I PIU' LETTI
PEDEMONTE. CON RHINOCEROS PEDALI SU MISURA. VIDEO
dalla Redazione | 19/09/2018 | 07:57

Nel ciclismo di oggi si parla ancora di artigianato, talvolta abusando di questo termine. Quando chi produce è realmente un artigiano, generalmente fa le cose alla vecchia maniera puntando soprattuto alla realizzazione di un prodotto di qualità che sfugga alle regole dettate dal consumismo e dal tempo. Esiste in realtà un’ulteriore eccezione del termine artigiano e questo è proprio il caso di Pedemonte, marchio genovese che porta direttamente nel futuro il tipico prodotto hand made. Quindi, quando si parla di Pedemonte, si può affermare con sicurezza che si tratti di prodotti artigianali 4.0. Il merito di tale evoluzione sta in una tecnica chiamata IWS (Internal Wrapping System) che è valsa a Sergio Pedemonte, proprietario del marchio, il premio Fulvio Acquati a Cosmobike, il più importante evento fieristico italiano.

Rhinoceros, la bici a cui è stato assegnato il riconoscimento, è un mezzo decisamente evoluto e soprattutto può fregiarsi del titolo «su misura», dettaglio che la pone in cima ai desideri dei ciclisti più esperti ed esigenti. Nel ciclismo moderno ci siamo abituati ai monoscocca realizzati in taglie prefissate e nel dettaglio abbiamo dovuto giocare con pipa e reggisella per trovare la migliore posizione migliore.

Con Rhinoceros il tutto è basato sul sistema Tube-to-Tube governato dall’innovativa tecnologia IWS, sistema messo a punto da Pedemonte grazie alla grande esperienza maturata nella lavorazione dei materiali compositi.

6.jpeg

In questo caso le giunzioni vengono lavorate a pressioni e temperature maggiori rispetto al classico fasciato ed il risultato più evidente sono le caratteristiche meccaniche strutturali paragonabili al monoscocca senza avere però alcuna limitazione di taglia. Come vedete nelle foto che ritrae la congiunzione dello sterzo, è l’inserimento dei diversi Bladder a consentire l’utilizzo di pressioni e temperature più elevate (avremo quindi meno resina in proporzione alle fibre utilizzate), andando così a configurare diversi segmenti monoscocca di estrema rigidità. La fibre di carbonio utilizzate sono le M60J, M46J e T1100, un mix perfetto per realizzare un frame robusto e leggero, mentre le forme di Rhinoceros sono allo stesso tempo muscolose e aerodinamiche. Il design ricercato di questo telaio fa in modo che sia riconoscibile immediatamente tra mille altri, un merito per chi ricerca un prodotto in cui identificarsi.

8.jpeg

Il tubo orizzontale parte massiccio per poi assottigliarsi e terminare in maniera netta dietro lo snodo del reggisella. È proprio in questa parte tronca che viene inserito il morsetto per regolare l’altezza del tubo sella, altro elemento realizzato dalla grande abilità di Pedemonte. Il tubo piantone (realizzato in monoscocca) e l’obliquo si incontrano formando uno dei movimenti centrali (Press Fit 386evo) più robusti che io abbia mai provato. In questo punto, come del resto accade in tutte e altre parti del telaio, la verniciatura esalta ogni forma incorniciandola alla perfezione.

10.jpeg

Nel triangolo posteriore troviamo foderi alti sottili predisposti per freni direct mount e foderi bassi più squadrati che (con forcellini in carbonio ma ricoperti con piastrina in alluminio) continuano idealmente la robusta struttura delineata dal tubo obliquo. Basta osservare le foto per capire che in tutto questo c’è armonia e che ogni dettaglio è studiato per offrire la massima resa. In una ipotetica taglia 54 il peso del solo telaio arriva a 950g, un risultato stupefacente per un progetto su misura. Se volete portavi a casa una Rhinoceros occorre solo presentare a Pedemonte le proprie misure e se non le avete, sarà lo stesso Sergio a suggerirvi una struttura a lui vicino per ottenere una precisa rilevazione biomeccanica. Quello che voi andrete ad acquistare sarà un telaio su misura, personalizzabile anche a livello di verniciatura. 

11.jpeg 

La Rhinoceros equipaggiata con gruppo completo Campagnolo 12 Speed Super Record, ruote Bora One 35 e manubrio integrato Kru Cycling è stata la nostra compagna di test, anche se abbiamo già avuto la fortuna di utilizzarla nei mesi invernali montata Campagnolo Super Record 11 velocità.

Le prime pedalate sono determinanti, infatti, bastano pochi metri e un semplice rilancio per capire che non si scherza affatto. Il telaio risponde come un nervo ad ogni forza espressa sui pedali e vi verrà voglia di rilanciare di continuo, come sospinti da una desiderio inspiegabile.

In realtà il motivo di tale esaltazione va trovato nella reattività offerta dal telaio stesso e nel piacere che si ottiene nell’immediato ad ogni colpo di pedale. Se cercate un mezzo stabile e muscoloso, Rhinoceros è la vostra mecca. Datele confidenza e riceverete precisione assoluta.

Che si tratti di lunghe discese ad altissima velocità o di percorsi guidati, il suo comportamento sarà sempre sincero e bilanciato. Le reazioni della forcella (anch’essa un prodotto di Pedemonte) sono precise anche nei momenti di maggior sollecitazione, ulteriore conferma della completezza del progetto. Dal punto di vista strutturale, Rhinoceros è un mezzo estremamente rigido e reattivo e risponde « rima per rima » con invidiabile prontezza.

L’occhio poi vuole la sua parte e questa Rhinoceros ammalia chi la osserva lasciandolo in balia di un colpo di fulmine. In questo progetto, grazie al sistema IWS, c’è tanto di quel carattere da poterlo rivendere, molto di più di quello che vi aspettate da un prodotto artigianale. Pedemonte è la riprova che il fuoco sacro del ciclismo italiano continua ad ardere, alimentando la passione con inventiva e mestiere. 

 

http://pedemonte.bike

 

★★★★★ design
★★★★★ finiture
★★★★★ tecnologia
★★★★★ pianura
★★★★★ leggerezza
★★★★☆ montagna
★★★★☆ comodità
★★★★☆ versatilità
★★★★★ aerodinamica

 

Equipagiamento
- Completo Bicycle Line Pordoi
- Occhiali Poc Crave
- Casco Lazer Bullet MIPS
- Scarpe SIDI Shot
 
Per guardare il filmato CLICCA QUI
 
Giorgio Perugini
 

Copyright © TBW
TUTTE LE NEWS
Il percorso di Selle Italia a fianco dei principali eventi ciclistici internazionali porta questa volta l’azienda “fuori strada”. Quest’anno il brand di Asolo sarà infatti, per la prima volta, fornitore...

Tornare per vedere cosa è cambiato, ma soprattutto per valorizzare ancora una volta un territorio in via di ricostruzione: a distanza di un anno, Bosch ha deciso di organizzare un...

La H4F Sport è pronta per l’ultima fatica organizzativa della stagione 2018: la Randonèe Cammino di Francesco è una pedalata non competitiva aperta davvero a tutti, in quanto saranno messi...

Arrivano novità importanti per tutti coloro che domenica 23 settembre decideranno di prendere parte alla Granfondo di Casteggio. Dopo gli ultimi sopralluoghi effettuati dagli organizzatori, è stato deciso di introdurre...

Il classico circuito che da anni sancisce l’inizio della stagione agonistica, giunge alla 11° edizione con novità interessanti, date rinnovate e una tappa sostituita. Era l’inverno del 2009 quando il...

Prima tappa veneziana per il 31° Trofeo d'Autunno e ultima per la Veneto Cup domenica 16 settembre a Torre di Mosto. La competizione, preparata dal Team Velociraptors, nonostante la concomitanza...

Il 38enne campano Luigi Ferritto è il vincitore della  Castel di Sangro, a cura della SSD Corona d'Abruzzo di Chieti. Presso la rinomata località sangrina si sono dati appuntamento una...

  Homo Faber è una esposizione in cui competenze, artigianalità, raffinatezza e ingegno viaggiano sullo stesso binario per stupire e far innamorare i visitatori. Non si tratta di una semplice...

Per il terzo anno consecutivo è una giovane promessa della mountain bike ad aggiudicarsi l'ormai tradizionale trofeo che da undici edizioni accompagna l'attività di promozione del Circuito Bresciacup.   L'11º...

Jena è la nuova bici in carbonio per il gravel, nata per darti la più ampia libertà di scelta nelle tue uscite. Che sia pura performance su strade bianche e...

VIDEO TEST
ALTRI VIDEO DI TEST




di Giorgio Perugini
Riciclare è la parola d’ordine quando si pensa all’ambiente e all’inutile spreco di materie prima una volta utilizzate per realizzare...
di Giorgio Perugini
Avete presente quelle nuvole gonfie di pioggia, pronte ad esplodere in un fragoroso temporale da un istante all’altro?...
di Giorgio Perugini
Sicurezza, ventilazione e aerodinamicità sono solo alcune delle voci che descrivono al meglio il casco Ventus, un progetto...
di Giorgio Perugini
Gran Turismo in ambito automobilistico va ad indicare una auto con prestazioni elevate, ma anche confortevole e incline...
di Giorgio Perugini
Le ruote Aelous XXX nascono per stupire e catturare gli sguardi. Scure, cattive e leggere divorano l’asfalto con...
di Giorgio Perugini
Siamo quasi alla fine di stagione e si avvicinano gli ultimi due appuntamenti targati Eroica, Eroica Dolomiti e...
di Giorgio Perugini
II mese di settembre è un mese bugiardo, permettetemi lo sfogo, almeno dal punto di vista climatico. Basta...
di Giorgio Perugini
  Il dilemma è sempre lo stesso, ventilato o aerodinamico? Oggi scegliere il casco giusto, tralasciando i fenomeni di costume...
di Giorgio Perugini
  Bike Inside è un marchio di abbigliamento ciclistico giovane e reattivo e negli ultimi anni ha avviato tantissime collaborazioni...
di Giorgio Perugini
  Pedaled è un marchio che mi stupisce sempre ed il merito di queste piacevoli sensazioni è da attribuire alla...
di Giorgio Perugini
  Sono passati circa quattro mesi da quando sono tornato a pedalare su un pedale Shimano, li alterno in particolare...
di Giorgio Perugini
  Lo ammetto e non ne faccio un mistero, sono stato tra i primi in Italia ad utilizzare i prodotti...
di Giorgio Perugini
  Questo marchio non è certo ai suoi primi giorni di vita, infatti, è ben dagli anni ’80 che Titici...
di Giorgio Perugini
  Che il ciclismo di oggi sia fortemente contaminato dalla moda non è certo una scoperta ma è proprio questa...
di Giorgio Perugini
Le nuove Infinito R1 Knit nascono per offrire al ciclista una nuova esperienza in termini di calzata, sia in termini...
di Giorgio Perugini
L’edizione 2018 dell’Eroica (qui il Link dell’Eroica Gaiole) si sta avvicinando ed una cosa è certa, è decisamente...
di Giorgio Perugini
Nella mia esperienza da ciclista ho imparato che le vecchie regole valgono per tutti e una delle più note in...
di Giorgio Perugini
Che tipo di ciclista sei? Sei ossessionato dalla velocità o ti piace stare sempre a ruota? Se ti piace prendere...
© 2018 | Prima Pagina Edizioni Srl | P.IVA 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy