I PIU' LETTI
SHIMANO GRX, IL MIGLIOR GRUPPO PER LA GRAVEL 2020
di Giorgio Perugini | 08/09/2020 | 08:17

Ad un anno circa dalla sua presentazione ufficiale e dopo circa sei mesi di test, mi sento in grado di dirlo con certezza, il gruppo Shimano GRX è una perla assoluta, anzi, è la perfetta interpretazione della famosa « ingegneria di sistema » tanto amata da Shimano. Solido, efficiente, comodo e preciso, ha messo in chiaro subito una cosa: la fluidità tanto amata dei gruppi stradali la ritroviamo identica anche per il gravel.

 

Il caso ha voluto che potessimo provare la versione meccanica con monocorona, a mio avviso, una soluzione ideale per un gravel ad ampio raggio. Il gruppo è stato montato su una Pedemonte Aurata Gravel, un prodotto artigianale in grado di offrire numeri di alta scuola sia sull’asfalto che sullo sterrato, anche quello più complicato. È proprio in questa ultima situazione che il gruppo GRX ha calato l’asso, governando ogni situazione con prontezza e fluidità.

I comandi offrono grande controllo

Se vi aspettate il tipico family feeling di Shimano non verrete delusi e questo è il motivo per cui chi ha già utilizzato i gruppi del colosso nipponico si troverà ampiamente a propio agio. Le leve sfruttano una leva maggiore rispetto a quelle stradali e hanno un disegno completamente diverso che ne migliora la gestione anche nel più concitate fasi di sterrato, inoltre, il loro disegno si adatta alla perfezione ai manubri gravel. L’appoggio alto sulle leve è comodissimo e può fare affidamento su una copertura in gomma dotata di ottimo grip, inoltre, da questa posizione è possibile azionare la cambiata con agilità sfruttando la facilità di movimento della leva.

Il deragliatore è un violino

Gabbia lunga e tanta solidità, questo deragliatore funziona meraviglia anche se sporco e infangato, figuratevi da pulito. Il design di questo pezzo è davvero essenziale ed il suo funzionamento spicca per regolarità  e affidabilità. La catena resta sempre molto stabile, anche sui fondi più sconnessi, e tutto avviene grazie ad un meccanismo integrato che la stabilizza, ostacolandone eventuali. Le rotelle riescono a smaltire velocemente anche i più pesanti residui di fango, un vero pregio per chi ha il vizio di infangarsi spesso.

Freni eccellenti, poche storie

Usateli esattamente come quelli della mtb e non ve ne pentirete. Forti, precisi e volendo anche graduali. Le pinze offrono prestazioni super ( esattamente come accade con Ultegra e Dura Ace ), soprattuto in questo allestimento con i due rotori da 160mm! questi dischi sono perfetti quando si viaggia a pieno carico in modalità bikepacking e nelle lunghe discese nei boschi dove fermarsi, anche i spazi contenuti, diventa una vera necessità. Le leve vi permettono di modulare la pinzata in diversi modi, quindi massimo controllo in presa bassa e con le mani sulle leve. Una sola raccomandazione, sullo sconnesso, le mani è meglio tenerle nel drop, non sia mai che vi scivoli la presa e ancora, non dimenticate mai i guanti, meglio ancora se lunghi! Sulla bici Pedemonte Aurata Gravel ho utilizzato diversi tipi di cerchi, passando in diversi casi dal 27.5’’ all 29’’ e in tutti i casi, anche in presenza di coperture generose, la frenata è rimasta un punto fermo.

Monocorona e via!

La monocorona in questa configurazione è perfetta e diventa un punto fermo nell’idea di affidabilità e facilità di manutenzione a cui ambiscono la maggior parte di noi. La corona da 40 denti abbinata al pacco pignoni da 11-42 assicura una buona spaziatura tra i rapporti e l’opportunità nelle configurazioni più stradali di poter affrontare molti percorsi anche a buone velocità. La linea catena spostata verso l’esterno di quasi 3mm assicura massima compatibilità anche con le coperture più generose, a patto che la vostra gravel lo permetta. Le leve sono realizzate in alluminio e sono molto robuste, l’ideale per non avere patemi d’animo nei numerosi contatti con massi o gradoni.

Affidabilità assoluta, viva il « gravel adventure »

Se l’ambizione di Shimano era quella di mettervi nella migliore posizione per godervi il percorso, credo che tutto sia ampiamente riuscito. Non c’è stata una sola occasione in cui questo cambio abbia fatto cilecca e, ad essere sinceri, i miei percorsi sono spesso più da mtb che da gravel. Insomma, prendete l’affidabilità di un XT, truccatelo con un po’ di Ultegra ed ecco a voi il GRX, un gruppo che offre qualità e anche tantissima sostanza. Nonostante le difficoltà incontrate, tutto ha funzionato a meraviglia e quello di cui mi sono preoccupato è stata solo qualche pulizia e un po’ di olio alla catena. Se desiderate spaziare di più con i rapporti, non posso fare altro che raccomandarvi la doppia corona, anche se in questo caso perdereste un po’ di luce a terra. Per quanto mi riguarda, la monocorona è correttissima per un uso gravel, mi affiderei solo ad un pacco pignoni più generoso per dentatura, ma il deragliatore posteriore arriva sfruttare massimo un 11-42. Dopo aver provato anche la concorrenza, confermo quanto detto in precedenza, posizionando il GRX meccanico al vertice del segmento gravel per una svariata serie di motivi. Il  gruppo in questa configurazione supera di poco i 2kg e mi ha permesso di tenere il peso della bici appena sopra gli 8 kg in una configurazione intermedia. Fino ad oggi, i km percorsi su strade bianche, asfalto e sterrato boschivo superano i 3000km, non molti forse, ma abbastanza per definire ottimo il lavoro svolto da Shimano. Per ora non avrei dubbi riguardo, il gravel parla solo la lingua GRX.

bike.shimano.com

 

Copyright © TBW
TUTTE LE NEWS
A Gaiole in Chianti si è aperta ieri la "settimana santa" che sabato e domenica porterà circa 9000 ciclisti a percorrere le strade bianche del Chianti e della Val d'Orcia indossando...

Con all’attivo 80mila bici vendute nell’ultimo anno e ben oltre 600 rivenditori in tutta Italia,  BRERA CICLI va alla conquista del cuore di chi ama pedalare. Il Gruppo MANDELLI investe nella crescita del...

Capita spesso agli sportivi più audaci, quelli impegnati in gare o percorsi impegnativi dove la copertura telefonica resta un miraggio, ma può capitare a chiunque di finire in un luogo...

Uno degli eventi più attesi dal pubblico francese e internazionale sta per tornare: da giovedì 6 a domenica 9 ottobre si svolgerà l’edizione 2022 di Roc d’Azur. Il Bianchi Experience...

Ok, è vero, non è più estate. Detto questo, non fate il madornale errore di passare all’abbigliamento invernale, non è assolutamente il momento! Ora si viaggia bene con una maglia...

Continua con grandi sorprese la collaborazione tra il campione Tadej Pogačar e la nota azienda di calzature per il ciclismo DMT e proprio sul finire della stagione arriva la nuova...

È possibile annullare la linea di confine tra strada e sterrato? Secondo Corima sì ed è un compito semplice utilizzando le nuove ruote Essentia 40 All-Road. Veloci e leggere su...

Basta guardarla bene e la parentela c’è tutta. Non sbagliate, la nuova FACTOR OSTRO trae fortemente ispirazione dalla OSTRO VAM, la bici che corre su strada e ha anche vinto...

Celebrare i rider che fanno dello sport all’aria aperta e del contatto con la natura la propria passione, ispirandoli a porsi sempre nuovi obiettivi ed essere orgogliosi del proprio stile...

È possibile realizzare un casco senza impiegare colla? I materiali riciclati sono sicuri? Un casco composto da elementi indipendenti è affidabile? Ecco tre domande che trovano risposta nella nuova magia...

Oltre l’avventura, una sfida ai limiti delle capacità umane. L’ultra-ciclista Omar Di Felice alza di nuovo l’asticella. Dopo aver attraversato la regione himalayana fino al Campo Base dell’Everest (marzo 2021),...

È passato un anno dall’uscita di Flowerpower Wax, il lubrificante a base di cere naturali realizzato  senza additivi pericolosi messo a punto da Effetto Mariposa e test indipendenti lo incoronano...

Il momento è quello giusto per presentare novità importanti e MBM Bike, marchio italiano in constante crescita, fa parlare di sé con la nuova Hyperion Plus, una e-mtb full che anticipa...

Era l’anello mancante e ora, anche gli appassionati di gravel più scatenati avranno quel che desideravano per spingersi sui sentieri più impegnativi. Ecco a voi il nuovo Pirelli Cinturato Gravel...

Un percorso iniziato alcuni mesi fa, e ora Selle Italia presenta i risultati del processo di remake in cui rinnova la propria immagine digital lanciando un nuovo sito web, a...

CST Overton è il classico copertone semi-slick che tanto piace a chi pratica un gravel leggero, infatti, è una delle migliori soluzioni per affrontare a meraviglia i tratti in asfalto...

Descritte da molti atleti professionisti come le scarpe più prestazioni in assoluto, le nuove Shimano S-PHYRE RC903 e RC903W offrono il massimo in termini di tecnologia applicata alle calzature specifiche...

Fino a ieri c’era il foglio di un quotidiano, perfetto per tirarsi fuori dai guai nelle lunghe discese, ma oggi Q36.5® riprende questo concetto rifinendo Wind Shell, un accessorio essenziale ...

Il nuovo Classic Bibshort è un pantaloncino di alto livello sebbene il prezzo di 99, 99€ lo renda accessibile a molti. Il merito di un posizionamento così buono in termini...

I pantaloncini con bretelle MILLE GTS sono il capo che hanno segnato la svolta, infatti, hanno portato la nuova generazione MILLE all’interno della linea Total Comfort, quella progettata per le...

Santini e AusCycling presentano il kit della Nazionale Australiana che sarà indossato dai 29 corridori che gareggeranno ai Campionati del mondo di ciclismo su strada UCI 2022, che inizieranno questo...

MILKIT, azienda svizzera distribuita in esclusiva da AMG srl, ha ottenuto in brevissimo tempo l’attenzione del pubblico grazie a prodotti rivoluzionari. L’innovativo sistema di valvole tubeless, il Booster Milkit e...

I materiali riciclati dovrebbero tirarci fuori dai guai, questo è chiaro, ma spesso intorno ai capi realizzati con questi materiali circola ancora un po’ di diffidenza. Ecco, questo è un...

Vi proponiamo un articolo apparso su La Stampa, che traccia la fotografia attuale del mercato della bicicletta. Bianchi, Atala, Legnano. Sono solo alcuni dei grandi marchi di fabbrica del...

VIDEO TEST
ALTRI VIDEO DI TEST




di Giorgio Perugini
I capi giusti per il gravel devono essere comodi e resistenti, meglio ancora se dotati di un ottimo pacchetto tecnico...
di Giorgio Perugini
La maglia ultraleggera è un must per l’estate, questo è certo, ma la maglia Clima di Q36.5® costruita con la...
di Giorgio Perugini
Nati per lo sterrato nelle declinazioni più leggere e avventurose, gli occhiali Norvik sono una delle ultime novità di 100%...
di Giorgio Perugini
Corsa N.EXT, l’ultimo arrivato nella grande famiglia Corsa di Vittoria, va ad inserirsi all’apice della categoria Competition, categoria compresa tra...
di Giorgio Perugini
Leggerissima, più resistente alle forature e completamente riciclabile. Cosa desiderare di più? Ecco a voi la nuova camera d’aria Ultra...
di Giorgio Perugini
È un vero piacere vedere un marchio italiano produrre la famosa maglia Gialla, l’emblema del Tour de France che rappresenta...
di Giorgio Perugini
Il gravel resta il fenomeno del momento ed chiaro che in breve anche il movimento professionistico scenderà su ghiaia per...
di Giorgio Perugini
Se girate in gravel con un po’ di spirito di avventura, apporta potete capire quanti e quali imprevisti si possano...
di Giorgio Perugini
Abbiamo tutti biciclette molto sofisticate, carbonio ovunque, del resto per ottenere tanta leggerezza occorre spingere con i materiali giusti, no?...
di Giorgio Perugini
I ragazzi di Ruff-Cycles hanno portato tonnellate di Rock’n’Roll nel mondo delle e-bike con prodotti che sembrano usciti direttamente dalle...
di Giorgio Perugini
La nuova C68, l’ultimo gioiello Colnago, proietta la casa di Cambiago nel futuro e lo fa con contenuti tecnici di...
di Giorgio Perugini
Race Special è la magia per il grande giorno, la maglia da indossare durante la gara per cui tanto vi...
di Giorgio Perugini
Nasce la C68, dove la C ricorda e riprende ben quattro parole che distinguono il marchio nel mondo: Colnago, Carbonio, Cambiago, Classe. Il...
di Giorgio Perugini
Equipe RSR S9 Targa è il nuovo bib di punta di Assos, un prodotto che racchiude il massimo del know...
di Giorgio Perugini
I guanti Blend di Prologo sono una delle ultime novità del marchio e sebbene non siano dotati della tecnologia CPC...
di Giorgio Perugini
All’apice della gamma di  caschi di casa Rudy Project troviamo i modelli Nytron e Spectrum, entrambi utilizzati dal Team Bahrain...
di Giorgio Perugini
Stiamo parlando di calzature all’apice della collezione, o quasi, visto che sopra di loro c’è solo un modello molto particolare....
di Giorgio Perugini
Esiste un casco che vada bene per tutte le stagioni? Probabilmente ne esistono diversi ma la maggior parte di questi...
© 2018 | Prima Pagina Edizioni Srl | P.IVA 11980460155
Pubblicità | Redazione | Privacy Policy | Cookie Policy | Contattaci

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy