Gatti & Misfatti

Dimostriamo cos'è il Giro

di Cristiano Gatti

Abbiamo chiuso l’annata e ne abbiamo cominciata una nuo­va con una questione irrisolta, a quanto pare di vitale importanza: quale è il grande giro più importante dopo il Tour.

Dico la verità: già le gare in cui si corre per il secondo posto prima ancora di cominciare proprio non mi appassionano, men che meno mi agita il sonno questa discussione salottiera scatenata dal direttore della Vuelta, Javier Guil­len, dunque di una par­te in causa, dunque schieratissimo sulla sua corsa nel mo­do più prevedibile e scontato. “Ormai dopo il Tour viene la Vuelta”, la sua analisi obiettiva e spassionata. Ma va? Pensa il clamore: il di­rettore della Vuelta dice che la Vuelta è un capolavoro. Una sorpresa sconvolgente. Eppure, tutti in piedi a rimboccarsi le maniche e a menare sganassoni.

Dalle nostre parti, due reazioni diverse, però entrambe di pancia: i disfattisti antagonisti pronti a sfruttare l’assist per dire ecco vedi, l’avevo sempre detto, il Giro non vale più una sverza, ormai la Vuelta l’ha surclassato, dall’altra parte i nazionalisti pa­triottici pronti a scavare trincee e a erigere barricate per difendere l’onore del­l’Italia e del made in Italy, a prescindere, con riflesso condizionato, al grido guai a chi parla male di mia moglie, se ne guardino bene, caso mai ne parlo male io, ma soltanto io.

E allora? Allora è una questione vuota, in­sulsa, inutile. Uno dei classici casi in cui tutti avranno sempre ragione e nessuno avrà mai torto. Chi può dire e certificare oggettivamente se oggi come oggi vale di più il Giro o la Vuel­ta? In base a quali criteri? Nel mondo e nell’epoca del relativo, questi sono discorsi relativi al massimo. Di­pen­de. Soprattutto dalle visuali: chiaramente dalla Vuelta diranno meglio Vuelta e dal Giro diranno sempre meglio il Giro, loro che li fanno. Ma allargando il discorso: corridori e squadre, stringi stringi, considerano più im­portanti le corse che premiano, pagano, rendono più e meglio, come hanno dimostrato per anni nel caso estremo del Giro di Cali­for­nia messo davanti al Giro (calmi, è un esempio per ca­pirci). Per i giornalisti, può essere più decisiva la storia, con corredo di glorie e imprese epiche. Per il tifoso, la corsa vinta dal proprio campione. E così via.

Impossibile dunque stabilire un criterio e una gerarchia quanto meno attendibili, meno lunatici e meno relativi delle interessate disquisizioni personali. Io, da parte mia, ho sempre pensato che il marchio in sé dica poco. Più esplicitamente: restando all’oggi, preferisco un duello Pogacar-Roglic al Giro che un duello Pinot-Bardet al Tour, parlando sempre di ipotesi. Hai voglia di dirmi che il Tour è più importante e prestigioso del Giro: in questo caso, per me, non c’è neppure il bisogno di avviare la discussione. Ov­viamente parlo di campioni veri che corrano e lottino davvero, non di pseudoturisti che partecipano a cer­te gare solo per allenarsi o intascare il gettone, vedi cer­te corse esotiche di ultima ge­nerazione, nei luoghi più improbabili e astrusi del pianeta.

Basta chiacchiere e passiamo oltre, perciò. Vediamo di non alimentare il pollaio e cerchiamo piuttosto di badare alla sostanza. Anzichè alzare il tricolore e fare i permalosi, dimostriamo nei fatti alla Spagna che cos’è il Giro. Lo facciamo da un’epoca immemorabile, senza tante classifiche a tavolino e tanti stupidi orgogli, dobbiamo continuare a farlo nel modo più sereno ed efficace. Sempre se ne siamo ancora capaci.

Copyright © TBW
TBRADIO

00:00
00:00
Se è vero che nelle competizioni la differenza tra un vincitore e il primo dei perdenti può dipendere anche da pochi secondi, è vero anche che alcuni prodotti vengono attentamente studiati e ottimizzati per dare il massimo sotto ogni aspetto....


Garmin ha annunciato ufficialmente le oltre 20 squadre di ciclismo professionistico che sponsorizzerà per la stagione 2023. Utilizzando i prodotti Garmin per competere ai massimi livelli, i team avranno il pregio di rappresentare il brand nelle gare di tutto il mondo, competendo con l’ausilio di device premium, tra...


La giacca Finisseur Pro Gravel è il classico capo trasversale, quello che sfrutterete alla grandissima nel gravel ma anche in altri momenti passati all’aperto. Per molti potrebbe non essere così, ma credo che questa polivalenza sia un aspetto importante che...


La nuova Wilier Granturismo SLR ha vinto il premio Design & Innovation award 2023 per la categoria strada. Il Design & Innovation Award (DI.A) è molto più di una semplice onorificenza. È l'unico premio con veri test di prodotto, recensioni approfondite e...


Le nuove Dual Sport di Trek - specialmente i modelli 1, 2 e 3 - montano forcelle rigide, spiccano per leggerezza e polivalenza grazie a telai semplici ed affidabili abbinati a ruote da 27.5’. Non mancano poi le solite finiture di qualità Trek...


Probabilmente siete tra quei ciclisti che hanno sempre un gran freddo alle mani e per anni ha non investito denaro nell’acquisto di guanti che promettevano molto calore dietro a forme ingombranti, ma attenzione, i tempi sono cambiati e per assicurare...


Una delle tante cose belle portate dal crescente movimento gravel riguarda la rottura degli schemi a livello estetico, una grande apertura fatta sopratutto di nuovi colori che in questo caso riportano fortemente alla natura. Selle Italia, brand distribuito da Ciclo...


La notizia che gli appassionati dell’innovativo marchio ligure stavano aspettando è realtà, il nuovo configuratore Exept è online! Direttamente online potremo selezionare lo schema colore che preferiamo, scegliere tra le tante colorazioni e decidere nel dettaglio come allestire la nuova...


La rivoluzionaria gamma di e-bike e-Omnia, pensata per soddisfare le esigenze di ogni tipologia di ciclista, si presenta nel 2023 con tre nuove colorazioni per i modelli C-Type e T-Type: Celeste, Marrone-bronzo e Grigio ferro. E-Omnia C-Type...


Se il CX è la vostra passione e cercate ruote estremamente polivalenti, veloci e leggere vi consiglio tre modelli prodotti da URSUS, tutti sfruttati alla grande anche da Team Selle Italia Guerciotti Elite. In questa specialità l’improvvisazione deve essere lasciata...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach