I PIU' LETTI
WILIER ZERO SLR, SEMPLICEMENTE SUPER MA SOPRATTUTTO UNICA
di Giorgio Perugini | 24/06/2019 | 16:00

Wilier negli ultimi anni ci ha deliziato con modelli entusiasmanti e raffinati, impreziositi con colorazioni uniche come il leggendario Ramato, ma ora con Zero SLR la stessa azienda inserisce nella propria gamma il primo telaio da corsa super leggero dotato di freni a disco e con cavi totalmente integrati. La abbiamo provata per voi nella massima tranquillità e il verdetto è già scritto: superleggera, super reattiva e super raffinata, in poche parole SUPER!

Nel progetto Zero SLR si affina il design con cui Wilier si è confermata ad altissimi livelli in questi anni, un punto di arrivo in cui eleganza e sportività si combinano con naturalezza. Questo aspetto minimale e snello è il frutto di una grande ricerca svolta a livello di materiali per ottenere il meglio da mettere nelle mani di Innovation Lab di Wilier, una unità interna all’azienda costantemente impegnata nel trovare le migliori soluzioni possibili. Zero SLR non è solo pura leggerezza, ma è anche massima integrazione, basti vedere la totale pulizia nella zona dello sterzo.

 

Wilier mantiene segreta la ricetta con cui viene prodotto il telaio ma chiama HUS-MOD, un blend di fibre di altissima qualità a cui vengono aggiunte maglie con fibre multidirezionali ad altissima resistenza e maglie di Liquid Crystal Polymer per ottimizzare le reazioni del telaio rispetto alle vibrazioni e ad eventuali impatti.

La nuova Zero SLR ha un valore di STW ( Stiffness to Weight ) di 153.9Nm/Kg, un dato sbalorditivo per un telaio che pesa solo 780grammi. Ci troviamo senza dubbio davanti ad una bici che ama la salita, questo è evidente, ma osservandola bene è impossibile non percepirne le raffinate soluzioni aerodinamiche. Il fissaggio del reggisella (di questo ne esistono due geometrie diverse con setback di 0mm e15mm) avviene con un espander completamente celato nel telaio, una scelta che premia l’estetica e si rivela affidabile nell’utilizzo facendo in modo che la zona possa terminare senza complicazioni con il tipico aspetto acoda tronca.

Le varie sezioni dei tubi sono determinate per mantenere inalterati i valori di rigidità e performance aerodinamica in tutte le taglie, inoltre, con il susseguirsi delle misure ( ben 6 ), comfort e precisione di guida restano le medesime per offrire a tutti gli utenti gli stessi feedback. A mio avviso sono riuscitissimi i sottili foderi alti posteriori e la zona del movimento centrale (Shimano press fit 86.5x41), due parti del telaio che sfruttano alla perfezione il blend di fibre utilizzate per non diventare ipertrofiche nei volumi: chapeau!

La forcella possiede forme asimmetriche, la stessa soluzione adottata nel fodero basso posteriore lato catena, e pesa solo 340 grammi. Dal punto di vista aerodinamico, si può notare come la distanza tra i foderi sia maggiore rispetto al passato, un passaggio utile per eliminare le turbolenze generate da ruota e telaio durante il movimento.

Il nuovo manubrio integrato Zero esalta l’estetica grazie ad un raffinato sistema di passaggio interno dei cavi e con un peso di soli 330 grammi ( 100x42 ) si può tranquillamente affiancare alle soluzioni più leggere composte da manubrio e pipa. Le forme arrotondate assicurano grande ergonomia, mentre il passaggio dei cavi interno viene reso possibile dall’uso di speciali cuscinetti sovradimensionati (1“1/4 sopra e sotto) che trasmettono un senso di controllo ancora maggiore sullo sterzo.

I distanziali sono realizzati in materiale composito e sono divisi in due parti, una soluzione che permette uno smontaggio semplicissimo, eseguibile senza rimuovere il manubrio. Per consentire al ciclista il perfetto inserimento sul mezzo, Wilier ha messo a punto un raffinato sistema per individuare il miglior setup e scegliere il corretto posizionamento di sella e il giusto numero di spessori da inserire sotto il manubrio. Zero SLR può comunque essere assemblata solo con gruppi elettronici e con freni a disco, una configurazione in cui eccellenza sposa eccellenza.

I perni sono Mavic Speed Release (100 e 142mm ) e oltre ad essere davvero belli, sono semplici da utilizzare visto che fanno in modo che non si debbano estrarre totalmente dal mozzo per rimuovere la ruota, un vantaggio per tutte le riparazioni da fare al volo. Detto questo, è giusto ricordare che questo Speed Release consente un risparmio di 85 grammi la coppia rispetto ad un sistema tradizionale e nel serraggio sfrutta il sistema integrato di controllo che previene l’azione di carichi eccessivi.

In strada Zero SLR parla chiaro, con lei si può fare davvero di tutto! La ho utilizzata per 5 lunghe uscite e la ho trovata esemplare, un vero cavallo di razza. Il telaio è perfetto, quindi non facciamo tanti giri di parole, la reattività c’è tutta e la rigidità pure. Non cadiamo nel tranello che vede la bici leggera lacunosa sotto molti aspetti. Queste frasi fatte lasciamole libere per essere utilizzate da altri e per altri prodotti.

Il carro posteriore con le sue forme asimmetriche contrasta in pieno il tiro catena mentre la forcella ripaga con stabilità anche nelle frenate più vigorose. La bici testata monta Dura Ace Di2 e ruote Wilier ULT 38 Kt, un set leggero per tubolari che esalta la Zero SLR nei rilanci e nelle sparate in salita.

Da un punto di vista della comodità lo sforzo di Wilier nella realizzazione di una ricetta di fibre « particolari » ha dato i suoi frutti e il comfort non manca di certo, con sensazioni che sono più simili a quelle di un prodotto endurance che uno race. Il manubrio Zero e nel complesso l’anteriore restano dei punti forti per il progetto SLR, sia da un punto di vista estetico che prestazionale.

L’impugnatura è molto comoda in presa alta e la rigidità è buona, quello che è super è il passaggio interno dei cavi, una soluzione che perfeziona il design del prodotto e non produce neanche un minimo difetto. Quindi massima fluidità e zero rumori di sfregamento tra le guaine. Zero SLR è un mezzo race e mette in mostra doti che soddisfano tutti, professionisti compresi. La guidabilità è sorprendente ed è facilissimo vederla danzare anche in discesa con la massima stabilità a velocità elevate.

Credetemi, questa non è una super leggera da guidare sempre con un filo di attenzione in più perchè è stabile e leggera e se siete dei buoni manici le farete fare numeri incredibili. Quella in foto Black White viene affiancata da altre due colorazioni, una Admiral Blue e una Velvet Red, davvero spettacolari. La clearance permette il montaggio di pneumatici fino a 28mm, abbastanza per scegliere la maggior parte delle soluzioni disponibili sul mercato.

Nel montaggio spiccano i Tubolari Vittoria Corsa Competition e la sella Selle Italia SLR Boost Kit Carbon, l’ultima novità che stiamo già testando per voi. I freni a disco Shimano Flat Mount si consolidano al vertice con prestazioni decisamente buone. Zero SLR alza ulteriormente il livello delle prestazioni e si presenta come possibile regina della stagione.

È realmente difficile trovare una bici per freni a disco così leggera e rigida, precisa ed elegante. Complimenti a Wilier per aver creato un prodotto innovativo che non « imita » ma nasce sotto il segno della performance e della completa unicità, ma soprattutto complimenti fin da subito a chi la se la porterà a casa!

 

Per ulteriori informazioni sulla Zero SLR vi rimando al sito Wilier

 

VIDEO

Copyright © TBW
TUTTE LE NEWS
Negli ultimi 10 anni sia i rider che le bici Canyon hanno raggiunto risultati eccezionali nel mondo delle gare gravity. A partire dalle vittorie nell'Enduro, seguite poi da quelle nel...

Il nuovo ciclo computer GPS Rider S500 di Bryton è stato sviluppato con i feedback dei ciclisti professionisti e sfrutta un hardware efficiente ed elegante e un nitido schermo da...

Dopo diversi anni con INEOS-Grenadiers, Gianni Moscon si prepara ad affrontare una nuova avventura con l’Astana Qazaqstan Team con l'obiettivo principale di puntare alle Classiche. Niente cambia invece per Sidi...

Il Design & Innovation Award, considerato come gli Oscar della Bike Industry, è più di un semplice conferimento di titoli o un applauso per i marchi.È il premio che mette...

Tra i rapporti più travagliati della storia c’è senz’altro quello che lega, direi a doppio nodo, freddo ed estremità del corpo, non credete? Chi pedala attraverso la stagione invernale tenta...

C’è la conferma di un’altra partnership di rilievo e prestigio per Drone Hopper Androni Giocattoli. Il team, anche per questo 2022, sulle sue Emme4Squadra di Bottecchia potrà contare sulle selle...

Non si tratta certo di un segreto, ma spesso lo dimentichiamo. Una bicicletta ben lubrificata e in perfetto ordine dal punto di vista meccanico è senza dubbio più prestazionale e...

“Il perdurare dell’emergenza sanitaria ci rende impossibile riuscire ad organizzare in primavera il grande evento che avevamo pensato per la città di Bologna, con gli alti standard di sicurezza che...

“Ferrara città delle biciclette”…a Marzo più che mai! Sotto le torri del Castello Estense prenderanno il via a distanza di una settimana due manifestazioni diventate veri e propri eventi nei...

Bryton ha rilasciato in questi giorni un importante aggiornamento del firmware per Rider 750, un o step con cui il dispositivo aggiunge le utilissime funzioni Live Track ed Esplora, oltre alle...

La giuria del prestigioso premio Design & Innovation Award ha visto nel modello Scultura di Merida la miglior bici da strada per la stagione 2022, la stessa identica bici utilizzata...

Nuova partnership per la Biesse Carrera nella stagione 2022: il team sceglie EthicSport per l'integrazione sportiva. Leader nel settore, EthicSport è un'azienda italiana sinonimo di qualità ed efficienza. Tutti i prodotti...

Il Gruppo Fassina e la Prosecco Cycling hanno effettuato una donazione al Comune di Valdobbiadene destinata all’acquisto di apparecchiature di radio trasmissioni da utilizzare nelle attività della Protezione Civile. “Ringrazio...

La new FUNK è la nuova e-BIKE compatta con ruote da 20” pensata per la mobilità urbana da MBM Cicli. In particolare, questo modello si presenta sul mercato in due diverse...

Prosegue nel segno della continuità la storica collaborazione tra il #GreenTeam e l’azienda italiana specializzata nella produzione di calzature da ciclismo di alto livello. Per Gaerne il 2022 sarà una...

Pedalare con la Fat Bike nella neve di Folgaria, Lavarone, Lusérn e Vigolana sembra impossibile? Un vero ciclista non perde l’opportunità di vivere al massimo la sua passione anche nella...

Anche quest’anno la mountain bike abruzzese delle specialità marathon e granfondo torna a far parlare di sé con la Mtb Abruzzo Cup. Sono soprattutto l’impegno e il consolidamento del successo...

Non ho dubbi a riguardo, la Alpha Ros 2 Jacket gioca duro contro il freddo e si prende lo scettro di giacca più calda che io abbia mai provato. Castelli...

Prima erano rumors, ora è realtà. Prologo e il team Bahrain Victorious sono felici di svelare la nuova collaborazione che porterà il team di Colbrelli e Caruso a vestire i...

Se sui rulli sudate le famose sette camicie, vi consiglio di puntare su abbigliamento e calzature dedicate come le leggerissime Shimano IC1. Realizzate con una tomaia in rete traspirante, sono...

Dal 1 Gennaio si sono aperte le iscrizioni per la 8a edizione della competizione internazionale Alta Via Stage Race, che vedrà arrivare da tutti i continenti biker pronti a sfidarsi...

È già proiettata alla nuova data del 5 giugno 2022 la Terminillo Marathon. La manifestazione granfondistica su strada a cura dell’Asd CicloTour di Rieti guarda sin da ora allo svolgimento...

Limar, azienda leader nella produzione di caschi per il ciclismo, offre nel proprio catalogo diversi ottimi prodotti, alcuni forniti anche di sistema MIPS®. L’impegno di Limar è quello di garantire...

Nel prestigioso concorso Design&Innovation Award 2021 non hanno avuto dubbi per premiare la Merino Membrane Softshell Jacket x OSRAM, un perfetto mix di design, innovazione e funzionalità. Non si tratta...

VIDEO TEST
ALTRI VIDEO DI TEST




Tra i rapporti più travagliati della storia c’è senz’altro quello che lega, direi a doppio nodo, freddo ed estremità del...
di Giorgio Perugini
Abbiamo già provato per voi il nuovo occhiale 022 di Salice, un prodotto di fascia media che non teme affatto...
di Giorgio Perugini
Il nuovissimo occhiale 022 di Salice sfrutta linee più attuali che mai per offrirvi prestazioni di altissimo livello, merito anche...
di Giorgio Perugini
Cercate una ebike che possa sostituire uno scooter per la città? Tranquilli, la Trek Verve+3 è una ebike da città robusta,...
di Giorgio Perugini
Alle due versioni Ventral Spine e Ventral Air Spin va ad aggiungersi Ventral Tempus Spin, un casco aero che offre...
di Giorgio Perugini
Difficilmente un claim potrebbe raccontare più di un prodotto come in questo caso: infatti, la scritta «Lusso Omologato» che campeggia...
di Giorgio Perugini
Ingegnerizzata da Dallara, leggerissima e affascinante nelle sue linee sinuose, la nuova SLR Boost Tekno Superflow si presenta così nei...
di Giorgio Perugini
Spesso si ricade nella frase fatta «sono bastati pochi metri» per raccontare quanto un prodotto abbia la capacita positiva di...
di Giorgio Perugini
Nella nuova maglia Gravel Jersey 3/4 Isadore concentra tutta il proprio know-how e prende decisioni che si rivelano vincenti, fin...
di Giorgio Perugini
Il passaggio è davvero semplice, del resto il vento sa essere anche veloce, no? Salice ha preso la via più...
di Giorgio Perugini
Durante la scorsa stagione ho utilizzato prevalentemente le ruote URSUS Miura TC37 disc su strada, elemento naturale di questo meraviglioso...
di Giorgio Perugini
Gli occhiali KOO Demos sono tra gli occhiali preferiti del team Eolo-Kometa ed offrono un’ottima protezione grazie ad un design...
di Giorgio Perugini
Iconici, essenziali e apprezzatissimi da un esercito di appassionati che rivedono in questi occhiali il mito, il ciclismo dei campioni...
di Giorgio Perugini
Il calzino è un capo che spesso può fare una grande differenza, soprattutto  se indossiamo scarpe con suola in carbonio....
di Giorgio Perugini
Per ottimizzare un capo occorre togliere? Per rendere migliore lo stesso capo potrebbe essere utile semplificare e ridurre al minimo...
di Giorgio Perugini
L’alluminio non passa mai di moda e la riprova sono le ruote Miche Graff SP destinate alle gravel, un set...
di Giorgio Perugini
Leggerezza, ventilazione e aerodinamicità, come fare a trovare il giusto equilibrio in un completo da bici? Non è una cosa...
di Giorgio Perugini
Alé è un brand italiano che non ha bisogno di molte presentazioni, del resto si tratta di un marchio che...
© 2018 | Prima Pagina Edizioni Srl | P.IVA 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy