I PIU' LETTI
HiRIDE, LA RIVOLUZIONE A PORTATA DI BICI
di Giorgio Perugini | 27/07/2018 | 09:53

Sono anni che veniamo letteralmente investiti da novità che promettono di cambiare definitivamente la bici. Dapprima sono stati i materiali, basti pensare al composito e agli evidenti vantaggi che ha portato per la realizzazione di telai sempre più robusti e leggeri, poi sono arrivati i cambi elettronici, strumenti che hanno dato una bella spolverata a questo vecchio mezzo che amiamo tanto. Però, a conti fatti, la bicicletta da strada è ancora la stessa di sempre, sbaglio? Oggi HiRide ha in mano le carte giuste per cambiare la storia e far in modo che il ciclista da strada possa vivere lo stesso senso di rinnovamento che da anni coinvolge la mtb.

Avete presente la sospensione elettronica intelligente chiamata ESAS (Endurance Smart Adaptive Suspension)? Avete capito bene, parlo proprio di sospensioni per bici da strada, anche perché dieci giorni fa non si parlava d’altro durante le telecronache del Tour de France.

Si tratta della sospensione posteriore montata sulle Pinarello K10S Disc utilizzate dai corridori SKY, l’arma in più per il team per sbaragliare la concorrenza. Che ci siano riusciti o no, poco importa, anche perché tutti gli atleti hanno optato per questa soluzione dopo i vari test effettuati, test in cui i dati hanno promosso a pieni voti questa moderna tecnologia. Dati alla mano, anche se SKY mantiene la segretezza dei numeri, in uscita dai tratti di pavé la velocità di chi era equipaggiato con queste bici era nettamente superiore a quella di chi ne era sprovvisto…

La sospensione di cui parliamo nasce da HiRide, una giovanissima azienda milanese nata da e-Novia, una realtà che incorpora e sostiene un pool strategico di start-up che sviluppano tecnologie in diversi settori. Credetemi, basta mettere un piede negli uffici di questi ragazzi per capire che il futuro è già arrivato, e per toccarlo con mano in brevissimo tempo basterà solo dare loro fiducia per mescolare un po’ le carte in tavola. Il kit, lo stesso che abbiamo provato per voi, comprende una sospensione posteriore (elastomero + parte idraulica + gestione elettronica) e una Control Unit (Smart Battery Pack), niente altro che il cervello del sistema che si posiziona all’interno del tubo verticale.

Chiude il cerchio l’interfaccia per avviare il sistema e scegliere le modalità di funzionamento della sospensione che viene alloggiata sul tubo obliquo. Il sistema pesa solo 320gr e una volta in marcia, è in grado di adattarsi mediante una sofisticata elaborazione delle vibrazioni rilevate dai sensori, favorendo un comfort sconosciuto fino ad ora su una comune bici da strada. L’elastomero viene prodotto in tre mescole differenti, tre versioni diverse che corrispondono ad altrettante fasce di peso del ciclista e testate per offrire sempre la migliore risposta in strada.

Ovviamente il pacchetto è personalizzabile ed è possibile intervenire sulle modalità di funzionamento in una maniera semplice utilizzando l’apposita schermata configurabile sul device Garmin tramite IQ Connect (presto ci sarà anche una App). Le funzioni sono tre: Manual, Tourism e Automatic, tutte facilmente azionabilidal tasto posto sull’interfaccia (per capire quale modalità avete inserito dovrete vedere il colore della luce led).

Non cascate nell’errore comune di pensare che la sospensione vi toglierà gran parte della potenza espressa sui pedali, lo sbaglio sarebbe madornale. La sospensione è il ponte tra il carro e il tubo verticale e non toglie rigidezza al comparto durante la pedalata perché il sistema lavora solo in funzione delle sollecitazioni derivanti dal terreno e mai da quelle prodotte dal ciclista (questo è il vero nodo del sistema), comprendendo anche lo stile di guida dell’utente. Questo modo di concepire le sospensioni deriva direttamente dal mondo dell’automotive, in particolare modo da quello delle moto.

In poche parole, ESAS rende performante un telaio da strada filtrando bene gli scossoni tipici dei terreni irregolari e soprattutto, detto pane al pane e vino al vino, fa in modo che la ruota si stacchi da terra il minimo possibile mantenendo una trazione incredibile. Il confronto è stato imbarazzante: prima ho percorso un tratto di sentiero irregolare con il sistema bloccato e poi lo ho rifatto con il sistema in modalità «automatic». La risposta del retrotreno è diventata precisa con sobbalzi ridotti drasticamente e pensare che l’escursione della sospensione è di soli 1,1cm. Infine, è impossibile non apprezzare il ritorno alla rigidità della sospensione una volta che il manto stradale è tornato liscio, spettacolare e istantaneo! Indubbiamente, i vantaggi prestazionali si traducono immediatamente in un grande comfort, una sensazione piacevole per la schiena e tutto l’apparato muscolo scheletrico. Questo sistema spalanca definitivamente le porte del futuro a mezzi decisamente moderni, sia per il mondo strada che per quello gravel.

Durante la prova, ho potuto pedalare su due bici identiche ma allestite con pneumatici differenti. Una montava Continental GP4000 da 28mm mentre la seconda i Pirelli Cinturato da 25mm. La prova è stata ottima con entrambe le misure, dimostrando che sia con sezioni più stradali che con quelle più adatte ad una gravel il pacchetto di HiRide aggiunge una corposa dose di feeling. Una parola va spesa per il telaio: la struttura è tutto sommato tradizionale e sfrutta la naturale elasticità del carbonio per consentire al carro di flettere favorendo il lavoro della sospensione.

Come esperti del settore, siamo certi che HiRide sia già un sistema completo e competitivo al 100% e sarebbe riduttivo affiancarlo solo al settore endurance. La mia aspettativa, viste le sue enormi potenzialità, mi porta a pensare che il sistema HiRide sarà a bordo delle future bici aero con vantaggi incredibili in termini di comfort e guidabilità. Giusto per la cronaca, HiRide ha già pronta la sospensione anteriore, il tassello definitivo per rendere il kit completo sotto tutti gli aspetti.

 

Su strada si avverte subito che la gestione elettronica è più veloce del pensiero conil mono che si aziona da solo come deciso dagli algoritmi ancora prima che il Garmin possa segnalarti il suo ingaggio. Tutto questo porta ad un feeling istantaneo che mi ha fatto rivedere come superati o forse solo limitati gli altri sistemi ammortizzanti impiegati sulle bici da strada. HiRide porta innovazione nel nostro settore, un cambiamento che partirà in sordina e che sarà difficile arginare, del resto, la vera rivoluzione «elettrica» può partire solo ed esclusivamente da qui.

 

hiride.bike

 

Copyright © TBW
TUTTE LE NEWS
Se avete messo nel mirino qualche  prova gravel per finire la stagione in bellezza penso abbiate anche scelto uno pneumatico adatto. Nel caso siate ancora incerti, mi permetto di segnalarvi...

Ci sono immagini che valgono più di molte parole. E questa dimostra che se tanto è stato fatto per la sicurezza dei ciclisti, ancora più strada bisogna percorrere per sperare...

Ora che è realtà, si capisce quanta forza Pogačar abbia messo in questa folle ( almeno per noi ) rincorsa che lo ha portato a vincere Giro d’Italia e Tour...

Il nuovo casco Uvex Surge Aero MIPS® è perfetto per gli sprint, offre massima protezione e garantisce una ventilazione superiore. Il suo segreto è la copertura aerodinamica snap-on che si...

I prodotti fanno certamente la differenza, ma un servizio post vendita eccellente non è alla portata di tutte le aziende. In questo caso Miche centra perfettamente i due obiettivi mettendovi...

Tante novità in arrivo per gli amanti dell'avventura grazie a Deity. Dalle t-shirt con vestibilità atletica ai cappellini snapback premium militare,  le proposte di abbigliamento Deity 2024 presentano lo stile inconfondibile che...

La Status 2 di Specialized non è una bici comune. Anche se riceve lo stesso livello di ingegneria delle nostre Stumpjumper o Epic, la differenza sta nella sua intenzione. Progettata per...

Visto il periodo bollente la più grande difficoltà resta quella di idratarsi bene, un problema che resta è primario rispetto quello dell’integrazione quando si pedala con questo caldo. Ecco fatto,...

È buona norma, quando si è invitati ad una festa di compleanno, portare un omaggio al festeggiato, ma in casa De Rosa hanno deciso di invertire le convenzioni: in occasione...

Pinarello ha svelato la nuova Bolide F TT, la bici che sarà a disposizione dei corridori del Team INEOS Grenadiers nelle rispettive nazionali per tentare l’assalto alla cronometro durante i...

Come spesso accade, anche oggi Fizik si muove con assoluta concretezza prevedendo i bisogni dei consumatori e lo fa introducendo le nuove scarpe Beat, il perfetto punto di unione tra...

Con il nuovo Cytal Carbon POC si conferma un marchio costantemente votato all’innovazione, esattamente come accaduto in passato con i caschi Octal e poi Ventral. In questo caso ogni elemento...

Da quest'anno anche gli atleti italiani possono usare le tende ipossiche o ipobariche, fino alla scorsa stagione ritenute al pari di una pratica dopante. Caduto un divieto storico inserito nella...

Se volete mettere nell’armadio una maglia e un pantaloncino per pedalare davvero bene lungo questa calda estate, vi consiglio di segnarvi questi due pezzi targati Northwave: Extreme EVO Jersey e...

Il classico borsello sottosella prende nuova vita grazie agli specialisti di Topeak ( marchio distribuito da Ciclo Promo Components ) e nella versione Elementa Seatbag PRO si completa con un portautensili nascosto...

Il nuovo ingranaggio X1-RD, ennesimo capolavoro sfornato dal RD Race Division di Miche, è il frutto di uno sviluppo condotto in strettissima collaborazione con il Team World Tour Astana Qazaqstan...

Siamo sempre pronti a focalizzarci sull’integrazione quando parliamo di ottimizzare le performance, ma c’è un fattore che troppo spesso trascuriamo, ovvero l’idratazione. Lungo tutta la stagione e forse ancor più...

Cercate un paio di scarpe moderne, comode ed in grado di sostenere al meglio le vostre performance? Non desiderate o non potete spendere cifre importanti? Trek pensa anche a questo...

Pedalo da ormai quasi 30 anni, prima come atleta agonista e ora come semplice praticante, e ho vissuto in prima persona la crescita del ciclismo femminile. Sempre più donne vanno...

Canyon, marchio leader nella produzione di biciclette, comincia oggi la sua nuova avventura nel mondo delle calzature per ciclismo, un debutto in grande stile che inizia con la nuova linea...

Si tratta senza dubbio del completo più sportivo prodotto da Assos, un cycling kit essenziale votato alle massime performance. Testato nel WorldTuor e promosso in gara, il binomio composto da...

La leggenda del ciclismo Miguel Induráin è tornato all'ovile Pinarello dopo una breve pausa e il cinque volte vincitore del Tour de France ha segnato il suo ritorno all'iconico marchio...

La nuova iGravelX proposta da BH prende vita dall’apprezzatissimo modello muscolare GravelX, un prodotto che ha attirato moltissime attenzioni dal pubblico fin dal giorno della sua presentazioni. Il modello gravel...

Sidi Sport ha sottoscritto il Manifesto “Imprese per le Persone e la Società”, il testo rivolto alle aziende e redatto dall’UN Global Compact Network Italia, rete locale del Global...

VIDEO TEST
ALTRI VIDEO DI TEST




Ora che è realtà, si capisce quanta forza Pogačar abbia messo in questa folle ( almeno per noi ) rincorsa...
Se volete mettere nell’armadio una maglia e un pantaloncino per pedalare davvero bene lungo questa calda estate, vi consiglio di...
Il classico borsello sottosella prende nuova vita grazie agli specialisti di Topeak ( marchio distribuito da Ciclo Promo Components ) e nella...
di Giorgio Perugini
Verticale SLR viene presentata oggi e Wilier non ne fa mistero, infatti, questa bici è per l’azienda una bici da...
di Giorgio Perugini
Itaca, la nuova creazione targata MCipollini, nasce per l’endurance e va a completare l’offerta del marchio rappresentandolo nel migliore dei...
di Giorgio Perugini
La nuova Dogma F conferma quanto nel DNA Pinarello sia di rigore combinare prestazioni incredibili, tecnologia all'avanguardia e bellezza estetica,...
di Giorgio Perugini
Il modello Egos è uno di quelli utilizzati dal Team Bahrain Victorius, un casco destinato alle massime competizioni in cui...
di Giorgio Perugini
La maglia Ombra di Santini è stata pensata per essere un capo unisex e viene realizzata con tessuti Polartec®, Power...
di Giorgio Perugini
Gli zaini idrici di Thule hanno dimostrato negli anni di avere un qualcosa di speciale, merito di una visione aziendale...
di Giorgio Perugini
TPU si o TPU no? Lattice o butile? Possiamo dare più di una buona motivazione per avvalorare la scelta di...
di Giorgio Perugini
Il modello 029 di casa Salice nasce dalla grande esperienza maturata da Salice nelle massime competizioni, un terreno in cui...
di Giorgio Perugini
Sarebbe bello proporre soluzioni avanzate ad un prezzo altamente accessibile, no? È così che prende l’abbrivio la vita di due...
di Giorgio Perugini
Nei mesi passati Trek ha ampliato la propria linea di scarpe ad alte prestazioni per ciclismo su strada inserendo tre...
di Giorgio Perugini
Non molto tempo fa KASK presentò al mondo il casco Utopia, un casco modernissimo che ha stravolto gli schemi ottimizzando...
di Giorgio Perugini
Audace, moderno ma anche incredibilmente protettivo e versatile, ecco in poche parole cosa mi trasmette l’occhiale Kosmos PH di Limar,...
di Giorgio Perugini
I caschi sono tutti uguali? Certo che no e questo è un aspetto su cui più volte abbiamo cercato di...
di Giorgio Perugini
Da sempre in casa Trek la parola Madone ha un solo sinonimo ed è “velocità”. La nuova Madone SL 7...
di Giorgio Perugini
Laddove C sta per Carbonio e congiunzioni (anche se oggi dobbiamo parlare di parti), Colnago, Cambiago e Classe c’è anche...
© 2018 | Prima Pagina Edizioni Srl | P.IVA 11980460155
Pubblicità | Redazione | Privacy Policy | Cookie Policy | Contattaci

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy