I PIU' LETTI
L'ECOSISTEMA GARMIN ESALTA LA PASSIONE PER LE DUE RUOTE: LA PAROLA AI GRANDI CAMPIONI
dalla Redazione | 07/06/2024 | 08:21

La bicicletta è uno strumento capace di avvicinare persone e generazioni diverse. Che sia usata per la mobilità urbana, per una passione che accompagna sin dalla più tenera età, per esplorare percorsi sempre nuovi ogni weekend o in quanto atleti professionisti, ciò che accomuna ogni uscita è la necessità di vivere un’esperienza di guida ottimale. Per raggiungere questo obiettivo, la bicicletta è il fulcro ma anche il tassello di un mosaico esperienziale più ampio, composto da innovazioni tecnologiche in grado di completare e arricchire allenamenti e uscite sulle due ruote, come raccontano i Campioni Elia Viviani, Daniel Oss, Vincenzo Nibali e Marco Aurelio Fontana.

Garmin, azienda leader nella navigazione GPS, ha negli anni definito lo standard più alto per l’ecosistema dedicato alla bici: dalla serie Edge® ai pedali RallyTM, dalla sicurezza con VariaTM alla migliore cartografia, l’obiettivo del brand americano è offrire l’esperienza più coinvolgente, performante e sicura possibile, indipendentemente dal fatto che la passione per le due ruote si riversi su road, gravel o mountain bike. 

Tra le visioni più complete dell’ecosistema Garmin ci sono quelle dei grandi campioni delle discipline più seguite, che testano ogni giorno la qualità dei prodotti e ne esplorano le caratteristiche in maniera profonda e accurata. 

Garmin Edge: performance atletica, l’esperienza di Elia Viviani e Daniel Oss

La serie di ciclocomputer GPS Garmin Edge ha ormai raggiunto un livello di completezza capace di soddisfare le più precise esigenze di ogni tipologia di ciclista. 

Edge 540, Edge 840 e 1040 sono ciclocomputer avanzati che combinano una varietà ancora più ampia di metriche di allenamento, tra cui un coaching adattivo mirato agli obiettivi personali di ogni singolo atleta o appassionato, navigazione migliorata, funzioni connesse e molto altro ancora, in un design compatto e leggero. 

In pista la tecnologia è utilizzata per un’analisi dettagliata di quello che succede in gara. Questo ci permette poi di aggiustare con precisione gli allenamenti e di fissare gli obiettivi da raggiungere in termini di performance”, commenta Elia Viviani, ciclista su strada e pistard italiano che corre per il team Ineos Grenadiers, medaglia d'oro nell'omnium ai Giochi olimpici di Rio de Janeiro 2016 e bronzo, sempre nell’omnium, a Tokyo 2020. “Parlando in termini pratici, in pista non è possibile visionare i dati durante la competizione. Quindi, il mio device Garmin registra tutti i dati, dalla potenza alla frequenza cardiaca, dalla velocità alla cadenza. Poi, una volta scaricati sull’app Garmin Connect, analizziamo quanto registrato e tariamo gli allenamenti successivi per migliorare la mia performance durante la gara successiva. In pista questi dati sono importanti anche per individuare il rapporto da utilizzare: essendo un rapporto unico, non si può sbagliare nella scelta”.

Che si tratti di allenarsi per una gara importante o di perseguire un traguardo personale, le metriche della serie Edge offrono informazioni e analisi sulle dinamiche di performance, mostrando una fotografia dettagliata e immediata dei punti di forza e di debolezza in vista degli impegni in calendario.

Utilizzo principalmente il ciclocomputer Edge 840, che poi è il mio preferito”, continua Viviani. “A questo affianco poi la fascia cardio, il sensore velocità e cadenza e il power meter. In pista, i parametri più importanti da tenere in considerazione sono il rapporto di potenza a una determinata cadenza. La velocità è una conseguenza, mentre la frequenza cardiaca è un dato a cui diamo minore importanza perché in pista si parla sempre di sforzi massimali. Tornando agli strumenti, prediligo l’Edge 840 perché trovo che sia poco ingombrante e allo stesso tempo dotato di un display chiaro e di ottima dimensione, oltre a essere molto rapido nel download dei dati. Secondo quanto prescritto dal regolamento, in gara deve invece essere collocato sotto alla sella, mentre in allenamento lo utilizzo come su strada”.

E se la parola d’ordine di Garmin è ecosistema non solo per il monitoraggio delle performance ma anche per il benessere, completare la dotazione con uno smartwatch è sicuramente una scelta vincente.

Utilizzo l’orologio Garmin Forerunner 965 durante tutto il giorno a esclusione delle ore di allenamento in bici dove mi affido all’Edge. I dati importanti a cui faccio attenzione sono quelli registrati nella notte, quindi il report mattutino, i battiti a riposo, le ore di sonno, la qualità del sonno. Utilizzo l’orologio anche in tutte le attività extra ciclismo, quindi in palestra, per le camminate o la corsa a piedi, ma anche per il nuoto. Un altro parametro molto importante a cui mi affido è l’acclimatazione in quota durante i ritiri di preparazione in altura. L’orologio Garmin ha molte altre funzionalità utili, come la sveglia con sola vibrazione sul polso che evita sveglie traumatiche con canzoni o allarmi vari, o le informazioni circa il meteo di giornata”, conclude Viviani.

Daniel Oss, dopo 14 anni da pro su pista da specialista delle classiche su strada, ha allargato la passione al mondo del gravel, dove l’ecosistema Garmin risponde a ulteriori esigenze.

La tecnologia ormai è la base fondamentale per essere in linea con l’evoluzione dell’allenamento e delle performance attuali del mondo del ciclismo contemporaneo. Certo, non più della passione e della voglia di pedalare”, commenta Oss. “Tra gli strumenti che reputo imprescindibili per la performance ci sono sicuramente il cardio frequenzimetro e il power meter. In base ai test, soprattutto in fase iniziale, tenere controllato il battito e i watt è indispensabile per un graduale e perfetto incremento della performance. Senza questi riferimenti, sarebbe facile esagerare o non fare abbastanza”.

Stella polare che guida le scelte di progettazione di Garmin in diversi ambiti è sicuramente la navigazione, passato e futuro del brand ed elemento cruciale per gli amanti del gravel.

“La navigazione è fondamentale, utile per la ricerca di nuovi territori e per non perdersi durante le gare importanti. Ovviamente, poi, tra strada e gravel ci sono esigenze diverse. Gli strumenti Garmin sono incredibilmente precisi per la navigazione – importantissima nel gravel. In mezzo ai boschi, davanti a due o tre sentieri, vedere e intuire subito la via è un aiuto imprescindibile. Sempre parlando di gravel, molto importante è l’aspetto della batteria: le gare durano anche oltre 10 ore e Garmin riesce a garantire l’autonomia per tutto il percorso”.

La Serie Rally: come i sensori di potenza hanno cambiato i parametri di allenamento secondo Marco Aurelio Fontana

Per perfezionare le prestazioni durante gli allenamenti o in vista di una competizione, avere a disposizione dati di potenza affidabili e istantanei è cruciale. Ciò permette di sfruttare al meglio tempo e sforzi, mantenendo l’allenamento e la gara sempre nella zona di potenza corretta. Inoltre, tali dati permettono di monitorare i propri miglioramenti nel tempo, raggiungendo progressivamente gli obiettivi prefissati.

Mountain biker e ciclocrossista italiano, campione italiano nella specialità del cross country nella categoria élite, medaglia di bronzo, nella stessa specialità, ai Giochi olimpici di Londra nel 2012 e campione del mondo 2013, Marco Aurelio Fontana non ha dubbi circa l’importanza di misurare la potenza.

Nella mia carriera mi sono sempre allenato con la frequenza cardiaca perché io e il mio staff ritenevamo che la potenza fosse più facilmente misurabile su strada. Oggi abbiamo a disposizione misuratori, come i Rally, che uso quotidianamente, oltremodo attendibili e che offrono molto più che un semplice dato relativo alla potenza espressa: per esempio, quanto carichi su una gamba e sull'altra, come tieni le tacchette, quanto tempo stai in piedi e tanto altro che viene poi analizzato insieme ai dati cardiaci e che permette di andare molto più a fondo nell'analisi dell'allenamento per poi migliorare la nostra prestazione”.

Continua Fontana: “Oltre a essere divertente come strumento, è anche molto utile, specialmente se prima si effettua un test FTP col Garmin perché permette di andare a lavorare con dati oggettivi e molto reali. Per esempio, trovo che il test che ho effettuato sia molto realistico e se ne ha riscontro dopo qualche giorno di allenamento, quando si prende consapevolezza che i propri limiti sono stati letti bene dal sistema. Per l'amatore oggi esiste un pacchetto davvero completo che permette di allenarsi sia per rimanere in forma, sia creare un piano di allenamento per raggiungere un obiettivo specifico”.

Sicurezza: Varia 515 e UT800

Elemento imprescindibile dell’ecosistema firmato Garmin è l’attenzione alla sicurezza. “La strada è di diversi attori e tutti ne sono protagonisti. Spesso non sono sufficienti il buon senso e l’educazione”, commenta Vincenzo Nibali, vincitore dei 3 Grandi Giri e icona del ciclismo italiano nel mondo. “Ho iniziato a usare il Varia durante i miei allenamenti quando ero ancora professionista e, personalmente, ho creduto subito nella validità di questo strumento. Così come noi ciclisti abbiamo imparato a usare il casco, perché non imparare a usare le luci su strada? La tecnologia di oggi è un ottimo supporto, sta però a noi imparare a sfruttarne le potenzialità a nostro favore per diminuire le variabili di pericolosità e per essere visibili sempre”. 

Per essere visibili sempre, come suggerisce “Lo Squalo”, Garmin offre due device all’avanguardia. La luce posteriore radar Varia RTL515 consente di ricevere avvisi visivi e acustici per i veicoli che si avvicinano da dietro fino a una distanza di 140 metri. Questa luce, piccola e facilmente montabile, si abbina al ciclocomputer Edge e ad alcuni wearable Garmin e permette alle persone alla guida dei veicoli di vedere il ciclista fino a un chilometro di distanza. Inoltre, quando rileva la presenza di auto, intensifica l’illuminazione. Per un livello ancora più elevato di sicurezza, tra i prodotti di Garmin c’è anche Varia RCT715, versione con telecamera che registra in caso di incidente.

Infine, Varia™ UT800, fanale anteriore smart, permette di pedalare ovunque con sicurezza. È dotato di cinque modalità di illuminazione, la più intensa delle quali proietta 800 lumen, rendendo il ciclista visibile alla luce del giorno a più di un chilometro di distanza. Può essere controllato manualmente o associato al dispositivo Edge. Può anche regolare la propria luminosità in base alle condizioni di luce ambientale.

Per informazioni: www.garmin.com/it-IT

 

Copyright © TBW
TUTTE LE NEWS
Se avete messo nel mirino qualche  prova gravel per finire la stagione in bellezza penso abbiate anche scelto uno pneumatico adatto. Nel caso siate ancora incerti, mi permetto di segnalarvi...

Ci sono immagini che valgono più di molte parole. E questa dimostra che se tanto è stato fatto per la sicurezza dei ciclisti, ancora più strada bisogna percorrere per sperare...

Ora che è realtà, si capisce quanta forza Pogačar abbia messo in questa folle ( almeno per noi ) rincorsa che lo ha portato a vincere Giro d’Italia e Tour...

Il nuovo casco Uvex Surge Aero MIPS® è perfetto per gli sprint, offre massima protezione e garantisce una ventilazione superiore. Il suo segreto è la copertura aerodinamica snap-on che si...

I prodotti fanno certamente la differenza, ma un servizio post vendita eccellente non è alla portata di tutte le aziende. In questo caso Miche centra perfettamente i due obiettivi mettendovi...

Tante novità in arrivo per gli amanti dell'avventura grazie a Deity. Dalle t-shirt con vestibilità atletica ai cappellini snapback premium militare,  le proposte di abbigliamento Deity 2024 presentano lo stile inconfondibile che...

La Status 2 di Specialized non è una bici comune. Anche se riceve lo stesso livello di ingegneria delle nostre Stumpjumper o Epic, la differenza sta nella sua intenzione. Progettata per...

Visto il periodo bollente la più grande difficoltà resta quella di idratarsi bene, un problema che resta è primario rispetto quello dell’integrazione quando si pedala con questo caldo. Ecco fatto,...

È buona norma, quando si è invitati ad una festa di compleanno, portare un omaggio al festeggiato, ma in casa De Rosa hanno deciso di invertire le convenzioni: in occasione...

Pinarello ha svelato la nuova Bolide F TT, la bici che sarà a disposizione dei corridori del Team INEOS Grenadiers nelle rispettive nazionali per tentare l’assalto alla cronometro durante i...

Come spesso accade, anche oggi Fizik si muove con assoluta concretezza prevedendo i bisogni dei consumatori e lo fa introducendo le nuove scarpe Beat, il perfetto punto di unione tra...

Con il nuovo Cytal Carbon POC si conferma un marchio costantemente votato all’innovazione, esattamente come accaduto in passato con i caschi Octal e poi Ventral. In questo caso ogni elemento...

Da quest'anno anche gli atleti italiani possono usare le tende ipossiche o ipobariche, fino alla scorsa stagione ritenute al pari di una pratica dopante. Caduto un divieto storico inserito nella...

Se volete mettere nell’armadio una maglia e un pantaloncino per pedalare davvero bene lungo questa calda estate, vi consiglio di segnarvi questi due pezzi targati Northwave: Extreme EVO Jersey e...

Il classico borsello sottosella prende nuova vita grazie agli specialisti di Topeak ( marchio distribuito da Ciclo Promo Components ) e nella versione Elementa Seatbag PRO si completa con un portautensili nascosto...

Il nuovo ingranaggio X1-RD, ennesimo capolavoro sfornato dal RD Race Division di Miche, è il frutto di uno sviluppo condotto in strettissima collaborazione con il Team World Tour Astana Qazaqstan...

Siamo sempre pronti a focalizzarci sull’integrazione quando parliamo di ottimizzare le performance, ma c’è un fattore che troppo spesso trascuriamo, ovvero l’idratazione. Lungo tutta la stagione e forse ancor più...

Cercate un paio di scarpe moderne, comode ed in grado di sostenere al meglio le vostre performance? Non desiderate o non potete spendere cifre importanti? Trek pensa anche a questo...

Pedalo da ormai quasi 30 anni, prima come atleta agonista e ora come semplice praticante, e ho vissuto in prima persona la crescita del ciclismo femminile. Sempre più donne vanno...

Canyon, marchio leader nella produzione di biciclette, comincia oggi la sua nuova avventura nel mondo delle calzature per ciclismo, un debutto in grande stile che inizia con la nuova linea...

Si tratta senza dubbio del completo più sportivo prodotto da Assos, un cycling kit essenziale votato alle massime performance. Testato nel WorldTuor e promosso in gara, il binomio composto da...

La leggenda del ciclismo Miguel Induráin è tornato all'ovile Pinarello dopo una breve pausa e il cinque volte vincitore del Tour de France ha segnato il suo ritorno all'iconico marchio...

La nuova iGravelX proposta da BH prende vita dall’apprezzatissimo modello muscolare GravelX, un prodotto che ha attirato moltissime attenzioni dal pubblico fin dal giorno della sua presentazioni. Il modello gravel...

Sidi Sport ha sottoscritto il Manifesto “Imprese per le Persone e la Società”, il testo rivolto alle aziende e redatto dall’UN Global Compact Network Italia, rete locale del Global...

VIDEO TEST
ALTRI VIDEO DI TEST




Ora che è realtà, si capisce quanta forza Pogačar abbia messo in questa folle ( almeno per noi ) rincorsa...
Se volete mettere nell’armadio una maglia e un pantaloncino per pedalare davvero bene lungo questa calda estate, vi consiglio di...
Il classico borsello sottosella prende nuova vita grazie agli specialisti di Topeak ( marchio distribuito da Ciclo Promo Components ) e nella...
di Giorgio Perugini
Verticale SLR viene presentata oggi e Wilier non ne fa mistero, infatti, questa bici è per l’azienda una bici da...
di Giorgio Perugini
Itaca, la nuova creazione targata MCipollini, nasce per l’endurance e va a completare l’offerta del marchio rappresentandolo nel migliore dei...
di Giorgio Perugini
La nuova Dogma F conferma quanto nel DNA Pinarello sia di rigore combinare prestazioni incredibili, tecnologia all'avanguardia e bellezza estetica,...
di Giorgio Perugini
Il modello Egos è uno di quelli utilizzati dal Team Bahrain Victorius, un casco destinato alle massime competizioni in cui...
di Giorgio Perugini
La maglia Ombra di Santini è stata pensata per essere un capo unisex e viene realizzata con tessuti Polartec®, Power...
di Giorgio Perugini
Gli zaini idrici di Thule hanno dimostrato negli anni di avere un qualcosa di speciale, merito di una visione aziendale...
di Giorgio Perugini
TPU si o TPU no? Lattice o butile? Possiamo dare più di una buona motivazione per avvalorare la scelta di...
di Giorgio Perugini
Il modello 029 di casa Salice nasce dalla grande esperienza maturata da Salice nelle massime competizioni, un terreno in cui...
di Giorgio Perugini
Sarebbe bello proporre soluzioni avanzate ad un prezzo altamente accessibile, no? È così che prende l’abbrivio la vita di due...
di Giorgio Perugini
Nei mesi passati Trek ha ampliato la propria linea di scarpe ad alte prestazioni per ciclismo su strada inserendo tre...
di Giorgio Perugini
Non molto tempo fa KASK presentò al mondo il casco Utopia, un casco modernissimo che ha stravolto gli schemi ottimizzando...
di Giorgio Perugini
Audace, moderno ma anche incredibilmente protettivo e versatile, ecco in poche parole cosa mi trasmette l’occhiale Kosmos PH di Limar,...
di Giorgio Perugini
I caschi sono tutti uguali? Certo che no e questo è un aspetto su cui più volte abbiamo cercato di...
di Giorgio Perugini
Da sempre in casa Trek la parola Madone ha un solo sinonimo ed è “velocità”. La nuova Madone SL 7...
di Giorgio Perugini
Laddove C sta per Carbonio e congiunzioni (anche se oggi dobbiamo parlare di parti), Colnago, Cambiago e Classe c’è anche...
© 2018 | Prima Pagina Edizioni Srl | P.IVA 11980460155
Pubblicità | Redazione | Privacy Policy | Cookie Policy | Contattaci

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy