HERO SUDTIROL DOLOMITES. ITALIA OK

La vittoria è andata a Iuri Ragnoli ed Elena Gaddoni
 
FUORISTRADA | I biker azzurri Juri Ragnoli ed Elena Gaddoni trionfano alla HERO Südtirol Dolomites 2017. Questo il risultato finale della gara che i due biker hanno inseguito a lungo nella loro carriera. Ci hanno provato e riprovato e ce l'hanno fatta in questa ottava edizione.

«È un sogno che si avvera!» è la frase che entrambi utilizzano al traguardo di Selva di Val Gardena, in un tripudio tutto italiano.

Leo Paez, il colombiano che di HERO ne ha vinte quattro, questa volta non riesce a imporsi, e chiude al secondo posto, lasciando Daniele Mensi a completare il podio. Gaddoni, invece, mette in fila le due austriache Christina Kollmann e Carmen Buchacher, rispettivamente seconda e terza.

In 4.017 gli iscritti alla più dura e affascinante gara di mountain bike marathon del mondo, andata in scena sulle incantevoli Dolomiti. Due i tracciati: il percorso lungo con partenza dalla Val Gardena e attraversamento di Alta Badia, Arabba, Val di Fassa e Alpe di Siusi per un totale di 86 chilometri e 4.500 metri di dislivello per gli uomini, e quello più corto di 60 chilometri e 3.300 metri di dislivello per le donne.

Una gara perfetta anche per Gerhard Vanzi, presidente del comitato organizzatore: «Grazie a un meteo da sogno, a uno scenario unico e a una organizzazione fluida anche quest'anno la HERO è stata uno splendido biglietto da visita per le valli dolomitiche e l'Alto Adige».

La gara maschile ha un padrone indiscusso: Juri Ragnoli. Il campione italiano marathon, classe 1988, domina dall'inizio alla fine e dimostra di essere in splendida forma in vista dei Mondiali di domenica prossima a Singen (Germania). E per gli avversari è solo una questione di lotta per gli altri due gradini del podio. In avvio solo il belga Roel Paulissen riesce a stare in scia al bresciano, che transita per primo sul Dantercepies. Il campione in carica Paez, non al meglio per un problema fisico accusato prima della gara, è attardato ed è costretto a inseguire i due fuggitivi con Daniele Mensi, lo scorso anno terzo classificato e uno dei pretendenti alla vittoria.

Sul Campolongo la musica è sempre la stessa, con Ragnoli tallonato da Paulissen, ma con Paez in forte crescita. Verso il Pordoi, il colombiano raggiunge e stacca Paulissen in crisi e prova a lanciarsi all'inseguimento del battistrada. Un paio di minuti separano i due atleti, con il plurivincitore sudamericano che tenta l'aggancio.

Ma contro questo Ragnoli è dura. Infatti il bresciano dello Scott Racing Team anche sul Duron è inarrestabile e per gli avversari è imprendibile. Taglia il traguardo di Selva Gardena per primo in 4:29'30" e ad attenderlo c'è Claudia, la fidanzata, che lo abbraccia: il primo luglio i due si sposeranno: «Tra poco più di dieci giorni mi sposo con Claudia ed è a lei che voglio dedicare questa vittoria. Vincere la HERO significa coronare un sogno che inseguivo ormai da cinque, sei anni. Vincere qui vuol dire dimostrare di essere il più forte sul percorso più bello.

Ho capito che ce l'avrei fatta a Canazei, quando mi hanno comunicato che avevo un vantaggio di sei minuti. Da quel momento ho cercato di gestire le forze fino al traguardo. Mi sono innamorato della HERO nel 2011, quando sono arrivato secondo. Ci sono voluti sei anni, ma ce l’ho fatta!».

Al secondo posto, staccato di quasi sette minuti, troviamo Leo Paez. Il colombiano è incappato in una giornata sfortunata, ma è comunque riuscito a ottenere un risultato prestigioso. «Non mi sentivo bene, prima della partenza ho avuto problemi di stomaco, e di conseguenza la condizione non poteva essere ottimale, tanto che temevo di non riuscire ad arrivare nemmeno al traguardo. Poi ho anche sbagliato il percorso. Riprendere Ragnoli era davvero impossibile e posso ritenermi soddisfatto di questo secondo posto».

Sul podio troviamo un altro azzurro. È Daniele Mensi, terzo per il secondo anno di fila. «Onestamente mi aspettavo qualcosa di più, ma ho commesso l'errore di gestirmi troppo all'inizio, quando mi sentivo molto bene. Pensavo che la gara potesse decidersi più avanti. Invece mi sbagliavo, bisognava spingere da subito e Ragnoli ormai era andato. Scendendo da Canazei sono riuscito a recuperare e comunque salire su questo podio è sempre una grande soddisfazione. La condizione c'è e questo è un buon segnale in vista dei prossimi Mondiali».

Dopo Ragnoli, anche Elena Gaddoni riesce a firmare l'albo d'oro della HERO. La romagnola della Cicli Taddei centra infatti un successo con le lacrime agli occhi che ancora mancava nella sua bacheca. Chiudendo i 60 chilometri del percorso femminile in 4:03'21” conquista per la prima volta la durissima gara. È stato praticamente un monologo. Dopo essere transitata sul Dantercepies con 13 secondi di ritardo da Maria Cristina Nisi, Gaddoni si prende il comando e non lo lascia più. Macina chilometri e le avversarie non la vedono più.

«L'emozione è fortissima – dichiara all'arrivo - vincere la Hero è il coronamento di una carriera, è un sogno che si realizza, è davvero il massimo. Oggi è stato tutto perfetto, dall'inizio alla fine. Sono partita subito forte, poi ho tenuto duro sulla salita del Pordoi. Nell'ultimo tratto la fatica si è fatta sentire ed è normale che sia così perché questa gara è davvero dura. Il percorso è perfetto, migliora ad ogni edizione, ed è sempre stupendo correre qui. Complimenti agli organizzatori».

Dietro, intanto, risalgono le austriache, con Christina Kollmann che fa la differenza sul Sella e va a prendersi il secondo posto, a quasi 4' dalla vincitrice. «La Hero è una gara estremamente dura e ho sentito la fatica anche perché sono reduce dall'Alpen Tour della scorsa settimana, competizione che sono riuscita a vincere e quindi non avrei mai pensato che sarei riuscita a fare così bene anche qui. Sono riuscita a staccare Nisi sulla discesa del Pordoi, mentre Gaddoni era veramente irraggiungibile».

Alle spalle di Kollmann c'è Carmen Buchacher, che supera Maria Cristina Nisi e va a completare il podio. «Vivo e mi alleno in Sudafrica e non sono abituata a salite così dure. Ho trovato un percorso davvero bello, ricco di discese molto tecniche. Ho sofferto maggiormente le ascese, pagando un pizzico di stanchezza a causa della recente partecipazione all'Alpen Tour».

La gara sul tracciato di 60 in chiave maschile va ad appannaggio dell’altoatesino Klaus Fontana che si presenta a braccia alzate sul traguardo. Il pusterese del Torpado Südtirol aveva vinto sul "lungo" la prima edizione nel 2010. Oggi porta a casa il percorso "corto" ed è il primo atleta a realizzare questa particolare doppietta.

Ben 4017 partecipanti alla HERO Südtirol Dolomites 2017 in rappresentanza di 45 nazioni, e anche in questa ottava edizione si è registrato il tutto esaurito. La HERO si conferma non solo la più difficile mountain bike marathon del mondo, ma anche una delle più ricercate e frequentate.

«Naturalmente a noi come organizzatori la continua crescita della HERO ci riempie di gioia - commenta Gerhard Vanzi, presidente del comitato organizzatore - un evento di queste dimensioni è sempre legato a numerose incognite. Per questo sono felice che tutto abbia funzionato: gli atleti sono arrivati in buone condizioni al traguardo, il tempo è stato perfetto, anche gli spettatori hanno avuto la loro parte e sono rimasti sicuramente soddisfatti dello spettacolo» commenta Vanzi, che sottolinea come la HERO sia un biglietto da visita straordinario per il territorio.

«Le valli dolomitiche e l'Alto Adige possono mostrare il loro lato migliore anche grazie alla collaborazione di centinaia di collaboratori volontari».


HERO Südtirol Dolomites 2017

Classifica HERO Südtirol Dolomites 2017 Uomini (86 chilometri)

1. Juri Ragnoli (ITA) 4:29.30,4
2. Hector Leonardo Paez Leon (COL) 4:36.23,3
3. Daniele Mensi (ITA) 4:41.00,8
4. Uwe Hochenwarter (AUT) 4:42.20,2
5. Tony Longo (ITA) 4:42.48,8
6. Markus Kaufmann (GER) 4:43.59,6
7. Cristian Cominelli (ITA) 4:46.01,0
8. Urs Huber (SUI) 4:51.34,2
9. Luca Ronchi (ITA) 4:52.10,6
10. Cristiano Salerno (ITA) 4:53.20,2

Classifica HERO Südtirol Dolomites 2017 Donne (60 chilometri)
1. Elena Gaddoni (ITA) 4:03.21,8
2. Christina Kollmann (AUT) 4:07.24,4
3. Carmen Buchacher (AUT) 4:11.29,1
4. Maria Cristina Nisi (ITA) 4:14.00,3
5. Costanza Fasolis (ITA) 4:14.19,4
6. Sabine Sommer (AUT) 4:15.40,9
7. Andrea Böttger (AUT) 4:16.24,8
8. Elisa Gastaldi (ITA) 4:22.21,9
9. Elisabeth Steger (ITA) 4:28.57,0
10. Katrin Schwing (GER) 4:33.19,3
 
18 Giugno 2017 | 07:48
 
Copyright © TBW
 

Per poter commentare i post devi esser registrato.
Se sei giá nostro utente esegui il login altrimenti registrati.
 
Username:Password: 
 
Hai dimenticato i tuoi dati? Clicca qui
 
 
ULTIME NOTIZIE
BICICLETTE
DEUS CYCLEWORKS. PEGASUS, CHE STILE
Pensi a Deus Ex Machina e alla mente si affacciano alcune delle moto più affascinanti del panorama internazionale, > >
FIERA
BIKE SUMMER FESTIVAL RILANCIA E RADDOPPIA
Grazie al successo dell’edizione 2016, il Bike Summer Festival rilancia con importanti novità.Dopo l’edizione > >
FUORISTRADA
CASAGRANDE, L'INOSSIDABILE
Inossidabile. A quasi 47 anni Francesco Casagrande, uno dei più forti ciclisti su strada a cavallo fra > >
FUORISTRADA
MONDIALI MARATHON. AZZURRI IN GERMANIA
Domenica 25 giugno il percorso di Singen (Germania), ospiterà i Campionati del Mondo Marathon. Per il > >
FUORISTRADA
RED BULL TV. La prima volta del Crankworx a Innsbruck
Innsbruck è pronta ad ospitare per la prima volta il più grande Gravity-Mountainbike-Festival. > >
TRIATHLON
KUOTACYCLE REGINA D'EUROPA CON JESSICA LEARMONTH
La britannica Jessica Learmonth in sella a Kuota Kougar ha conquistato il titolo europeo di triathlon > >
SCARPE
NORTHWAVE, ANGELO MASON MAESTRO DEL LAVORO
Una carriera, una vita dedicata all’eccellenza nel mondo delle calzature sportive. Così potrebbe essere > >
FUORISTRADA
TROFEO MTB XC LAGO LACENO. Festa sull'Altopiano
Il Trofeo Mtb XC Altopiano del Lago Laceno è andato in scena all’insegna dei grandi sforzi organizzativi > >
BICICLETTE
CARRERA. SL7, NATA PER STUPIRE
Carrera SL7 è una delle probike della collezione 2017 di Podium e vanta numerosi seguaci: è infatti > >
AMATORI
BRONTOLO BIKE. In 600 col cuore grande
“La nostra filosofia è molto semplice: divertirsi e fare qualcosa per chi è meno fortunato di noi. Per > >
FUORISTRADA
EUROPEI MTB. Il ct Celestino sul percorso di Boario
Secondo importante test per la location che dal 27 al 30 luglio ospiterà l'assegnazione dei titoli > >
ABBIGLIAMENTO
SANTINI. PER L'ESTATE ROVENTE C'È "TONO"
Le previsioni meteo segnalano per i prossimi giorni temperature oltre i 35°c e cielo limpido, del resto > >
FUORISTRADA
RED BULL. Con Fontana si festeggia l'inizio dell'estate
Festa grande per i tifosi di Marco Aurelio Fontana che ieri sera hanno celebrato il solstizio > >
HANDBIKE
GIRO D'ITALIA. IL TRADIMENTO DI CHIAVARI
In relazione alla terza tappa del Giro D’Italia di Handbike e alla prima tappa del PIT, che avrebbero > >
GRAN FONDO
LA MONTBLANC. Emozioni per tutti
Courmayeur glamuor e moderna, Valdigne rurale e tradizionale, LaMontBlanc La Granfondo sul Tetto d’Europa > >
GRAN FONDO
GF GAVIA&MORTIROLO. Il Gavia riasfaltato
Il 25 giugno Granfondo Internazionale Gavia & Mortirolo ad Aprica (SO)La gara ha già sforato quota > >
FUORISTRADA
GF MTB ANA AIELLI. Domenica si pedala
Pochissimi giorni separano gli appassionati e i praticanti della mountain bike dalla prima edizione > >
FUORISTRADA
GOTTARDO NOVACEL. Un bell'argento per Fontana
Domenica scorsa, a Conegliano, buona prestazione di Filippo Fontana ai campionati regionali XCO di mountain > >
FUORISTRADA
RED BULL. Stasera a Milano si pedala con Marco Aurelio Fontana
Oggi inizia l'estate, per festeggiarla come si deve Red Bull ha ideato l’Orange Summer Day. A Milano > >
FUORISTRADA
BMX. IL SUCCESSO DELLA COPPA EUROPA
Con le ultime due prove che si sono disputate lo scorso fine settimana a Sandnes (Norvegia) è calato > >
BICICLETTE
RMS. E-SCORPION FS di Kettler, leggera e reattiva
Utilizzare una e-bike oggi è un’esperienza fantastica, ancor di più se si tratta di mtb a pedalata assistita > >
STORIA
LEGROTTAGLIE, E-BAY E IL LADRO
Qualche giorno fa il web si era mobilitato per l’episodio che aveva visto protagonista Nicola Legrottaglie, > >
ABBIGLIAMENTO
SANTINI. PRESENTATE LE MAGLIE DELLA VUELTA
È Nìmes che, il prossimo 19 agosto, darà il via a La Vuelta, e a vestire i leader delle classifiche > >
GRAN FONDO
GF STRADUCALE. Partito il conto alla rovescia
E' ormai iniziato ufficialmente il conto alla rovescia per la 14ª Granfondo Straducale in programma > >
GRAN FONDO
GF ALPI BIELESI. La sicurezza impone novità
Novità importantissime alla 3ª Granfondo Alpi Biellesi – Sulle Strade del Giro di domenica 2 luglio > >
FUORISTRADA
MEMORIAL BOTTA. Siano è pronta
Sabato 24 giugno il Memorial Giuseppe Botta festeggia le trenta edizioni: un traguardo nobile che testimonia > >
GRAN FONDO
GF NEL PARCO. Domenica la seconda edizione
Tra pochi giorni gli appassionati di ciclismo avranno l’importante possibilità di pedalare in uno scenario > >
GRAN FONDO
LA LEGGENDARIA CHARLY GAUL. Festa doppia a casa Moser
Ieri a Maso Villa Warth, tenuta di casa Moser, è stato il gran giorno della presentazione de “La Leggendaria > >
INIZIATIVE
LOSA TRAINING CAMP. TUTTO È PRONTO...
Tutto è pronto a Ponte di Legno per il Losa Training Camp. Dal 21 al 25 giugno i partecipanti avranno > >
ABBIGLIAMENTO
BOLLÉ. SICURI IN CITTÀ CON MESSENGER PREMIUM
Girando per le città purtroppo si vedono ancora molti ciclisti che non utilizzano il casco e detto come > >
 
 
DA NON PERDERE
RITRATTI DALLA A ALLA Z
+ Tutti i ritratti
ALBI D'ORO
+ Albi d'oro
OSCAR TUTTOBICI
+ Oscar tuttoBICI
I NOSTRI LIBRI

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy