I PIU' LETTI
SHIMANO GRX, IL MIGLIOR GRUPPO PER LA GRAVEL 2020
di Giorgio Perugini | 08/09/2020 | 08:17

Ad un anno circa dalla sua presentazione ufficiale e dopo circa sei mesi di test, mi sento in grado di dirlo con certezza, il gruppo Shimano GRX è una perla assoluta, anzi, è la perfetta interpretazione della famosa « ingegneria di sistema » tanto amata da Shimano. Solido, efficiente, comodo e preciso, ha messo in chiaro subito una cosa: la fluidità tanto amata dei gruppi stradali la ritroviamo identica anche per il gravel.

 

Il caso ha voluto che potessimo provare la versione meccanica con monocorona, a mio avviso, una soluzione ideale per un gravel ad ampio raggio. Il gruppo è stato montato su una Pedemonte Aurata Gravel, un prodotto artigianale in grado di offrire numeri di alta scuola sia sull’asfalto che sullo sterrato, anche quello più complicato. È proprio in questa ultima situazione che il gruppo GRX ha calato l’asso, governando ogni situazione con prontezza e fluidità.

I comandi offrono grande controllo

Se vi aspettate il tipico family feeling di Shimano non verrete delusi e questo è il motivo per cui chi ha già utilizzato i gruppi del colosso nipponico si troverà ampiamente a propio agio. Le leve sfruttano una leva maggiore rispetto a quelle stradali e hanno un disegno completamente diverso che ne migliora la gestione anche nel più concitate fasi di sterrato, inoltre, il loro disegno si adatta alla perfezione ai manubri gravel. L’appoggio alto sulle leve è comodissimo e può fare affidamento su una copertura in gomma dotata di ottimo grip, inoltre, da questa posizione è possibile azionare la cambiata con agilità sfruttando la facilità di movimento della leva.

Il deragliatore è un violino

Gabbia lunga e tanta solidità, questo deragliatore funziona meraviglia anche se sporco e infangato, figuratevi da pulito. Il design di questo pezzo è davvero essenziale ed il suo funzionamento spicca per regolarità  e affidabilità. La catena resta sempre molto stabile, anche sui fondi più sconnessi, e tutto avviene grazie ad un meccanismo integrato che la stabilizza, ostacolandone eventuali. Le rotelle riescono a smaltire velocemente anche i più pesanti residui di fango, un vero pregio per chi ha il vizio di infangarsi spesso.

Freni eccellenti, poche storie

Usateli esattamente come quelli della mtb e non ve ne pentirete. Forti, precisi e volendo anche graduali. Le pinze offrono prestazioni super ( esattamente come accade con Ultegra e Dura Ace ), soprattuto in questo allestimento con i due rotori da 160mm! questi dischi sono perfetti quando si viaggia a pieno carico in modalità bikepacking e nelle lunghe discese nei boschi dove fermarsi, anche i spazi contenuti, diventa una vera necessità. Le leve vi permettono di modulare la pinzata in diversi modi, quindi massimo controllo in presa bassa e con le mani sulle leve. Una sola raccomandazione, sullo sconnesso, le mani è meglio tenerle nel drop, non sia mai che vi scivoli la presa e ancora, non dimenticate mai i guanti, meglio ancora se lunghi! Sulla bici Pedemonte Aurata Gravel ho utilizzato diversi tipi di cerchi, passando in diversi casi dal 27.5’’ all 29’’ e in tutti i casi, anche in presenza di coperture generose, la frenata è rimasta un punto fermo.

Monocorona e via!

La monocorona in questa configurazione è perfetta e diventa un punto fermo nell’idea di affidabilità e facilità di manutenzione a cui ambiscono la maggior parte di noi. La corona da 40 denti abbinata al pacco pignoni da 11-42 assicura una buona spaziatura tra i rapporti e l’opportunità nelle configurazioni più stradali di poter affrontare molti percorsi anche a buone velocità. La linea catena spostata verso l’esterno di quasi 3mm assicura massima compatibilità anche con le coperture più generose, a patto che la vostra gravel lo permetta. Le leve sono realizzate in alluminio e sono molto robuste, l’ideale per non avere patemi d’animo nei numerosi contatti con massi o gradoni.

Affidabilità assoluta, viva il « gravel adventure »

Se l’ambizione di Shimano era quella di mettervi nella migliore posizione per godervi il percorso, credo che tutto sia ampiamente riuscito. Non c’è stata una sola occasione in cui questo cambio abbia fatto cilecca e, ad essere sinceri, i miei percorsi sono spesso più da mtb che da gravel. Insomma, prendete l’affidabilità di un XT, truccatelo con un po’ di Ultegra ed ecco a voi il GRX, un gruppo che offre qualità e anche tantissima sostanza. Nonostante le difficoltà incontrate, tutto ha funzionato a meraviglia e quello di cui mi sono preoccupato è stata solo qualche pulizia e un po’ di olio alla catena. Se desiderate spaziare di più con i rapporti, non posso fare altro che raccomandarvi la doppia corona, anche se in questo caso perdereste un po’ di luce a terra. Per quanto mi riguarda, la monocorona è correttissima per un uso gravel, mi affiderei solo ad un pacco pignoni più generoso per dentatura, ma il deragliatore posteriore arriva sfruttare massimo un 11-42. Dopo aver provato anche la concorrenza, confermo quanto detto in precedenza, posizionando il GRX meccanico al vertice del segmento gravel per una svariata serie di motivi. Il  gruppo in questa configurazione supera di poco i 2kg e mi ha permesso di tenere il peso della bici appena sopra gli 8 kg in una configurazione intermedia. Fino ad oggi, i km percorsi su strade bianche, asfalto e sterrato boschivo superano i 3000km, non molti forse, ma abbastanza per definire ottimo il lavoro svolto da Shimano. Per ora non avrei dubbi riguardo, il gravel parla solo la lingua GRX.

bike.shimano.com

 

Copyright © TBW
TUTTE LE NEWS
Nell’ambito delle consuete attività e iniziative legate al welfare aziendale, Garmin International ha indetto tra le proprie filiali una challenge volta a...

Tempo di progetti per gli eventi ciclistici di Porto Sant’Elpidio per il 2021 nel segno del numero tre e di un grande campione del ciclismo: Claudio Chiappucci. Una cronometro venerdì...

“Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell’avere nuovi occhi” amava scrivere Proust. Ed è ciò che attende gli abbonati al circuito ZeroWindShow 2020 che...

In attesa di ufficializzare le date di apertura delle iscrizioni alla 36° Basso Dieci Colli, il team capitanato da Irene Lucchi è già al lavoro per definire, nel segno di...

Da un marchio come Fulcrum ci si aspetta sempre il massimo ed è così che è andata per le nuove ruote Speed 40 e Speed 55 CMPTZN DB, due prodotti...

Mcipollini, l'elegante sito delle bici che portano il nome di SuperMario è on line da poche ore ed ha già fatto il pieno di accessi. Una versione facilmente fruibile, anche...

L’Artica, la cicloturistica riservata agli appassionati di bici d’epoca che parte da Lonigo (VI) e si snoda sulle strade e sui sentieri dei Colli Berici, è pronta a ritornare. Sono aperte...

Ricordo bene quel giorno, restituire una bici dopo un tot non è mai facile, ma con la Spectral era stata davvero dura! Oggi, succede l’impensabile e quella fantastica bici viene...

Una delle cose più divertenti dell’inverno è godersi l’aria frizzante mentre si pedala in mezzo alla natura, senza pensare al gelo, alla pioggia sottile o al possibile maltempo. Sidi ha...

I 215 milioni di euro del bonus bici andati esauriti in 24 ore ne sono la riprova: cresce la voglia di bici e di mobilità sostenibile. Complici anche gli incentivi,...

Da questa mattina sarà possibile attraverso il sito della Winningtime sottoscrivere l'abbonamento al neonato circuito ligure. Il costo dell'abbonamento è di euro...

Il celebre marchio delle tre strisce, Adidas, uno dei brand sportivi più importanti a livello mondiale si inserisce nel mercato ciclistico con un paio di calzature dedicate alla strada, dopo...

Leggera, comoda e versatile, così si presenta la sella Aeolus di Bontrager grazie ad una forma che sfrutta le più recenti migliorie in ambito di ricerca biomeccanica. Il risultato? Una...

La Granfondo Via del Sale Fantini Club è pronta a ripartire. Gli organizzatori annunciano l’apertura delle iscrizioni alla 24ma edizione, in programma il prossimo 18 aprile a Cervia: “Sappiamo quanto è stato difficile rinunciare alle...

Un’altra importante partnership tecnica e sportiva si rafforza per la stagione 2021: il team femminile Alé BTC Ljubljana Cipollini anche il prossimo anno avrà al suo fianco Prologo, l’azienda italiana...

In questo momento di emergenza sanitaria legata al virus Sars-Cov-2 è diventata una priorità mantenere le superfici puliti per evitare qualsiasi contagio da contatto. Tutto questo diventerà ancora più importante...

In attesa dell’edizione 2021 della Granfondo Stelvio Santini, che si terrà il 6 giugno, ci si può preparare alle temibili salite del...

La storia della mountain-bike passa per Sestriere: con oltre 30 anni di storia l'Assietta Legend è una della manifestazioni più longeve della mountain bike, ed i suoi contenuti restano ancora...

Mountain bike e gravel sono due priorità per Selle Italia ed è così che prendono forma nella nuova gamma Flite Boost due modelli pensati per gli appassionati di queste specialità,...

La fuga eroica di Chris Froome iniziata sullo sterrato della salita del Colle delle Finestre quando mancavano 83 chilometri al traguardo che regalò al corridore keniota neutralizzato britannico, il successo al Giro d’Italia 2018....

Giovedì 3 dicembre ore 21.00 si apre ufficialmente la campagna abbonamenti del circuito che premia la passione di coloro che amano questa...

Si avvicina il Natale e forse è il momento giusto per portarsi avanti viste le diverse promozioni del periodo, quindi, se volete farvi un regalo e portare a casa uno...

Sessant’anni sono un traguardo ma anche un punto di partenza. In piena filosofia Sidi, l’azienda trevigiana lancia il suo sito e-commerce, il primo importante passo sulla strada di una rivoluzione...

Aspide è un modello che ha fatto e fa ancora la storia di Selle San Marco, ma oggi si presenta come Aspide Short, nuove misure per accontentare un pubblico ancora...

VIDEO TEST
ALTRI VIDEO DI TEST




di Pietro illarietti
Si chiama Eclipse, un nome suggestivo, che significa eclisse. Una novità di casa Somec, azienda italianissima di Lugo di...
di Giorgio Perugini
È veramente difficile trovare ultimamente un marchio oltre a POC che si sia distinto di più per il design dei...
di Pietro Illarietti
Si chiama Aqua Pro Jacket, by Sportful, e nel nome c'è molta dell'essenza di questo capo che si propone...
di Giorgio Perugini
Le abbiamo già conosciute, infatti ve ne ho parlato in occasione della loro presentazione, del resto la speciale edizione Les...
di Giorgio Perugini
Un casco oggi deve rispondere davvero a molti requisiti, inoltre, per molti è diventato un capo/accessorio da abbinare speso a...
di Giorgio Perugini
Se vi piacciono i telai classici e avete il pallino per i prodotti leggeri, con la nuova Pedemonte Aurata RS...
di Giorgio Perugini
È passato un mese abbondante dal lancio della nuova gamma di tubeless prodotti da Pirelli e non ci sono dubbi,...
di Giorgio Perugini
Le Bont Vaypor S sono scarpe dalle altissime prestazioni ed è il motivo principale che le fa preferire da molti...
di Giorgio Perugini
Il casco Ventus 2.0 e gli occhiali Supernova formano un’accoppiata appagante dal punto estetico e interessantissima dal punto di vista...
di Giorgio Perugini
Che Trenta 3K Carbon sia un casco vincente, comodo e sicuro lo dimostrano in ogni occasione gli atleti del UAE...
di Giorgio Perugini
Sutro è un modello iconico e ha dalla sua molte caratteristiche tecniche oltre ad un design che ha spopolato nell’ultimo...
di Giorgio Perugini
Qualità e tecnicità sono due voci che precedono da sempre il marchio Assos e nessun appassionato ne fa mistero, posizionando...
di Giorgio Perugini
Nel momento più caldo dell’anno non si deve rinunciare al casco ma puntare su un prodotto leggero, sicuro e molto...
di Giorgio Perugini
Non tutti gli amatori desiderano suole rigide e tomaie iper contenitive ed il motivo è semplice, la ricerca delle massime...
di Giorgio Perugini
Il nostro Vincenzo Nibali è senza dubbio un immenso campione, un atleta geniale e moderno in grado di vincere su...
di Giorgio Perugini
In casa Veloflex non ne hanno mai fatto mistero, infatti, chiamano i loro copertoncini direttamente tubolari aperti, giusto per far...
di Giorgio Perugini
Ci sono prodotti che hanno fatto la storia del ciclismo, rivoluzionando completamente ogni concetto di vestibilità e sostegno offerto all’atleta....
di Giorgio Perugini
La e-bike è il futuro ed è l’emblema della nuova mobilità, per intenderci, quella sostenibile che promette di cambiare il...
© 2018 | Prima Pagina Edizioni Srl | P.IVA 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy