I PIU' LETTI
SBAGLIARE LA PREPARAZIONE, L'IMPORTANZA DI UN ESPERTO
di Pietro Illarietti | 07/01/2019 | 07:25

Succede nella vita, ma anche nel ciclismo, di non sentirsi più all’altezza della situazione. Quello che fino a poco tempo prima era un metodo che sembrava andar bene, si rivela essere inadeguato, obsoleto. E’ una situazione che vivono anche alcuni cicloamatori abituati all’allenamento fai da te e che improvvisamente vengono surclassati da altri atleti che fino a poco prima erano ritenuti meno competitivi.

A quel punto è spontanea la domanda: Che succede?

E’ il momento in cui si capisce che molti hanno virato su una metodologia di allenamento moderna, magari appoggiandosi ad un preparatore.

Nel concreto cosa è cambiato? Si allenano tutti di più? Questa domanda la giriamo a Giovanni Gilberti, preparatore professionista che ci guida in questa delicata tematica.

Cosa accade quando un cicloamatore si rivolge al preparatore?

«Premesso che abbiamo a che fare con delle persone, dobbiamo riuscire a capire chi abbiamo di fronte. Già dal primo momento possiamo comprendere in quali situazioni si trovi l’atleta. Faccio un esempio: se un soggetto ci racconta che si allena trenta giorni consecutivi ogni mese, dovrebbe scattare un primo campanello d’allarme. In buona sostanza l’atleta ha bisogno di una guida e dovrebbe trovare questo punto di rifermento nel coach. Nella maggior parte dei casi rileviamo che gli amatori si allenano troppo, sfociando in alcuni casi nell’overtraining. Solitamente vanno molto forte in allenamento e non rendono per quanto possono in gara».

Facciamo un passo indietro per capire meglio. Da dove partiamo per una corretta analisi del soggetto e da quali parametri? 

«Primo step. Il medico sportivo prescrive e valuta gli esami del sangue, supportato da un biologo nutrizionista per rilevare eventuali carenze alimentari (vitamina B, D e ferro). Teniamo in considerazione parametri come ematocrito, Cpk (creatine phosphokinase) che segnalano l’affaticamento muscolare. Poi i globuli rossi e quelli bianchi. Pure il colesterolo viene tenuto in grande considerazione. Dopo aver effettuato lo screening attraverso le analisi, procediamo con il test di valutazione fisica attraverso i parametri della frequenza cardiaca e del wattaggio che vanno comparati con test passati».

E ancora: «Se la persona non ha mai svolto dei test, allora si richiede lo storico degli allenamenti precedenti e quindi effettuiamo una valutazione con il software di analisi (quello di Sportplushealth si chiama Training Analysis) in modo da capire se l’atleta ha recuperato la fatica tra una stagione e l’altra, rispettando i riposi settimanali e i microcicli di carico e scarico».

Una volta stabilita l’esatta condizione di forma, come si procede?

«Se l’atleta è già in overtraining, andiamo ad abbassare la quantità di allenamento e l’intensità. Potrebbe essere necessario farlo riposare e ricominciare una preparazione adeguata. La cosa difficile è capire quanto sia cronico l’overtraining. Ci sono casi in cui lo è da stagioni e ci vorrebbero almeno 3 mesi di riposo. Nei casi estremi si potrebbe anche saltare la stagione. Sembra incredibile, però succede a chi non si ferma mai e non inserisce lo scarico tra le sue attività. Tra gli amatori è possibile che tutto ciò accada e non ce se ne si renda nemmeno conto. Ci sono varie motivazioni. Ad esempio un ciclista, in certe fasi di scarsa brillantezza, tende a incolpare la bici di non essere performante, scaricando quindi  la colpa su falsi problemi».

Ci sono altri parametri che ci aiutano in questa valutazione?

«Certo, a livello medico si possono effettuare il test del cortisolo e del testosterone che servono da riprova. Oppure vi sono sintomi come stanchezza cronica, cattivo umore, perdita o aumento di peso inspiegabili, difficoltà nel sonno».

Sono affermazioni piuttosto pesanti. Quali sono le reazione a livello psicologico da parte degli atleti?

«La maggior parte non accetta valutazioni di questo tipo perché l’atleta si sente un supereroe. Si trova a dover affrontare una realtà che è quella delle teorie scientifiche. Non possiamo affidarci a persone e impreparate. E’ fondamentale per il preparatore mettere l’atleta davanti a dati oggettivi sui quali non si possa discutere. È la nuova scuola di preparazione che avanza, quella dei preparatori che prediligono la qualità».

Questo passaggio alle nuove metodologie comporta cambiamenti importanti in termini di approccio. Cosa succede nella testa dell’atleta?

«Il primo pensiero è "mi sto allenando meno quindi andrò più piano". Il secondo e fondamentale passaggio è sentire che si conclude l’allenamento meno affaticati. Questo si traduce in maggior brillantezza che sarà utile in corsa. Diventa fondamentale l’aspetto psicologico legato alla fiducia nel coach, ma il riscontro, soprattutto per chi usa il misuratore, è immediato. Si riescono a spingere wattaggi superiori».

Quanto ci vuole ad apprendere le nuove tecniche?

«Se io sono bravo a far capire queste cose, già in 3 mesi si vedono i primi risultati. Se però l’atleta non segue al 100% il metodo, il risultato tarda ad arrivare. Fare un’ora in più di allenamento spesso non serve a nulla».

Scarica anche tu Sportplushealth e inizia a prepararti in modo scientifico seguito da un virtual coach oppure scegli un real coach come Giovanni.

Copyright © TBW
TUTTE LE NEWS
Pedalare durante l’estate offre sicuramente ottimi benefici, ma occorre essere ben equipaggiati per farsi amico anche il sole più cocente. Un completo leggero e dall’eccellente traspirabilità è la regola da...

In città le soste brevi sono quelle in cui si rischia maggiormente di vedersi rubare la bici, due fatidici minuti in cui la nostra bella, spesso a pedalata assistita, prende...

Load Modular è la nuova proposta di Briko per il mercato della MTB: un occhiale altamente protettivo caratterizzato da una costruzione modulare in grado di assicurare massima protezione per gli occhi,...

Per tutti gli sciatori, l'allenamento in bicicletta è ormai diventato fondamentale. E i campioni della neve vanno a cercare il meglio del meglio. Gli sciatori azzurri Mattia Casse e Guglielmo...

Svitol Bike, la linea di Svitol dedicata alla manutenzione e alla cura di bici e di e-bike e distribuita in Italia da Ciclo Promo Components, cresce con l’arrivo di Detergente...

Il nuovo progetto Drali riporta in voga l’acciaio e la sua comprovata duttilità nei telai da corsa. È proprio così che il marchio meneghino presenta oggi Trinity, il telaio con...

Si è tenuta ieri, alla presenza del membro del governo Cantonale, Mario Fehr, del Consigliere comunale Filippo Leutenegger e di altre personalità, la conferenza stampa organizzata dal Comitato Organizzatore Locale,...

Le ragioni per cui si desidera una e-road sono tante. C’è chi la sceglie per conquistare salite altrimenti troppo impegnative, chi per esplorare percorsi lontano da casa, o chi per...

Aliante Adaptive si affianca ai modelli Antares ed Argo andando a completare la famiglia di selle con cover stampate in 3D, il celebre sistema Adaptive messo a punto da Fizik...

È l’estate di Parigi 2024, è l’estate delle Olimpiadi. Tra storie, sogni e obiettivi, tutti gli occhi del mondo saranno sulla capitale francese. E ci saranno anche MCipollini e le...

Il modello Egos è uno di quelli utilizzati dal Team Bahrain Victorius, un casco destinato alle massime competizioni in cui gli atleti hanno bisogno di massima ventilazione. In questo progetto...

Grandi novità su Wikiloc: arrivano infatti due nuove funzionalità, vale a dire Route Planner e Mappe 3D. La piattaforma di navigazione outdoor consente ora di pianificare percorsi direttamente da casa...

Core e Concrete College sono le due collezioni pensate da Canyon per chi si ispira alla cultura del ciclismo, capi streetwear ma destinati a chi vive il fascino de ciclismo...

La sella NAGO è uno dei prodotti più iconici di Prologo, un modello che nella sua vita ha affiancato molti campioni in vittorie importantissime nelle classiche di un giorno e...

La maglia Ombra di Santini è stata pensata per essere un capo unisex e viene realizzata con tessuti Polartec®, Power Stretch™ e Delta™. Questo nuovo capo si distingue per il...

La nuova bici da cronometro e da triathlon Supersonica SLR di Wilier rappresenta molto di più di un semplice nuovo modello di altissima gamma, infatti, è la perfetta sintesi di...

Come era prevedibile, il gravel oggi è una specialità con due anime, una che vive di performance e velocità ed una decisamente più orientata all’avventura. Così Bianchi, dopo aver lanciato Impulso, la fast gravel...

La bicicletta è uno strumento capace di avvicinare persone e generazioni diverse. Che sia usata per la mobilità urbana, per una passione che accompagna sin dalla più tenera età, per...

Per il sesto anno consecutivo, Alé conferma la partnership con il Giro d’Italia dei giovani e firma un accordo con RCS Sport per la fornitura delle maglie dei leader di...

Colnago, bicicletta ufficiale del Tour de France, presenta la Colnago Fleur-de-Lys, un’opera d’arte prodotta in 111 esemplari numerati come omaggio a Firenze, la culla del Rinascimento, che ospiterà le Grand...

Q36.5, leader nell'abbigliamento tecnico per il ciclismo, è partner e fornitore tecnico ufficiale delle maglie di leader del Tour de Suisse 2024. Anche per quest’anno, il brand bolzanino e la...

Con i nuovi pedali Supervillain, Deity desidera alzare al massimo il livello delle prestazioni e lo fa alla grande andando anche oltre. Leggeri e forti, sono realizzati con la giusta...

Il 2024 riporta alla grande attenzione dei praticanti le bici endurance o allora, modelli polivalenti che regalano grande libertà e uscite in cui terreni misti e lunghi chilometraggi diventano la...

Alé è orgogliosa di annunciare la sua partnership con l'edizione 2024 del Lloyds Bank Tour of Britain femminile e maschile. La prestigiosa corsa a tappe di più giorni si svolge sulle...

VIDEO TEST
ALTRI VIDEO DI TEST




Il modello Egos è uno di quelli utilizzati dal Team Bahrain Victorius, un casco destinato alle massime competizioni in cui...
La maglia Ombra di Santini è stata pensata per essere un capo unisex e viene realizzata con tessuti Polartec®, Power...
di Giorgio Perugini
Gli zaini idrici di Thule hanno dimostrato negli anni di avere un qualcosa di speciale, merito di una visione aziendale...
di Giorgio Perugini
TPU si o TPU no? Lattice o butile? Possiamo dare più di una buona motivazione per avvalorare la scelta di...
di Giorgio Perugini
Il modello 029 di casa Salice nasce dalla grande esperienza maturata da Salice nelle massime competizioni, un terreno in cui...
di Giorgio Perugini
Sarebbe bello proporre soluzioni avanzate ad un prezzo altamente accessibile, no? È così che prende l’abbrivio la vita di due...
di Giorgio Perugini
Nei mesi passati Trek ha ampliato la propria linea di scarpe ad alte prestazioni per ciclismo su strada inserendo tre...
di Giorgio Perugini
Non molto tempo fa KASK presentò al mondo il casco Utopia, un casco modernissimo che ha stravolto gli schemi ottimizzando...
di Giorgio Perugini
Audace, moderno ma anche incredibilmente protettivo e versatile, ecco in poche parole cosa mi trasmette l’occhiale Kosmos PH di Limar,...
di Giorgio Perugini
I caschi sono tutti uguali? Certo che no e questo è un aspetto su cui più volte abbiamo cercato di...
di Giorgio Perugini
Da sempre in casa Trek la parola Madone ha un solo sinonimo ed è “velocità”. La nuova Madone SL 7...
di Giorgio Perugini
Laddove C sta per Carbonio e congiunzioni (anche se oggi dobbiamo parlare di parti), Colnago, Cambiago e Classe c’è anche...
di Giorgio Perugini
Se siete alla ricerca di un winter kit adeguato per pedalare in questo inverno, le proposte di Q36.5® vi daranno...
di Giorgio Perugini
Temevamo un arrivo repentino del freddo e così è stato, ora fuori le temperature sono scese molto e negli ultimi...
di Giorgio Perugini
Desiderate un’esperienza di ascolto ottima anche mentre correte o pedalate? Niente di più facile con le cuffie a conduzione ossea...
di Giorgio Perugini
Per molti amanti del gravel arriva la parte della stagione che regala emozioni forti, infatti, la natura che si appresta...
di Giorgio Perugini
Siamo a novembre e in alcune regioni d’Italia si registrano ancora temperature superiori ai 25°C, una situazione surreale che però...
di Giorgio Perugini
Leggerissime e rigide, ma anche veloci e incredibilmente scattanti, insomma, un set di ruote di livello incredibile alla portata di...
© 2018 | Prima Pagina Edizioni Srl | P.IVA 11980460155
Pubblicità | Redazione | Privacy Policy | Cookie Policy | Contattaci

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy