I PIU' LETTI
SHIMANO GRX, IL MIGLIOR GRUPPO PER LA GRAVEL 2020
di Giorgio Perugini | 08/09/2020 | 08:17

Ad un anno circa dalla sua presentazione ufficiale e dopo circa sei mesi di test, mi sento in grado di dirlo con certezza, il gruppo Shimano GRX è una perla assoluta, anzi, è la perfetta interpretazione della famosa « ingegneria di sistema » tanto amata da Shimano. Solido, efficiente, comodo e preciso, ha messo in chiaro subito una cosa: la fluidità tanto amata dei gruppi stradali la ritroviamo identica anche per il gravel.

 

Il caso ha voluto che potessimo provare la versione meccanica con monocorona, a mio avviso, una soluzione ideale per un gravel ad ampio raggio. Il gruppo è stato montato su una Pedemonte Aurata Gravel, un prodotto artigianale in grado di offrire numeri di alta scuola sia sull’asfalto che sullo sterrato, anche quello più complicato. È proprio in questa ultima situazione che il gruppo GRX ha calato l’asso, governando ogni situazione con prontezza e fluidità.

I comandi offrono grande controllo

Se vi aspettate il tipico family feeling di Shimano non verrete delusi e questo è il motivo per cui chi ha già utilizzato i gruppi del colosso nipponico si troverà ampiamente a propio agio. Le leve sfruttano una leva maggiore rispetto a quelle stradali e hanno un disegno completamente diverso che ne migliora la gestione anche nel più concitate fasi di sterrato, inoltre, il loro disegno si adatta alla perfezione ai manubri gravel. L’appoggio alto sulle leve è comodissimo e può fare affidamento su una copertura in gomma dotata di ottimo grip, inoltre, da questa posizione è possibile azionare la cambiata con agilità sfruttando la facilità di movimento della leva.

Il deragliatore è un violino

Gabbia lunga e tanta solidità, questo deragliatore funziona meraviglia anche se sporco e infangato, figuratevi da pulito. Il design di questo pezzo è davvero essenziale ed il suo funzionamento spicca per regolarità  e affidabilità. La catena resta sempre molto stabile, anche sui fondi più sconnessi, e tutto avviene grazie ad un meccanismo integrato che la stabilizza, ostacolandone eventuali. Le rotelle riescono a smaltire velocemente anche i più pesanti residui di fango, un vero pregio per chi ha il vizio di infangarsi spesso.

Freni eccellenti, poche storie

Usateli esattamente come quelli della mtb e non ve ne pentirete. Forti, precisi e volendo anche graduali. Le pinze offrono prestazioni super ( esattamente come accade con Ultegra e Dura Ace ), soprattuto in questo allestimento con i due rotori da 160mm! questi dischi sono perfetti quando si viaggia a pieno carico in modalità bikepacking e nelle lunghe discese nei boschi dove fermarsi, anche i spazi contenuti, diventa una vera necessità. Le leve vi permettono di modulare la pinzata in diversi modi, quindi massimo controllo in presa bassa e con le mani sulle leve. Una sola raccomandazione, sullo sconnesso, le mani è meglio tenerle nel drop, non sia mai che vi scivoli la presa e ancora, non dimenticate mai i guanti, meglio ancora se lunghi! Sulla bici Pedemonte Aurata Gravel ho utilizzato diversi tipi di cerchi, passando in diversi casi dal 27.5’’ all 29’’ e in tutti i casi, anche in presenza di coperture generose, la frenata è rimasta un punto fermo.

Monocorona e via!

La monocorona in questa configurazione è perfetta e diventa un punto fermo nell’idea di affidabilità e facilità di manutenzione a cui ambiscono la maggior parte di noi. La corona da 40 denti abbinata al pacco pignoni da 11-42 assicura una buona spaziatura tra i rapporti e l’opportunità nelle configurazioni più stradali di poter affrontare molti percorsi anche a buone velocità. La linea catena spostata verso l’esterno di quasi 3mm assicura massima compatibilità anche con le coperture più generose, a patto che la vostra gravel lo permetta. Le leve sono realizzate in alluminio e sono molto robuste, l’ideale per non avere patemi d’animo nei numerosi contatti con massi o gradoni.

Affidabilità assoluta, viva il « gravel adventure »

Se l’ambizione di Shimano era quella di mettervi nella migliore posizione per godervi il percorso, credo che tutto sia ampiamente riuscito. Non c’è stata una sola occasione in cui questo cambio abbia fatto cilecca e, ad essere sinceri, i miei percorsi sono spesso più da mtb che da gravel. Insomma, prendete l’affidabilità di un XT, truccatelo con un po’ di Ultegra ed ecco a voi il GRX, un gruppo che offre qualità e anche tantissima sostanza. Nonostante le difficoltà incontrate, tutto ha funzionato a meraviglia e quello di cui mi sono preoccupato è stata solo qualche pulizia e un po’ di olio alla catena. Se desiderate spaziare di più con i rapporti, non posso fare altro che raccomandarvi la doppia corona, anche se in questo caso perdereste un po’ di luce a terra. Per quanto mi riguarda, la monocorona è correttissima per un uso gravel, mi affiderei solo ad un pacco pignoni più generoso per dentatura, ma il deragliatore posteriore arriva sfruttare massimo un 11-42. Dopo aver provato anche la concorrenza, confermo quanto detto in precedenza, posizionando il GRX meccanico al vertice del segmento gravel per una svariata serie di motivi. Il  gruppo in questa configurazione supera di poco i 2kg e mi ha permesso di tenere il peso della bici appena sopra gli 8 kg in una configurazione intermedia. Fino ad oggi, i km percorsi su strade bianche, asfalto e sterrato boschivo superano i 3000km, non molti forse, ma abbastanza per definire ottimo il lavoro svolto da Shimano. Per ora non avrei dubbi riguardo, il gravel parla solo la lingua GRX.

bike.shimano.com

 

Copyright © TBW
TUTTE LE NEWS
Geosmina, azienda spagnola specializzata nel ciclismo di avventura, possiede una vasta gamma di componenti per il bikepacking, elementi realizzati con maestria e con materie di ottima qualita. La Geosmina è...

Il tanto discusso bonus mobilità 2020 ideato per agevolare la circolazione di mezzi elettrici che consentono un grande risparmio dal punto di vista ambientale e di consumi, si è finalmente...

"Il sogno è il tentato appagamento di un desiderio” scriveva Sigmund Freud. Nonostante il particolare momento che la nostra nazione sta vivendo durante la seconda ondata della pandemia da Covid...

Marcialonga Cycling Craft: oggi aprono le iscrizioni per la 14.a edizione in programma il 30 maggio prossimo, confermando la determinazione di proporre grandi eventi col blasonato marchio Marcialonga, ma nel...

Il gravel cresce e non è un mistero che Look, una delle aziende che ci ha creduto di più negli anni passati, presenti nuova gamma 765 Gravel per la prossima stagione....

Vi state preparando all’inverno e avete intenzione di acquistare una giacca Q36.5®? Il momento è proprio quello giusto, infatti, fino alle ore 23:59 del 30 novembre 2020 potrete ottenere in...

In questo periodo dell’anno normalmente saremmo ancora tutti in sella a fare le ultime pedalate dell’anno in vista del duro lavoro invernale in palestra o sui rulli smart, ma oggi...

l moderni GPS bike computer fanno parte della dotazione del 90% dei ciclisti in circolazione ed è diventato un accessorio davvero completo, ricco di funzioni utile per monitorare la propria...

La prima Zydeco appare nei cataloghi Cinelli nel 2010, colore White muddy silver (“Zydeco? Stop and start. Zydeco: spingi sui pedali al ritmo saltellante della musica della Louisiana”), ed è...

L’emergenza Covid sta mettendo un po’ tutti a dura prova ma la voglia di guardare avanti con ottimismo non manca. Cosi il Comitato organizzatore della Sportful Dolomiti Race  guidato da Ivan...

È Parma la città italiana più attenta alle biciclette di quest’anno. Il Comune emiliano ha infatti vinto l’Edizione 2020 dell’Urban Award, il contest ideato da Ludovica Casellati e organizzato con...

Ci siamo ! ecco le prove in calendario dello ZERO WIND SHOW 2021 che saranno complessivamente dieci (10) e che andranno dal debutto in programma a Laigueglia a fine febbraio...

Avete curva e attacco manubrio Zipp e i comuni supporti non vi appagano dal punto di vista funzionale ed estetico? Non ci sono problemi, infatti, Zipp ha messo a punto...

Shot 2 è l’istinto che incontra la tecnica, il guizzo con il quale i campioni scattano sulle grandi montagne, un istante che decide tutto. La scarpa Sidi Shot 2 riprende le...

La fiammante compagine del nuovo circuito che porta il nome del brand mantovano è finalmente ufficiale: 12 manifestazioni, fra le più partecipate e apprezzate nel panorama amatoriale italiano, si uniscono...

Il nuovissimo Helios Spherical di Giro è un casco compatto e leggero, eccezionalmente fresco e punta al vertice del segmento con prestazioni elevate sotto ogni punto di vista. Il segreto è la...

Chi nella scorsa stagione ha avuto la possibilità di allenarsi su moderni ciclosimulatori ha potuto constatare fin dalle prime uscite su strada quanto sia importante l’home training.BKOOL, leader nel segmento...

Il 2020 sarà ricordato come l’anno in cui il ciclismo virtuale ha assunto una sua precisa identità: una bicicletta, un rullo di ultima generazione...

In previsione della partecipazione al neonato circuito di cui Nalini, partner storico della manifestazione dei fratelli Liotto, sarà title sponsor, la gran fondo vicentina comunica una nuova data: domenica 2...

Cycling in Flanders - brand di VISITFLANDERS - lancia una sfida ciclistica tra i celebri muri e il temuto pavé delle Fiandre attraverso l’app Strava. Il nome,  The Flandrien Challenge...

L’ultima giornata del Campionato Europeo si è conclusa con una una sfida al cardiopalma durante la Madison femminile. Elisa Balsamo e Vittoria Guazzini - entrambe atlete della famiglia Sidi -...

Un Giro d’Italia tutto speciale, per portare un duplice messaggio:  il primo, più fisico, è quello di pedalare per tutto il territorio Italiano scoprendone le bellezze ineguagliabili, mentre il secondo,...

I nuovi cerchi in carbonio CZR sono decisamente il nuovo fiore all’occhiello per WTB,  azienda fondata nel 1982 nella contea di Marin (la vera culla della mtb), e si affacciano...

Si è appena conclusa questa speciale edizione 2020 ricca di emozioni, ma lo staff del CCF è già al lavoro per rendere questa nuova edizione 2021 un weekend sempre...

VIDEO TEST
ALTRI VIDEO DI TEST




di Pietro illarietti
Si chiama Eclipse, un nome suggestivo, che significa eclisse. Una novità di casa Somec, azienda italianissima di Lugo di...
di Giorgio Perugini
È veramente difficile trovare ultimamente un marchio oltre a POC che si sia distinto di più per il design dei...
di Pietro Illarietti
Si chiama Aqua Pro Jacket, by Sportful, e nel nome c'è molta dell'essenza di questo capo che si propone...
di Giorgio Perugini
Le abbiamo già conosciute, infatti ve ne ho parlato in occasione della loro presentazione, del resto la speciale edizione Les...
di Giorgio Perugini
Un casco oggi deve rispondere davvero a molti requisiti, inoltre, per molti è diventato un capo/accessorio da abbinare speso a...
di Giorgio Perugini
Se vi piacciono i telai classici e avete il pallino per i prodotti leggeri, con la nuova Pedemonte Aurata RS...
di Giorgio Perugini
È passato un mese abbondante dal lancio della nuova gamma di tubeless prodotti da Pirelli e non ci sono dubbi,...
di Giorgio Perugini
Le Bont Vaypor S sono scarpe dalle altissime prestazioni ed è il motivo principale che le fa preferire da molti...
di Giorgio Perugini
Il casco Ventus 2.0 e gli occhiali Supernova formano un’accoppiata appagante dal punto estetico e interessantissima dal punto di vista...
di Giorgio Perugini
Che Trenta 3K Carbon sia un casco vincente, comodo e sicuro lo dimostrano in ogni occasione gli atleti del UAE...
di Giorgio Perugini
Sutro è un modello iconico e ha dalla sua molte caratteristiche tecniche oltre ad un design che ha spopolato nell’ultimo...
di Giorgio Perugini
Qualità e tecnicità sono due voci che precedono da sempre il marchio Assos e nessun appassionato ne fa mistero, posizionando...
di Giorgio Perugini
Nel momento più caldo dell’anno non si deve rinunciare al casco ma puntare su un prodotto leggero, sicuro e molto...
di Giorgio Perugini
Non tutti gli amatori desiderano suole rigide e tomaie iper contenitive ed il motivo è semplice, la ricerca delle massime...
di Giorgio Perugini
Il nostro Vincenzo Nibali è senza dubbio un immenso campione, un atleta geniale e moderno in grado di vincere su...
di Giorgio Perugini
In casa Veloflex non ne hanno mai fatto mistero, infatti, chiamano i loro copertoncini direttamente tubolari aperti, giusto per far...
di Giorgio Perugini
Ci sono prodotti che hanno fatto la storia del ciclismo, rivoluzionando completamente ogni concetto di vestibilità e sostegno offerto all’atleta....
di Giorgio Perugini
La e-bike è il futuro ed è l’emblema della nuova mobilità, per intenderci, quella sostenibile che promette di cambiare il...
© 2018 | Prima Pagina Edizioni Srl | P.IVA 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy