I PIU' LETTI
HiRIDE, LA RIVOLUZIONE A PORTATA DI BICI
di Giorgio Perugini | 27/07/2018 | 09:53

Sono anni che veniamo letteralmente investiti da novità che promettono di cambiare definitivamente la bici. Dapprima sono stati i materiali, basti pensare al composito e agli evidenti vantaggi che ha portato per la realizzazione di telai sempre più robusti e leggeri, poi sono arrivati i cambi elettronici, strumenti che hanno dato una bella spolverata a questo vecchio mezzo che amiamo tanto. Però, a conti fatti, la bicicletta da strada è ancora la stessa di sempre, sbaglio? Oggi HiRide ha in mano le carte giuste per cambiare la storia e far in modo che il ciclista da strada possa vivere lo stesso senso di rinnovamento che da anni coinvolge la mtb.

Avete presente la sospensione elettronica intelligente chiamata ESAS (Endurance Smart Adaptive Suspension)? Avete capito bene, parlo proprio di sospensioni per bici da strada, anche perché dieci giorni fa non si parlava d’altro durante le telecronache del Tour de France.

Si tratta della sospensione posteriore montata sulle Pinarello K10S Disc utilizzate dai corridori SKY, l’arma in più per il team per sbaragliare la concorrenza. Che ci siano riusciti o no, poco importa, anche perché tutti gli atleti hanno optato per questa soluzione dopo i vari test effettuati, test in cui i dati hanno promosso a pieni voti questa moderna tecnologia. Dati alla mano, anche se SKY mantiene la segretezza dei numeri, in uscita dai tratti di pavé la velocità di chi era equipaggiato con queste bici era nettamente superiore a quella di chi ne era sprovvisto…

La sospensione di cui parliamo nasce da HiRide, una giovanissima azienda milanese nata da e-Novia, una realtà che incorpora e sostiene un pool strategico di start-up che sviluppano tecnologie in diversi settori. Credetemi, basta mettere un piede negli uffici di questi ragazzi per capire che il futuro è già arrivato, e per toccarlo con mano in brevissimo tempo basterà solo dare loro fiducia per mescolare un po’ le carte in tavola. Il kit, lo stesso che abbiamo provato per voi, comprende una sospensione posteriore (elastomero + parte idraulica + gestione elettronica) e una Control Unit (Smart Battery Pack), niente altro che il cervello del sistema che si posiziona all’interno del tubo verticale.

Chiude il cerchio l’interfaccia per avviare il sistema e scegliere le modalità di funzionamento della sospensione che viene alloggiata sul tubo obliquo. Il sistema pesa solo 320gr e una volta in marcia, è in grado di adattarsi mediante una sofisticata elaborazione delle vibrazioni rilevate dai sensori, favorendo un comfort sconosciuto fino ad ora su una comune bici da strada. L’elastomero viene prodotto in tre mescole differenti, tre versioni diverse che corrispondono ad altrettante fasce di peso del ciclista e testate per offrire sempre la migliore risposta in strada.

Ovviamente il pacchetto è personalizzabile ed è possibile intervenire sulle modalità di funzionamento in una maniera semplice utilizzando l’apposita schermata configurabile sul device Garmin tramite IQ Connect (presto ci sarà anche una App). Le funzioni sono tre: Manual, Tourism e Automatic, tutte facilmente azionabilidal tasto posto sull’interfaccia (per capire quale modalità avete inserito dovrete vedere il colore della luce led).

Non cascate nell’errore comune di pensare che la sospensione vi toglierà gran parte della potenza espressa sui pedali, lo sbaglio sarebbe madornale. La sospensione è il ponte tra il carro e il tubo verticale e non toglie rigidezza al comparto durante la pedalata perché il sistema lavora solo in funzione delle sollecitazioni derivanti dal terreno e mai da quelle prodotte dal ciclista (questo è il vero nodo del sistema), comprendendo anche lo stile di guida dell’utente. Questo modo di concepire le sospensioni deriva direttamente dal mondo dell’automotive, in particolare modo da quello delle moto.

In poche parole, ESAS rende performante un telaio da strada filtrando bene gli scossoni tipici dei terreni irregolari e soprattutto, detto pane al pane e vino al vino, fa in modo che la ruota si stacchi da terra il minimo possibile mantenendo una trazione incredibile. Il confronto è stato imbarazzante: prima ho percorso un tratto di sentiero irregolare con il sistema bloccato e poi lo ho rifatto con il sistema in modalità «automatic». La risposta del retrotreno è diventata precisa con sobbalzi ridotti drasticamente e pensare che l’escursione della sospensione è di soli 1,1cm. Infine, è impossibile non apprezzare il ritorno alla rigidità della sospensione una volta che il manto stradale è tornato liscio, spettacolare e istantaneo! Indubbiamente, i vantaggi prestazionali si traducono immediatamente in un grande comfort, una sensazione piacevole per la schiena e tutto l’apparato muscolo scheletrico. Questo sistema spalanca definitivamente le porte del futuro a mezzi decisamente moderni, sia per il mondo strada che per quello gravel.

Durante la prova, ho potuto pedalare su due bici identiche ma allestite con pneumatici differenti. Una montava Continental GP4000 da 28mm mentre la seconda i Pirelli Cinturato da 25mm. La prova è stata ottima con entrambe le misure, dimostrando che sia con sezioni più stradali che con quelle più adatte ad una gravel il pacchetto di HiRide aggiunge una corposa dose di feeling. Una parola va spesa per il telaio: la struttura è tutto sommato tradizionale e sfrutta la naturale elasticità del carbonio per consentire al carro di flettere favorendo il lavoro della sospensione.

Come esperti del settore, siamo certi che HiRide sia già un sistema completo e competitivo al 100% e sarebbe riduttivo affiancarlo solo al settore endurance. La mia aspettativa, viste le sue enormi potenzialità, mi porta a pensare che il sistema HiRide sarà a bordo delle future bici aero con vantaggi incredibili in termini di comfort e guidabilità. Giusto per la cronaca, HiRide ha già pronta la sospensione anteriore, il tassello definitivo per rendere il kit completo sotto tutti gli aspetti.

 

Su strada si avverte subito che la gestione elettronica è più veloce del pensiero conil mono che si aziona da solo come deciso dagli algoritmi ancora prima che il Garmin possa segnalarti il suo ingaggio. Tutto questo porta ad un feeling istantaneo che mi ha fatto rivedere come superati o forse solo limitati gli altri sistemi ammortizzanti impiegati sulle bici da strada. HiRide porta innovazione nel nostro settore, un cambiamento che partirà in sordina e che sarà difficile arginare, del resto, la vera rivoluzione «elettrica» può partire solo ed esclusivamente da qui.

 

hiride.bike

 

Copyright © TBW
TUTTE LE NEWS
Pedalare durante l’estate offre sicuramente ottimi benefici, ma occorre essere ben equipaggiati per farsi amico anche il sole più cocente. Un completo leggero e dall’eccellente traspirabilità è la regola da...

In città le soste brevi sono quelle in cui si rischia maggiormente di vedersi rubare la bici, due fatidici minuti in cui la nostra bella, spesso a pedalata assistita, prende...

Load Modular è la nuova proposta di Briko per il mercato della MTB: un occhiale altamente protettivo caratterizzato da una costruzione modulare in grado di assicurare massima protezione per gli occhi,...

Per tutti gli sciatori, l'allenamento in bicicletta è ormai diventato fondamentale. E i campioni della neve vanno a cercare il meglio del meglio. Gli sciatori azzurri Mattia Casse e Guglielmo...

Svitol Bike, la linea di Svitol dedicata alla manutenzione e alla cura di bici e di e-bike e distribuita in Italia da Ciclo Promo Components, cresce con l’arrivo di Detergente...

Il nuovo progetto Drali riporta in voga l’acciaio e la sua comprovata duttilità nei telai da corsa. È proprio così che il marchio meneghino presenta oggi Trinity, il telaio con...

Si è tenuta ieri, alla presenza del membro del governo Cantonale, Mario Fehr, del Consigliere comunale Filippo Leutenegger e di altre personalità, la conferenza stampa organizzata dal Comitato Organizzatore Locale,...

Le ragioni per cui si desidera una e-road sono tante. C’è chi la sceglie per conquistare salite altrimenti troppo impegnative, chi per esplorare percorsi lontano da casa, o chi per...

Aliante Adaptive si affianca ai modelli Antares ed Argo andando a completare la famiglia di selle con cover stampate in 3D, il celebre sistema Adaptive messo a punto da Fizik...

È l’estate di Parigi 2024, è l’estate delle Olimpiadi. Tra storie, sogni e obiettivi, tutti gli occhi del mondo saranno sulla capitale francese. E ci saranno anche MCipollini e le...

Il modello Egos è uno di quelli utilizzati dal Team Bahrain Victorius, un casco destinato alle massime competizioni in cui gli atleti hanno bisogno di massima ventilazione. In questo progetto...

Grandi novità su Wikiloc: arrivano infatti due nuove funzionalità, vale a dire Route Planner e Mappe 3D. La piattaforma di navigazione outdoor consente ora di pianificare percorsi direttamente da casa...

Core e Concrete College sono le due collezioni pensate da Canyon per chi si ispira alla cultura del ciclismo, capi streetwear ma destinati a chi vive il fascino de ciclismo...

La sella NAGO è uno dei prodotti più iconici di Prologo, un modello che nella sua vita ha affiancato molti campioni in vittorie importantissime nelle classiche di un giorno e...

La maglia Ombra di Santini è stata pensata per essere un capo unisex e viene realizzata con tessuti Polartec®, Power Stretch™ e Delta™. Questo nuovo capo si distingue per il...

La nuova bici da cronometro e da triathlon Supersonica SLR di Wilier rappresenta molto di più di un semplice nuovo modello di altissima gamma, infatti, è la perfetta sintesi di...

Come era prevedibile, il gravel oggi è una specialità con due anime, una che vive di performance e velocità ed una decisamente più orientata all’avventura. Così Bianchi, dopo aver lanciato Impulso, la fast gravel...

La bicicletta è uno strumento capace di avvicinare persone e generazioni diverse. Che sia usata per la mobilità urbana, per una passione che accompagna sin dalla più tenera età, per...

Per il sesto anno consecutivo, Alé conferma la partnership con il Giro d’Italia dei giovani e firma un accordo con RCS Sport per la fornitura delle maglie dei leader di...

Colnago, bicicletta ufficiale del Tour de France, presenta la Colnago Fleur-de-Lys, un’opera d’arte prodotta in 111 esemplari numerati come omaggio a Firenze, la culla del Rinascimento, che ospiterà le Grand...

Q36.5, leader nell'abbigliamento tecnico per il ciclismo, è partner e fornitore tecnico ufficiale delle maglie di leader del Tour de Suisse 2024. Anche per quest’anno, il brand bolzanino e la...

Con i nuovi pedali Supervillain, Deity desidera alzare al massimo il livello delle prestazioni e lo fa alla grande andando anche oltre. Leggeri e forti, sono realizzati con la giusta...

Il 2024 riporta alla grande attenzione dei praticanti le bici endurance o allora, modelli polivalenti che regalano grande libertà e uscite in cui terreni misti e lunghi chilometraggi diventano la...

Alé è orgogliosa di annunciare la sua partnership con l'edizione 2024 del Lloyds Bank Tour of Britain femminile e maschile. La prestigiosa corsa a tappe di più giorni si svolge sulle...

VIDEO TEST
ALTRI VIDEO DI TEST




Il modello Egos è uno di quelli utilizzati dal Team Bahrain Victorius, un casco destinato alle massime competizioni in cui...
La maglia Ombra di Santini è stata pensata per essere un capo unisex e viene realizzata con tessuti Polartec®, Power...
di Giorgio Perugini
Gli zaini idrici di Thule hanno dimostrato negli anni di avere un qualcosa di speciale, merito di una visione aziendale...
di Giorgio Perugini
TPU si o TPU no? Lattice o butile? Possiamo dare più di una buona motivazione per avvalorare la scelta di...
di Giorgio Perugini
Il modello 029 di casa Salice nasce dalla grande esperienza maturata da Salice nelle massime competizioni, un terreno in cui...
di Giorgio Perugini
Sarebbe bello proporre soluzioni avanzate ad un prezzo altamente accessibile, no? È così che prende l’abbrivio la vita di due...
di Giorgio Perugini
Nei mesi passati Trek ha ampliato la propria linea di scarpe ad alte prestazioni per ciclismo su strada inserendo tre...
di Giorgio Perugini
Non molto tempo fa KASK presentò al mondo il casco Utopia, un casco modernissimo che ha stravolto gli schemi ottimizzando...
di Giorgio Perugini
Audace, moderno ma anche incredibilmente protettivo e versatile, ecco in poche parole cosa mi trasmette l’occhiale Kosmos PH di Limar,...
di Giorgio Perugini
I caschi sono tutti uguali? Certo che no e questo è un aspetto su cui più volte abbiamo cercato di...
di Giorgio Perugini
Da sempre in casa Trek la parola Madone ha un solo sinonimo ed è “velocità”. La nuova Madone SL 7...
di Giorgio Perugini
Laddove C sta per Carbonio e congiunzioni (anche se oggi dobbiamo parlare di parti), Colnago, Cambiago e Classe c’è anche...
di Giorgio Perugini
Se siete alla ricerca di un winter kit adeguato per pedalare in questo inverno, le proposte di Q36.5® vi daranno...
di Giorgio Perugini
Temevamo un arrivo repentino del freddo e così è stato, ora fuori le temperature sono scese molto e negli ultimi...
di Giorgio Perugini
Desiderate un’esperienza di ascolto ottima anche mentre correte o pedalate? Niente di più facile con le cuffie a conduzione ossea...
di Giorgio Perugini
Per molti amanti del gravel arriva la parte della stagione che regala emozioni forti, infatti, la natura che si appresta...
di Giorgio Perugini
Siamo a novembre e in alcune regioni d’Italia si registrano ancora temperature superiori ai 25°C, una situazione surreale che però...
di Giorgio Perugini
Leggerissime e rigide, ma anche veloci e incredibilmente scattanti, insomma, un set di ruote di livello incredibile alla portata di...
© 2018 | Prima Pagina Edizioni Srl | P.IVA 11980460155
Pubblicità | Redazione | Privacy Policy | Cookie Policy | Contattaci

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy