I PIU' LETTI
AGILITA', NON È MAI TROPPO TARDI PER MIGLIORARE LA PEDALATA
di Giorgio Perugini | 10/01/2019 | 08:03

Ci siamo, manca davvero poco alle prime GF dell’anno e siamo certi che molti di voi abbiano spinto sull’acceleratore con lavori specifici sui rulli e in palestra. In questa fase della preparazione serve concentrarsi certamente sulla forza ma non bisogna mai trascurare l’agilità. Una pedalata agile è redditizia in qualsiasi circostanza, quindi non perdete tempo e cercate di inserire qualche esercizio specifico a partire da oggi.

Spingere rapporti molto duri serve a migliorare la forza, questo è sicuro, ma occorre terminare adeguatamente l’esercizio con un bel “frulla-frulla“ per dare sollievo alle gambe. Inserire questi esercizi nella seduta fa sempre la differenza ma esistono metodiche più precise che riescono a dare risultati nettamente più redditizi. Ricordate però che aumentare la pedalata media di 5/7 RPM è già un bel risultato, quindi non sconfortatevi se non otterrete subito un netto miglioramento. Grazie all’esperienza del Dott. Andrea Morelli, metodologo dell'allenamento, responsabile del settore ciclismo e del laboratorio di analisi del movimento del Centro Ricerche Mapei Sport, cerchiamo di far luce su quali siano gli esercizi corretti da fare in strada o sui rulli per migliorare l’agilità.

Alta cadenza è spesso indice di efficienza. Questo “live-motive” non è sempre vero anche se in parte aumentare la cadenza di pedalata può avere la sua effettiva utilità. In pratica la cadenza di pedalata è influenzata dalla potenza a cui si pedala: più la potenza sviluppata è alta più la cadenza ottimale (teorica) si alza. Ma qual è lo svantaggio di pedalare agile? Naturalmente se muovo i miei segmenti corporei (coscia, gamba e piede) ad una velocità maggiore il costo energetico aumenta, la frequenza cardiaca sale e naturalmente vado incontro a fatica prematuramente. Per questo motivo ogni atleta ha una cadenza di pedalata ottimale che dipende dalle sue caratteristiche antropometriche, dalla lunghezza degli arti, dalla distribuzione delle masse muscolari e dal suo sistema nervoso) oltre che dalle caratteristiche del percorso, come salita, pianura o discesa…

L’agilità si può migliorare con delle esercitazioni specifiche che possiamo raggruppare in funzione della tipologia di meccanismo che vanno a stimolare oppure nel tipo di esercitazione in cui vengono inserite. Abbiamo quindi esercitazioni coordinative, o di velocizzazione che stimolano il sistema neuromuscolare oppure esercizi che abbinati al lavoro specifico tendono a stressare in modo diverso i meccanismi energetici coinvolti oppure le diverse fibre muscolari. Possiamo quindi dividere le esercitazioni anche in funzione della durata in brevi oppure prolungate.

Come sempre è importante procedere seguendo una progressione corretta poiché anche lavori in  “iperagilità” a cadenze superiori alle 100-110rpm, se protratte per lunghi periodi, possono essere dannosi, soprattutto a carico di articolazione e tendini.

Un primo esempio di lavoro che è possibile eseguire è quello di effettuare brevi tratti alternando alta cadenza a cadenza normale. Per esempio eseguire in pianura 5 volte  20 secondi a 115-120rpm con 1’40” di recupero a cadenza normale. L’intensità in questo caso non è importante, bisogna utilizzare un rapporto agile, la corona piccola da 39 o 36 denti con un pignone 19-23 per intenderci e far “girare le gambe” cercando di essere i più fluidi e coordinati possibile. Le prime volte è possibile che si inizi a “saltare” sulla sella, oppure che “si perda il controllo” del movimento. Bene, è importante cercare di controllare i movimenti per superare queste fasi e piano piano si riuscirà ad essere più fluidi e precisi.

Gradualmente è possibile aumentare la durata delle esercitazioni, diminuendo per esempio, il tempo del recupero ed allungando il tempo di lavoro. Ricordiamo che l’esercizio va eseguito a bassa intensità, la potenza deve essere mantenuta in Z1 o Z2, la frequenza cardiaca è quella del ritmo lento o del ritmo lungo (<70% della frequenza cardiaca massima).

I lavori prolungati invece consistono in tratti in cui la cadenza deve essere mantenuta sulle 95-100rpm che possono iniziare dalla durata di cinque/otto minuti al ritmo lungo e possono raggiungere la durata di venti o trenta minuti continui.

Questi tipo di esercitazioni, ossia quelle brevi ad alta ed altissima cadenza e quelle prolungate possono essere inserite anche in sedute specifiche sui rulli o su ciclosimulatore.

Un'esercitazione spesso usata, soprattutto dai professionisti è quella del “dietromotore”. Attenzione perché è vietata dal codice della strada quindi sarebbe meglio appoggiarsi a strutture come un velodromo.

Foto Mapei Sport

Copyright © TBW
TUTTE LE NEWS
Comprarsi una bicicletta nuova è sempre un passo importante ed è, credo in ogni singolo caso, l’avverarsi di un sogno. Rincorrere il modello preferito fino al tanto agognato...

Dopo la sua introduzione su Cento10AIR e Cento10PRO, l'iconica finitura Ramata è ora disponibile su Cento10NDR, il modello di punta per la categoria Endurace. Il Cento10NDR ha ridefinito i limiti...

Prima gara prima vittoria! Ci ha pensato il giovane corridore belga Jasper Philipsen a regalare a Sidi il primo successo nel World Tour della stagione 2019. Philipsen, 20 anni, si...

“Cycling is an art”, recita il claim di Selle Repente, nuovo partner di assoluta qualità della Gran Fondo Tarros Montura a partire dall’edizione 2019. Ed è proprio l’arte del ciclismo...

L’edizione del 2018 (quella dei XX anni dalla storica doppietta Giro - Tour di Pantani, per intenderci) ci ha regalato davvero grandi emozioni. Prima di tutto, la partecipazione di oltre...

MsTina torna online con un’e-shop ricco di capi tecnici per ciclismo di altissima qualità, al giusto prezzo: il brand, che fa capo all’ex campione di Francia Marcel Tinazzi, punta per...

Reduce-IT e Vital, due nuovi studi presentati in occasione del Congresso dell’American Heart Association (AHA) a novembre 2018 e pubblicati sul New England Journal of Medicine, hanno confermato l’utilità degli acidi...

Da gennaio 2019 Cicli Liotto rivoluziona le linee grafiche delle sue biciclette, a partire dal storico logo che mantiene il simbolo dell’aquila, racchiusa ora in una stilizzazione minimal, elegante e...

«Sul fronte del turismo stiamo lavorando bene ma occorre guardare avanti essere lungimiranti. Continuare a pedalare: l'Emilia-Romagna è abituata a pedalare, ad andare avanti». Lo ha detto, il presidente dell'Apt...

Se non amate il freddo o quando uscite dall’ufficio è già buio per andare in bici, l’allenamento indoor fa al caso vostro. Il dilemma di molti ciclisti durante l’inverno...

VIDEO TEST
ALTRI VIDEO DI TEST




di Giorgio Perugini
Air Speed è il casco migliore ad una velocità media di 40km/h e chi lo dice ha fatto...
di Giorgio Perugini
Generalmente in questo periodo dell’anno mi affido a pneumatici invernali, una scelta spesso obbligata per via del pessimo...
di Giorgio Perugini
La giacca Vega Extreme di Santini, posizionata al vertice della nuova linea high performance per fronteggiare le rigide...
di Giorgio Perugini
Chi di voi pensa al marchio Ursus, dovrebbe ricordare che questa azienda, oltre a produrre alcune delle migliori ruote attualmente...
di Giorgio Perugini
Ci sono ciclisti che sono sospinti da un solo desiderio: ottenere e provare sempre qualcosa in più per...
di Giorgio Perugini
Spesso un capo invernale può essere troppo caldo oppure, talvolta, non è abbastanza isolante mentre in altri casi...
di Giorgio Perugini
Ammettiamolo, con i tempi che corrono valutare con attenzione le spese che vorremmo fare non è affatto una...
di Pietro Illarietti
Nasce oggi una nuova rubrica di tuttobicitech dal titolo «Tested4You»: come facile intuire, i nostri tester proveranno per voi capi...
di Giorgio Perugini
  Due giorni a Cannes per una presentazione ufficiale Look non sono roba da poco. La casa francese continua ad...
di Giorgio Perugini
  Ho una personalissima lista di cose che mi fanno girare le scatole e quasi in cima all’elenco si posiziona...
di Giorgio Perugini
La sella perfetta esiste, questo è poco ma sicuro. Sarà l’unica che vi farà pedalare più comodamente rispetto ad altre...
di Giorgio Perugini
  Nella storia recente abbiamo potuto notare come alcuni prodotti abbiano avuto il merito di fare scuola gettando la base...
di Giorgio Perugini
  Ebbene sì, non si tratta di un prodotto nuovissimo, infatti, i Michelin Power Competition sono in vendita da più...
di Giorgio Perugini
Sono passati diversi giorni dall’Eroica e a parte un discreto mal di gambe mi è rimasto addosso un incredibile entusiasmo....
di Giorgio Perugini
La domanda che mi fanno in molti incontrandomi in bici durante il giorno è sempre la stessa: perché lasci le luci...
di Giorgio Perugini
Sono stati la novità dell’anno di Oakley,  i Flight Jacket hanno vinto la partita contro l’appannamento in maniera definitiva, questa...
di Giorgio Perugini
  Tranquilli, i tempi son cambiati e non si cade in contraddizione desiderando un casco ventilato e aerodinamico. Oggi come...
di Giorgio Perugini
  Lo ammetto, era molto tempo che desideravo affrontare una prova Gravel e finalmente l’occasione si è presentata. Jeroboam 300...
© 2018 | Prima Pagina Edizioni Srl | P.IVA 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy