I PIU' LETTI
LOOK 765 GRAVEL RS. OGNI VOLTA CHE SALI IN SELLA E' UN BEL VIAGGIO
di Giorgio Perugini | 29/07/2019 | 10:01

La gravel è la bici del momento, inutile negarlo. In un momento di vacche magre, molti si sono orientati su bici come queste, polivalenti e competitive su ogni percorso. Però sia chiara una cosa, per fare una bella gravel non basta mettere le ruote larghe ad una bici da strada, serve infatti un telaio diverso e capace di digerire senza battere ciglio una molteplicità infinita di terreni. Look ha presentato ufficialmente questa primavera la 765 Gravel RS, una bici che si trasforma in mulo se necessario, ma anche in una veloce compagna per le uscite stradali, una vera trasformista.

 

Il telaio della 765 Gravel RS nasce dalla grande tecnicità del marchio transalpino e dalla sua rinomata capacità nella lavorazione del carbonio, infatti, i diversi tipi di carbonio utilizzati ( 29% HM, 46% IM, 10% HR e 15% di fibra specifica ) si amalgamo completamente formando una struttura incredibilmente comoda e performante.

In particolare modo mi hanno davvero colpito il tubo sterzo, oversize e robusto e i foderi alti posteriori plasmati dalla tecnologia 3D Way. Questi hanno una speciale forma ricurva che permette al comparto posteriore di lavorare quasi come se fosse sostenuto da una sospensione. Al di là della forma, è indubbiamente la lavorazione e la tipologia del carbonio che permette a questi foderi di flettere cosi bene assorbendo gli urti verticali senza causare eccessive flessioni laterali, tutto a vantaggio del comfort e della trazione.

Di serie la 765 Gravel RS viene fornita con ruote da sterrato da 700x33, una soluzione che premia sicuramente la velocità anche sullo sterrato e un buon compromesso per correre bene anche sull’asfalto. La bici in prova ha un allestimento che punta molto sulla qualità della meccanica Shimano, infatti, oltre al gruppo completo 105 con freni idraulici da 160mm, troviamo le ruote Shimano RS 170 in alluminio allestite con pneumatici WTB Riddler.

Vi ricordo che la 765 Gravel RS può montare ruote da mtb da 650x2.1 con pneumatici da 54mm, ovviamente se amate l’estremo. Questa bici viaggia alla grande, infatti i viaggiatori godranno dell’ampia possibilità di montare borracce in ogni dove con ben 12 inserti portaborraccia distribuiti su telaio e forcella.  Una nota di merito va spesa sulla forcella full carbon da 390 grammi, comoda e robusta ma anche bella precisa quando serve.

L’attacco manubrio Direct Drive Concept integrato in alluminio è bello corto e robusto ed è stato concepito per riprendere le forme del telaio e lavorare in piena solidità con forcella. Nella stessa zona ritroviamo anche gli spessori sagomanti, perfetti per trasmettere solidità al manubrio e rigorosi nel design. Rispetto alla sorella E-765 Gravel, i foderi bassi posteriori hanno un disegno caratteristico con quello di destra particolarmente ribassato rispetto al sinistro.

Nel complesso lavorano molto bene anche sullo sconnesso senza mai essere causa di dispersioni nei rilanci. Ovviamente, vi invito a non guidare questa bici come se fosse una bici da strada, ne rimarreste delusi.

Fate piuttosto il contrario, concedetevi qualche sterrato e vedetela più come una mtb, la cosa vi esalterà. La ho usata tanto in città e tanto su strada per concederle sterrati e qualche giro in due campetti da ciclocross che conosco nella mia zona: spettacolo!

Nelle prime serate di giugno sono uscito con la scusa di prendere un gelato e vedere la città di sera per ritrovarmi con 35/ 40 km nelle gambe, su e giù per il centro con qualche puntata sul naviglio. Infine, mi è bastato montare due ruote Shimano Ultegra montate con pneumatici Continental da 25mm per scoprirla divertente e piacevole anche negli allenamenti quotidiani. Chapeau.

Il montaggio non è dei più leggeri a disposizione ma offre tonnellate di affidabilità. La sorpresa è stata anche il 105, davvero un gruppo con gli attributi! Personalmente preferisco la doppia, perfetta anche per le salite a pieno carico. Il tubo sella da 27.2 copia bene e regala quel pizzico di comodità in più che non guasta mai. La verniciatura e la grafica sono un bel punto di forza per Look e anche in questo modello penso che la casa transalpina abbia fatto veramente bene.

Nelle foto vedrete anche le luci Garmin Varia, indispensabili per girare sicuri nel traffico e di sera mentre la sella Selle San Marco Monza Full Fit Start si è confermata comoda e versatile.

La guida è piacevole sia sua strada che in offroad, merito di una geometria che premia la stabilità e il controllo sul mezzo. Viaggiare sulla presa bassa è davvero facile e vi permette di tenere medie elevate anche nei tratti di sterrato leggero.

È difficile definire un panorama in cui arginare la 765 Gravel RS ma è ben più facile tracciare l’identikit di chi la vorrà assolutamente portare a casa, probabilmente un ciclista maturo, non tanto nell’età, ma sicuramente nelle aspettative che ripone nel mezzo.

Solida, versatile ed elegante, la 765 Gravel RS sta bene lucida e sporca di fango, corre bene fuori porta nel fine settimana e fila sulle strade bianche, insomma è una gravel/commuter/ fun-bike di prima categoria.

Personalmente la ho apprezzata tantissimo, esattamente come è accaduto con gli ultimi prodotti LOOK, tutti governati da un piglio moderno in cui estetica e prestazione coincidono grazie a soluzioni più pratiche che in passato ma con tutto il fascino tipico di questo storico marchio.

 

www.lookcycle.com

 

 

 

 

Copyright © TBW
TUTTE LE NEWS
Il casco Ventral di Poc aveva un compito arduo, ovvero far dimenticare agli amanti del marchio lo storico casco Octal, un vero must degli ultimi anni. Ventral metteva...

Sono passate solo poche settimane da un appuntamento davvero indimenticabile di Mercedes-Benz UCI Mountain Bike World Cup a Daolasa di Commezzadura (2-4 Agosto), quando 25.000 persone hanno avuto l’opportunità di vivere un weekend eccezionale per...

Dopo una tregua di 55 giorni, tanto è trascorso dalla Crespadoro Bike del 30 giugno, il circuito Bike World Zerowind Cup 2019 torna sulla scena per il suo epilogo nella...

Pila (Valle d’Aosta) presa d’assalto da giovani da tutt’Europa e trasformata nella nuova ‘Babele’; tanti idiomi, paesaggio colorato dalle maglie delle varie Nazioni e sodalizi ciclistici e un unico linguaggio:...

Ci sono tanti modi per alleggerire una bici e detto come va detto, alcuni espongono a dei rischi. I componenti super leggeri costano molto e consentono spesso un...

Emil Johansson è tornato sul tetto del mondo. Il 20enne svedese alla fine del 2017, alla sua prima stagione, si era laureato Campione FBM World Tour quando era ancora un adolescente,...

Tutti noi conosciamo le immense qualità di una carcassa in cotone targata Vittoria, sinonimo di qualità assoluta a cui nessun ciclista, una volta provata, desidera rinunciare. I motivi...

Come sempre ricchissimo il montepremi messo in palio dal Comitato Organizzatore della GimondiBike Internazionale per riconoscere e gratificare tutti i partecipanti dell’edizione 2019. La scultura del maestro Antonino Rando per...

La Silk Mountain Mountain Jersey di PEdAL ED celebra quella che probabilmente è la corsa più dura del mondo, una durissima manifestazione che vedrà al via 146 corridori...

L'ultima tappa del Crankworx Series andrà in scena questo fine settimana alla "mecca" della mountain bike, vale a dire a Whistler, in Canada. Tra le numerose gare in programma questo...

Li abbiamo visti al Tour de France e soprattutto sui due gradini più alti del podio, Bernal e Thomas, i due fortissimi atleti del Team Ineos hanno condotto...

Gaia Tormena è la nuova campionessa del Mondo Eliminator. Ha vinto il titolo oggi nel Mondiale di Waregem in Belgio. 17 anni, valdostana, vive a Entrebin, piccola frazione...

È pronta a fare il suo esordio domenica 22 settembre la “Faro to Faro”, la cicloturistica fortemente voluta dalla “Rete Venezia Laguna Bike”, composta da albergatori dei bike hotel della...

La triathleta Alice Betto (G.S. Fiamme Oro) conquista la seconda posizione al Test Event di Tokyo, prova disputata sul percorso olimpico a meno di un anno dall'evento a cinque cerchi....

La ribalta del grande ciclismo a Capodarco ogni anno il 16 agosto con l’omonimo Gran Premio per dilettanti under 23 a livello internazionale inizia di buon mattino sul collaudato circuito...

Canyon. Roadlite:ON, la nuova fitness e-bike   La bellissima fitness bike Roadlite di Canyon si potenzia oggi con un bellissimo motore Fazua diventando la nuova Roadlite:ON. Non cadete...

El Diablo sulle strade della Gran Fondo Campania, la prima edizione di una gara di ciclismo sulla distanza di oltre 120 km che si annuncia un'autentica festa per lo sport...

Il format è semplice, senza troppe restrizioni o regole. Basta rispettare il codice della strada laddove le strade sono aperte al traffico, essere educati e rispettosi del prossimo laddove i...

PowerFlux è stata l’ultima novità targata EthicSport, un integratore nato per rivoluzionare il mondo stesso degli integratori e offrire qualcosa di veramente unico. Ingerito a piccoli sorsi prima...

Da non perdere sabato 17 agosto l’appuntamento con il Campionato Nazionale Duathlon sotto l’egida Uisp a Farindola con la regia organizzativa del Team Iachini Cycling che torna ad allestire un...

Se vi piacciono i capi o gli accessori ufficiali dei team professionistici, con le nuove Northwave Extreme Pro Astana sarete al settimo cielo, potete scommetterci. Queste scarpe le...

Nessuna medaglia d’oro nella giornata finale (gare in linea) della terza prova di Coppa del Mondo di Ciclismo Paralimpico a Baie Comeau ma due bellissimi argenti con Anobile e Pittacolo...

Bike Inside, il marchio di abbigliamento da ciclismo nato dall’incontro tra moda e la straripante passione per le due ruote, mette a segno importanti collaborazioni, festeggiate ovviamente con...

VIDEO TEST
ALTRI VIDEO DI TEST




di Giorgio Perugini
Il periodo estivo rimette in strada molti appassionati, pronti a sfidare il caldo e le strade roventi. Non...
di Giorgio Perugini
Tutti voi conoscerete Scicon per via delle borse portabici, probabilmente le migliori in circolazione, ma possiamo tranquillamente ricordare...
di Giorgio Perugini
Cosa ci aspettiamo da un completo estivo? Generalmente lo vogliamo leggero e ben realizzato con tessuti all’avanguardia, aero ma anche...
di Giorgio Perugini
La gravel è la bici del momento, inutile negarlo. In un momento di vacche magre, molti si sono...
di Giorgio Perugini
Le giornate bollenti sono arrivate tutte insieme e uscire a pedalare vi mette nella condizione di essere sempre...
di Giorgio Perugini
Chi adora pedalare al caldo nelle belle giornate estive può affidarsi al cycling kit di PEdAL ED composto...
di Giorgio Perugini
Il grande processo di rinnovamento in casa SIXS è stato confermato dal nuovo logo e dal nuovo simbolo...
di Giorgio Perugini
Il nuovo Omne Air Spin, un casco polifunzionale presentato pochi mesi fa da Poc, è un prodotto polifunzionale che...
di Giorgio Perugini
Le edizione limitate sono delle vere chicche per gli appassionati, soprattutto quando queste sono legate ad un evento...
di Giorgio Perugini
UYN non si nasconde affatto e mette subito in chiaro di avere una missione: essere meglio di tutto...
di Giorgio Perugini
Wilier negli ultimi anni ci ha deliziato con modelli entusiasmanti e raffinati, impreziositi con colorazioni uniche come il...
di Giorgio Perugini
La ricerca spinge sempre verso l’ottimizzazione delle performance e visto che si tratta di un pneumatico, la scorrevolezza,...
di Giulia De Maio
In occasione della 24H di mountain bike più famosa e partecipata al mondo abbiamo testato la Gomma Vittoria Mezcal Graphene...
di Giorgio Perugini
Settimana scorsa sembrava di essere tornati indietro nel tempo, più precisamente a novembre 2018 mentre oggi è arrivata...
di Giorgio Perugini
Optare per una Aero-Bike significa scendere a compromessi, quindi veloce sì ma il comfort resta un miraggio. Questo...
di Giorgio Perugini
Il ciclismo ha incontrato negli anni diversi step evolutivi, basti guardare le vecchie bici in acciaio, ora soppiantate...
di Giorgio Perugini
Le KR1 sono diventate famose ai piedi di Elia Viviani e hanno scortato il campione in carica italiano...
di Giorgio Perugini
Dove sta scritto che una sella da gara e leggera debba offrire una seduta da fachiro? Vecchie regole,...
© 2018 | Prima Pagina Edizioni Srl | P.IVA 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy