I PIU' LETTI
PEDEMONTE. CON RHINOCEROS PEDALI SU MISURA. VIDEO
dalla Redazione | 22/07/2018 | 09:26

Nel ciclismo di oggi si parla ancora di artigianato, talvolta abusando di questo termine. Quando chi produce è realmente un artigiano, generalmente fa le cose alla vecchia maniera puntando soprattuto alla realizzazione di un prodotto di qualità che sfugga alle regole dettate dal consumismo e dal tempo. Esiste in realtà un’ulteriore eccezione del termine artigiano e questo è proprio il caso di Pedemonte, marchio genovese che porta direttamente nel futuro il tipico prodotto hand made. Quindi, quando si parla di Pedemonte, si può affermare con sicurezza che si tratti di prodotti artigianali 4.0. Il merito di tale evoluzione sta in una tecnica chiamata IWS (Internal Wrapping System) che è valsa a Sergio Pedemonte, proprietario del marchio, il premio Fulvio Acquati a Cosmobike, il più importante evento fieristico italiano.

Rhinoceros, la bici a cui è stato assegnato il riconoscimento, è un mezzo decisamente evoluto e soprattutto può fregiarsi del titolo «su misura», dettaglio che la pone in cima ai desideri dei ciclisti più esperti ed esigenti. Nel ciclismo moderno ci siamo abituati ai monoscocca realizzati in taglie prefissate e nel dettaglio abbiamo dovuto giocare con pipa e reggisella per trovare la migliore posizione migliore.

Con Rhinoceros il tutto è basato sul sistema Tube-to-Tube governato dall’innovativa tecnologia IWS, sistema messo a punto da Pedemonte grazie alla grande esperienza maturata nella lavorazione dei materiali compositi.

6.jpeg

In questo caso le giunzioni vengono lavorate a pressioni e temperature maggiori rispetto al classico fasciato ed il risultato più evidente sono le caratteristiche meccaniche strutturali paragonabili al monoscocca senza avere però alcuna limitazione di taglia. Come vedete nelle foto che ritrae la congiunzione dello sterzo, è l’inserimento dei diversi Bladder a consentire l’utilizzo di pressioni e temperature più elevate (avremo quindi meno resina in proporzione alle fibre utilizzate), andando così a configurare diversi segmenti monoscocca di estrema rigidità. La fibre di carbonio utilizzate sono le M60J, M46J e T1100, un mix perfetto per realizzare un frame robusto e leggero, mentre le forme di Rhinoceros sono allo stesso tempo muscolose e aerodinamiche. Il design ricercato di questo telaio fa in modo che sia riconoscibile immediatamente tra mille altri, un merito per chi ricerca un prodotto in cui identificarsi.

8.jpeg

Il tubo orizzontale parte massiccio per poi assottigliarsi e terminare in maniera netta dietro lo snodo del reggisella. È proprio in questa parte tronca che viene inserito il morsetto per regolare l’altezza del tubo sella, altro elemento realizzato dalla grande abilità di Pedemonte. Il tubo piantone (realizzato in monoscocca) e l’obliquo si incontrano formando uno dei movimenti centrali (Press Fit 386evo) più robusti che io abbia mai provato. In questo punto, come del resto accade in tutte e altre parti del telaio, la verniciatura esalta ogni forma incorniciandola alla perfezione.

10.jpeg

Nel triangolo posteriore troviamo foderi alti sottili predisposti per freni direct mount e foderi bassi più squadrati che (con forcellini in carbonio ma ricoperti con piastrina in alluminio) continuano idealmente la robusta struttura delineata dal tubo obliquo. Basta osservare le foto per capire che in tutto questo c’è armonia e che ogni dettaglio è studiato per offrire la massima resa. In una ipotetica taglia 54 il peso del solo telaio arriva a 950g, un risultato stupefacente per un progetto su misura. Se volete portavi a casa una Rhinoceros occorre solo presentare a Pedemonte le proprie misure e se non le avete, sarà lo stesso Sergio a suggerirvi una struttura a lui vicino per ottenere una precisa rilevazione biomeccanica. Quello che voi andrete ad acquistare sarà un telaio su misura, personalizzabile anche a livello di verniciatura. 

11.jpeg 

La Rhinoceros equipaggiata con gruppo completo Campagnolo 12 Speed Super Record, ruote Bora One 35 e manubrio integrato Kru Cycling è stata la nostra compagna di test, anche se abbiamo già avuto la fortuna di utilizzarla nei mesi invernali montata Campagnolo Super Record 11 velocità.

Le prime pedalate sono determinanti, infatti, bastano pochi metri e un semplice rilancio per capire che non si scherza affatto. Il telaio risponde come un nervo ad ogni forza espressa sui pedali e vi verrà voglia di rilanciare di continuo, come sospinti da una desiderio inspiegabile.

In realtà il motivo di tale esaltazione va trovato nella reattività offerta dal telaio stesso e nel piacere che si ottiene nell’immediato ad ogni colpo di pedale. Se cercate un mezzo stabile e muscoloso, Rhinoceros è la vostra mecca. Datele confidenza e riceverete precisione assoluta.

Che si tratti di lunghe discese ad altissima velocità o di percorsi guidati, il suo comportamento sarà sempre sincero e bilanciato. Le reazioni della forcella (anch’essa un prodotto di Pedemonte) sono precise anche nei momenti di maggior sollecitazione, ulteriore conferma della completezza del progetto. Dal punto di vista strutturale, Rhinoceros è un mezzo estremamente rigido e reattivo e risponde « rima per rima » con invidiabile prontezza.

L’occhio poi vuole la sua parte e questa Rhinoceros ammalia chi la osserva lasciandolo in balia di un colpo di fulmine. In questo progetto, grazie al sistema IWS, c’è tanto di quel carattere da poterlo rivendere, molto di più di quello che vi aspettate da un prodotto artigianale. Pedemonte è la riprova che il fuoco sacro del ciclismo italiano continua ad ardere, alimentando la passione con inventiva e mestiere. 

 

http://pedemonte.bike

 

★★★★★ design
★★★★★ finiture
★★★★★ tecnologia
★★★★★ pianura
★★★★★ leggerezza
★★★★☆ montagna
★★★★☆ comodità
★★★★☆ versatilità
★★★★★ aerodinamica

 

Equipagiamento
- Completo Bicycle Line Pordoi
- Occhiali Poc Crave
- Casco Lazer Bullet MIPS
- Scarpe SIDI Shot
 
Per guardare il filmato CLICCA QUI
 
Giorgio Perugini
 

Copyright © TBW
TUTTE LE NEWS
Si è concluso, tra conferme e novità, il primo giorno dei Campionati italiani assoluti di mountain bike. Per XCO il primo gradino del podio è stato calcato da Kerschbaumer per...

CloseTheGap è il nuovo marchio di design votato al ciclismo fondato da Mathijs Wagenaar, ex biker e giornalista di settore. Nella sua carriera di atleta, Mathijs ha vinto in diverse...

Chiariamo subito un dubbio: il nome Imperfect nasce dal gioco di parole “I’m Perfect”, ed è il nome della prima collezione creata da Deporvillage, e-commerce di articoli sportivi leader nel...

La Bike Night torna a Udine per la terza edizione dell’evento notturno in bici non competitivo: una notte di passione per la bici, che porta centinaia di ciclisti a pedalare...

La 17a edizione della granfondo Giro dei Tre Laghi, non si potrà disputare nel 2018. I fatti sono noti! Venerdì 20 aprile scorso la Prefettura di Brescia negava le autorizzazioni...

La zona turistica di Villach – Lago di Faak – Lago di Ossiach, a sud della Carinzia e a pochi chilometri dal confine italiano di Tarvisio, è caratterizzata da un...

A Roccaraso, la nota località turistica abruzzese, torna per la seconda volta il Giro d’Italia di Handbike alla sua nona edizione. “C’è tutto l’orgoglio della comunità intera nel dare il...

È inutile girarci intorno, questa Cipollini The One è un po’ come Super Mario Cipollini, è davvero difficile che passi inosservata. Muscolosa, cattiva e bassa all’anteriore, non ci sono dubbi,...

Il nuovo manubrio PRO Vibe SL è stato progettato con un chiaro intento: essere il più leggero sul mercato. Nella progettazione dell’ultima gamma di prodotti PRO, gli sviluppatori hanno fortemente...

Sono passati circa 4 mesi dalla edizione 2018 del nostro festival, che ha visto per 3 giorni Desenzano del Garda capitale italiana del cicloturismo, ed il comitato organizzativo in piena...

VIDEO TEST
ALTRI VIDEO DI TEST




Chiariamo subito un dubbio: il nome Imperfect nasce dal gioco di parole “I’m Perfect”, ed è il nome della prima...
È inutile girarci intorno, questa Cipollini The One è un po’ come Super Mario Cipollini, è davvero difficile che passi...
di Giorgio Perugini
È passato circa un anno circa dalla presentazione dei nuovi pneumatici Pirelli, un lasso di tempo abbastanza lungo in cui...
di Giorgio Perugini
Gli occhiali da ciclismo Bollé si sono confermati in queste stagioni nelle posizioni di vertice per quanto riguarda design e...
di Giorgio Perugini
La storia di Nalini è un po’ la storia del ciclismo, inutile negarlo, diverse sono state le formazioni gloriose che...
di Giorgio Perugini
La nuova Collezione continuativa 365 di Santini Cycling Wear che vi abbiamo presentato all’inizio della primavera rappresenta fedelmente lo spirito...
di Giorgio Perugini
Ci siamo, le tanto amate giornate calde che desideravamo questo inverno non sono un miraggio, anzi, ci siamo già ritrovati...
di Giorgio Perugini
  Siete indecisi se puntare sui dischi o rimanere fedeli al sistema frenante tradizionale? In effetti questo è un bel...
di Giorgio Perugini
Correva l’anno 2006 e le ossa disegnate su guanti utilizzati da diversi campioni della mtb diventavano in breve un simbolo...
Il Corsa è uno pneumatico straordinario, probabilmente uno dei prodotti più amati dai professionisti per correre ogni tipo di competizione....
Stiamo giusto per affrontare il momento clou della stagione, infatti, in questo periodo sono posizionate le prove più dure del...
Noi di tuttoBICI abbiamo già avuto modo di conoscere bene il progetto SP-01, la sella da strada più evoluta di...
Il periodo delle vacanze, corte o brevi che siano, si sta avvicinando e molti di noi si stanno chiedendo quale...
Un occhiale destinato al ciclismo deve rispondere complessivamente a molti requisiti per essere all’altezza dell’utilizzo sportivo che se ne vuole...
Basta osservare la storia del ciclismo, dagli albori fino ad oggi per rimanere impressionati dalle continue evoluzioni che hanno stravolto...
Dopo aver rotto il ghiaccio in Coppa del Mondo di Mountain Bike, aggiudicandosi il secondo round di Albstadt (Germania), Jolanda...
Correva l’anno 1987 ed il mitico Stephen Roche riusciva nella magica tripletta Giro, Tour e Mondiale, una combinazione colta in...
Molti di voi potrebbero pensare che per ottenere il miglior pedale in grado di misurare la potenza basterebbe mettere insieme...
© 2018 | Prima Pagina Edizioni Srl | P.IVA 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy