dell’arte raggiunto da Repente...
di Giorgio Perugini
Di tutti i caschi aero presenti sul mercato, Lazer Bullet 2.0 può vantare una aerazione davvero incredibile, una...
di Giorgio Perugini
La primavera sembra alle porte ma in realtà ci aspetta ancora qualche bella giornata fresca prima di iniziare...
di Giorgio Perugini
Probabilmente il vero inverno ce lo siamo già lasciato alle spalle ma come l’esperienza insegna, la fine di...
di Giorgio Perugini
Aerodinamiche, rigide il giusto e molto comode, queste prime tre caratteristiche vanno a tracciare i profili delle nuove...
di Giorgio Perugini
Air Speed è il casco migliore ad una velocità media di 40km/h e chi lo dice ha fatto...
di Giorgio Perugini
Generalmente in questo periodo dell’anno mi affido a pneumatici invernali, una scelta spesso obbligata per via del pessimo...
di Giorgio Perugini
La giacca Vega Extreme di Santini, posizionata al vertice della nuova linea high performance per fronteggiare le rigide...
di Giorgio Perugini
Chi di voi pensa al marchio Ursus, dovrebbe ricordare che questa azienda, oltre a produrre alcune delle migliori ruote attualmente...
di Giorgio Perugini
Ci sono ciclisti che sono sospinti da un solo desiderio: ottenere e provare sempre qualcosa in più per...
di Giorgio Perugini
Spesso un capo invernale può essere troppo caldo oppure, talvolta, non è abbastanza isolante mentre in altri casi...
di Giorgio Perugini
Ammettiamolo, con i tempi che corrono valutare con attenzione le spese che vorremmo fare non è affatto una...
di Pietro Illarietti
Nasce oggi una nuova rubrica di tuttobicitech dal titolo «Tested4You»: come facile intuire, i nostri tester proveranno per voi capi...
di Giorgio Perugini
  Due giorni a Cannes per una presentazione ufficiale Look non sono roba da poco. La casa francese continua ad...
© 2018 | Prima Pagina Edizioni Srl | P.IVA 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy