I PIU' LETTI
GF GIMONDI, SETTE IMPRESE PER "SETTE MAGNIFICI"
dalla Redazione | 10/02/2019 | 07:02

Cinquantuno vittorie assolute fra Vuelta a Espana, Tour de France e Giro d’Italia, e non solo: spesso anche un secondo posto o una rimonta nei metri conclusivi possono rappresentare un’impresa o salvaguardarne una più grande. Pagine di storia del ciclismo ne hanno scritte tante, i “Magnifici 7” campioni capaci di vincere almeno una volta in carriera le più celebri corse a tappe, e l’edizione numero 23 della Granfondo Felice Gimondi Bianchi in programma domenica 5 maggio a Bergamo si prepara a celebrarli.

Difficile scegliere la più bella e le più belle, per ciascun atleta, perché ogni impresa ha una sua genesi, una sua storia, un suo significato. Noi ne abbiamo scelte sette, una per ogni “gigante del Grande Slam”, senza pretendere che siano le più grandi. Piuttosto, probabilmente, le più emozionanti.

JACQUES ANQUETIL, Vuelta a Espana 1963. Dopo aver vinto tre dei suoi 5 Tour de France e un Giro d'Italia, Anquetil è il primo campione a completare il Grande Slam. Alla Vuelta a Espana del 1963 il francese vince una sola tappa, la seconda - una cronometro da Mieres a Gijón - ma riesce nell'impresa di conservare la maglia di leader fino alla quindicesima e ultima frazione, con arrivo a Madrid.

FELICE GIMONDI, Vuelta a Espana 1968, 14a tappa Santander-Vitoria. Otto maggio. E' il giorno in cui Felice Gimondi diventa il re della Vuelta, nella tappa numero 14. Il campione bergamasco scatta a oltre 50 chilometri dall’arrivo, rimontando quasi tutti i fuggitivi - tranne Eduardo Castelló, che si aggiudica la tappa - e conquistando la maglia amarillo. La metterà al sicuro con la vittoria nella cronometro di Tolosa, prima del trionfo finale a Bilbao.

EDDY MERCKX, Giro d'Italia 1974, 20a tappa Pordenone-Tre Cime di Lavaredo. E' l'anno della tripletta Giro-Tour-Mondiale, per il Cannibale. Eppure, per vincere la Corsa Rosa, Merckx deve fare gli straordinari. Alla partenza della tappa delle Tre Cime di Lavaredo, il belga, Felice Gimondi e Gianbattista Baronchelli sono racchiusi in 41 secondi. A 2 km dall'arrivo, Baronchelli stacca Merckx che, però, conserva la maglia rosa con 12" su Baronchelli e 33" Gimondi grazie a una rimonta negli ultimi metri. Il Giro del '74 è la conquista più sofferta e, anche per questo, una delle più belle.

BERNARD HINAULT, Giro d'Italia 1980, 20a tappa Cles-Sondrio. Secondo in classifica dietro Wladimiro Panizza, dopo la tappa vinta a Roccaraso, Hinault raggiunge il compagno Bernaudeau e gli cede il successo di tappa, nell'arrivo in parata che proietta Hinault verso il suo primo Giro d'Italia e la "tripla corona".

ALBERTO CONTADOR, Vuelta a Espana 2017, 20a tappa Corvera de Asturias - Alto de l'Angliru. I trionfi assoluto a Giro, Tour e Vuelta appartengono al passato. Il Pistolero è al termine della carriera. Un solista del suo calibro, però, non può non chiudere con un'esecuzione memorabile. E sull'Alto de Angliru, nella Vuelta dominata da Chris Froome, stacca tutti con una cavalcata al contempo leggera e potente e saluta il ciclismo da protagonista, proprio come l'ha vissuto.

VINCENZO NIBALI, Tour de France 2014, 18a tappa Pau-Hautacam. Dopo aver primeggiato in pianura (a Sheffield), sui Vosgi (a Planche des Belles Filles), sulle Alpi (a Chamrousse), lo Squalo mette il sigillo definitivo sul Tour 2014 vincendo la frazione pirenaica con il Tourmalet e arrivo in cima a una salita di 13,6 km. A tre tappe dal termine, Vincenzo spedisce tutti gli avversari a oltre 7'. E si prepara a volare nel club dei "Giganti del Grande Slam".

CHRIS FROOME, Giro d'Italia 2018, 19a tappa Venaria Reale-Bardonecchia. Un'impresa d'altri tempi. Oltre 80 km di fuga solitaria, nata dopo la crisi della maglia rosa Simon Yates sul Colle delle Finestre e proseguita sul Sestriere e nel finale sullo Jafferau, inframezzati da un lungo falsopiano. Così, rimontando anche Tom Dumoulin grazie a un'azione da fuoriclasse, Chris Froome entra nel gotha dei campioni capaci di conquistare la tripla corona, dopo i 4 trionfi al Tour de France e quello alla Vuelta a Espana.

Come iscriversi alla Granfondo Gimondi-Bianchi 2019
Tutti gli appassionati potranno iscriversi alla 23a edizione della Granfondo Gimondi Bianchi compilando l’apposito form online sul sito ufficiale della manifestazione www.felicegimondi.it, oppure presso gli uffici organizzativi di G.M.S. in Via G. Da Campione, 24/c – 24124 Bergamo (tel. +39 035.211721 – fax + 39 035.4227971).

Copyright © TBW
TUTTE LE NEWS
Eccellenza chiama eccellenza ed è così che nasce questo matrimonio tra RMS e Cane Creek, due realtà che noi appassionati conosciamo bene. RMS è un’azienda leader in Italia...

Saranno 153 chilometri di assoluto splendore quelli del Percorso Permanente di Eroica Montalcino che da fine maggio costituirà, di sicuro, uno fra i viaggi a pedali più belli al mondo....

Pedalatium, il Challenge alla scoperta delle Perle del Lazio, sta per tagliare il nastro simbolico di partenza con la Medio Fondo IL COLONNELLO, di scena a Vetralla domenica 3 marzo...

Si avvicina l’appuntamento con l’edizione numero 22 della Green Fondo Paolo Bettini – La Geotermia. Pomarance, la località geotermica che rappresenta per eccellenza il “cuore caldo della Toscana”, si appresta...

Nella splendida location del Castello Odescalchi di Ladispoli, si è svolta ieri la presentazione ufficiale della Gran Fondo Mare e Laghi in programma il prossimo 17 marzo. Una presentazione che...

Domenica 9 giugno l’Italian Ciclotour si sposterà nelle Marche, esattamente a Visso (Mc), dove si terrà la 3ª Pedalata per la Sibilla, terza prova di questo...

Il ciclismo moderno ha ormai solo un lontano ricordo delle soste canoniche: se ai tempi di Moser dal Mondiale di Ciclocross alla Sanremo ci passavano due mesi esatti, oggi, con...

La Federazione Ciclistica Italiana insieme all’Agenzia per la Mobilità del Comune di Roma si impegna per una città migliore, più pulita, sicura e a misura di bicicletta e...

In questi anni il ruolo dell’Ambassador è diventato un fenomeno molto diffuso visto e considerato il suo ruolo nei social network e nelle varie community. LOOK è un...

l 6 luglio, giorno in cui il Tour de France partirà da Bruxelles con la Grand Départ, Continental inizierà il suo primo anno in qualità di uno dei cinque Main...

VIDEO TEST
ALTRI VIDEO DI TEST




di Giorgio Perugini
Probabilmente il vero inverno ce lo siamo già lasciato alle spalle ma come l’esperienza insegna, la fine di...
di Giorgio Perugini
Aerodinamiche, rigide il giusto e molto comode, queste prime tre caratteristiche vanno a tracciare i profili delle nuove...
di Giorgio Perugini
Air Speed è il casco migliore ad una velocità media di 40km/h e chi lo dice ha fatto...
di Giorgio Perugini
Generalmente in questo periodo dell’anno mi affido a pneumatici invernali, una scelta spesso obbligata per via del pessimo...
di Giorgio Perugini
La giacca Vega Extreme di Santini, posizionata al vertice della nuova linea high performance per fronteggiare le rigide...
di Giorgio Perugini
Chi di voi pensa al marchio Ursus, dovrebbe ricordare che questa azienda, oltre a produrre alcune delle migliori ruote attualmente...
di Giorgio Perugini
Ci sono ciclisti che sono sospinti da un solo desiderio: ottenere e provare sempre qualcosa in più per...
di Giorgio Perugini
Spesso un capo invernale può essere troppo caldo oppure, talvolta, non è abbastanza isolante mentre in altri casi...
di Giorgio Perugini
Ammettiamolo, con i tempi che corrono valutare con attenzione le spese che vorremmo fare non è affatto una...
di Pietro Illarietti
Nasce oggi una nuova rubrica di tuttobicitech dal titolo «Tested4You»: come facile intuire, i nostri tester proveranno per voi capi...
di Giorgio Perugini
  Due giorni a Cannes per una presentazione ufficiale Look non sono roba da poco. La casa francese continua ad...
di Giorgio Perugini
  Ho una personalissima lista di cose che mi fanno girare le scatole e quasi in cima all’elenco si posiziona...
di Giorgio Perugini
La sella perfetta esiste, questo è poco ma sicuro. Sarà l’unica che vi farà pedalare più comodamente rispetto ad altre...
di Giorgio Perugini
  Nella storia recente abbiamo potuto notare come alcuni prodotti abbiano avuto il merito di fare scuola gettando la base...
di Giorgio Perugini
  Ebbene sì, non si tratta di un prodotto nuovissimo, infatti, i Michelin Power Competition sono in vendita da più...
di Giorgio Perugini
Sono passati diversi giorni dall’Eroica e a parte un discreto mal di gambe mi è rimasto addosso un incredibile entusiasmo....
di Giorgio Perugini
La domanda che mi fanno in molti incontrandomi in bici durante il giorno è sempre la stessa: perché lasci le luci...
di Giorgio Perugini
Sono stati la novità dell’anno di Oakley,  i Flight Jacket hanno vinto la partita contro l’appannamento in maniera definitiva, questa...
© 2018 | Prima Pagina Edizioni Srl | P.IVA 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy